NEWS

Skoda Octavia: dotazione più ricca per RS e Scout

31 ottobre 2017

La Octavia RS riceve cerchi maggiorati e un nuovo sistema multimediale, disponibile anche sulla Octavia Scout insieme ai fari a led.

Skoda Octavia: dotazione più ricca per RS e Scout

PIÙ CONTENUTI - Dopo aver migliorato l’equipaggiamento di serie sull’utilitaria Fabia Twin Color (qui la news), la Skoda fa lo stesso sulle berline Skoda Octavia RS e Octavia Scout (rispettivamente a destra e sinistra nella foto sopra) e aggiunge alla dotazione di serie degli optional finora a pagamento; migliora così il rapporto fra prezzo e contenuti delle due automobili. La RS è la più sportiva delle Octavia, e coerentemente entrano a far parte dell’equipaggiamento le ruote in lega da 18 pollici e il sistema Driving Mode Select, per gestire alcune caratteristiche dell’auto in funzione dello stile di guida: tramite il selettore è possibile “affilare” la risposta dell’acceleratore e del cambio automatico (quando presente). Arrivano inoltre lo schermo touch di 8 pollici, le connettività Apple CarPlay e Android Auto e una presa Usb per ricaricare lo smartphone.

DI SERIE I FARI A LED - La Skoda Octavia RS è ordinabile con carrozzeria berlina a cinque porte (foto qui sopra) o famigliare, e prezzi da 30.980 euro. I motori sono due: il 2.0 TSI a benzina da 245 CV e il diesel 2.0 TDI da 184 CV, disponibile di serie con il cambio manuale a 6 rapporti o in opzione con il robotizzato a doppia frizione DSG a 6 marce (sul benzina è di serie il DSG a 7 marce). La Octavia Scout (foto qui sotto) ha un carattere ben diverso da quello della RS; grazie all’assetto rialzato di 3,1 cm, alla trazione integrale e alle protezioni in plastica sulla scocca, che la riparano dal pietrisco e dai piccoli graffi, è più a suo agio sulle strade sterrate o innevate. Il suo equipaggiamento include ora i fari anteriori a led, i lavafari a scomparsa integrati nel fascione, il Driving Mode Select (con la modalità di guida Off-Road) e lo schermo touch da 8 pollici, identico a quello montato sulla Octavia RS. In questo caso la carrozzeria è solo famigliare (da 31.940 euro) e il motore solo a gasolio 2.0 TDI, da 150 CV o 184 CV.

UNA MARCIA AGGIUNTIVA PER LA SUPERB - Il costruttore ceco ha migliorato anche la dotazione tecnica della più grande e ricca Skoda Superb, perché il motore diesel 2.0 TDI da 190 CV si abbina ora al cambio automatico doppia frizione a 7 marce e non più a quello a 6 rapporti. 

Skoda Octavia
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
80
119
55
35
59
VOTO MEDIO
3,4
3.36207
348
Aggiungi un commento
Ritratto di twinturbo
31 ottobre 2017 - 13:14
Nella foto della octavia berlina verde (vista dal retro) qualcuno mi sa dire se ambo le marmitte sono reali o se solo a quella di sinistra arriva effettivamente il corpo marmitta? Dal cellulare non si evince bene
Ritratto di all'avanguardia della truffa2
31 ottobre 2017 - 13:21
Una è finta, l'altra è inquinante.
Ritratto di twinturbo
31 ottobre 2017 - 13:30
Scusami se ti interpello, ma ho visto che sul sito sei fra i pochi che riesce a discernere (non facendosene incantare) fra marketing e questioni automobilistiche reali: tu sai che a cosa sarebbe dovuta questa nuova moda di aver gli scarichi farlocchi, cioè intendendo proprio del tutto disconnessi dalla marmitta vera e propria? Una volta a quei (in genere ragazzini neo patentati) che dalle mie parti lo facevano sulla citycar dei genitori (mettevano pure un sacco di luci/stop superflue di stop e etichette/scritte poco attinenti alla realtà del modello e versione della propria auto) venivano sfottuti a vita, ora è diventata una moda magari semipremium? Bah
Ritratto di all'avanguardia della truffa2
31 ottobre 2017 - 14:03
Sempre meglio di essere inqulati. Perversi!
Ritratto di bridge
31 ottobre 2017 - 15:27
1
Hahahahaha grande Barracuda!
Ritratto di all'avanguardia della truffa2
31 ottobre 2017 - 15:28
Quando il motto di un'azienda è sottolineare con forza l'incondizionata fiducia del cliente, scoprendo di averlo bellamente truffato per anni, prima, per negargli fermamente il GIUSTO e sacrosanto diritto di ricevere il dovuto risarcimento, poi. Quando, con lo scopo di inscenare una colossale e vergognosa truffa, la stessa azienda non riesce oppure non vuole rispettare gli obblighi imposti dalle normative vigenti, pur vantando di possedere un' insuperabile padronanza della tecnica senza pari. Quando, pur di raggiugere i propri ignobili progetti, definisce il proprio marchio l' assoluto riferimento dell'AUTO, finendo per costruire, invece, volgari esempi di prodotti taroccati su ruote, è impossibile non rendersi conto di come il marciume di quell'azienda, fuoriuscito anche grazie al massiccio aiuto finanziario di un potente governo che la controlla e continua a proteggerla nonostante tutto, con l'evidente disparità di una legge che incomprensibilmente la avvantaggia sulla diretta concorrenza, in barba a qualsivoglia legge di salvaguardia del libero mercato, abbia ormai superato da tempo il punto di non ritorno, oltre i limiti più assurdi dell' umana decenza.
Ritratto di bridge
31 ottobre 2017 - 16:10
1
Tu non sei un cliente truffato. Che ti interessa?
Ritratto di Dirk
31 ottobre 2017 - 17:04
Povero all'avanguardia... che fa pubblicità ogni volta che commenta. 'Quei due o tre poveretti' alla fine sono la stessa persona.
Ritratto di all'avanguardia della truffa2
31 ottobre 2017 - 18:48
Il menefreghismo non è mai stata una soluzione alle pratiche scorrette. L'invidia per un'azienda che ha fatto del proprio business uno scandalo senza precedenti? Calpestava le leggi, manifestando allo stesso tempo la chiara volontà di rispecchiarsi nella fiducia incondizionata del cliente, l'esempio dell'avanguardia della tecnica e il riferimento assoluto del comparto auto. Tutti valori ampiamente immeritati a seguito di una vicenda che l'ha resa l' assoluta protagonista di una vergognosa truffa prima, e l'irresponsabile insolvente delle molteplici richieste risarcitorie, da parte dei clienti indignati di tutto il mondo, poi.
Ritratto di Dirk
31 ottobre 2017 - 20:05
Eh, già come il menefreghismo verso le truffe delle banche italiane e che ai risparmiatori sono costati i sudati risparmi di tutta una vita. Poveri risparmiatori italiani...
Pagine