NEWS

Toyota: meno incidenti per le auto con l’ausilio al parcheggio

28 dicembre 2016

Il sistema ICS, secondo la Toyota, è fondamentale per ridurre il numero di incidenti a bassa velocità.

Toyota: meno incidenti per le auto con l’ausilio al parcheggio

NETTA RIDUZIONE - La Toyota ha condotto per 18 mesi una ricerca sulla sua tecnologia di assistenza al parcheggio Intelligent Clearance Sonar (ICS), che rileva la presenza di eventuali ostacoli nei dintorni dell’auto e riduce la probabilità di commettere un incidente quando la persona alla guida sta effettuando un parcheggio. Dalla ricerca è emerso un calo pari a circa il 40% nel numero di urti in retromarcia e di circa il 70% per l’utilizzo improprio dell’acceleratore, ad esempio nei casi di guida a bassa velocità oppure di uscita dalle aree di parcheggio. In queste condizioni l’ICS della Toyota attiva la funzione di freno automatico e rallenta l’auto prima che colpisca l’ostacolo.

TECNOLOGIA UTILE - L’indagine è cominciata a gennaio 2015, è stata basata sui resoconti di 2.500 incidenti registrati da compagnie assicurative e ha coinvolto 63.000 automobili vendute in Giappone: la berlina Prius e le monovolume Alphard e Vellfire. Una parte di queste vetture (circa 26.000) era equipaggiata con la tecnologia ICS e ha fornito le statistiche da confrontare con quelle dei modelli privi del sistema. Lo studio effettuato dalla Toyota dimostra che i più moderni sistemi di assistenza al parcheggio rappresentano una buona soluzione non soltanto per facilitare le manovre di entrata e uscita, ma anche per scongiurare danni alla carrozzeria e spiacevoli interventi dell’assicurazione, che vanno poi ad incidere sul premio annuo. Il sistema ICS è montato anche sulla Lexus RX.

Aggiungi un commento
Ritratto di nicktwo
28 dicembre 2016 - 15:31
vado oltre e dico che il park assist automatic lo ritengo un ausilio validissimo sulle suv ed eventualmente anche le citycar che vanno a finire in mano alle signore... mentre un costo da evitare su berline sportive (vedi giulia tutte e giulietta veloce) perche' se fai quel tipo di acquisto deve avere un minimo di capacita' alla guida... saluti
Ritratto di marcoluga
28 dicembre 2016 - 18:01
Le sportive, con visibilità ridottissime, sono al contrario quelle che ne hanno maggior bisogno.
Ritratto di nicktwo
28 dicembre 2016 - 15:33
quindi vista l' attuale connotazione del marchio japponese ok per tutta la gamma tranne gt86 (e supra, se la faranno)... risaluti
Ritratto di NITRO75
28 dicembre 2016 - 15:51
Ma dov'è la novità? I sensori sono validissimi dal mio punto di vista. Non li ho mai avuti sulle auto precedenti ma ora è due anni che li utilizzo e ne sono felicissimo. Inutile invece il discorso fatto in Suzuky con new Vitara dove viene proposta la retrocamera senza i sensori, come primo equipaggiamento. Non mi serve vedere dove vado, o meglio, mi serve ANCHE vedere dove vado, ma preferisco avere un avviso visivo/sonoro della situazione. Il park assist, per come guido e parcheggio io, lo vedo una cosa solo scenografica. Inoltre scovare un parcheggio delle dimensioni idonee al sistema, non è cosa semplice. Secondo me con le auto moderne sono sempre più importanti, a qualunque categoria esse appartengono. Le linee sono rastremate, affusolate per assecondare il cx ma sfavorire le percezioni degli ingombri. Guardate la nuova C-HR; cosa credete di vedere dietro in un parcheggio?
Ritratto di AlexTurbo90
28 dicembre 2016 - 20:45
Concordo in toto!
Ritratto di MAXTONE
29 dicembre 2016 - 01:55
Ma infatti uno stordito clamoroso che avevo contattato due anni orsono rispondendo al suo annuncio di vendita di una IS 220d luxury del 2006 lo sentii al telefono e se ne uscì dicendomi "I sensori posteriori li ho fatti disattivare perché che me ne facevo? C'è la retrocamera..." Io senza parole...poi quando gli chiesi se la qualità del lettore dvd fosse ancora ottimale dopo dieci anni mi rispose "Ma scherzi? Giorni fa mentre ero sul raccordo guardavo "Il buono, il brutto e il cattivo" e sembrava di essere nel film"...@ltro che che quel poveretto morto con la Model S con l'autopilot mesi fa mentre guardava un film guidando praticamente nel deserto! Questo si guardava un film su un auto di dieci anni fa ovviamente sprovvista di ausili alla guida, sul raccordo e chissà, magari pure durante l'ora di punta!
Ritratto di neuro
29 dicembre 2016 - 16:17
ciao ho avuto una Grand Vitara (ora una bmw) con telecamera ma senza sensori posteriori. per me i sensori sono più utili della telecamera. se l'ostacolo è al centro la telecamera va bene, ma se l'ostacolo rimane sulla sinistra o destra non capisci se gli stai andando addosso, mentre i sensori ti avvertono.
Ritratto di Gianlupo
28 dicembre 2016 - 17:05
Io mi chiedo solo se tramite l'impiego di radar, lidar o altro non sia possibile affrancarsi da quegli orrendi sensori che rovinano il design dei paraurti, ormai perfettamente integrati nella carrozzeria (un tempo sulle sportive, ma non solo, si toglievano quelli d'acciaio per dare un piglio racing all'auto: oggi, finalmente, "nascono" tutte così). Un elemento unico, "annegato" in qualche componente del corpo vettura e che assolva alle medesime funzioni: possibile che non ci sia ancora?
Ritratto di Corvette
28 dicembre 2016 - 18:08
Una cosa che ho trovato interessante in BMW è la possibilità di avere i poggiatesta reclinabili, aumentano e non di poco la scarsa visuale delle auto odierne. Io ho solo i sensori e devo ammettere che sono molto utili, soprattutto quello anteriore, avendo il cofano lungo parcheggiare non è semplice. Penso un parcheggio automatico pieno di sensori possa essere un toccasana per molti, è pieno di auto con paraurti graffiato e cerchi in lega rovinati.
Ritratto di Fr4ncesco
28 dicembre 2016 - 20:46
Ad un buon automobilista bastano gli specchi retrovisori esterni per muoversi in un fazzoletto, tuttavia non tutti sono ugualmente abili e questi dispositivi possono risultare utili, soprattutto alla donna o al vecchietto che ha posteggiato vicino alla nostra auto!
Pagine