PRIMO CONTATTO

Audi A4: incattivita, ma solo nell’aspetto

Con l’aggiornamento della gamma A4, anche la sportiva S4 assume un aspetto più aggressivo. Sottopelle, l’unica novità è il servosterzo elettrico (che prende il posto di quello idraulico): il prorompente 3.0 sovralimentato da 333 cavalli, invece, non è stato toccato.

29 novembre 2011
  • Prezzo (al momento del test)

    € 58.400
  • Consumo medio

    11,9 km/l
  • Emissioni di CO2

    234 grammi/km
  • Euro

    Euro 5
Audi A4
Audi A4 S4 3.0 V6 TFSI quattro
“Sguardo” minaccioso

Quando arriverà nelle concessionarie, a febbraio dell’anno prossimo, l’intera famiglia delle rinnovate Audi A4 sfoggerà un inedito frontale. A cambiare sono principalmente i fari, che ora si restringono vicino alla mascherina e presentano un taglio ondulato nella zona bassa, oltre a una fila di led diurni lungo il perimetro (abbinata alle luci allo xeno, di serie nella sportiva versione S4 del nostro test). Anche la griglia è cambiata: gli angoli superiori smussati le conferiscono una forma esagonale. Nuove (e più squadrate) le prese d’aria inferiori, dove trovano posto anche i fendinebbia. Nella coda, le modifiche si limitano a un nuovo paraurti (dal quale, nella S4, sbucano sempre i quattro terminali di scarico ovali) e al colore dei fanali. Il tutto conferisce a quest’Audi un’aria più aggressiva, quasi minacciosa.

Cambiamenti per semplificare

All’interno, le modifiche visibili si limitano ai rivestimenti (in Alcantara e pelle per i sedili a regolazione elettrica della S4), al nuovo volante con cuscino centrale tondo e a quattro pulsanti in meno sul tunnel centrale. I comandi del sistema MMI (Multi Media Interface, che permette di comandare dallo schermo a colori di 6,5’’ la radio e altre funzioni come il navigatore e il vivavoce Bluetooth) sono stati razionalizzati, sull’esempio di quanto già visto nella nuova A6 e nella Q5. La semplificazione è evidente, anche se è richiesta un po’ di pratica prima di individuare al primo tocco la posizione dei tasti attorno alla rotella centrale (sono troppo in basso per poter dare una “sbirciatina” senza distogliere per troppo tempo lo sguardo dalla strada).

Niente più olio per lo sterzo

Alla fine, l’unico grosso cambiamento nella S4 del 2012 è nascosto agli occhi. Parliamo del servosterzo elettrico che (come in tutta la gamma A4) ha sostituito quello idraulico. La modifica è stata fatta per contenere i consumi (quelli dichiarati sono passati da 10,6 km/l a 11,9): il servocomando a corrente assorbe potenza solo quando si ruota il volante. Comunque, a differenza di analoghi dispositivi, quello della S4 non risponde in maniera “artificiale”, ossia non sembra di partecipare a un videogame impugnando un volante giocattolo. Certo è che, in una berlina sportiva che si fregia del logo “S”, ci saremmo aspettati l’eccellenza. Invece, durante il nostro breve primo contatto con la S4 che abbiamo avuto sulle strade attorno a Lisbona, più di una volta ci siamo ritrovati a effettuare delle piccole correzioni in curva, dopo avere già impostato la traiettoria.

Fischia se va su di giri

Difficile trovare difetti al motore, esuberante già poco sopra il minimo grazie al compressore volumetrico. Quest’ultimo rende la risposta al pedale destro immediata: non si notano i tipici ritardi della turbina, quando le palette devono riprendere a girare mosse dai gas di scarico e, di conseguenza, il compressore a lei collegato tarda a fornire aria in pressione alle camere di scoppio; il volumetrico accompagna la crescita del numero dei giri col suo caratteristico (e forse fin troppo discreto…) “fischio”. L’abbinamento col cambio a doppia frizione, con sette marce e comandi al volante (l’unico possibile per la S4, visto che il manuale non ci sarà) determina riprese fulminee e partenze brucianti: l’Audi dichiara uno “0-100” in 5 secondi netti e una velocità massima autolimitata di 250 km/h. La tenuta di strada in curva di questa super-berlina a trazione integrale è talmente elevata che è molto difficile portarla al limite delle sue possibilità. Semplicemente, si avverte una naturale tendenza della vettura ad allargare col muso quando si entra molto veloci in curva; e questo anche nel caso in cui l’auto sia dotata del differenziale posteriore attivo (sarà optional), che ripartisce automaticamente la coppia fra la ruota destra e quella sinistra. Comunque sia, è ben difficile che la S4 metta in crisi il guidatore con reazioni brusche. Casomai, il problema è la facilità con la quale si raggiungono velocità da ritiro della patente, ma i potenti e ben modulabili freni sono lì anche per questo…

