NEWS

Una Fiat 500 al MoMa di New York

14 dicembre 2018

Il celebre museo d'arte moderna esporrà una 500 L del 1968, nell'ambito di una mostra sul design degli oggetti di uso comune.

Una Fiat 500 al MoMa di New York

VETRINA PRESTIGIOSA - Da febbraio sarà esposto un pezzo d'Italia al MoMa di New York, uno fra i principali musei di arte moderna al mondo. I curatori hanno deciso infatti di mostrare al pubblico una Fiat 500 F del 1968, acquistata a luglio 2017 e inserita nella mostra The Value of Good Design, che raccoglierà fino al 27 maggio oggetti di uso comune venduti fra gli Anni 30 e 50 dallo stile inconfondibile e dal prezzo non troppo elevato: ci sono ad esempio la macchina fotografica di epoca sovietica Werra, una cucitrice della Mitsubishi e la poltrona dell'architetto Lina Bo Bardi.

LA 500 PIÙ VENDUTA - La Fiat 500 in allestimento F ha esordito nel 1965 ed è la versione più fortunata dell'utilitaria torinese, nonché la prima con le portiere imbullonate davanti (non si aprivano più controvento). Fra le novità ci sono anche il rinnovato fregio anteriore, il parabrezza (più ampio), le cornici dei fari anteriori, gli interruttori nella plancia ed il serbatoio, rivisto nella forma e maggiorato a 22 litri. Il motore a due cilindri di 0,5 litri raggiunge in questa versione i 18 CV.

Fiat 500
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
439
166
87
72
116
VOTO MEDIO
3,8
3.84091
880




