Volkswagen Polo: a Ginevra con un carico di novità

26 febbraio 2014

In anteprima i nuovi motori "economi" BlueMotion, sia diesel sia a benzina. E poi, la sportiva BlueGT e la variante CrossPolo.

Volkswagen Polo: a Ginevra con un carico di novità
POKER DI NOVITÀ - Presentata a fine gennaio in veste leggermente rivista, la Volkswagen Polo si mostrerà a Ginevra nella variante di carrozzeria CrossPolo. Non solo, ma porterà all’esordio i motori TSI e TDI BlueMotion e il nuovo BlueGT, forte di 10 CV extra rispetto alla generazione precedente. La Volkswagen presenterà inoltre i nuovi pacchetti R-Line che regalano un pizzico di sportività agli esterni e agli interni della Polo. Per la prima volta, il marchio BlueMotion viene affiancato ad un motore a benzina: in arrivo nel corso dell’anno il nuovo 1.0 tre cilindri turbo da 95 CV che, secondo la Volkswagen copre fino a 24,3 km con un litro di carburante. Il nuovo turbodiesel tre cilindri 1.2 BlueMotion da 75 CV consente, sempre secondo quanto dichiarato, di risparmiare 0,2 litri ogni 100 km arrivando a percorrere in media 32,2 km con un litro. Risultati raggiunti grazie anche all’affinamento aerodinamico e agli pneumatici a bassa resistenza al rotolamento. Esclusivi dei modelli BlueMotion la vernice Blue metallizzata, i cerchi in lega da 15 pollici “Buenos Aires” e i rivestimenti in tessuto dei sedili. 
 
 
VA DI PIÙ CONSUMANDO MENO - Il motore 1.4 TSI della Polo BlueGT eroga ora 150 CV (rispetto ai precedenti 140 CV) e 250 Nm di coppia, ed è abbinato ad una cambio manuale a sei marce o all’automatico DSG a sette rapporti. La velocità massima cresce di 10 km/h arrivando a 220 km/h mentre i consumi calano di circa 0,3 litri per 100 km grazie alla disattivazione temporanea dei cilindri. Ciò si traduce in una percorrenza di 20,8 km con un litro per la Polo BlueGT con cambio manuale e di 21,2 in combinazione con il DSG. Specifica la caratterizzazione estetica che prevede un assetto ribassato di 15 mm, cerchi da 17 pollici, spoiler sul tetto, paraurti modificati, minigonne e fanali posteriori bruniti. 
 
 
VOCAZIONE OFF ROAD - L’anima da avventuriera (e solo quella) della variante CrossPolo della citycar tedesca è evidenziata dalle protezioni sottoscocca di color argento su entrambi i paraurti e dai particolari di carrozzeria non verniciati. Specchietti e mancorrenti sono in argento, i cerchi da 17 pollici mentre sono disponibili due nuovi colori metallizzati: Honey Orange e Titanium Beige. Quanto ai motori, la Volkswagen CrossPolo in Europa potrà essere equipaggiata con tre motori a benzina e tre diesel con potenze da 75 a 110 CV. 
 

Volkswagen CrossPolo.
 
PER UN PO’ DI PEPE - Il nuovo pacchetto R-Line, disponibile in combinazione con gli allestimenti Comfortline e Highline, aggiunge calandra e prese d’aria ridisegnate in nero lucido, paraurti specifici, diffusore posteriore, spoiler e terminali di scarico cromati. A scelta cinque modelli di cerchi in lega, due da 16 pollici e tre da 17. L’abitacolo guadagna sedili sportivi (anche in pelle e alcanatra), volante multifunzione sportivo, listelli battitacco, pedaliera in acciaio e padiglione nero.
Volkswagen Polo
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
90
88
72
38
99
VOTO MEDIO
3,1
3.082685
387


