Abarth 595 Elaborazione

Pubblicato il 24 agosto 2013
Ritratto di Rikolas
alVolante di una
Abarth 500 1.4 16V T-jet Custom
Abarth 500
Qualità prezzo
5
Dotazione
5
Posizione di guida
2
Cruscotto
5
Visibilità
3
Confort
4
Motore
5
Ripresa
5
Cambio
4
Frenata
4
Sterzo
5
Tenuta strada
5
Media:
4.3333333333333
Perché l'ho comprata o provata
La vettura in questione è stata acquistata da me un paio di anni orsono, dopo una gradevole esperienza con un esemplare di Fiat 500 Sport 1.2 da 69cv. Ho deciso di cambiare vettura proprio per la passione che mi lega alle auto sportive, specialmente al marchio Abarth, un nome storico nel mondo del tuning all'italiana. Inoltre con la 500 è stato "amore a prima vista", ancor di più quando è uscita la sua versione "pepata". L'ho acquistata nuova nella versione da 135cv con cambio manuale a 5 rapporti, già praticamente completa di ogni cosa: clima automatico, cerchi in lega da 17", tettuccio apribile Skydome, sedili in pelle rossa, kit estetico Abarth rosso, fari allo Xeno e impianto stereo con Interscope. Insomma, una vettura completa di tutto ma a dire il vero già la versione base conteneva molti optional di serie a cui io ho preferito aggiungerne di altri, per rendere la vettura ancora più gradevole. Da rimarcare che da giugno dell'anno scorso, la versione base si è abbassata notevolmente di prezzo, ma si è anche impoverita parecchio, quindi occhio ad aggiungere almeno i vetri scuri posteriori al momento dell'ordine, perchè adesso non sono più di serie, come anche altri accessori. Da gennaio di quest'anno (2013), ho installato presso un Officina autorizzata Abarth, il kit "Elaborazione 595", che oltre a incrementare la potenza del motore (160cv), rivede completamente l'assetto.
Gli interni
Gli interni si presentano molto ben rifiniti. Sono già ottimi nella 500 "normale", ma nell'Abarth la qualità pare ulteriormente aumentata: la pelle è di ottima fattura e nonostante un utilizzo abbastanza intenso nel primo anno e mezzo, non si notano grossi segni di usura. La pelle dei sedili forse ne risente un pochino di più, ma è del tutto normale. La plancia è molto sportiva e abbina contenuti sportivi inediti a una vettura già di per se particolare. La cosa che risalta subito all'occhio è l'indicatore della pressione della turbo, posto sulla sinistra del tachimetro. All'interno dell'indicatore c'è il G.S.I (Gear Shift Indicator), ovvero un display luminoso che segnala il giusto momento di cambiare marcia: in modalità "Normal"avvisa il guidatore che è arrivato il momento opportuno per cambiare marcia in modo da contenere i consumi. In modalità "Sport"cambia funzione: indica il limitatore, ovvero il momento ottimale per cambiare marcia al fine di ottenere le migliori prestazioni. Tale accorgimento non è presente nella versione con cambio elettroattuato MTA al volante (che non ho voluto prendere in considerazione perchè seppur affascinante, limita di molto le prestazioni rispetto al classico manuale). Nella plancia centrale troviamo i 3 tasti, tipici della 500. Tra questi spicca il tasto "Sport", che permette una rimappatura instantanea della centralina, incrementando la coppia (da 206Nm a 230Nm nella versione da 160cv), migliorando la risposta dell'acceleratore, innalzando la pressione della turbina da 1 a 1,4 bar di picco e indurendo lo sterzo. Poi troviamo il tasto del T.T.C. (Torque Transer Control), ovvero un dispositivo elettronico che va a emulare un differenziale meccanico. Inoltre tale funzione esclude in automatico il controllo di trazione, ma non l'ESP (mai escludibile ma poco invasivo). Un dispositivo davvero efficace, da provare. Al centro troviamo il contachilometri con scritte bianche su sfondo nero, sovrastato da un aggressivo ma elegante rivestimento in pelle nera con cuciture rosse, le stesse che ritroviamo sul volante, sul pomello del cambio, sul freno a mano e sui sedili posteriori. I sedili anteriori invece sono rossi con due lunghe e sottili strisce argentate che lo percorrono. Sono derivati da quelli di serie ma essendo in pelle sono più morbidi e forse per questo un po' meno "racing", ma molto belli alla vista soprattutto per via del poggiatesta integrato. Risultano inoltre abbastanza avvolgenti, anche se forse si poteva osare di più con le spallette di contenimento, viste le notevoli prestazioni del mezzo. Purtroppo, nota negativa, si sta seduti abbastanza in alto, non proprio da auto sportiva. Ma si fa perdonare, visto che la vettura è pur sempre la derivazione di una citycar, quindi non si poteva forse pretendere di più. I sedili rossi fanno da accompagnamento agli inserti in pelle dello stesso colore all'interno delle portiere, rendendo l'ambiente molto racing. Il tettuccio apribile, anch'esso molto bello, permette di far penetrare all'interno dell'abitacolo, tutto il sound del motore e soprattutto degli scarichi, cosa importante per un auto firmata Abarth.
