Dodge Challenger R/T 500 73'

Pubblicato il 1 agosto 2011

Listino prezzi Dodge Challenger non disponibile

Qualità prezzo
5
Dotazione
2
Posizione di guida
4
Cruscotto
3
Visibilità
3
Confort
4
Motore
5
Ripresa
5
Cambio
4
Frenata
5
Sterzo
5
Tenuta strada
4
Media:
4.0833333333333
Perché l'ho comprata o provata
Sono un gran appassionato di Muscle Car e circa undici mesi fa il mio sogno si è avverato, per riuscire a procurarmi i soldi necessari per l'acquisto di un veicolo simile ho dovuto compiere sacrifici enormi(due lavori, e nessun auto per un anno), ma alla fine grazie al mio meccanico di fiducia, quando portai a far sistemare l'auto di mia madre, mi disse che un suo cliente <"vendeva un ferro vecchio come piacciono a te">, mi si illuminarono gli occhi, mi disse che la vendeva completamente restaurata a 22'500 euro trattabili. Io possedevo una somma a disposizione giusta per comprarla ed un eventuale elaborazione( di circa 12 mila euro), contattai il privato, andai a vedere l'auto.. .nel giro di un 10 minuti lo richiamai per concludere l'affare, la somma fu fissata a 20'000 euro. Il ferro vecchio in questione è un Dodge Challenger R/T 500 del 1973
Gli interni
GLI INTERNI: Sono una dolce sinfonia di linee semplici e arrotondate, gli interni in pelle nera, circondano ogni cosa, il cruscotto di forma rettangolare di pelle anch’esso è rivestito, il tachimetro e gli altri indicatori incastonati e ben visibili sulla lastra di legno(io l’ho rimpiazzata con della radica vera color chiaro) Ho aggiunto un lettore cd collegato con le casse, che hanno la stessa posizione e forma di quelle vecchie, invece alloggiano i nuovi subwoofer. I sedili sono “bombati” quindi risultano essere molto morbidi, le portiere imbottite e rivestite di pelle e con un inserto centrale anch’esso in radica, delimitato da un bordo di alluminio cromato. La cosa che salta all’ occhio è il volante a tre razze di alluminio spazzolato, che porta all’elemento centrale in plastica nera, mentre la corona è di radica. Il tunnel centrale è semplice… la zona del cambio e il pomello sono in radica, e a lato li tunnel è ricoperto di pelle. GLI ESTERNI: appena riverniciata la portai a casa, presi una sedia e mi misi ad osservarla… quell’arancione con delle fasce color nero gli davano eleganza che deriva dall’arancione e la sportività dalla fascia laterale e sul cofano color nero… saltano subito all’occhio gli specchietti cromati e tutte le modanature esterne cromate… cerchi classici da Muscle car cromati anch’essi (da 16”) e le immense gomme posteriore larghe ben 27,5cm. La vista posteriore è quella che mi piace di più perché li in basso si scorgono 4 terminali quadrati e più in alto i fari... l’elemento che rispecchia più gli anni 70’… rettangolari, schiacciati, e li in mezzo spicca un piccolo rettangolo… i fari della retro L’anteriore rispecchia l’aggressività del 8.2 litri… i quattro fari tondi che danno l’effetto di uno sguardo deciso, li separa la griglia a “nido d’ape” con la scritta "Challenger R/T" in argento(l’ho voluta fare d’argento) mentre la scritta R/T in rosso Ferrari, se si da un’occhiata al cofano risalta la banda nero opaco che separa le due bocchette. Il tettuccio è basso con ampie “vetrate”… poi ci si accorge di un pezzo di corona del volante spuntare e far risalto sui sedili neri con le cinture a 4 punti. Un concentrato di potenza allo stato puro e di un auto che ha fatto la storia…
Alla guida
