Mercedes: lunga vita al motore a combustione interna

17 gennaio 2018

L’amministratore delegato del gruppo Daimler, Dieter Zetsche, ha confermato l’impegno di Mercedes nello sviluppo di motori tradizionali. E risponde a Marchionne sulla guida autonoma.

Mercedes: lunga vita al motore a combustione interna

ALTRO CHE FINITO… - Al Salone di Detroit abbiamo avuto modo di incontrare l’amministratore delegato del gruppo Daimler, Dieter Zetsche (nella foto sopra), che ha illustrato la sua visione della Mercedes di domani. La prima domanda riguarda la possibilità che la casa abbracci del tutto la via dell’elettrificazione, abbandonando i motori a combustione interna. La risposta è del tutto negativa: “Abbiamo in mente di elettrificare praticamente ogni nostro modello”, ma ciò non significa renderli elettrici puri, dato che questa definizione comprende anche le ibride. “Il nostro core business è ancora il motore a combustione interna, sul quale continuiamo a investire e che crediamo continuerà a vivere per lungo tempo. E noi vogliamo essere quelli che producono i migliori motori di questi tipo”. 

E L’ELETTRICO… - Se i motori a benzina e a gasolio hanno quindi una lunga vita davanti a sé, ciò non vuol dire per la Mercedes trascurare la mobilità elettrica: “La nostra strategia si regge su due pilastri: continuare a produrre i modelli che oggi ci rendono una casa così di successo. Ma al contempo vogliamo guardare al futuro, costruendo un’offerta aggiuntiva di veicoli elettrici e a guida autonoma”.

PRONTI PER IL FUTURO - Al salone di Detroit, il numero uno della FCA, Sergio Marchionne, ha espresso più di un dubbio su questi ultime due frontiere della mobilità (qui la news). La domanda su che cosa ne pensi Zetsche è quindi inevitabile. Per lui, Marchionne “ha ragione su un punto: la tecnologia fine a sé stessa non ha senso, dal punto di vista del business. Dall’altra parte, però, a volte non è possibile vedere le opportunità di guadagno fin dall’inizio. E quando diventano evidenti, può essere troppo tardi: è compito della dirigenza trovare un giusto equilibrio fra questi due aspetti, allocando le giuste risorse. Per quanto riguarda la Mercedes, solo per ricerca e sviluppo siamo passati da un investimento di poco più di 8 miliardi di euro di 5-6 anni fa agli oltre 14 di quest’anno; dobbiamo fare delle scelte e sappiamo che non tutti i cavalli sui quali scommettiamo saranno vincenti”.

SOLO PARTNER - Parlando di fusioni e possibili acquisizioni, Zetsche ha confermato che l’assetto attuale (indipendenti, ma con forti accordi con altre case per realizzare progetti comuni) non cambierà in futuro: “Continueremo ad appoggiarci a partner, come Bosch o il gruppo Nissan-Renault-Mitsubishi: per motivi di competenza o di riduzione dei costi di produzione”. E ancora, “sono otto anni che gli accordi con il gruppo franco-giapponese sono in essere, ma rimaniamo entità separate e così sarà anche in futuro. Ci confrontiamo spesso su possibili progetti comuni ma non c’è mai un obbligo su fare le cose assieme: procediamo caso per caso, valutando su basi razionali”.

DOMANI, NOVE COMPATTE - Pochi giorni fa, al CES (la “fiera dell’elettronica” di Las Vegas), la Mercedes ha mostrato gli interni della nuova Classe A (che verrà svelata al Salone di Ginevra di marzo). Quale sarà quindi il futuro delle “piccole” auto della casa? “L’attuale famiglia di compatte (quelle basate sulla A, come CLA, B e GLA, ndr) sta avendo successo ed è composta da 6 modelli. La nuova generazione arriverà a nove. E, avendo modelli sia più sportivi sia più fuoristradistici in altri segmenti, potremmo fare qualcosa del genere anche con la famiglia delle vetture compatte”.