Alla guida
Da nuova con 135cv: La vettura è già ottima e ha abbastanza cavalli per divertirsi. Il peso abbastanza ridotto, permette tempi di ripresa e accelerazione da vettura di categoria superiore (0-100 in soli 7,9"), ma si perde in allungo. La coppia massima, a circa 3000rpm, e molto buona (206Nm in modalità "Sport") specialmente in 2°, e via via a scalare con le marce superiori. La vettura prende bene velocità ma l'aerodinamica è parecchio limitata dal suo particolare design: motivo percui la velocità di punta, pur se di tutto rispetto (205 km/h), non è elevatissima in relazione al suo rapporto peso/potenza. Fino a 150 km/h accelera abbastanza bene, come poche. Ma dopo tale velocità incontra un "muro"che la fa salire molto lentamente (0-200 in poco più di un minuto). L'assetto della versione base è rigidissimo. Può essere piacevole per una guida sportiva, meno per un viaggio. Ma la 500 Abarth non nasce per viaggiare. In curva l'auto si comporta abbastanza bene e regge come un go kart, ma le sospensioni, derivate da quelle di serie, hanno ammortizzatori a corsa troppo corta: questo fa si che ogni minimo sobbalzo venga percepito fin troppo nell'abitacolo e nelle curve prese al limite (specie con TTC inserito), e si rischia di perdere improvvisamente il posteriore in quanto in condizioni estreme lavora il pneumatico e non l'ammortizzatore. In frenata e alle alte velocità, il posteriore risulta troppo leggero, causando notevoli e vistosi alleggerimenti che se non ben controllati possono regalare spiacevoli sorprese.Questo perchè la vettura ha una distribuzione dei pesi notevolmente spostata all'anteriore, cosa che aumenta parecchio la motricità in uscita di curva, a discapito però dell'handling in alcune situazioni. Insomma, un assetto sportivo ma non da pista. Dopo 2 anni ho montato il kit Elaborazione 595 (160cv): Questa elaborazione è una delle tante proposte nel catalogo Abarth e deriva strettamente dal vecchio kit "esseesse Koni". Tale elaborazione prevede: rimappatura centralina da 135cv a 160cv, un aumento di coppia massima da 206Nm a 230Nm, filtro aria sportivo by BMC, assetto Koni con valvola "Frequency Selective Damping" (comprendente molle ribassate e irrigidite Eibach e ammortizzatori Koni), pastiglie freni anteriori Brembo HP1000 ad alte prestazioni, badge laterali 595 e badge esseesse su cover motore. Questo kit non stravolge la vettura ma va a migliorare i molteplici difetti elencati sopra. La macchina risulta più piacevole da guidare, spinge sicuramente di più, anche in "Normal". L'accelerazione adesso è scesa di mezzo secondo (non poco): 0-100 in soli 7,4" e la velocità massima supera abbondantemente i 210 km/h. Ma la grossa differenza è proprio nel tempo di accelerazione: da 0 a 200 in circa 40", notevole rispetto alla versione base. Ora sale bene fino quasi ai 200 km/h, poi comincia a scemare la spinta. La vera chicca di questo kit però è sicuramente l'assetto. La macchina è ora ben piantata a terra, senza mai arrivare con gli ammortizzatori a fine corsa. Non si ha più quella sensazione di estrema rigidezza ma la vettura diventa fruibile anche per affrontare dei viaggi. Alle alte velocità il retrotreno non si scompone più come prima e in frenata la vettura e ben equilibrata e molto più decisa, grazie alle nuove pastiglie. Inoltre, gli ammortizzatori Koni contengono una valvola che sia apre e si chiude a seconda del tipo di asfalto sui cui si sta viaggiando. Questo accorgimento fa si che l'auto si irrigidisca quando le condizioni lo permettono, e si ammorbidisca se il terreno è troppo accidentato.
