NEWS

La Geely prende il controllo di Proton e Lotus

24 maggio 2017

La casa cinese Geely, già proprietaria della Volvo, entra nell'azionariato anche di Proton e Lotus, con l’obiettivo di rilanciarle.

La Geely prende il controllo di Proton e Lotus

NUOVE PROSPETTIVE - La casa automobilistica cinese Geely si è accordata per rilevare il 49,9% della Proton dalla DRB-Hicom. L’accordo verrà definito in tutti suoi dettagli entro luglio 2017. La Proton è il principale costruttore di automobili in Malesia e nel Sud Est asiatico gode di una certa reputazione, per effetto degli oltre 30 anni di attività. La Proton, che negli ultimi anni ha visto calare vendite e utili ed è stata sempre supportata dallo stato con aiuti, ha due fabbriche in Malesia con una capacità produttiva complessiva di 400.000 unità. Il costruttore, la cui maggioranza resta in mani malesi, riceverà tecnologie e organi meccanici della Geely, necessari per rilanciare una gamma ormai non più al passo con la concorrenza.

PRENDE ANCHE LA LOTUS - L’accordo avrà grosse ripercussioni anche per la Lotus (nella foto il modello Evora), costruttore di auto sportive rilevato nel 1996 proprio dalla Proton, il cui 51% delle azioni (dunque una quota di pieno controllo) passerà alla Geely, che intende rilanciarla attraverso lo sviluppo di nuovi modelli. Anche il gruppo francese PSA era interessato a Proton e Lotus, ma la DRB-Hicom ha ritenuto più vantaggiosa l’offerta della Geely. La Geely possiede la Volvo, la Lynk & Co ed è fra le maggiori case automobilistiche cinesi, complice una struttura che include 16 stabilimenti, 7 centri design e 5 impianto per la ricerca e lo sviluppo.

Aggiungi un commento
Ritratto di studio75
24 maggio 2017 - 11:42
5
Ottima notizia. Se l'hanno presa i cinesi, avranno già un piano per rilanciarla in stile Volvo.
Ritratto di Xadren
24 maggio 2017 - 12:02
1
Visto il buon lavoro di Geely con Volvo (tra l'altro la società è proprietaria anche della London Taxi Company), sono fiducioso che faranno bene anche a Lotus.
Ritratto di Fr4ncesco
24 maggio 2017 - 12:19
Il rilancio con nuovi modelli, già mi vedo un paio di SUV...
Ritratto di Vincenzo1973
24 maggio 2017 - 14:57
quanta fiducia nei cinesi qui sotto
Ritratto di AMG
24 maggio 2017 - 16:14
La Geely, aldilà di ciò che produce con il suo marchio principale, è un'azienda che si è dimostrata molto interessante e capace di manovre straordinarie come quella della Volvo, la Lynk & Co, e ora prende a sorpresa un altro gruppo, acquisendo indirettamente la Lotus. Per il marchio sembrerebbe una vera e propria fortuna, se la Geely lo rilancia con tutti i crismi, il marchio si rivaluta completamente.... Vorrei che la GEELY prendesse anche la Lancia. Tanto com'è non può peggiorare, persino la chiusura del marchio sarebbe una soluzione più piacevole del salasso Ypsilon
Ritratto di Fr4ncesco
24 maggio 2017 - 17:04
Il fatto è che la Lancia non possiede stabilimenti suoi, è un marchio e basta e di sicuro i cinesi non verrebbero ad investire qui aprendo nuove fabbriche. Diventerebbe una sorta di MG falsa made in China, quindi piuttosto meglio chiusa e a limite FCA detenendone i diritti potrebbe sempre riutilizzarla più avanti.
Ritratto di Alfiere
24 maggio 2017 - 22:44
1
Il brand "premium" con forte risalto europeo lo hanno già, è Volvo. Lancia sfortunatamente non aggiungerebbe alcunchè, dato che è sparita dai radar per decenni ed è fondamentalmente già morta, mettiamoci l'anima in pace. L'unica speranza a questo punto è di riprenderla come una specie di generalista con pianali e tecnologie premium di passata generazione da maserati ed alfa (come fa Audi\vW con skoda) oppure reinventarla come Elettrica. Ma al di fuori di FCA c'è alcuna via.
Ritratto di 52armando
24 maggio 2017 - 19:16
1
Non ero aggiornato. CREDEVO che la volvo fosse degli Indiani. A maggior ragione non mi spiego i prezzi esagerati di volvo e gli aumenti sugli ultimi modelli. Per me se le possono tenere loro. Preferisco mille volte la Stelvio anche se la xc60 costasse la metà. Saluti
Ritratto di Alfiere
24 maggio 2017 - 22:47
1
Pregiudizi stupidi ed ignoranti dato che Volvo è ancora leader per sicurezza e tecnologia. Volvo aveva ed ha il know how, solo che ora i cinesi ci mettono il cash per andare avanti. I modelli sono buoni ed all'avanguardia, prezzi del tutto allineati alle concorrenti premium. Perciò, di che stai parlando esattamente?
Ritratto di AMG
29 maggio 2017 - 16:13
Per tecnologia non è leader, mi spiace. Ma la triade fa uguale se non meglio. Semmai per sicurezza se ne può parlare... I prezzi ad ogni modo non sono allineati alle concorrenti, tant'è che la Volvo acquisisce un prezzo (ad esempio la V90) alto che non è giustificato dal motore. Non propongono nulla oltre il quattro cilindri in linea, come scelta aziendale appunto per la sicurezza. Ma allora non dovrebbero nemmeno farla costare come un'alternativa della triade equipaggiata con un V6 o 6 in linea.
Pagine