NEWS

Lamborghini: si valuta la quotazione in borsa o la vendita

Pubblicato 14 ottobre 2019

Il gruppo Volkswagen starebbe ripensando la sua strategia sui marchi “minori” per concentrarsi su VW, Audi e Porsche.

Lamborghini: si valuta la quotazione in borsa o la vendita

CAMBIA TUTTO - Secondo quanto riporta l’agenzia Bloomberg il gruppo Volkswagen sta ripensando interamente la sua struttura in vista della trasformazione che sta intraprendendo verso un nuovo modello di business, non solo legato alla produzione di auto (elettriche) ma anche all’erogazione di servizi agli automobilisti. A quanto pare il piano sarebbe quello di concentrarsi sui marchi principali, come Volkswagen, Audi e Porsche, vendendo o scorporando quelli “minori” come Bugatti o Lamborghini. Del resto il Gruppo tedesco è un enorme conglomerato le cui aziende vanno dalle moto (Ducati), alle supercar, ai camion (Man, Scania). Lo scopo finale sarebbe quello di snellire la struttura facendo accrescere drasticamente il valore dell’intero gruppo Volkswagen, fino a 200 miliardi dagli 80, circa, attuali. 

SULLA STRADA DELLA FCA - La Lamborghini rappresenta senza dubbio un bel “boccone” sul mercato. È oggi un'azienda in salute valutata circa 10 miliardi di euro, che ha visto migliorare sensibilmente i suoi risultati economici dopo l'arrivo della suv Urus: nei primi sei mesi del 2019 ha consegnato 4553 vetture, il 96% in più rispetto allo stesso periodo del 2018 (2693 erano Lamborghini Urus). Operazioni di scorporo o vendita per massimizzare il valore (per gli azionisti) sono già state messe in atto da altri costruttori, primo fra tutti la FCA che ha scorporato CNH e Ferrari, passandone la proprietà agli azionisti della FCA stessa, e venduto la Magneti Marelli.





Aggiungi un commento
Ritratto di AMG
14 ottobre 2019 - 12:12
Sorprendente. Non penso che stiano progettando di cedere il marchio. Probabilmente solo la quotazione dell'azienda in borsa. E questa sarebbe la notizia un pò rimaneggiata per creare scalpore. Dubito fortemente che vendano Lambo, avrebbe più senso (come avevano inizialmente annunciato) vendere Ducati forse, oppure la stessa Bugatti (che chissà potrebbe tornare italiana? dubito). Nonostante ciò la manovra rischia di far vedere una debolezza, l'incapacità di poter seguire ancora tutti i marchi del grande gruppo VW- Ovviamente i loro obbiettivi di marketing sono cambiati ma ciò non vuol dire che da grande gruppo adesso vogliano farsi piccolo. Hanno uno straordinario mix di marchi, io non ci rinuncerei.
Ritratto di HomerSimpson
14 ottobre 2019 - 12:12
Lamborghini valutata 10 miliardi???? Sicuri??? Ovvero come la Ferrari ai tempi dello scorporo, nonostante la Ferrari venda il doppio.
Ritratto di Isogrifo70
14 ottobre 2019 - 12:40
1
Se trovano qualcuno che gliela paga , tanto meglio x loro. Comunque credo più ad uno scorporo che ad una vendita.
Ritratto di The Krieg
14 ottobre 2019 - 13:43
Oramai vendono uguale dato che Lamborghini ha a listino la urus, che permette anche margini folli. La valutazione ci sta alla fine
Ritratto di HomerSimpson
14 ottobre 2019 - 14:15
Vendite uguali proprio no, la lamborghini ha venduto 5750 macchine l'anno scorso, contro le 9251 della Ferrari. Ovvero 3501 macchine di differenza.
Ritratto di BioHazard
14 ottobre 2019 - 14:44
A parte le vendite di auto che per Ferrari non costituiscono la totalità del business, faccio notare che Ferrari attualmente è valutata 27 miliardi di €. Ovvero quasi 3 volte la stima di Lamborghini, ovvero 10 miliardi.
Ritratto di Giuliopedrali
14 ottobre 2019 - 17:24
HomerSimpson. Ma ora c'è la Urus
Ritratto di Xadren
14 ottobre 2019 - 13:41
1
Forse esagero un po', ma è praticamente da quando Volkswagen ha acquistato Ducati che sento parlare di un suo scorporo! In ogni caso, essendo Ducati accorpata a Lamborghini sotto l'ala di Audi, nel caso si vende il marchio del Toro penso che anche il ramo motociclistico passerebbe di mano.
Ritratto di Gatsu
14 ottobre 2019 - 14:00
2
Ma sta Bloomberg o come si chiama chi è? è attendibile o sono chiacchiere?
Ritratto di underwood
14 ottobre 2019 - 18:34
https://it.m.wikipedia.org/wiki/Bloomberg_(azienda)?wprov=sfti1 Diciamo che non è l’ultimo sito fasullo di fake news arrivato l’altro ieri come molta robaccia che spopola sui social e che non fa altro che alimentare l’analfabetismo funzionale delle persone (ciò non è assolutamente rivolto a te, è una mia riflessione generale sulla piega che sta prendendo il rapporto fra popolo e informazione consapevole e autorevole, poi mi rendo conto che questo non sia nè il luogo nè il modo per parlarne approfonditamente). Un saluto.
Pagine