NEWS

Nuova Nissan Juke: stile al potere

Pubblicato 03 settembre 2019

Look grintoso e molto curato per la nuova Nissan Juke, che sarà nelle concessionarie a novembre 2019. Prezzi da 19.620 euro.

Nuova Nissan Juke: stile al potere

UN SUCCESSO - La Nissan Juke ha fatto dello stile originale un vero punto di forza, tanto da imporsi come una fra le crossover compatte di maggiore successo. Dal 2010 ne sono state vendute oltre un milione, ma iniziava sentire il peso degli anni e della sempre maggiore concorrenza (Renault Captur, Hyundai Kona, Peugeot 2008, Mazda CX-3 e altre). Ecco allora la seconda generazione, che sarà nelle concessionarie da novembre 2019. La nuova Nissan Juke ha un design molto curato, fatto essenzialmente di linee tese e scolpite che ne enfatizzano la grinta. 

NON MANCA NULLA - Il design della nuova Nissan Juke ricorda quello del modello attuale, come testimoniano i grandi fari tondi inseriti nel fascione anteriore e i passaruota muscolosi. Nel frontale non manca la classica mascherina a V delle Nissan, in questo caso affiancata da due sottili luci a led che sormontano i fari principali. La vista laterale evidenzia una fiancata possente con finestrini dall’altezza ridotta, come si usa nelle coupé, e maniglie delle portiere posteriori nascoste alla vista (celate nel telaietto dei finestrini). In coda l’elaborato portellone, dotato di fanali orizzontali anziché quelli a boomerang della Juke attuale. Non mancano poi le estese personalizzazioni: oltre ai cerchi fino a 19”, la nuova Nissan Juke può avere il tetto con un colore in contrasto rispetto alla carrozzeria.

MATERIALI DI QUALITÀ - L’abitacolo della Nissan Juke 2019 ha un’impostazione più classica rispetto alla carrozzeria, ma appare curato, grazie alla presenza di vari rivestimenti ben amalgamati tra loro: in base all’allestimento, la fascia centrale della plancia, la console centrale e l'interno delle portiere possono essere in materiale morbido (Alcantara o ecopelle) con cuciture a vista. Lo schermo del sistema multimediale, fino a 8”, è montato a sbalzo rispetto alla consolle e ha funzionalità al passo con i tempi, perché oltre ad Android Auto ed Apple CarPlay si avvale pure dell’hotspot Wi-Fi per consentire ai passeggeri di collegare i loro dispositivi. Può anche dialogare con una app da scaricare sullo smartphone, tramite la quale controllare a distanza dov’è l'auto o aprire e chiudere le serrature delle porte. 

C'È PIÙ SPAZIO - La lunghezza complessiva della nuova Nissan Juke raggiunge i 421 cm (7,5 in più rispetto alla precedente generazione). Inoltre il passo aumenta a 263 cm (10 cm più di prima) e questo dovrebbe fare la differenza in termini di spazio a bordo. Anche il baule è più capiente ed è in grado di contenere 422 litri (68 in più). La soglia d’accesso a 80 cm da terra resta però troppo in alto per caricare oggetti pesanti senza affaticare la schiena.

NIENTE DIESEL - La nuova Nissan Juke è basata sul pianale CMF-B, che condivide con la nuova Renault Captur: grazie al maggiore uso di acciai ad alta resistenza, è più leggera del 6% e rigida del 13%, a vantaggio della precisione di guida fra le curve e anche del comfort. Quanto ai motori, al lancio è previsto il tre cilindri 1.0 turbo a benzina da 117 CV, che, secondo la casa, garantisce 180 km/h di punta e 10,4 secondi nello "0-100" per la versione con il cambio manuale (poco più di 11 per quella col robotizzato a doppia frizione, optional). Successivamente dovrebbe arrivare pure l’ibrido. Non ci saranno invece motori diesel. La dotazione di aiuti alla guida è assai completa, perché a seconda dell’allestimento saranno optional o di serie l'avviso anti-colpo di sonno, i sensori dell'angolo cieco, il cruise control adattativo, il sistema di mantenimento della corsia di marcia e l’avviso in caso di presenza di veicoli durante l’uscita in retromarcia da un parcheggio a pettine. Tutte hanno di serie la frenata automatica d’emergenza, il mantenimento in corsia e i fari full led. Il prezzo di partenza è di 19.620 euro.

Nissan Juke
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
13
15
21
9
5
VOTO MEDIO
3,3
3.349205
63


Aggiungi un commento
Ritratto di svedishcar
3 settembre 2019 - 18:09
5
Anche se i fascioni mi danno l'idea di un'auto simile a CH-R/CX-3 attuale, veramente bella. Non lo pensavo di dirlo, però wow. Sarà a Francoforte?
Ritratto di Fdet_
3 settembre 2019 - 18:35
Mi piace parecchio, forse meno sensazionale del primo modello, per le sensazioni che suscita a caldo, ma sicuramente più convincente. La linea molto muscolosa, tipo concept, non piacerà a tutti, ma ha le carte in regola per raccogliere il successo che ebbe la ch-r 3 anni fa. Per me ci sta molto.
Ritratto di Sepp0
3 settembre 2019 - 18:42
Dall'articolo precedente sembrava orrenda, invece non è affatto male, molto meglio del modello attuale (non che ci volesse molto) pur mantenendone in parte gli stilemi. Per me è sì.
Ritratto di TommyTheWho
3 settembre 2019 - 19:03
7
Non mi dispiace ma sinceramente trovo più originale ed interessante la generazione attuale. Spero che alla versione benzina e ibrida affianchino anche un propulsore GPL il quale, in Italia, dovrebbe riscuotere un buon successo.
Ritratto di Biondi stefano
3 settembre 2019 - 19:19
Forse è più jap della precedente, se fossi ancora "giovanotto" ci farei un pensierino,magari nella versione ibrida.
Ritratto di Giuliopedrali
3 settembre 2019 - 19:22
La precedente, l'originale era in pratica un capolavoro almeno per me che disegno auto, quindi questa è un leggero passo indietro almeno nel frontale e posteriore meno originali, un notevole passo avanti invece gli interni e la funzionalità, ma manca un pò quel "non so che".
Ritratto di francesco.87
3 settembre 2019 - 19:46
davvero niente male, la vecchia forse piu originale ma di certo piu giocattolosa!! questa merita sia dentro che fuori!!
Ritratto di Wikowako
3 settembre 2019 - 19:59
Molto ma molto meglio della I serie. In generale noto che quasi tutte le case stanno valorizzando il design e proponendo interni molto validi e curati anche per modelli non top di gamma.
Ritratto di Mucho
3 settembre 2019 - 20:23
Se mettono su un bel diesel sui 120/130 cavalli non mi dispiacerebbe per niente
Ritratto di Mimas Turbo
3 settembre 2019 - 21:13
2
Non male ma preferisco la "cugina" francese Renault Captur.
Pagine