NEWS

Lexus premia i giovani designer

14 aprile 2015

Al Fuorisalone che si tiene a Milano, la casa giapponese ha annunciato i vincitori del concorso internazionale Lexus Design Award 2015: sono due italiani.

Lexus premia i giovani designer
OLTRE L’ARREDAMENTO - Quasi una “cornice urbana” all’annuale Salone Internazionale del Mobile di Milano (la cui edizione 2015 è a calendario dal 14 al 19 aprile), nel capoluogo lombardo ogni anno va in scena anche il Fuorisalone, catena di eventi tematici (aperti al grande pubblico e organizzati in varie zone della città) dedicati alle tendenze artistiche e della moda. E proprio in questo ambito, nello Spazio Lexus di via Tortona 32 (aperto tutti i giorni, dalle ore 11 alle 22) la casa giapponese ha premiato, come da tradizione (leggi qui la notizia dell'edizione 2013), il vincitore del concorso Lexus Design Award 2015 riservato a giovani artisti, che ha visto 1171 progetti in gara, provenienti da 72 nazioni. 
 
LUCI, IMMAGINI E SCULTURE - Sono quattro le opere finaliste scelte dalla giuria composta da designer di fama mondiale. Si tratta di progetti originali come Animal Masks (singolari dispositivi digitali per osservare il mondo dal punto di vista degli animali); le sculture cinetiche Diomedeidae; il sistema d’illuminazione Luz, basato sulle condizioni climatiche; e i capi d’abbigliamento Sense-Wear che enfatizzano l’uso dei sensi (tema del concorso), particolarmente utili per le persone che soffrono di malattie come l'autismo. Proprio quest'ultima proposta si è aggiudicata il Lexus Design Award 2015. Si tratta di un'idea di due italiani, Emanuela Corti e Ivan Parati, che così hanno commentato il premio: “siamo molto onorati di aver vinto questo importante riconoscimento. Abbiamo deciso di partecipare a questa competizione perché molto colpiti dal tema dedicato ai sensi del concorso. Per la realizzazione del nostro progetto abbiamo effettuato varie ricerche che ci hanno dato molti spunti. Tra questi abbiamo deciso di concentraci su una linea di abbigliamento e accessori che potesse migliorare la vita delle persone, soprattutto di quelle con esigenze particolari. Abbiamo visitato centri specializzati, condividendo le nostre idee con i terapisti e integrando i loro suggerimenti nella progettazione dell’opera. In realtà poi, ci siamo resi conto che abiti con queste caratteristiche possono essere utili per molte persone; infatti nella nostra vita quotidiana tutti noi ci confrontiamo spesso con situazioni stressanti nelle quali vorremmo sentirci protetti e al sicuro come in un rifugio. Questo riconoscimento rappresenta per noi una grande opportunità per sviluppare ulteriormente la nostra idea con la speranza di poter migliorare la vita delle persone.”
 
Il momento della premiazione dei vincitori.
 
UNA MOSTRA ARTICOLATA - Tutte queste opere, assieme ad altre (come le interessanti strisce pedonali che indicano la direzione di marcia), sono in esposizione nello Spazio Lexus: un luogo di design, al cui ingresso si viene accolti dalla concept car Lexus LF-SA (leggi qui la notizia della suo debutto all'ultimo Salone di Ginevra) che si presenta incastonata in un singolare gioco di specchi, da cui ha inizio un poliedrico percorso suddiviso in tre ambienti volti a stimolare i nostri sensi con elementi legati alla natura e all’atmosfera che si respira a bordo delle vetture Lexus.

 

Aggiungi un commento
Ritratto di Andrea Ford
14 aprile 2015 - 13:46
Spero facciano sul serio immettendola sul mercato in tempi brevi, nella gamma Toyota la iQ, gran progetto, non ha avuto il successo che meritava perché cannibalizzata dalla Aygo, molto piu' economica e dotata di 4 posti "veri" ma realizzata in modo assai piu' cheap, una mezza Toyota quando la iQ lo era al 100%. E' chiaro che due segmento A in gamma non possono coesistere. Questa Lexus consentirebbe di raddoppiare i numeri in Europa contribuendo alla diffusione del brand e avrebbe di sicuro molto piu' successo perché percepita come vera alternativa di lusso alla Smart.
Ritratto di Sprint105
14 aprile 2015 - 17:40
oltre 1000 proposte e vincono gli italiani. Allora c'è ancora del genio in questo paese!