IL MOTORE ELETTRICO È SEMPLICE - Un altro tema toccato dall’amministratore delegato riguarda la possibilità che alcune compagnie tecnologiche, come Google o Amazon, possano avere successo nel costruire vetture. “Credo che ci saranno nuovi concorrenti in futuro, di varie provenienze. Se non si deve sviluppare un motore a combustione interna, che è un prodotto molto complesso, ma ci si limita ai motori elettrici, che sono piuttosto semplici, la soglia di competenze per l’ingresso nel mercato si abbassa”.

PREVEDIAMO PIÙ “G” - Dato che al Salone di Detroit ha debuttato la nuova generazione della fuoristrada Mercedes Classe G (qui e qui i dettagli), una domanda su come andranno le vendite di questo modello era d’obbligo. “Per molti anni, la Classe G è stata un modello di nicchia. L’anno scorso abbiamo visto un 20% di incremento nelle vendite, che hanno raggiunto le 22.000 unità, con un alto margine di guadagno su ciascuna. Non posso fare previsione di vendita, ma posso dire che la produzione della nuova generazione è tarata su numeri maggiori di quelli raggiunti l’anno scorso”.

Aggiungi un commento
Ritratto di GiO1975
17 gennaio 2018 - 11:32
Toh, ma pensa un po'... anche l'AD Mercedes è d'accordo con Marchionne... sia sull'elettrico che sulla guida assistita. Chi l'avrebbe mai detto??? Sicuramente un complotto dei giornalisti.
Ritratto di Prodotto Teutonico
17 gennaio 2018 - 11:50
Non è che melchiorre abbia scoperto l'acqua calda eh...
Ritratto di GiO1975
17 gennaio 2018 - 11:54
certamente, ma visto che non pochi forumisti hanno criticato quanto da lui detto nell'intervista sull'altro articolo, e guarda a caso questi forumisti sono tutti fascinados teutonici, adesso voglio vedere che hanno da dire dopo che l'AD Mercedes ha confermato le dichiarazioni di M.
Ritratto di GranNational87
17 gennaio 2018 - 14:45
3
NO, gio, hanno detto due cose simili, non uguali, ma sono affermazioni a posteriori di due storie molto diverse, uno si trova nella cacchina e indietro anniluce rispetto al mercato, e sceglie di dire che non è la strada giusta quella dell'ibrido (guardacaso?! ma va?! non mi dire!), l'altro dice che è una possibilità come altre se unita ad una funzionalità... o a meno io ho interpretato così, poi c'è da tenere conto che due CEO non diranno mai cosa pensano veramente ma solo quello che credono giovi alla loro compagnia...!
Ritratto di Anonimo
Anonimo (non verificato)
17 gennaio 2018 - 16:27
Commento rimosso a seguito della cancellazione dell'utente dal sito.
Ritratto di GranNational87
18 gennaio 2018 - 09:31
3
Sì ma comunque BMW ha venduto di più, mi dispiace per te cucciolino...
Ritratto di Anonimo
Anonimo (non verificato)
18 gennaio 2018 - 11:42
Commento rimosso a seguito della cancellazione dell'utente dal sito.
Ritratto di LOL25
17 gennaio 2018 - 12:24
Se lo dice Gino Paoli allora mi fido
Ritratto di Prrrrr
17 gennaio 2018 - 15:18
Ahahahahahahahah... è uguale!
Ritratto di tramsi
17 gennaio 2018 - 12:58
Alla faccia di chi qui ha fatto morire, tout court e senza funerali, i "naftoni". Giusto ieri scrivevo testualmente sul topic dedicato alle affermazioni di Marchionne: "Oltre a saper curare i conti - e lì Marchione è forse il CEO più capace di tutti - devi anche essere lungimirante, devi saper anticipare una tendenza, intravedere le opportunità, fiutare il futuro". Esattamente quello che FCA non fa, limitandosi a seguire una direzione quando è oramai oltremodo evidente, giungendo tra gli ultimi.
Pagine