NEWS

Grandi manovre europee per la GM

8 luglio 2013

La Opel punterà su prodotti di maggiore pregio, mentre la Chevrolet dovrà aumentare significativamente le vendite.

Grandi manovre europee per la GM
EUROCENTRICA - L'Europa torna cruciale nei piani di General Motors: ai piani alti di Detroit si punta sul rilancio, con annesso riposizionamento, di Opel (nella foto sopra la grande fabbrica di Russelsheim) e Chevrolet. Il via alle operazioni l'ha dato l'amministratore delegato della General Motors, Dan Akerson (foto qui sotto), mettendo alla guida della Chevrolet Alan Batey. La nomina è a livello mondiale: Batey ha il compito di agire su scala globale, mentre Thomas Sedran si occuperà di ristrutturare il marchio in Europa.
 
 
ARIA NUOVA PER CHEVROLET - Alan Batey è chiamato a unificare l'identità del marchio nel mondo, mentre la nomina di Sedran - la terza in 18 mesi a capo dell'Europa - riflette la volontà della General Motors di fare crescere significativamente Chevrolet nel Vecchio continente: le vendite sono calate del 31% lo scorso anno, e in assoluto non hanno mai superato quota 200.000. Il paragone con la rivale americana Ford, che però è presente da molto più tempo sul mercato continentale, è scomodo, visto che quest'ultima ha sfiorato quota 1 milione di vetture vendute in Europa. “Non abbiamo fatto bene come speravo, in Europa occidentale - ha detto Akerson all'agenzia Reuters - e quindi bisogna dare una bella rinfrescata”. 
 
 
PIU' FLESSIBILI - L'Europa rappresenta infatti l'unica nota stonata per Chevrolet: negli ultimi 10 anni, il marchio ha infatti raddoppiato le vendite su scala mondiale. Solo in Cina, le vendite parlano di quasi 700.000 unità nel 2012. La base (Spark, Cruze, Malibu) c'è. Per migliorare, “bisogna avere flessibilità nei confronti del mercato. Ci sono anomalie nel modo di posizionare il prodotto”: questa la linea-guida del gran capo Akerson.
 