La comprerei o ricomprerei?
Assolutamente si. Divertente come poche e con un desgin ancora attualissimo nonostante gli anni. Ricorda davvero la vecchia mitica 500 Abarth e ne riprende appieno lo spirito dell'azienda. Infatti la vettura si propone come una elaborazione alquanto estrema della Fiat 500, trasformandola in un bel giocattolo per divertirsi in pista o con gli amici. Non è un auto per tutti: bisogna amare questo marchio e pensare che alcuni dei difetti sopra elencati, fanno parte del DNA insito nell'Abarth. Se cercate vetture con prestazioni (e prezzi) più abbordabili, forse ne trovate. Ma la 500 è sempre la 500 ;)
Abarth 500 1.4 16V T-jet Custom
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
17
3
5
0
3
VOTO MEDIO
4,1
4.107145
28
Aggiungi un commento
Ritratto di Flavio Pancione
2 settembre 2013 - 09:08
7
ottima la mossa di prenderla col manuale, su auto del genere è perfetto, la guida diventa più coinvolgente. In fondo è un'auto per percorsi tutte curve, non da rettilineo.
Ritratto di Rikolas
2 settembre 2013 - 15:19
Si, ti do ragione, non è da rettilineo. Quest'auto ti sa dare grandissime soddisfazioni nei persorsi molto tortuosi, ricchi di tornanti e curvette....sembra davvero un grande go-kart! Ne esci sempre con un sorriso insomma... Il cambio è l'unica cosa che ho dimenticato di descrivere, chiedo scusa. E' ottimamente rapportato con 1a-2a-3a cortissime per partenze a razzo, ma con due grossi punti negativi: spesso si impunta e non è morbido, anzi. Purtroppo è derivato dalla 500 normale e questo ne mina un po' il funzionamento. Ma nulla di grave però, dato che comunque è abbastanza sportivo e consente cambiate rapide grazie al leveraggio mediamente corto. Il cambio al volante è molto bello, sembra di stare su un piccolo Ferrarino, ma è lentissimo in cambiata: è un semplice elettroattuato e non è doppia frizione e a ogni cambiata si ha proprio la sensazione di un vuoto molto grande, che limita l'anima sportiva del veicolo. Purtroppo a malincuore ho dovuto rinunciare, pena un calo evidente di prestazioni.
Ritratto di Flavio Pancione
2 settembre 2013 - 22:14
7
peccato però per gli imputamenti. Rimango del parere che è da preferire il manuale per la guida sportiva , soprattutto se l'alternativa è un elettroattuato !
Ritratto di Rikolas
2 settembre 2013 - 22:22
il manuale è sicuramente meglio, anche perchè l'elettroattuato va bene solo su vetture poco potenti dove riesce a trovare una sua giusta e corretta collocazione. Sulla 500 "normale" anzi va benissimo ed anche divertente, ma sull'Abarth purtroppo no. E poi giustamente non nasce come veicolo turistico o per muoversi nel traffico, quindi il manuale è la scelta più sensata alla fine...
