NEWS

Green Pass per i trasporti: per ora non è obbligatorio

Pubblicato 25 luglio 2021

Il decreto del Governo entrerà in vigore dal 6 agosto 2021, ma non coinvolge i viaggi a lunga percorrenza o sui mezzi pubblici, utilizzati per motivi di lavoro o di studi.

Green Pass per i trasporti: per ora non è obbligatorio

DAL 6 AGOSTO - A partire dal 6 agosto 2021, secondo il decreto approvato dal Governo il 22 luglio, saranno diverse le attività in cui sarà richiesta la necessità di esibire il Green Pass, documento che viene concesso a chi ha effettuato almeno una dose di vaccino, è guarito dal Covid o si è sottoposto a un tampone che ha dato esito negativo nelle 48 ore precedenti. Tra queste, ci sono cerimonie civili e religiose, teatri, cinema, musei, stadi, piscine, palestre, centri benessere, bar e ristoranti al chiuso. Almeno per ora dall’elenco sono stati esclusi i trasporti di ogni tipo, ma secondo quanto indicato dal premier Mario Draghi in conferenza stampa, il quadro è destinato a cambiare in tempi brevi. Il presidente del Consiglio è infatti consapevole di come sia necessario non sottovalutare la situazione che può venirsi a creare soprattutto su treni e metropolitane in vista della riapertura della scuola ormai prossima. 

IL GREEN PASS NEI TRASPORTI PER ORA NON SERVE - Quotidianamente sono in tanti a spostarsi tramite treni e metropolitane (oltre all’aereo per le distanze più lunghe) per motivi di lavoro o di studio. Una situazione in cui diventa fondamentale rispettare la distanza di sicurezza se non si vuole correre il rischio di essere contagiati dal Covid. Almeno per ora, però, non sarà richiesto il Green Pass prima di salire a bordo. In un primo momento si era parlato di renderlo obbligatorio almeno per le tratte a lunga percorrenza, ma in questa fase iniziale di applicazione del decreto non sarà così. 

POTREBBE CAMBIARE - Non è escluso comunque che la situazione possa cambiare in tempi relativamente brevi. In prossimità dell’inizio dell’anno scolastico, secondo quanto riporta il Corriere della Sera, sarà presa in considerazione l’evoluzione della curva epidemiologica per capire come sia meglio agire. Ma difficilmente si continuerà a proseguire secondo quanto deciso finora: con ogni probabilità la misura potrebbe entrare in vigore già dall’ultima settimana di agosto, quella in cui il maggior numero di italiani rientra dalle vacanze estive. Il Governo potrebbe rendere necessaria l’esibizione del Green Pass per i passeggeri dai 12 anni in su: basterebbe la prima dose di vaccino anti-Covid o, in alternativa, un tampone negativo. Il provvedimento riguarderebbe i mezzi di trasporto a lunga percorrenza come navi, traghetti, aerei e treni. Piuttosto difficile, invece, che si possa optare per una soluzione simile per il trasporto pubblico. Se si vorrà evitare una nuova impennata di contagi si dovrebbe quindi agire attraverso un incremento delle corse. 





