NEWS

Skoda Octavia: al via gli ordini

Pubblicato 03 giugno 2020

Nelle concessionarie da settembre 2020, la quarta generazione della Skoda Octavia debutta con tre motori e due allestimenti. Prezzi da 27.250 euro.

Skoda Octavia: al via gli ordini

ANCHE IBRIDA, MA NON SUBITO - Dopo averla svelata a novembre, la Skoda apre gli ordini della nuova berlina media Skoda Octavia e della sua variante wagon: le prime consegne sono attese a settembre 2020, con prezzi da 27.250 euro (1.050 euro in più per la Octavia Wagon). I primi motori ordinabili per l’edizione 2020 della Skoda Octavia sono il 4 cilindri turbo benzina 1.5, da 150 CV, e il turbo diesel 2.0: è nelle versioni da 115 e 150 CV, quest’ultima solo con il cambio robotizzato doppia frizione DSG a 7 marce (per gli altri motori c’è il manuale a 6 rapporti). Arriveranno successivamente il benzina 1.0 TSI da 110 CV con l’ibrido leggero, il 1.5 da 150 CV alimentato a metano e i due ibridi con batterie ricaricabili dall’esterno, con 204 e 245 CV.

LE DOTAZIONI - Due gli allestimenti per la Skoda Octavia: l’Executive ha di serie i fari a led, i sensori di distanza posteriori, il cruscotto digitale e il sistema multimediale con connettività per smartphone, oltre alla frenata d’emergenza (anche nelle “retro”), il regolatore di velocità adattivo con funzione di arresto e ripartenza automatica, il sistema per il mantenimento della corsia e quello che previene l’assopimento del guidatore. Lo Style, a 1.250 euro in più, aggiunge il sistema di accesso a bordo senza chiave, l’illuminazione interna a led, le ruote di 17”, i sensori di distanza anteriori e la telecamera posteriore di parcheggio.

Skoda Octavia Wagon
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
32
26
12
10
11
VOTO MEDIO
3,6
3.637365
91


Aggiungi un commento
Ritratto di remor
3 giugno 2020 - 20:12
La Panda dei paesi benestanti... Col nuovo frontale guadagna/guadagnerà, imho, ulteriormente punti (e clienti). Unico neo: come diesel 115-120CV ci avrei visto decisamente più adatto un 1.6cc; il 2.0cc lo avrei riservato alla versione da 150CV ed eventualmente anche una versione 180CV
Ritratto di fedevidrik93
3 giugno 2020 - 20:32
2
Si in effetti hanno già in casa il 1.6 da 115cv. Secondo me sarebbe la scelta più equilibrata per chi fa tanti km ma nel contempo non vuole avere da gestire un 2.0
Ritratto di Delfino1
4 giugno 2020 - 07:48
Non ha nulla di così drammatico gestire un 2.0 a gasolio. Probabilmente consumerà anche meno del 1.6
Ritratto di ELAN
5 giugno 2020 - 15:34
1
Infatti, nemmeno un 2.2.
Ritratto di Antonio D.
3 giugno 2020 - 21:01
1
Si vede che non ha mai viaggiato su una delle ultime Skoda.. Sostanza e sicurezza al top e prezzi accessibili. Altro che Panda dei paesi benestanti...
Ritratto di Giuliopedrali
3 giugno 2020 - 21:25
Ci ho viaggiato si, ma cosa sarebbe al top... La sostanza forse.
Ritratto di Meandro78
4 giugno 2020 - 07:04
Si definisce con un brutto inglesismo "rightsizing", anche se credo il termine se lo sia inventato il marketing Mazda... Inutile mettere alla frusta un motore troppo piccolo che lavorerebbe sempre a regimi al limite, aumentandone l'usura. Infatti non capisco perché poi si citi il consueto frullino 1.0 su una vettura di questa stazza. Sarà vper fare un entry level virtuale?
Ritratto di remor
4 giugno 2020 - 08:47
Effettivamente a sto punto, se la filosofia era quella, potevano per coerenza depotenziare anche sul versante benzina il 1.5 tsi a 110CV, anziché ricorrere al frullino 1.0 che in questo caso (coi suoi non penso più di 200Nm) davvero sì appare alquanto sottomisura per il tipo di vettura (i diesel 1.5-1.6cc fanno benissimamente 320Nm di coppia = non hanno certo problemi di sottodimensionamento o addirittura di affanno su una vettura come la Octavia)...
Ritratto di marcoveneto
4 giugno 2020 - 08:29
Tranquillo arriverà anche la 2.0 TDI da 200 cv...La scelta di mettere il 2.0 da 115 cv, sarà sicuramente legata alle emissioni.
Ritratto di remor
4 giugno 2020 - 08:41
Bah.. Io, per dire, quando su Giulia e Stelvio misero il diesel 2.2 invece del """classico""" 2.0cc non mi ricordo di particolari apprezzamenti, anzi; ed era in quel caso solo un 10% di incremento cilindrata (invece che un abbondante 20% del passare da un 1.6 a un 2.0). Ma anche quando Honda usava il 2.2 diesel sulla Civic mi sembrava di ricordare un'abbondanza di dissensi per l'ultracilindrata. O anche le cilindrate "ingrossate" che utilizza Mazda (anche se in tal caso v'è la peculiarità del ciclo termico adottato). Mi ero più che altro rifatto al sentir comune del tempo, che pensavo fosse ancora in voga
Pagine