NEWS

Sconto pedaggio alle moto: solo una proroga. E c’è un “buco di cassa”

13 febbraio 2018

Lo sconto per le moto finisce a luglio 2018, dunque non diventa permanente. La differenza la mettono automobilisti e camionisti.

Sconto pedaggio alle moto: solo una proroga. E c’è un “buco di cassa”

PER POCHI MESI - Lo sconto sui pedaggi delle moto resta sino a fine giugno 2018, ma non diventa strutturale: è quanto emerso dal tavolo cui hanno partecipato i gestori delle autostrade e il ministero dei Trasporti. Tutto era nato a fine luglio scorso (vedi news qui):  pedaggi scontati del 33% dal 1° agosto al 31 dicembre 2017. I motociclisti possono usufruire di questa riduzione solo attraverso l’attivazione di un Telepass abbinato in esclusiva alla targa del veicolo a due ruote: devono pagare un canone mensile. Già all’epoca il ministro dei Trasporti, Graziano Delrio, aveva definito questo provvedimento “provvisorio e sperimentale”. E per eventuali sconti da luglio 2018 (la stagione in cui i motociclisti, grazie al bel tempo, viaggiano di più) deciderà il governo. Ma attenzione: stando a quanto riporta il Sole 24 Ore, ministero e gestori non hanno neppure accennato alla possibilità di rendere gli sconti strutturali. Né di riconoscere alle moto una classe tariffaria meno onerosa. Insomma, quella che era stata annunciata da qualcuno come una rivoluzione, s’è rivelata per ora una misura poco incisiva.

CHI PAGA QUEGLI SCONTI - Il fatto è che, su alcune tratte autostradali, lo sconto sui pedaggi per le moto verranno pagati da tutti gli altri utenti (automobilisti e camionisti): i gestori attueranno rincari al casello, per recuperare i mancati incassi durante la sperimentazione. Perdite che ammontano a circa 200.000 euro. Ogni gestore, applicando il contratto di concessione fra Stato e concessionaria (la cosiddetta convenzione), ha diritto ad alzare le tariffe in proporzione al mancato introito: è proprio quanto accaduto per gli sconti ai pendolari del 2014 (vedi news qui). Alla fine, l’aumento dei transiti delle moto non sta compensando i minori incassi: ha influito negativamente l’obbligo, per i motociclisti, di registrare un contratto Telepass, senza considerare che il test è partito ormai a estate iniziata.

 

 

Aggiungi un commento
Ritratto di Francesco_93
13 febbraio 2018 - 14:49
ma andate affanculo...il risultato è che ora grazie a questi aumenti io tutti i giorni mi faccio la strada normale anzichè l'autostrada, così io mi risparmio 5 euro al giorno e voi li perdete
Ritratto di Lo Stregone
15 febbraio 2018 - 10:23
Appena ci faranno pagare anche il resto delle strade (perchè ci arriveremo prima o poi visto che non sanno più dove tassare), staremo anche peggio di adesso.
Ritratto di Mbutu
13 febbraio 2018 - 16:04
Un piccolo appunto visto che si continua a far passare il messaggio sbagliato. Non si è mai trattato di avere uno sconto. Ma di ottenere il riconoscimento di una specifica classe tariffaria. Sarebbe come dire ad un camionista che le auto hanno uno sconto. Da motociclista non vedo per quale logica dovrei pagare come un mezzo che ha il doppio delle mie ruote ed un peso che, ad andare bene, è 5 volte il mio.
Ritratto di Supergivan
13 febbraio 2018 - 16:26
concordo: il messaggio passato è completamente differente dalla realtà...
Ritratto di Ivan92
13 febbraio 2018 - 16:26
5
Concordo pienamente
Ritratto di Lo Stregone
15 febbraio 2018 - 10:26
Come al solito siamo in un luogo nel quale qualcuno, invece di spiegare cose semplici, ci complica l'esistenza, elaborando cose complesse e false.
Ritratto di Mbutu
13 febbraio 2018 - 16:06
Aggiungo, quella di obbligare al telepass è stata una porcata fatta apposta per far fallire l'esperimento. Però mi sento di dare una tirata di orecchie ai fratelli biker perchè la spesa veniva riassorbita in fretta a fronte di un notevole guadagno in termini di sicurezza.
Ritratto di Lo Stregone
15 febbraio 2018 - 10:28
Sicuramente se l'idea è stata partorita (meglio non pensare chi l'ha partorita) ma non ha dato risultati, qualche trucco esiste.
Ritratto di Ivan92
13 febbraio 2018 - 16:40
5
Quindi la logica è che le moto hanno diritto ad uno "sconto" ma solo se hanno il telepass, mentre tutti gli altri veicolo hanno un aumento per compensare lo sconto delle moto. Quindi io con la mia moto (senza telepass) pago di più per compensare lo sconto per le moto. Evviva! E se vi dicessi che in realtà le moto non dovrebbero avere diritto a nessuno sconto ma dovrebbero avere diritto ad una tariffa tutta loro? (50% in meno delle auto e non 33% di "sconto")
Ritratto di Lo Stregone
15 febbraio 2018 - 10:30
Non sarà poi che fra qualche tempo qualcuno ci dirà che si sono sbagliati a parlare e in buona sostanza si pagherà tutti senza sconti e magari con un'aumento nascosto?
Pagine