Secondo noi

PREGI
> Motore. Docile ai bassi regimi ma sempre pronto a scattare fino al limitatore, come una “molla carica”.
> Tenuta di strada. Difficile portare al limite la S4, grazie alla trazione integrale e all’ottimo bilanciamento dei pesi.

DIFETTI
> Divertimento. Le prestazioni sono di alto livello, la sicurezza anche. Ma la S4 non è una sportiva “nervosa”: per divertirsi davvero, è meglio guardare altrove…
> Dotazione. Il navigatore e altre dispositivi dovrebbero essere di serie per una vettura così costosa.

 

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 2.995
No cilindri e disposizione 6
Potenza massima kW (CV)/giri 245 (333)/5500
Coppia max Nm/giri 440/2900-5300
Emissione di CO2 grammi/km 234
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 7 (robotizzato) + retromarcia
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi autoventilanti
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 470/182/143
Passo cm 282
Peso in ordine di marcia kg 1660
Capacità bagagliaio litri 480/962
Pneumatici (di serie) 245/40 R 18
Audi A4
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
23
43
29
14
30
VOTO MEDIO
3,1
3.107915
139
Aggiungi un commento
Ritratto di onlyroma
29 novembre 2011 - 13:01
era da un secolo che nn uscita una passat veloce....ops mi sono sbagliato,questa è l'Audi
Ritratto di money82
30 novembre 2011 - 00:14
1
certo, di sicuro non ci si poteva confondere con un' italiana per due motivi : 1-non ha il muso da topo. 2-ha un motore che supera il limite dei 235 cv, la massima potenza che fiat riesce ad esprimere.
Ritratto di DaveK1982
30 novembre 2011 - 15:24
7
a cosa ti servono 333 cv fuori dalla pista? io starei male ad avere tutta quella cavalleria e non poterla usare! comunque forse arriverà la thema con 465 cv se è così fondamentale valutare le auto solo per potenza
Ritratto di Andry9188
3 dicembre 2011 - 17:11
La Thema non la fanno da diversi anni.
Ritratto di DaveK1982
4 dicembre 2011 - 13:41
7
Chrysler 300 (e non 300C) in USA e Lancia Thema in Italia, sono stato più preciso?
Ritratto di osmica
30 novembre 2011 - 14:00
Uno dei migliore commenti. Ma hai dimenticato il punto 3- non si svaluta estremamente tremendamente tanto.
Ritratto di onlyroma
30 novembre 2011 - 20:30
Però la tua è veramente una malattia. Ma la notte quando ti svegli impaurito x un brutto sogno,nn è che ti ricordi se hai sognato di guidare una Panda base? A parte gli scherzi,questa auto esteticamente nn è male,come molte altre Audi,ma è poco originale come quasi tutte le auto del gruppo,e x gruppo intendo VW. Poi nn credo che solo i tedeschi siano capaci di fare un motore potente,mi sembra che un certo Ferrari ha creato un marchio molto veloce....poi se nn li fanno ci sarà un motivo. E questo motivo è che montare un motore così potente su queste berline è del tutto ridicolo.
Ritratto di Andrea De Tommasi
1 dicembre 2011 - 12:57
opss ma cosa dici.... e' la passat nuova del mio vicino... sii i e' lui marco......
Ritratto di Andrea De Tommasi
1 dicembre 2011 - 13:01
bee ecco.... insomma.... possiedo golf 5 .... sono consapevole dei carri armati tedeschi.... ma io preferisco la nuova passat.... questa costa 10000 in più'... .......
Ritratto di abarth1285
29 novembre 2011 - 15:09
1
che sono totalmente personali, devo dire che mi piacerebbe provare l'accoppiata di questo 3 litri col cambio doppia frizione..dev'essere un bel missile!
Pagine