PRIMO CONTATTO

BMW Serie 5: corre in silenzio, ma carica meno

La nuova BMW 530e è la versione ibrida ricaricabile della berlina tedesca: grazie alle batterie al litio può percorrere in elettrico una trentina di chilometri, senza emettere gas né rumore. Il baule, però, perde 120 litri.

27 aprile 2017
  • Prezzo (al momento del test)

    € 65.150
  • Consumo medio

    52,6 km/l
  • Emissioni di CO2

    44 grammi/km
  • Euro

    6
BMW Serie 5
BMW Serie 5 530e Luxury Steptronic
Lusso e sportività… alla spina

Circa quattro mesi fa guidavamo sulle strade del Portogallo la nuova BMW Serie 5 col tre litri turbodiesel da 265 CV (leggi qui il primo contatto). Oggi è la volta della versione ibrida ricaricabile della berlina tedesca, dalle forme eleganti e sportive e dalle finiture raffinate: abbina un motore elettrico da 113 CV al quattro cilindri turbo a benzina da 184 (la potenza combinata è di 252 CV). Già ordinabile, ma con consegne a partire da fine maggio-inizio giugno, consente secondo la casa di percorrere fino a 50 km in modalità solo elettrica. Le batterie agli ioni di litio da 9,2 kWh sono alloggiate sotto il divano posteriore (comodo soprattutto per due, visto che il passeggero centrale è disturbato dall’ingombrante tunnel); tuttavia, si estendono in parte fino sotto al baule, sottraendogli quasi un quarto della capacità utile (dai 530 litri delle versioni “normali” ai 410 della nuova 530e: il fondo è rialzato quasi 15 cm, arrivando a filo della soglia di carico). La ricarica avviene, oltre che in marcia (nelle fasi di rallentamento o sottraendo qualche cavallo al quattro cilindri a benzina), attraverso la presa nella fiancata sinistra, giusto davanti alla porta del guidatore, uno dei pochi elementi che distinguono la nuova BMW 530e iPerformance dalle altre Serie 5. Altre differenze consistono nelle scritte eDrive sui montanti posteriori, nei listelli della mascherina con inserti blu e nei loghi BMW sui coprimozzi dei cerchi, a loro volta profilati da un contorno nello stesso colore. Nessuna differenza invece in termini di equipaggiamento: di serie o a richiesta ci sono i più moderni sistemi di assistenza alla guida (dalla frenata automatica, al sistema che tiene l’auto in corsia e segue il flusso di traffico); sul fronte della connettività, la Luxury offre un sistema multimediale con schermo da 10,25” e Wi-Fi di bordo.

Il pieno di corrente in quasi tre ore

Il cavo per la ricarica della BMW 530e iPerformance può essere collegato a una comune presa domestica (in questo caso la potenza assorbita è di 2,7 kW e il tempo per il “pieno” è di 4 ore e mezza), oppure a un quadro elettrico da installare a parete, la cosiddetta wall box (circa 1.500 euro) che può fornire fino a 3,7 kW e permette di far scendere il tempo di ricarica a 2 ore 54 minuti. Nel 2018 arriverà anche una terza modalità (il cui costo non è ancora definito), ovvero la ricarica induttiva: si parcheggia l’auto sopra una piastra da fissare al pavimento; al suo interno c’è una bobina che emette un campo elettromagnetico che trasferisce potenza a un altro avvolgimento sotto l’auto stessa. Il tempo di ricarica è di poco più di tre ore, ma col vantaggio di non dover collegare alcun cavo. 

Tre modi di “viaggiare elettrico”

Oltre alle modalità di guida comuni a tutte le Serie 5 (Eco Pro, Comfort, Sport e Sport+), la nuova BMW 530e iPerformance ha tre impostazioni specifiche per la gestione della batteria: Auto eDrive, Max eDrive e Battery control. Nella prima modalità è la centralina a gestire, in funzione delle condizioni di guida, come e quanto utilizzare il motore elettrico integrato nel cambio automatico a otto marce, o il quattro cilindri turbo a benzina, oppure entrambi in contemporanea, privilegiando le prestazioni o l’efficienza complessiva del sistema: guidando col piede leggero, il motore elettrico può essere utilizzato fino a 90 km/h. Questa velocità sale a 140 km/h nella funzione Max eDrive, che sfrutta al massimo la corrente: il motore termico entra in azione solo quando si preme a fondo l’acceleratore per avere tanti cavalli in più. Infine, c’è la modalità Battery Control, che permette di impostare dal sistema multimediale la percentuale di carica della batteria (dal 30% al 100%) che si vuole mantenere (per esempio, perché si prevede di dover accedere a un’area con accesso riservato alle auto elettriche). 