Aggiungi un commento
Ritratto di Mattod
26 febbraio 2014 - 15:21
Dalle prime foto del restyling sembrava molto più cambiata... Alla fine da queste foto sembra che il cambiamento più grosso sia stato dentro (considerazione puramente estetica).
Ritratto di plantini
26 febbraio 2014 - 15:46
Pneumatici a bassa resistenza al rotolamento???
Ritratto di M93
26 febbraio 2014 - 17:28
Sono particolari tipi di pneumatici che adottano mescole particolari, nonché misure più strette delle normali, proprio per ridurre quanto più possibile la resistenza al rotolamento (moto di un corpo sopra una superficie in quiete, ovvero immobile), aiutando (insieme ad appendici aerodinamiche, lubrificanti speciali per trasmissione e motore e mappatura specifica del cambio etc) a ridurre i consumi. Saluti ;)
Ritratto di M93
26 febbraio 2014 - 16:06
Varianti che vanno ad integrare ed estendere una gamma già abbastanza ricca, a livello di motorizzazioni e allestimenti. Diversamente da quanto sostiene l'articolo, la BlueGt (come anche la Crosspolo) non è affatto una variante nuova, mostrata per la prima volta: era già presente nella versione pre restyling in molti paesi (Italia esclusa), con un 1.4 TSI da 140 cv, con sistema di disattivazione dei cilindri. Anche perché nel sottotitolo c'è scritto "per la prima volta', mentre nell'articolo vengono indicate le caratteristiche del nuovo motore, e si fa riferimento anche al vecchio: per cui, il modello esisteva già.
Ritratto di API752
26 febbraio 2014 - 16:26
Io mi potrei ritenere un "Fiattaro", ma a me la Polo è sempre piaciuta!!!! Questa Polo cross mi piace un sacco!!!! Bravi, complimentarsi con la concorrenza è segno di maturità!?!? Forse bo
Ritratto di gio.G
26 febbraio 2014 - 17:20
20
Che bella la Polo!
Ritratto di gio.G
26 febbraio 2014 - 17:20
20
Che bella la Polo!
Ritratto di Surrogato
26 febbraio 2014 - 19:43
A me risulta che il nuovo diesel a tre cilindri sia un 1.4 e non un 1.2.
Ritratto di Gianlupo
28 febbraio 2014 - 11:33
...il modulare 1.2 derivato per asportazione d'un cilindro dal problematico 1.6 (che però consumava meno, anche se poi i costi di riparazione annullavano, e annullano, il risparmio) è ora divenuto 1.4. La cilindrata unitaria si avvicina quindi a quella ottimale di 450 cm3 (alla base dell'ottimo rendimento dei 4 cilindri 1'900). Cilindri più grossi insomma, pertanto meno attriti, e pare che in effetti questo 1.2 funzioni meglio del 1.6 (o forse ne hanno solo venduti meno). Io sul 1.6 ho fatto sostituire quella il PDF di serie con un altro rigenerato di dimensioni maggiori (va modificato l'attacco in entrata saldando un pezzo di lamiera in più per allargarlo) e correggendo la logica di rigenerazione: per ora va bene, ma prima era una pena (gli iniettori a freddo rimangono cmq penosi e la macchina per i primi 10 minuti va tenuta sui 1'100 altrimenti strappa, poi tutto si normalizza). State lontano in ogni modo dai diesel se non fate almeno 30'000 km l'anno e lasciate perdere quello che dicono le cartelle stampa (cioé niente oltre ai dati di targa e a qualche amenità da marketing). State lontano pure dai T(F)SI ad alte prestazioni che mangiano olio da far schifo (un noto progettista ebbe a dire che sono stati concepiti senza tenere conto delle condizioni d'uso "normali", come fossero motori da competizione: ma così son capaci tutti di spremere cavalli...). Per il resto una bella macchina, magari col mille aspirato (il 1.2 TSI andrebbe verificato nel tempo, bazzicare i forum fa sempre risparmiare potenziali rogne), allestimento R-Line (tanto coi limiti che ci sono la cavalleria basta e avanza, e il portafogli ringrazia).
Ritratto di Surrogato
28 febbraio 2014 - 17:07
..che ne pensi del nuovo 1.5 tre cilindri diesel di BMW?
Pagine