Potente, senza controlli, 8.2 litri che tira fuori la potenza di ben 701cv…selvaggia, aggressiva. Fino ai 1500 giri è calma, dai 1600 ai 2400 inizia a, ma quando si superano i 2000-2500 giri tira fuori il meglio di se fino a 6000 giri. In città non si va molto bene perché l’auto è lunga 4.8 metri e larga quasi 2 metri, ma l’agilità non le manca. Il particolare che mi piace di più della mia Dodge è che se fai una curva “secca” e si accelera al massimo. Come tutti sapete un 8,2 litri v8 a benzina e tea l’altro a carburatori… consuma come una portaerei a pieno regime però regala soddisfazioni che NESSUN altra auto può dare… nemmeno una Ferrari (ho provato una California)… quando si preme a fondo l’acceleratore si vede il contagiri che schizza a 5mila giri, il compressore volumetrico a corpo farfallato fischia come un jet in fase di decollo, le gomme posteriori da 275/50 R16 iniziano a scaricare tutta la potenza a terra, dietro di te si produce una nuvola bianca, motore esercita una forza tale da permette all’avantreno sulla parte destra inizia ad alzarsi, quando le gomme iniziano a far presa al suolo è gia ora di cambiare e di ingranare la seconda, anche li si avverte un leggero slittamento che scompare attorno agli 85Km/h, da li in poi dovrò solo cambiare e arrivare in quarta e da li in poi ci sarà un allungo pazzesco che ti porterà fino a 280km/h (testata su strada)… al momento di frenare pesi di non potercela fare invece i dischi anteriori carbo-ceramici e le pinze a 6 pistoni fanno il loro dovere. Appena ho imboccato la statale pensai "vediamo se tira", affondai con decisione il pedale dell'acceleratore, nello stesso sitante sentivo il V8 da 8,2 litri che iniziava a "rockeggiare", sentii l'avantreno alzarsi(di 2 centimetri),il posteriore schiacciarsi a terra e la parte anteriore destra sollevarsi ancora di più rispetto tutto il resto...era la torsione che il motore applicava al telaio. quando arrivai a 160 km/h decisi che era ora di staccare il piede dall’acceleratore...ero persino commosso... Sempre lo stesso giorno ero al semaforo... mi era davanti una fiat punto elaborata che sgasava, appena si accese la lanterna verde lui accelerò...io e la mia Dodge pensammo <"ti facciamo vedere noi come si accelera ad un semaforo">, spostai la leva del cambio che era in P e la portai in marcia... a quel punto si scatenò l'inferno... premetti il pedale dell’acceleratore, l'auto raggiunse il limitatore (6230 giri, perché il motore è grosso) le gomme iniziarono a fischiare fino ai 65km/h circa, quando le gomme acquistarono aderenza mi sentii schiacciato contro il sedile, si innescò la seconda, lasciandomi un po di "respiro" per poi premermi con violenza ancora sul sedile in pelle, arrivai a tallonare la fiat... appena il camion liberò la strada, affondai con decisione in pedale dell'acceleratore... mi fece sorridere la faccia incredula del giovincello alla guida della punto... Tra noi due si istaurò un feeling… sembrava che mi parlasse... che solo certi motori danno… lo sa bene chi li prova e se ne innamora. Dopo 20 giorni dall'acquisto sentivo che non mi bastavano più 390 cv e decisi che era ora di spendere il resto dei soldi per l’elaborazione… pensai di fare una cosa soft per arrivare a 420cv… invece aggiunsi pistoni forgiati, compressore volumetrico a corpo farfallato (non a vista), due carburatori Quadricorpo, scarico artigianale, cambio completo a 4 velocità automatico-sequenziale, ponte posteriore rinforzato, sospensioni sportive e assetto rigido, cerchi e pneumatici, impianto frenante, filtri vari, collettori, blocco motore in ghisa artigianale, candele, cavi ad alta conducibilità, valvole, alleggerimento del veicolo, gabbia a 6 ponti, cinture a 4 punti di ancoraggio, albero motore rinforzato, serbatoio da 110litri, batteria e cavi, motorino di accensione potenziato, eliminazione del vecchio impianto elettrico e configurazione del nuovo impianto, volante diretto.(se mi sono dimenticato qualcosa lo scriverò come commento)
La comprerei o ricomprerei?
La ricomprerei?? La ricomprerei ad occhi chiusi, neanche le blasonate ferrari mi danno emozioni come la mia Dodge... E poi... un mix esplosivo di un auto che ha fatto la storia assieme alla "sorella" Charger e la potenza allo stato puro... Il risultato sarà emozioni che nessun altra auto ti darà. PRO:una bomba pronta ad esser detonata(potenza e velocità), gli interni adatti a una famiglia composta da 3 persone grazie al baule molto capiente CONTRO: costi di manutenzione elevati (soprattutto la benzina) e il rischio di esser beccati (questo rischio può esser trascurato se la si fa passare come esemplare speciale dalla casa constuttrice come ho fatto io, e portate con sè tutte le certificazioni) Regala emozioni indimenticabili... (la prima volta che la portai a casa mi ero commosso...mi succede ancora adesso...) Dodge Challenger R/T 500 del 1973.
