NEWS

Lada: un futuro in comune con la Dacia

Pubblicato 17 gennaio 2021

Il Gruppo Renault crea una nuova business unit per gestire le due case dell’Est, che condivideranno anche piattaforme e tecnologie.

Lada: un futuro in comune con la Dacia

UNITE PER PESARE DI PIÙ - Il piano di rilancio del Gruppo Renault (qui per saperne di più) non poteva non riguardare anche il marchio Lada, di proprietà della russa Avtovaz, della quale il costruttore francese possiede il 50%. La “Renaulution” prevede un avvicinamento dei marchi Lada e Dacia (qui il suo piano di rilancio), che confluiranno in un’unica business unit pur rimanendo aziende separate. Il direttore generale di Dacia e Lada, Denis Le Vot, ha spiegato che “Con la creazione della business unit Dacia-Lada, potremo sfruttare meglio la piattaforma modulare CMF-B, rafforzare la nostra efficacia ed incrementare ulteriormente la qualità, la competitività e l’attrattiva dei nostri prodotti”.

QUALITÀ E PREZZO - La Lada detiene il 20% del mercato russo, dove nel 2020 ha consegnato 343.412 auto, ed esporta in 20 Paesi. Nell’unione con la Dacia conserverà la sua connotazione di produttore di auto “toste” pur condividendo la piattaforma CMF-B del Gruppo Renault. Questa razionalizzazione interesserà anche i tipi di carrozzeria, che passeranno dalle 18 di oggi alle 11 a regime, tutte basate sulla CMF-B. I veicoli che nasceranno su questa piattaforma potranno essere dotati di motori ad energia alternativa o ibridi, in modo da seguire l’evoluzione sia delle normative sia dei gusti dei clienti.

NUOVI MODELLI E CATEGORIE - La Lada vedrà l’esordio di quattro nuovi modelli entro il 2025 (vedi schema qui sopra), compresa la nuova generazione dell’iconica Niva, della quale è stato diffuso un primo disegno, ed un modello del cosiddetto segmento C (quello delle compatte). I piani per il due Dacia-Lada sono ambiziosi, con modelli appetibili a un pubblico molto ampio, un costo del lavoro apprezzabilmente inferiore rispetto all’Occidente e un modello di distribuzione leggero e con sconti molto bassi (i prezzi partono da livelli molto competitivi), insieme a queste novità e razionalizzazioni, potrebbero portare i profitti dagli attuali 3 miliardi di euro e 5 miliardi entro il 2025.





Aggiungi un commento
Ritratto di zioesse
17 gennaio 2021 - 12:29
Il desing delle nuove dacia e lada prototipe lo vedo più inovativo di tante macchine troppo uguali che escono ultimamente come le berline elettriche prese da model 3 e cambiati soli i fari che sono la tomba dell’originalità
17 gennaio 2021 - 12:32
6
odioooo se ti sentisse Giuliopedrali si indignerebbe moltissimo
Ritratto di Giuliopedrali
17 gennaio 2021 - 12:42
Sono innovativi o giusti insomma sia questi nuovi design di Dacia e Lada sia quelli delle Tesla killer ma di tutto altro ambito e ne faranno le spese le solite: Fiat, Peugeot, Citroen, Opel e anche Seat se si va avanti così, ormai si accoppia il marchio nuovo o con poca storia a un design e meccanica nuova, quindi arriva praticamente tutto dall'Est: Russia, Romania e Cina al momento questa rivoluzione sia low cost che premium.
Ritratto di Vincenzo1973
17 gennaio 2021 - 20:08
Hai dinenticato Alfa nella lista.
Ritratto di mondoka
17 gennaio 2021 - 21:11
Niente di tutto ciò. Si giocherà i mercati dei paesi più a est dell’ex blocco sovietico con auto dello stesso livello come le confinanti cinesi e qualche auto appositamente fatta al risparmio da GM su telai e motori di 3-4 generazioni fa.
Ritratto di Vincenzo1973
18 gennaio 2021 - 10:54
@mondoka concordo. il confronto con i marchi europei citati non esiste
Ritratto di Giuliopedrali
18 gennaio 2021 - 16:25
Si guardate Dacia dov'è ora...
17 gennaio 2021 - 12:32
6
Speriamo non finiscano per snaturare lo spirito originario di Dacia, con l'ambizione costante ed inesorabile di far diventare tutto sempre più premium...
Ritratto di Giuliopedrali
17 gennaio 2021 - 12:44
Si credo che Lada potrà competere anche in Occidente soprattutto con i suoi valori e un design riconoscibile come questa "Niva" (di Niva ce ne sono già 3: quella originale anni 70, quella della GM e questa qua) e anche Dacia sarà molto abbinata all'immagine SUV vero e quindi : cara Jeep sei avvertita !
Ritratto di GeorgeNN
17 gennaio 2021 - 14:52
Ahahah la Jeep ha più stile; blasone e glamour rispetto alla povera russa Niva... Vedo che sta collassando la renault per unire con Niva...
Pagine