Consumi da turbodiesel

A bordo della BMW 530e iPerformance affrontiamo un percorso di circa 120 km con tratti di montagna. Nelle salite il sistema ibrido non è un vantaggio: costringe a portarsi dietro circa 175 kg in più rispetto a una 530i a benzina (disponibile, tra l'altro, solo con la trazione integrale, che pesa per circa 55 kg); il divario scende a 130 kg rispetto a una 530d a gasolio, che ha un motore a sei cilindri anziché a quattro. L’autonomia delle batterie indicata dal computer di bordo scende rapidamente: in una ventina di chilometri la carica è esaurita, e si avvia il motore a benzina. Nelle fasi di discesa, però, inizia la ricarica, che aumenta di intensità ogni volta che si preme il freno: nella prima parte del rallentamento la frenata è solo elettrica (a differenza che in altre vetture a corrente, il pedale si modula bene), col motore che viene usato come generatore per ricaricare le batterie. Dopo tratti pianeggianti e veloci e tortuosi saliscendi (in cui il maggior peso, soprattutto nella zona posteriore, torna a farsi sentire), sfruttiamo la modalità Battery Control per una quarantina di chilometri per ricaricare fino al 70% la batteria, e poter così raggiungere la meta in modalità elettrica nel tratto finale in autostrada. La carica, a spese del quattro cilindri a benzina, non compromette le prestazioni, e il guidatore quasi non si accorge di quanto sta accadendo. Il cambio automatico a otto marce è sempre attivo, anche nella fase completamente elettrica. Qui è la silenziosità di marcia a stupire: oltre a non sentire la “voce” del motore, non si avvertono neppure rumori di rotolamento, fruscii e scricchiolii. Dopo circa 120 km di guida veloce, ma non aggressiva, il computer di bordo segnava una media di 16,5 km/litro: un valore buono, migliore rispetto a molte turbodiesel di pari categoria, ma va considerato che eravamo partiti con batterie completamente cariche (prima di iniziare la fase di ricarica, invece, era addirittura di 22,7 km/litro). Il dato dichiarato, riferito al ciclo di omologazione, è di 52,6 km/litro.

Secondo noi

PREGI 
> Comfort. Soprattutto in modalità elettrica si viaggia in un salotto silenziosissimo.
> Finiture. Nell’abitacolo della 530e iPerfomance materiali e assemblaggi sono molto curati.
> Tecnologia. Tanti i dispositivi (di serie o a richiesta) di ausilio alla guida e per la connettività.

DIFETTI 
> Baule. Rispetto alle normali Serie 5 si perde quasi un quarto della capacità di carico. 
> Peso. Rispetto a una 530d si avverte l’aggravio di 130 kg, concentrati soprattutto nella zona posteriore. 
> Quinto posto. Come nelle altre versioni, chi siede al centro del divano ha la seduta rialzata e un ingombrante tunnel tra i piedi.

SCHEDA TECNICA
Motore a benzina  
Cilindrata cm3 1998
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 135 (184)/5000-6500 giri
Coppia max Nm/giri 290/1350-4250
Emissione di CO2 grammi/km 44
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 8 (automatico) + retromarcia
Trazione posteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi autoventilanti
   
Motore elettrico  
Potenza massima kW (CV)/giri 83 (113)/3170
Coppia max Nm/giri 250/0-3170
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 235
Accelerazione 0-100 km/h (s) 6,2
Consumo medio (km/l) 52,6
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 494/187/148
Passo cm 298
Peso in ordine di marcia kg 1770
Capacità bagagliaio litri 410/n.d.
Pneumatici (di serie) 245/45 R18
BMW Serie 5
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
104
49
27
9
31
VOTO MEDIO
3,8
3.845455
220
Aggiungi un commento
Ritratto di Claus90
27 aprile 2017 - 10:32
Molto bella, dai contenuti tecnici all'avanguardia, ma preferisco una 530D classica, sono dell'opinione che meno c'è meglio è troppa elettrificazione.
Ritratto di delfinod72
27 aprile 2017 - 10:47
10
Vero che sarebbe meglio una 530d, ma ricordiamoci che l'eletrico è il futuro, il gasolio è destinato a sparire purtroppo, molte case automobilistiche preferiscono fare benzina+ elettrico. Vedremo che cosa ci riserverà nel medio termine.
Ritratto di ConteBerengario
29 aprile 2017 - 18:42
Come purtroppo?! Era ora!!! Ciclo normale urbano (per andare a lavoro) sono al massimo 50km al giorno. Batteria+turbo benzina e' il futuro sia per le prestazioni che per i consumi e con una auto a famiglia ci fai tutto.
Ritratto di mirco09
27 aprile 2017 - 11:29
Qui regna la tecnologia!!
Ritratto di zafagno
28 aprile 2017 - 14:45
Analisi ineccepibile, soprattutto la Croma che fa i 235 km/h. Ora prendi le medicine però...
Ritratto di Raffaelorenz
28 aprile 2017 - 12:14
Da 52,6 dichiari a 16,5 km/L... ma come le fanno queste omologazioni? Comunque per me ibrido significa auto con moto conservativo, con recupero dell'energia cinetica, portarsi dietro accumulatori per ben 30 km mi sembra un aggravio di peso e costo, 5 km sarebbero già sufficienti, e magari senza la lenta ricarica.
Ritratto di Dirk
2 maggio 2017 - 20:25
Bellissima in qualsiasi versione.