Ritratto di Chromeo
2 settembre 2013 - 17:30
Sia per l'auto, ma sopratutto per la prova che è molto dettagliata e descrive a pieno non solo i pregi ed i difetti della versione base ma anche di quella col kit. Veramente complimenti, a mio parere è una delle prove migliori che ho mai letto su un'auto. Anche se ormai è diventata un'auto per fighetti non rinuncia al carattere Abarth che spesso è stato sonobbato
Ritratto di Rikolas
2 settembre 2013 - 18:43
Forse é la passione per questo marchio che mi ha spinto a scrivere questa prova! Purtroppo, come scritto nel commento prima, avevo dimenicato di descrivere il cambio, ma puoi leggere ciò che ho scritto pocanzi. Si ammetto che molti comprano quest'auto per fare i "tamarretti" e spesso finisce in mano a giovanissimi (e non lo sono da qualche annetto:) ), ma spesso la snaturano montandoci sopra di tutto e di più con pezzi spesso non omologati e troppo al limite...insomma dei pericoli ambulanti. Invece Abarth é un marchio storico e da amatore, e per fortuna ci sono molti come me che non l'han comprata per pavoneggiarsi, ma solo per passione. Inoltre ci tengo molto all'originalitá dei pezzi, percui ho deciso di montare il kit Elaborazione 595. Tutto in regola e in piena sicurezza ootrettutto. E poche aziende permettono di farlo, ma Abarth lo fa! Grazie ancora...
Ritratto di Chromeo
2 settembre 2013 - 18:55
Anche a me non piace molto il tuning, preferisco tenere l'auto originale, sopratutto se d'epoca (tipo le Delta HF o le Muscle car americane che purtroppo sono spesso elaborate) . Se ti capita di guidare un'altra sportiva non esitare a scrivere una prova
Ritratto di Mattia Bertero
2 settembre 2013 - 20:24
3
Bella prova e bellissima auto. Credo che sia l'auto più giusta per divertirsi come si deve, poi così piccola e così potente deve essere una goduria guidarla! Ottimo acquisto. Mi fa venire in mente molti ricordi il marchio Abarth. Il padre, quando ero piccolino, aveva il 112 Abarth del 1982 rosso fuoco...una bomba!
Ritratto di Rikolas
2 settembre 2013 - 21:02
...era proprio bella quella macchina! Grazie anche a te comunque. La 112 che avevi pesava pochissimo percui i 70cv di cui era dotata, erano sufficienti a farti divertire davvero tanto. Si, la 500 Abarth è nel pieno spirito del marchio, lodevole dopo tanti anni passati nell'ombra. Ma a differenza della mitica 112, qui c'è il turbo con tutti i suoi pregi e i suoi difetti: infatti la 500 "soffre" di un moderato turbolag ai bassi, cosa che costringe il guidatore a lavorare sui "medi", ma attorno ai 2500-3000rpm la turbo attacca con buon vigore fino quasi ai 5000rpm, rendendo l'auto piuttosto scorbutica. In regime di coppia massima, se ci si trova ad esempio in uscita di curva, l'avantreno dell'auto tende a "saltellare" vistosamente per via della grande motricità dell'asse anteriore e del differenziale elettronico TTC...servono una mano ferma e un po' di riflessi, anche se l'elettronica di cui è dotata la rende abbastanza sicura. Insomma, è un bel giocattolo che consiglio anche di provare.
Ritratto di lollo76
11 settembre 2013 - 20:07
1
solo che oramai non si puo piu' tirare io ne so qualcosa...certo solo di mappa a 160cv.....
Pagine
listino
Le Abarth
  • Abarth 500C
    Abarth 500C
    da € 22.750 a € 32.350
  • Abarth 500
    Abarth 500
    da € 20.250 a € 30.350
  • Abarth 124 Spider
    Abarth 124 Spider
    da € 36.000 a € 44.500

LE ABARTH PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE ABARTH

  • La casa dello Scorpione ha presentato a Palermo, in occasione della Targa Florio Storica le nuove versioni 2019 del suo modello. Qui per saperne di più.

  • Le novità estetiche per la nuova Abarth 595 non sono eclatanti. E anche i motori hanno guadagnato giusto qualche cavallo. Ma questa Gran Turismo in miniatura resta tra le auto più divertenti.

  • In pista è un bolide, specie col cambio a innesti frontali. Ma può anche circolare in città. Ecco la 695 Biposto, la più corsaiola tra le Abarth: velocissima e divertente, quanto costosa.