 
OPEL GUARDA AL PREMIUM - Non mancheranno novità anche per il marchio Opel in Europa: “Bisogna ricostruire il brand - ha spiegato Akerson - e lo faremo muovendolo un po' più in alto”. In pratica, si insisterà sulla via tracciata da Mokka e Adam, che occupano la parte alta (in termini di prezzo) della propria categoria d'appartenenza. L'obiettivo è quello di ridurre al minimo le sovrapposizioni nell'offerta di Opel e Chevrolet. Spingendo verso l'alto, come immagine e prezzo, il marchio “regionale” Opel e riposizionando quello globale Chevrolet in un mercato, quello europeo, che sta soffrendo di una pesante crisi, ma rappresenta pur sempre una buona opportunità.
Aggiungi un commento
Ritratto di Sprint105
8 luglio 2013 - 16:43
posizionare Opel come un marchio di un certo pregio mi sembra arduo. Mi pare che Chevrolet, molto aggressiva sui prezzi, abbia rubato a Opel il suo ruolo tradizionale. Mi viene da pensare che, forse, in Europa i due marchi non possano convivere. E, poi, se di vuole innalzare l'immagine di Opel, perché far correre nel WTCC la Chevrolet Cruze dando gran spolvero al marchio sbagliato?
Ritratto di Fr4ncesco
8 luglio 2013 - 16:47
Mi pare ovvio che Chevrolet venda meno di Ford, dopotutto GM è sempre stata presente in Europa, solo rari casi a parte, sempre con Opel, che tuttavia ha modelli sempre in top ten. E comunque il risultato è stato fin'ora positivo, vedo tante Cruze e Spark in circolazione e ogni tanto anche Orlando e Aveo. Il calo è dovuto alla crisi generale. Fossi GM però mi concentrerei ancora di più in madrepatria, non è possibile che investano in tutto il mondo senza mai provare a spodestare Toyota e Honda dal segmento compact e midisize del mercato interno. In questi ultimi anni hanno fatto progressi enormi, ma ancora non basta. Riguardo la collocazione di Opel in premium è già da un po' che se ne parla, e la cosa mi sembra ovvia per non sovrapporre i modelli e "unificare" meglio il marchio con il già premium Buick.
Ritratto di fabri99
9 luglio 2013 - 09:48
4
Sono d'accordo con te, mi pare un po' azzardato, soprattutto per Opel questo piano, ma comunque sembra buono. Piuttosto avrei paura anche io in "madrepatria": non solo Toyota e Honda stanno prendendo potere, ma anche i coreani non scherzano... Bisogna tornare con qualche buona Chevy, non solo quelle cavolo di Buick, magari una nuova Cobalt mi garberebbe... Per la Opel, beh, premium potrebbe funzionare nel resto del mondo, Cina in primis, ma in Europa la vedo dura: il monopolio delle tre tedesche mi pare ancora troppo forte e la nostra mentalità troppo chiusa... Vedremo... Ciao!
Ritratto di Fr4ncesco
9 luglio 2013 - 13:43
Per essere precisi GM già sta riguadagnando vendite a discapito di Toyota e Honda, che però fanno sempre numeri enormi. Di buone Chevy ce ne sono, la Impala è fantastica e anche la Malibu e l'Aveo, adesso spero che facciano un lavoro del genere anche con la nuova Cruze, già buona ma non a livello delle giapponesi. Riguardo a Buick non è un marchio da panzoni americani come mi è capitato di leggere, ha avuto anche una storia sportiva e per alcuni anni ha partecipato anche alle gare NASCAR, oltre ad essere uno dei primi marchi nella storia dell'auto ed ora è il marchio per i modelli di fascia medio-alta per il gruppo GM per determinati mercati. Comunque la Cobalt "sarebbe" la Cruze xD
Ritratto di fabri99
9 luglio 2013 - 14:10
4
Manca qualcosa tra Malibù e Sonic, per prendere a calci la Dart, la Elantra, la Focus e le altre Civic, Corolla eccetera... Ci vuole la nuova Cruze, ma deve essere un po' più americana per gli americani e più europea per noi, questa via di mezzo non è che sia poi molto gradita a nessuno... Ci vuole la nuova Cobalt che accontenti gli americani e qualcosa dai gusti europei che accontenti gli europei... Buick, pur avendo avuto una storia sportiva, non lo gradisco molto, un po' come Lincoln.. Le uniche marche americane premium che mi piacciono sono Chrysler e Cadillac e, nell'elettrico, Fisker e Tesla...
Ritratto di Fr4ncesco
9 luglio 2013 - 15:45
Infatti non sono mai stato d'accordo a generalizzare i modelli, ci saranno si risparmi ma è difficile accontentare tutti i gusti, quindi preferisco che i modelli pur avendo la stessa base abbiano almeno differenze nella carrozzeria, tipo Opel Astra-Buick Verano. La Cruze è molto americana, infatti se noti ha gli andamenti della vecchia Cobalt e il family feeling delle Chevy metà anni 2000 e non quelli della Chevrolet "coreana" che c'era da noi. Per me infatti è un modello ok, però per il nuovo modello preferirei una linea più ricercata e qualità ancora migliore, magari con allestimenti più sportivi anche per riprendere un po' la tradizione Pontiac, come fa la Dodge con la Dart. La Focus invece trovo che sia troppo europea per gli americani, infatti preferirei modelli differenti per i mercati. L'importante è che un giorno riusciranno ad avere pari vendite delle giapponesi (ricordiamo che le varie Civic, Corolla, Accord ecc sono sviluppate in america e made in USA, quindi sono considerate per un certo senso americane anche loro). L'unica cosa in cui non sono d'accordo è quel "prendere a calci la Dart". Anche se il mio marchio preferito è Chevrolet apprezzo ogni marchio americano e le Dodge mi piacciono molto, le considero un po' l'Alfa Romeo d'America, come la sfortunata Pontiac. Ps Fisker è praticamente fallita, a differenza di Tesla che va a gonfie vele e che sarà destinata ad espandersi affermandosi al pari delle altre case ;)
Ritratto di fabri99
9 luglio 2013 - 18:45
4
Beh, sono d'accordo su tutto, sia sul gusto europeo della Focus che quello americano della Cruze(che comunque preferirei più americana e sportiva per l'america), ma non sul prendere a calci... Anche a me piacciono le Dodge, anche se preferisco Chevy e Ford, ma per "prendere a calci" intendevo sfidare... E' concorrenza e non dico che la Dart sia un catorcio, anzi mi piace anche, ma solo che ci vuole qualcosa che gli metta i bastoni tra le ruote... Sono sempre favorevole alla concorrenza, anche se fatta alla mia amata Vette, perciò apprezzo la Viper... Ma calci anche a lei, mi dispiace ma io sono dalla parte della Corvette, con ciò non dico che sia migliore, anche se lo è già la ZR1(che ne ha date di santa ragione alla Viper sia a Le Mans che a Laguna Seca)... Questo intendevo... Ahimè, per la Fisker ci sono rimasto davvero male... Mi piacevano proprio le loro auto, mentre Tesla mi stava antipatica... Avrei scommesso sulle Fisker, purtroppo è andata così...
Ritratto di Fr4ncesco
9 luglio 2013 - 21:46
Ho capito, se più da "storica" concorrenza tra le case e in questo caso tifi Chevrolet, come giusto che sia. Io invece sono più per una coalizzazione contro il nemico nipponico. L'importante è che sia una casa automobilistica americana xD.
Ritratto di fabri99
10 luglio 2013 - 10:15
4
Sì, beh, circa... E non sono sicuro sul chi tifare... Forse sono per Chevrolet, ma solo perchè hanno la Corvette, mentre Ford...mi piace praticamente in tutto.. Sono piuttosto indeciso tra Chevrolet e Ford, mentre Dodge non è la preferita in nienteXD Comunque, forza Vette! Per l'andare contro ai giapponesi, beh, non mi dispiace l'ideaXD Anche negli anni '50 sarei stato contro...di noi, in favore della Corvette. Purtroppo, o per fortuna, sono nato 46 anni dopo, perciò mi limiterò all'idea di stroncare sul nascere la nuova SRT con un'ancora migliore ZR1... Cosa pensano di fare quei...cornuti???XD
Ritratto di wiliams
8 luglio 2013 - 17:17
Mi chiedo un giorno come farà la GENERAL MOTORS a gestire anche il marchio PEUGEOT visto che voci sempre piu' insistenti e mai smentite danno la casa francese in procinto di essere ceduta agli americani.Comunque GM avrà da lavorare tanto su OPEL,visto che è da oltre 10 anni che non porta a casa utili,e farla diventare un marchio quasi PREMIUM è davvero un azzardo molto rischioso perchè non gli si addice proprio.Difficile anche il rilancio di CHEVROLET in EUROPA.
Pagine