NEWS

Ford: le ventole dei sedili per le mascherine anti-coronavirus

Pubblicato 26 marzo 2020

Usando parti già in suo possesso, la casa americana ha ridotto i tempi di sviluppo per le mascherine.

Ford: le ventole dei sedili per le mascherine anti-coronavirus

SOLUZIONE INTELLIGENTE - Anche le case automobilistiche stanno dando il loro contributo per fronteggiare l’emergenza sanitaria legata alla diffusione del coronavirus, mettendo a disposizione strutture, materiale e competenze per produrre strumenti medici. I tempi però sono stretti e di conseguenza molti produttori si “arrangiano” con le parti che hanno già nei magazzini. Ne è un esempio la Ford, a cui sono bastati pochi giorni per mettere a punto una maschera con integrato un sistema per la purificazione dell’aria, destinata a chi lavora in ambienti contaminati: a creare il flusso d’aria nella maschera è la ventola utilizzata per i sedili con funzione di raffrescamento del pick-up F-150 (il filtro per la purificazione dell’aria è del partner 3M). Questo fa sì che la Ford possa costruire rapidamente migliaia di maschere. 

ANCHE LA STAMPA 3D - Nell’ambito del progetto di sostegno all’industria medica, la Ford ha coinvolto anche una parte del suo centro stile, a cui è stato affidato il compito di disegnare una maschera trasparente per infermieri e medici: le prime 1.000 saranno testate questa settimana, ma il costruttore americano ne ha messe in produzione altre 75.000; se i risultati saranno convincenti, ne costruirà 100.000 alla settimana. Anche l’Advanced Manufacturing Center della Ford è stato chiamato in causa per fronteggiare l’emergenza: attraverso le sue stampanti 3D, sarà realizzato equipaggiamento medico per la protezione delle parti esposte del corpo. Nel Regno Unito, invece, la Ford sta valutando se costruire ventilatori polmonari.



Aggiungi un commento
Ritratto di andrea999
26 marzo 2020 - 12:19
La stampa 3d serve solo per la fase di prototipazione, per la produzione di massa è improponibile è lentissima e poco economica. Approvato il prototipo i pezzi si fanno con lo stampo o per fusione a seconda del materiale (plastico/metallico).
Ritratto di Claus90
26 marzo 2020 - 17:41
All'inizio della pandemia dopo la Cina il paese più colpito è stato l'Italia, in particolare i paesi membri dell'Unione europea sembravano godere della situazione di criticità italiana, adesso piangono.
Ritratto di Vincenzo1973
27 marzo 2020 - 00:57
Eccetto qualche sciocco show man, con battute di dubbio gusto, non ho sentito nessuno godere della cosa
Ritratto di tramsi
28 marzo 2020 - 16:09
Godere no, ma ad esempio i francesi ci prendevano in giro nei TG della loro tv di stato, descrivendoci come paese disorganizzato, delirante e allo sbando.
Ritratto di PABLO IN LANCIA
27 marzo 2020 - 09:38
3
In tempi di emergenza, dimostrare di essere malleabili e di larghe vedute proponendo prodotti totalmente diversi dalla solita produzione, ma al tempo stesso assolutamente necessari per l'attuale bisogno, dimostra grande competenza e abnegazione nel saper creare prodotti, oggi, indispensabili alla sicurezza e alla salute dell'intera comunità. Complimenti a Ford.