NEWS

Gruppo Volkswagen: tanti miliardi per la riconversione delle fabbriche

Pubblicato 15 ottobre 2020

Il gruppo tedesco sta procedendo alla progressiva trasformazione delle sue fabbriche per la produzione di auto elettriche.

Gruppo Volkswagen: tanti miliardi per la riconversione delle fabbriche

CI VOGLIONO I ROBOT - Il Gruppo Volkswagen sta procedendo speditamente verso la riconversione di diversi stabilimenti per la produzione di auto elettriche e sta investendo forti somme nello nell’automazione necessaria. Per questo la maggior casa automobilistica del mondo ha ordinato circa 2.200 robot da utilizzare nelle fabbriche ristrutturate di Emden, Hannover e Chattanooga (negli USA). Fabbriche dove verranno assemblate batterie e gran parte dei lamierati della carrozzeria: 1440 robot verranno destinati alla produzione di vetture, i rimanenti 800 lavoreranno sui commerciali. 

IN TUTTO IL MONDO - Il Gruppo Volkswagen sta insomma procedendo alla riconversione di gran parte delle proprie fabbriche per favorire il passaggio dai motori a combustione interna a quelli ibridi o elettrici. Così a Zwickau, dove si stanno costruendo le ID.3 e le ID.4, il processo è stato praticamente completato. Mentre ad Anting, in Cina, la produzione con l’ausilio di robot inizierà a breve, al pari dello stabilimento di Dresda, mentre dal 2022 si aggiungeranno Emden, Hannover e Chattanooga, fabbrica che si trova nello stato americano del Tennessee. Secondo i programmi della Volkswagen ad Hannover verrà invece assemblato il van ID Buzz, veicolo elettrico che ricorda il furgone degli Anni 60.

TANTI SOLDI - In generale, includendo anche le joint venture con i gruppi cinesi, il Gruppo VW investirà, fino al 2024, circa 48 miliardi di euro per la diffusione della mobilità elettrica. Notevole anche l’impegno nei confronti della costruzione delle nuove tecnologie necessarie, come nel caso dell’ampliamento della fabbrica di celle batteria a Salzgitter. Ulteriori 14 miliardi di euro verranno spesi nella ricerca di nuove tematiche digitali, nonché nello sviluppo di sistemi legati alla guida autonoma. 





Aggiungi un commento
Ritratto di NITRO75
15 ottobre 2020 - 12:00
Cappio ma allora ci credono davvero......
Ritratto di desmo3
15 ottobre 2020 - 12:17
Tanti investimenti che paradossalmente verranno perlopiù ripagati dalle vendite di auto a motore termico...
Ritratto di Dorian
15 ottobre 2020 - 12:50
2200 robot e migliaia di persone in meno, che non avranno alcun beneficio, nemmeno laterale, dalla presenza dei robot, anche se provano a raccontarla diversamente. Stiamo andando a sbattere e giulivi inneggiamo al “progresso” sempre declinato dall’alto verso il basso. Stiamo attente persone
Ritratto di Blueyes
15 ottobre 2020 - 14:17
1
Ecco un commento sensato. La "decrescita felice" tanto voluta da certi politici è alle porte. Auto dal costo stratosferico e tanti disoccupati in più, una fetta ridotta della popolazione che vivrà nel lusso e nell'agio completo e il restante 90% che vivrà in moderne favelas.
Ritratto di desmo3
15 ottobre 2020 - 15:20
eppure non molto tempo fa qualcuno qui scriveva che oggi è più facile rispetto al passato diventare milionari grazie a internet e social network
Ritratto di GinoMo
16 ottobre 2020 - 10:07
è più facile perchè basta un telefono per diventare famosi sui social, invece di dover avere stabilimenti, macchinari, operai, ecc... per esserlo come industriale. poi ogni cosa ha i suoi pro e contro
Ritratto di desmo3
16 ottobre 2020 - 10:52
voglio effettivamente vedere quanti di quei "famosi sui social" riescono a tir@re su abbastanza soldi per campare e quanti invece fanno la fame
Ritratto di Al Volant
15 ottobre 2020 - 17:49
Sono decenni che la fantascienza propone 2 tipi di film : pandemie... e scenari mondiali di povertà ai bordi delle città, con pochissimi "Nobili" che gestiscono le risorse.. Una sorta di medioevo, stesso numero di ricchi, ma con 50-100 volte la popolazione povera..
Ritratto di Alex_T
16 ottobre 2020 - 12:42
a me sembra più che normale, mettiti nei panni dell'imprenditore, dato che ognuno di noi guarda prima nelle proprie tasche, è la mossa più giusta, lui rischia molto per magari avere un grande aumento di fatturato in un futuro. ovviamente è eticamente sbagliato sostituire robot a persone, il mondo va avanti nuovi lavori stanno nascendo e altri morendo, non vedo tutta questa mancanza di lavoro, ma vedo molta meno voglia di lavorare e sopratutto di accontentarsi, non è una critica contro nessuno, ovviamente è un mio pensiero personale e spero di non creare una bufera.
Ritratto di pierfra.delsignore
19 ottobre 2020 - 13:29
4
Le auto si abbasseranno nei prezzi, è un dato di fatto, tutte le innovazioni all'inizio costano tantissimo, poi diventano abbordabili, le auto per tutte le tasche sono le ibride, le elettriche per tutte le tasche arriveranno tra 20 anni. Diverso è il problema della robotizzazione, inevitabile per tanti versi e nessuno si illuda che si lavorerà 4 ore allo stipendio di 8 ore, lavoreranno pochi pagati più degli attuali operai, perché dovranno saper gestire i robot o fare lavorazioni ultra specializzate, ma saranno pochi. C'è anche da dire che il mondo Occidentale va verso una decrescita demografica significativa quindi in buona parte la perdita di posti di lavoro sarà compensata da una riduzione della popolazione attiva del 30% circa nei prossimi 20 anni.
Pagine