Aggiungi un commento
Ritratto di Road Runner Superbird
25 luglio 2021 - 17:56
I treni ad alta velocità prevedono distanziamento e mascherina (Trenitalia) mentre Italo la mascherina e hanno potenziato I filtri dell'aria, inoltre entrambe prevedono una sanificazione straordinaria. Per cui sono posti sicuri. Ora, la vaccinazione non eslude il contagio, quindi 1 o 2 dosi si può essere comunque vettori di covid (da qui ancora l'obbligo della mascherina negli spazi chiusi). Per cui l'utilizzo del green pass non serve a nulla e disincentiva il viaggio con questi mezzi, portando le persone ad usare quelli privati, gravando quindi anche sul costo dei biglietti (si notano già incrementi anche di 20-30 euro rispetto al pre-covid), sul numero di corse e sull'intero comparto. Ps, non avere il green pass non vuol dire essere no vax, ci sono parecchie persone che stanno riscontrando problemi per ottenerlo nonostante il vaccino, oppure c'è il paradosso di noi sanitari che siamo stati i primi ad essere vaccinati e i primi che ne saranno scoperti, con tutte le rogne burocratiche del caso.
Ritratto di PierSilver
25 luglio 2021 - 18:48
I sanitari hanno già in atto test sierologici per verificare la copertura + eventuali necessarie dosi di richiamo in atto. Almeno per quello che so io. Te devo operi? Il problema semmai è per le categorie a rischio: ho amici che non possono fare il vaccino, e sapendo di essere a rischio non si sono mai ammalati. Quindi niente GP. Loro si attaccano al tram.
Ritratto di Road Runner Superbird
25 luglio 2021 - 19:38
Lavoro in ospedale in unità operativa, adibita anche a covid durante le varie ondate, quindi sono proprio tra quelli in prima linea in questa emergenza. Per adesso in reparto si vocifera soltanto della terza dose (e senza se e senza ma abbiamo l'obbligo, altrimenti 6 mesi di sospensione senza retribuzione) e a questo punto ci spero altrimenti questo inverno non potrò più uscire di casa senza il pass. Che comunque va regolarmentato anche per le varie situazioni come quella che hai citato.
Ritratto di PierSilver
25 luglio 2021 - 19:53
Io starei tranquillo, finché i sanitari non sono no-vax di problemi burocratici non credo che ne avrete.
Ritratto di Trattoretto
25 luglio 2021 - 19:36
Ma che cavolo di sanitario sei? Non sai nemmeno che che c'è una bella differenza tre essere contagiato da vaccinato e da non vaccinato. I non vaccinati sviluppano una carica virale molto più alta e persistente di un vaccinato, ciò significa che hanno molta più probabilità di contagiare (specialmente con la Delta che è molto più contagiosa della inglese) le persone immunodepresse, oltre che quelle non vaccinate, e di produrre varianti (come avvenuto in India da dove proviene la delta). Senza contare che molti dei non vaccinati stanno giocando alla roulette russa, perché le probabilità di finire al camposanto o di danni permanenti ai polmoni a causa del virus sono molto più alte di quelle di avere le stezze conseguenze dal vaccino, migliaia e migliaia di volte più alte (basta un semplice confronto tra il numero di morti da covid e il numero di morti da vaccino per rendersene conto). Tra l'altro la vaccinazione di massa ed il il green pass servono proprio ad evitare che chi è immunodepresso e chi non può fare proprio i vaccini, per motivi di intolleranza, possano essere circondati solo da vaccinati. Esattamente come accade ai bambini imunodepressi in una classe di bambini vaccinati copi vaccini obbligatori.
Ritratto di Road Runner Superbird
25 luglio 2021 - 20:14
Cittadino della Mongolia, non ho detto che è inutile, ho detto che è inutile nel treno perché sono messi in sicurezza. E proprio perché il virus circola lo stesso, vaccinato o no devi indossare le mascherina, altrimenti sarebbe un tana libera tutti, ti pare!?
Ritratto di Trattoretto
25 luglio 2021 - 21:35
Non cambia nulla, rimane sempre il fatto che, mascherina o non mascherina, un non vaccinato è sempre più contagioso di un vaccinato. Vale il principio di garantire il massimo della sicurezza sanitaria. Soprattutto visto l'affollamento nei mezzi pubblici nelle ore di punta, Il Green Pass dà sempre un livello di sicurezza sanitaria più alto, qualsiasi sia il locale, e disincentiva il non vaccinato a far danni a chi gli sta attorno.
Ritratto di Road Runner Superbird
25 luglio 2021 - 22:05
Non ti arrampicare sugli specchi, non sei in grado di leggere, infatti fin dal principio ho parlato di treni ad alta velocità, che non saranno mai affollati perchè hanno i posti prenotati e, in questo periodo, anche il distanziamento con posti vuoti alterni. E se non indossi la mascherina vai dal richiamo all'intervento delle forze dell'ordine. Inoltre le varie normative sembra che vengano fatte in base all'esigenza attuale, con dichiarazioni e ordinanze contraddittorie, per cui se mi devo proteggere lo faccio a priori fisicamente con le mascherine ffp2 e sto alla larga dai luoghi di contagio, a prescindere del parere di questo o quell'altro politico.
Ritratto di Trattoretto
25 luglio 2021 - 22:35
Cerchi di sviare, ma sono d'accordo sull'importanza del comportamento individuale, che è un altro tema.
Ritratto di No Green Pass
26 luglio 2021 - 01:41
Trattoretto di nome é di fatto ,trattoretto di disinformazione , innanzitutto credo che tu sia un disinformatore , non sai cosa sia la liberta appoggiando questa dittatura etichettando con i soliti termini chi é contro questo scempio mostrando inoltre studi che non dicono nulla,studi poi fatti da chi ,finanziati da chi ?. Tu parli mettendo in dubbio la professionalità di chi la pensa diversamente da te. La cavia umana vaccinata di questo vaccino sperimentale,ripeto SPERIMENTALE ,una terapia genica piu che vaccino ,studia la differenza , di cosa deve avere paura ? Il vaccinato contagia e se dicono che é coperto di cosa ha paura ? Inoltre affermi che chi é vaccinato ha una minore carica virale ,mettiamo che sia vero , punto 1 vaccinato o meno sei contagioso ,punto 2 riguardo gli immunodepressi che hai citato dovresti sapere e dire invece di disinformare che l'immunodepresso puo essere contagiato sia dai vaccinati che dai non vaccinati con lo stesso rischio per la sua salute. COME LA METTI ? Inoltre poi questo vaccino non solo é sperimentale ma anche obbligatorio ? Ti sembra normale??? Se sei un disinformatore la tua coscienza sempre se non l'hai venduta paga , se non lo sei apri gli occhi ,cuore cervello ed Anima ,é il tempo di Svegliarsi
Pagine