NEWS

La Jaguar Land Rover annuncia il motore 2.0 Ingenium

13 settembre 2016

Si tratta del 4 cilindri 2.0 a benzina che si affianca al diesel introdotto lo scorso anno.

La Jaguar Land Rover annuncia il motore 2.0 Ingenium

GIÙ LE EMISSIONI - Il gruppo Jaguar Land Rover ha annunciato una serie di novità a livello tecnico che la portano un passo più vicino al completo rinnovamento della gamma dei motori. Dopo il turbodiesel 4 cilindri 2.0 dello scorso anno arriva ora la notizia che nel 2017 sarà disponibile anche un nuovo 4 cilindri 2.0 alimentato a benzina, sempre appartenente alla famiglia Ingenium. Questo moderno propulsore turbo dovrebbe essere disponibile in tre livelli di potenza: 200, 250 e 300 CV e condivide con gli altri Ingenium la cilindrata unitaria di 500 cc. Nel prossimo futuro dovrebbero infatti debuttare un 3 cilindri di 1500 di cilindrata e un 6 cilindri in linea 3000, sia benzina che diesel, per le versioni più potenti dei modelli Jaguar e Land Rover. Il motore Ingenium 2.0 a benzina adotta le tecnologie di ultima introduzione, come ad esempio il collettore di scarico integrato con il terbo, un sistema elettroidraulico per gestire l’alzata delle valvole e una turbina twin scroll.

NUOVO ANCHE L’AUTOMATICO - Altra novità importante che si profila all'orizzonte per le auto del gruppo Jaguar Land Rover è un nuovo cambio denominato Transcend (qui sopra), destinato a sostituire il pur ottimo ZF utilizzato attualmente. Si tratta di un doppia frizione a 8 rapporti ad alta efficienza, più leggero di circa 20 chili rispetto ad una trasmissione analoga, che integra al suo interno un motore elettrico e un ripartitore di coppia per comandare la trazione integrale rendendo superflue le marce ridotte nelle fuoristrada. Il cambio Transcend, che la JLR sta sviluppando grazie anche ai fondi governativi per l'innovazione ricevuti dal governo inglese, verrà destinato ad automobili a motore longitudinale con trazione posteriore o integrale. Grazie alla progressiva diffusione di modelli dotati di propulsore ibrido e ai nuovi motori e cambi, il gruppo JLR si è dato l'obiettivo di ridurre le emissioni di CO2 del 20% entro il 2020.

Aggiungi un commento
Ritratto di hulk74
13 settembre 2016 - 16:48
Il cambio con motore elettrico, non è simile a quanto fatto da mercedes?
13 settembre 2016 - 16:52
Questi nuovi, rivoluzionari benzina stanno mettendo sempre più alle strette i diesel: Proprio oggi leggevo che dopo il segmento A con la Twingo, Renault abbandonerà il diesel anche nel segmento B dal 2020 dunque la Clio di prossima generazione non prevedera' l'opzione a gasolio puntando tutto su ibrido ed efficienti unità a benzina mentre nel segmento C la Megane li manterrà in una gamma ridotta solo alle versioni più potenti e costose. Il problema sta nel fatto che praticamente tutte le case dopo il terremoto del dieselgate hanno dovuto investire molte più risorse del previsto in R&D per contenere al massimo i livelli di emissioni e questo ha portato inevitabilmente ad assottigliare di molto i profitti. E per il futuro le normative sempre più restrittive obbligheranno a ingenti investimenti che porteranno il diesel ad essere sempre meno remunerativo, bene ha fatto il gruppo Toyota a puntare tutto sull'ibrido e ad affidarsi a BMW per i diesel, c'è voluto tempo ma i frutti sono arrivati e loro sono i primi nell'ibrido mentre tutti gli altri si trovano faticosamente ad inseguire.
Ritratto di hulk74
13 settembre 2016 - 17:21
Credo che tutti siano preoccupati per le nuove regole per l'omologazione, e a ragione. Toyota è sicuramente all'avanguardia nell'ibrido, ma gli altri sono lì. Come tesla lo è nelle vetture elettriche, ma la Bolt della GMC va persino meglio e costa 33.000$
13 settembre 2016 - 17:39
A mio avviso "gli altri sono li" solo se comprano know How ibrido da fornitori esterni senno' nisba. Ma e' sulle quote di mercato che il gruppo stravende mentre le ibride degli altri paiono fantasmi eccellenti di un inesorabile anonimato. Così non sarebbe stato se avessero iniziato come Toyota quasi 20 anni fa orsono proprio negli anni in cui tutti sbavavano dietro il common rail prendendo per matti Toyota.
Ritratto di hulk74
13 settembre 2016 - 17:44
Condivido sul coraggio e la lungimiranza del signor Toyoda
Ritratto di hulk74
13 settembre 2016 - 17:46
Solo che, sicuramente, tutti compreranno da fornitori esterni motori e batterie... e le case automobilistiche diventeranno sempre più come i produttori di computer e smartphone: assemblatori
Ritratto di ADC
13 settembre 2016 - 20:39
Si sa se torna il gpl sulla Clio? È presente sulla Sandero
13 settembre 2016 - 22:28
Sarebbe ora che tutte le case, anche quelle Premium iniziassero a offrire almeno una versione GPL o Metano di ogni modello, un plauso all'audi per l'a3 g-tron ma devono estendere l'offerta anche al resto della gamma fino alle a8 e q7.
Ritratto di ADC
13 settembre 2016 - 22:44
Concordo. Secondo me una svolta la potrebbe dare l'Audi. Se la A4 Avant e la A5 col 2.0 TFSI a metano da 170 cv avranno successo le altre seguiranno a ruota
Ritratto di Il demagogo
13 settembre 2016 - 19:25
saranno 10 anni che sento ripetere che i diesel spariranno, eppure tornano sempre, anche perchè un motore a benzina se li scorda quei consumi
Pagine