Aggiungi un commento
Ritratto di Giuliopedrali
15 dicembre 2018 - 11:42
Stupenda, ci ho anche viaggiato, prima sei terrorizzato dalla mancanza totale di sicurezza, poi non vuoi più scendere. Un capolavoro, come anche quella contemporanea, però il problema oggi è che Fiat ha solo quello di prodotto valido.
Ritratto di Gianlupo
15 dicembre 2018 - 19:56
Prodotto valido? I benzina sono improponibili (un attempato 1.2 a iniezione diretta che consuma come un offshore ed il TwinAir, mai visto in versione aspirata peraltro, che non per niente sarà presto messo fuori produzione). Fiat ha fatto di necessità virtù "sviluppando le tecnologie bi-fuel" (che risalgono alla notte dei tempi) unicamente per ovviare allo scarso rendimento di queste unità (che consumano più di un 2 litri ben progettato, ipoteticamente montato su un'auto di seg. A). Sul diesel (su una seg. A?!?) stendiamo un velo pietoso: continuo intasamento del DPF, mai risolto, diluizione dell'olio, mai risolta, e conseguenti e costosi cambi olio, rigenerazioni forzate in officina, interventi vari ecc. Speriamo che i nuovi FireFly, magari in versione aspirata (con fasatura azzeccata che assicuri sia tiro ai bassi che allungo agli alti, laddove VAG c'è riuscita con gli ottimi 1.0 MPI) e su un corpo vettura ovviamente ben più leggero di quello di 500X e Renegade, riescano ad avere dei consumi quantomeno decenti. Più in generale è abbastanza stupido progettare 3/4 cilindri da 120/150 cv (potenze che ben si adattano, semmai, a motori aspirati da 1.5-2.0 litri, eventualmente con fasatura variabile). Speriamo in bene, ma la situazione attuale, eccetto per le bi-fuel, non è certo rosea. Poi, che la gente con queste macchine faccia pochi chilometri e qualsiasi cosa sotto il cofano vada bene (ma è come se pagassero la benzina un buon 25% in più) è un altro paio di maniche. Io con la Panda 1.3 Multijet turbodiesel sostitutiva, a suo tempo, facevo i 180 di tachimetro in autostrada (allora non c'era il Tutor) e la macchina andava praticamente ad aria. Stessa auto sostitutiva, ma col 1.2, e stessa guida e i consumi erano semplicemente assurdi (con prestazioni neppure lontanamente confrontabili). In sintesi, vista la concorrenza sempre più agguerrita, o si danno seriamente da fare sul fronte dei motori o anche l'appeal di queste belle macchine finirà per non avere più alcun effetto sui potenziali clienti (le coreane costituiscono già oggi delle ottime alternative, con dotazioni di tutt'altro livello, per giunta, e durate della garanzia che FCA non si sogna nemmeno di proporre, per il semplice fatto che non potrebbe. Prodotto valido? Forse viene percepito come tale perché, si sa, gli italiani le utilitarie le sanno costruire bene, considerata la loro resistenza alla comune modalità di guida "poco ortodossa", in città con traffico e strade da terzo mondo.
Ritratto di Gianlupo
15 dicembre 2018 - 19:56
1.2 rigorosamente "indiretto"...
Ritratto di napolmen4
15 dicembre 2018 - 22:53
Sempre meglio del 1.0 mpi 60cv 3 cilindri...
Ritratto di Gianlupo
16 dicembre 2018 - 14:22
Stai scherzando, vero? Quel mille arriva fino a 80 cv, consuma niente, ha un tiro ai bassi eccezionale ed allunga senza limiti fino a ben oltre i 6'000 giri/min (con un bel rombo). Nell'andamento a strappi del traffico non inietta inutilmente benzina nei cilindri ad ogni ripartenza (che in realtà serve solo a coprire qualche metro per poi doverti fermare di nuovo). Nelle peggiori e più prolungate condizioni di traffico un MPI fa tranquillamente i 18 km/l (consuma solo quello che decidi tu premendo sull'acceleratore), mentre un TSI, o similare di qualsiasi marca, scende clamorosamente, a prescindere da ogni accortezza, fino a 10 km/l. Siccome fa tutto la centralina, la corsa dell'acceleratore è solo un parametro fra i tanti (per questi nuovi turbo benzina il sw ha bisogno di ulteriori e significativi affinamenti). Il 1.2/TA FCA li comprerei solo a GPL/GNC; sono obsoleti/mal concepiti e l'alimentazione alternativa, col vantaggio di non richiedere particolari complicazioni tecniche, li rende comunque interessanti (il 1.2 poi è sicuramente robusto). Speriamo nei FireFly; che siano degni eredi degli ottimi Fire degli anni '80. La delusione per la scarsità del TA è stata assoluta; si sperava in un bell'aspirato con sonorità simile alla 500 d'antan (non soffocato dal turbo), ma non è mai arrivato. Un progetto abbandonato a sé stesso, che ha trovato una sua ragione solo con l'alimentazione a metano (che peraltro si ritrova, in versione tecnicamente più avanzata, anche nella gamma VAG).
Ritratto di napolmen4
16 dicembre 2018 - 16:24
Te lo ripeto.....il firefly aspirato e' 77cv Multiair diretto ......e quindi? Parlami di nuovo del mpi 60 e 75....
Ritratto di Gianlupo
16 dicembre 2018 - 23:26
Ti ho detto che l'MPI ha fino a 80 cv, nella versione attuale, e il FireFly ne ha 72, che diventano 77 per la versione brasiliana a etanolo (per cui è stato evidentemente ottimizzato). Quindi? Eppoi, certo che parliamo ancora dei 60 e 75 cv, perché tanto la menata è sempre la stessa: coppia x numero di giri = potenza. Quindi, è solo una questione di mappatura della centralina. Ne vuoi 90 di cavalli? Fallo arrivare a 7'000 giri/min e te li dà. L'alimentazione MultiAir, senza il turbo che compensa, ma solo parzialmente, non è capace di tanto allungo. La stessa BMW non impiega l'analoga tecnologia Valvetronic per i suoi motori più prestazionali. Il Valvetronic, peraltro, è più razionale nella concezione e più preciso nel funzionamento rispetto al Multiair, in quanto del tutto indipendente dalla condizioni fisiche dell'olio motore (temperatura, pressione, viscosità, ecc.). Del resto, se il Multiair fosse stato una tecnologia valida, come lo è stata il Common Rail, l'avrebbero già venduta... I "nostri" finanzieri, in pura logica economica, adesso vogliono solo arrivare al break even in termini di unità prodotte, a prescindere, visto che per il Multiair in tutte le sue declinazioni è costato veramente tanto in R&D. Giusto per portarti un esempio concreto: nei motori super-prestazionali sia motociclistici che automobilistici, omologati per la circolazione o da competizione, un'alimentazione simil-camless è semplicemente improponibile. Poi, per me puoi andare in giro anche col due tempi della Trabant; quello è "camless" proprio.
Ritratto di napolmen4
17 dicembre 2018 - 13:05
Riassumendo la tua menata sono meglio i motori a carburatore aste e bilancieri fine anni 70 ma come mai ha vinto l'engine year 2009 (best technology pure) ...10...ed '11 sul 1.4? ....allora concordi che tali premiazioni sono delle falsita' pilotate....
Ritratto di Gianlupo
17 dicembre 2018 - 14:47
Nel 2009 il 1.0 TSI, fratello dell'MPI, ha vinto l'International Engine of the Year Award; non so quindi di cosa stai parlando. Forse ci sono troppi premi in circolazione... Alla fine, è banale lo so, ma sono solo i fatti che contano.
Ritratto di napolmen4
17 dicembre 2018 - 17:51
... niente....ancora co sto turbo......oramai 6 come la crema sopra al water...
Pagine