Dodge Challenger R/T 500
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
4
1
0
0
0
VOTO MEDIO
4,8
4.8
5
Aggiungi un commento
Ritratto di Dodge_nel_cuore
24 agosto 2011 - 22:03
impossibile da guidare con strade bagniate senno non si deve mai e ripeto mai schiaccare l'acceleratore più di metà "corsa" del pedale sennò ci si gira come mi è gia successo in varie occasioni. Con le strade ghiacciate la macchina non si muove nemmeno premendo al minimo il pedale destro perchè sgomma e non si muove Proprio oggi ho fatto montare gomme posteriori 295/50 R16 Scusate al posto di 12'000 euro per l'elaborazione volevo scrivere 61'000 euro.
Ritratto di pietro56
24 agosto 2011 - 21:28
preferisco la charger conosciuta anche come General Lee dei cugini Duke...
Ritratto di Pierluigi89
26 agosto 2011 - 11:11
La fantastica Dodge Charger R/T del 69 motore HEMI
Ritratto di pietro56
24 agosto 2011 - 21:30
cmq è vergognoso come hai scritto bagnate...
Ritratto di Dodge_nel_cuore
24 agosto 2011 - 21:47
ma ero di stra fretta ora correggo l'errore e grazie per avermi avvertito
Ritratto di IchLiebeCorsa84
25 agosto 2011 - 00:59
Le R/T e le 500 sono due versioni distinte: Non esiste la Challenger R/T 500 del 1973!!! A parte il fatto che la Challenger non ha mai avuto una versione 500 e che la R/T è uscita di produzione nel 1972 (sostituita dalla Rallye) e quindi la tua come fa ad essere del 1973? Allora, le cose sono due: 1 Ti hanno inchiappettato 2 TU hai cercato di inchiappettare i lettori. Bella comunque la prova (trasuda chili di passione e quintali di ottima fantasia), anche se ho sempre preferito la Chevrolet Camaro e la Oldsmobile 442 alla Challenger. PS la Challenger R/T originale da 383 HP è un 6.3 l, non un 8.2 l da 390.
Ritratto di Al86
29 agosto 2011 - 21:19
Confermo (da appassionato di muscle car d'epoca) che è una farsa, la Challenger 500 non esisteva, perché la 500 era una versione limitata della Charger, sostituita nel '69 dalla Daytona, nel '72 la Challenger R/T divenne Rallye e comunque manteneva il 426 Hemi (6.98l), mentre l'8.2 non esiste, ma esisteva il Big Block 440 (7.2l) e comunque non era montato sulla R/T. Poi le sue castronate non si fermano lì, ha anche detto dei freni carboceramici che assolutamente non venivano montati (ed è un'elaborazione illegale per la legge italiana) e parla di cambio automatico a 4 rapporti, quando l'unico automatico che aveva all'epoca ne aveva 3, in più quella della foto è del '71 non del '73 che aveva un diverso disegno della griglia frontale. Concordo la sua "prova" trasuda chili di passione, ma se vuole che qualcuno ci creda dovrebbe documentarsi meglio...
Ritratto di Androve91
25 agosto 2011 - 03:15
ma sono della tua stessa città ed essendo molto piccola vedo sempre le stesse macchine girare... la tua non si è mai vista...come mai?
Ritratto di IchLiebeCorsa84
25 agosto 2011 - 11:42
Ma la più bella è quella dei freni a disco carboceramici. Su una macchina anni '70!!!?? Ok raccontare minchiate, ma almeno che siano almeno un pelettino credibili!!!!! E fortuna che a sentire lui nei suoi commenti precedenti doveva essere la recensione del secolo, e se la tirava come un elastico!!!!!
Ritratto di Dodge_nel_cuore
25 agosto 2011 - 16:23
ho messo pordenone perchè ci sono solo per le vacanze, io non abito nemmeno in italia
Pagine
listino

LE DODGE PROVATE DA VOI

I VIDEO DELLE DODGE

  • La concept presentata al SEMA 2018 nasconde sotto il cofano Hellephant, un "mostruoso" V8 7.0 con 1014 CV e 1300 Nm. Qui per saperne di più.

  • Terza generazione della super sportiva americana che mantiene il suo poderoso motore V10: ora, però, è più "civile".

  • Eccola finalmente: dopo tanta attesa ecco la berlina sportiva della Dodge basata sulla Giulietta.