Hyundai i10: a bordo della nuova generazione

Pubblicato 03 settembre 2019

Siamo entrati in anteprima nella nuova Hyundai i10, che debutterà il 12 settembre al Salone di Francoforte: il sistema multimediale e gli aiuti alla guida sono “da grande”.

Hyundai i10: a bordo della nuova generazione

EVOLUZIONE RAGIONATA - Sebbene riprenda molti elementi della citycar oggi in produzione, la Hyundai i10 che debutterà fra una settimana al Salone di Francoforte è stata rivista a fondo, anche nelle parti strutturali. Solo a cinque porte e costruita nella medesima fabbrica turca, arriverà nelle concessionarie a gennaio 2020, con prezzi stimati a partire da 11.000 euro. Più larga e bassa di due centimetri, conserva la lunghezza di 367 centimetri ma ha un passo maggiore di quattro (243 in totale). Invariato il baule, di 252 litri e dotato anche di fondo ad altezza variabile: una rarità fra le citycar.

ANCHE A GPL - Dalla Hyundai i10 oggi in vendita sono ripresi anche i motori: a benzina, la scelta è fra il 1.0 a tre cilindri da 67 CV e il 1.2 a quattro con 87 cavalli; del primo, è allo studio una versione a Gpl. Al cambio manuale a cinque marce si può poi preferire la sua versione robotizzata. Per la prima volta l’auto potrà essere dotata di ruote di 16’’, che “riempiono” meglio i passaruota, mentre si sceglie fra dieci colori per la carrozzeria, abbinandoli al tetto nero, rosso o in tinta. E non mancano particolari ricercati come il nome dell’auto in rilievo sui montanti posteriori, i fari poliellissoidali e le luci diurne rotonde (a led puntiformi o con un’unica luce).

DOTAZIONE RICCA - Una volta entrati nella Hyundai i10, abbiamo innanzitutto apprezzato lo sforzo stilistico per conferire un aspetto moderno e unitario. Per esempio, la lavorazione a rilievo che ricorda le celle di un alveare si ritrova nella plastica della plancia e anche dei pannelli porta, mentre le bocchette d’aerazione laterali sono a forma di “turbina di jet”. Sono presenti anche accessori raffinati per una citycar: bracciolo centrale alzabile, sedili e volante riscaldabili, quattro alzavetro elettrici e piastra di ricarica wireless per gli smartphone predisposti.

SICUREZZA A 360° - Ricca la disponibilità di sistemi di sicurezza della Hyundai i10, a partire dalla frenata automatica d’emergenza (fino a 80 km/h) con riconoscimento anche dei pedoni fino al mantenimento di corsia, passando per l’anti-colpo di sonno e per il rilevamento dei limiti di velocità con conseguente suggerimento di adeguare la velocità a quanto “visto” dall’auto.

CHE INFOTAINMENT! - Il software del sistema multimediale più ricco è quello che ha debuttato sulle più recenti Hyundai (Ioniq restyling e Kona ibrida) e fa invidia ad auto più costose: ha lo schermo “touch” di 8’’, Android Auto, Apple CarPlay e tutte le funzioni online Bluelink. Grazie a una scheda Sim integrata, è possibile ricevere informazioni sul traffico, previsioni meteo, prezzi dei carburanti in zona e altro ancora. Si può anche controllare a  distanza, con l’omonima app del cellulare, lo stato della vettura, sbloccarne le porte, inviare al navigatore le destinazioni prescelte e sapere dove è parcheggiata.

VIDEO
Hyundai i10
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
14
12
7
3
5
VOTO MEDIO
3,7
3.658535
41


Aggiungi un commento
Ritratto di Pompilio
3 settembre 2019 - 00:17
Davanti un po' Adam, dietro un po' Captur... più belli gli interni...
Ritratto di Fdet_
3 settembre 2019 - 07:14
Molto sfiziosa per la categoria, dotazione interessante ed interni da segB. Potrebbe seriamente dare del filo da torcere alla Panda sul mercato nostrano, complice un miglioramento costante ormai da un paio di generazioni.
Ritratto di Benky
3 settembre 2019 - 07:50
8
Una bella variante elettrica con un 200 km di autonomia avrebbe fatto una bella concorrenza alla Zoe.
Ritratto di svedishcar
3 settembre 2019 - 18:01
5
Condivido
Ritratto di otttoz
3 settembre 2019 - 08:41
fatta in turchia potrebbe essere più conveniente...se però non danno lavoro in europa se la compreranno i turchi col loro stipendio!
Ritratto di Mimas Turbo
3 settembre 2019 - 10:45
2
Anche la Fiat Tipo è fatta in Turchia, eppure in Italia è una vettura molto popolare.
Ritratto di alex_rm
3 settembre 2019 - 17:04
In Turchia fanno anche la clio,la Toyota chr,la civic 4 porte ed altre ancora
Ritratto di svedishcar
3 settembre 2019 - 18:00
5
Concordo con Alex_rm In Turchia si sono spostate tante linee di produzione (anche la Suzuki le fa se non ricordo male, come al solito :/, in Ungheria e le Mercedes-Benz A o CLA in Slovacchia). È brutta la delocalizzazione ma è una componente del fenomeno chiamato da quella fetta di studiosi che è la divulgatrice dei dati che leggi, globalizzazione
Ritratto di 82BOB
3 settembre 2019 - 08:48
Interni "alla moda", non molto ricercati e originali ma gradevoli! L'esterno meno riuscito, mascherina troppo pronunciata e questa versione tamarra peggiora, secondo me, i particolari... Lascia perplessi la "pinna" del montante posteriore che sembra una forzatura! Bene il gpl, ma sarebbe meglio declinarlo in entrambe le potenze... Il metano? Uno studio sull'iniezione diretta da Hyundai-KIA (con BRC) lo vedrei bene!
Ritratto di john_doe
3 settembre 2019 - 09:29
Noto MOLTA ispirazione presa dalla Yaris, frontale, plancia, doppia colorazione... Comunque carina, sicuramente meglio dell'attuale.
Pagine