PRIMO CONTATTO

Fiat Panda 4x4: fa dell'agilità la sua arma migliore

La nuova Fiat Panda 4x4 non rinnega le sue origini e in fuori strada vanta doti spiccate, grazie all'efficacia della trazione integrale a controllo elettronico, ma anche al peso ridotto e alle dimensioni contenute. Non costa poco, però...

16 ottobre 2012
  • Prezzo (al momento del test)

    € 17.650
  • Consumo medio

    21,3 km/l
  • Emissioni di CO2

    125 grammi/km
  • Euro

    5
Fiat Panda 4x4
Fiat Panda 4x4 1.3 16V Multijet
Ha una bella personalità

Presentata ufficialmente all'ultimo Salone di Parigi (guarda qui il video di alVolante.it), la Fiat Panda 4x4 ha in comune con le sorelle a trazione anteriore l'aria simpatica data dalle forme smussate e dalle proporzioni che hanno decretato il successo anche del modello precedente. Nel caso della Panda 4x4, però, l'aria da suv è accentuata dall'aumentata altezza da terra (4,7 centimetri in più, per un totale di 16 cm), delle protezioni lungo le fiancate e attorno ai passaruota. Chiudono il quadro gli inserti nella parte bassa dei paraurti. Sono in plastica e fanno scena, però non proteggono dai duri colpi dell'uso in fuori strada. Tutta in metallo, invece, l'utile copertura sotto il motore che mette al riparo le "parti basse e delicate" (come la coppa dell'olio) da spiacevoli, quanto costose, rotture. Tutti questi elementi sono in comune anche alla versione Trekking, destinata a chi fa un uso prevalentemente cittadino o si limita a qualche sterrato. Quest'ultima ha solo la trazione anteriore, abbinata perà al sistema Traction+, una funzione dell'Esp che simula la presenza di un differenziale autobloccante (di fatto frena la ruota che slitta, ma non taglia la potenza del motore). Per contro, la Trekking costa meno rispetto alla Panda 4x4: ben 1.750 euro di differenza, nel caso della 1.3 Multijet del nostro test.

Solo due motori

La nuova Fiat Panda 4x4 in effetti non è regalata: si parte dai 16.950 euro della TwinAir da 85 CV con cambio manuale a sei marce (la prima molto corta consente di avere un buono spunto nei percorsi off road). E l'unica alternativa, la 1.3 Multijet della nostra prova, ha un listino ancora più alto: 700 euro extra non si recuperano così in fretta, neppure se si considerano i minori consumi (15% la differenza secondo la casa). A proposito, per la Multijet il dato medio di omologazione parla di 20 km/litro, valore da cui non ci siamo discostati molto nel nostro test (stando almeno a quando indicava il computer di bordo a fine prova). Tuttavia, le percorrenze potrebbero essere ancora migliori se al motore a gasolio fosse abbinato un cambio a sei rapporti. E soprattutto potrebbe essere migliore il comfort ad andature autostradali: a 130 km/h in quinta si viaggia sopra i 3000 giri, con il rumore che ne consegue.

Si apprezza nel traffico...

Nella guida cittadina, invece, la nuova Fiat Panda 4x4 vanta le stesse doti di agilità delle sorelle a trazione anteriore (leggi qui il primo contatto della 1.2 Lounge). La posizione di guida ancora più rialzata offre un senso di maggiore padronanza della strada e le plastiche paracolpi lungo le fiancate fanno sentire meglio protetti dai piccoli urti. Quando la strada lo consente, si può alzare il ritmo scoprendo una buona spinta del 1.3 Multijet da 1500 fino a oltre 3000 giri, che rende  credibile il dato dichiarato di accelerazione: 14,5 secondi per lo "0-100" (mentre la punta massima è di 159 km/h, più che sufficiente per un'auto di questo tipo). L'assetto rialzato non penalizza in curva: il rollio non è marcato (o, almeno, non più che su una Panda "normale"). Tuttavia, negli inserimenti decisi nelle svolte strette si fanno sentire gli 80 kg in più rispetto alla Panda a trazione anteriore: la turbodiesel pesa 1115 kg, che comunque non sono molti se confrontati con altre vetture 4x4. Va anche detto che nella guida sportiva, specie se il fondo è un po' scivoloso, la stessa trazione 4x4 migliora la stabilità.

...e soprattutto in fuori strada

Abbandonato l'asfalto, la Fiat Panda 4x4 si trasforma in un furetto pronto a districarsi tra gli stretti sentieri con una disinvoltura sorprendente. E non solo per le dimensioni compatte, che già avevamo apprezzato sul precendente modello, o per i buoni angoli di superamento degli ostacoli (21 gradi quello di attacco, 20 per il dosso, 36 l'angolo di uscita). Quel che spicca è anche l'efficacia della trazione 4x4. Si tratta di un'ulteriore evoluzione (soprattutto per quanto riguarda la logica di controllo) del sistema montato sulla vecchia generazione: un differenziale posteriore controllato da frizioni elettromagnetiche regola il trasferimento di coppia al retrotreno. Inoltre, premendo il tasto Eld (è a fianco alla leva del cambio, ma il led che ne segnala l'attivazione non è ben visibile in condizioni di luce piena) viene controllato lo slittamento della singola ruota agendo sui freni. Così è possibile superare ostacoli che portano a far staccare da terra le due ruote agli angoli opposti (la situazione più temuta dai fuoristradisti puri). La funzione Eld resta inserita fino a 50 km/h di velocità, poi va in stand-by, pronta a reinserirsi non appena si scende di nuovo sotto ai 50 all'ora. Nel nostro test abbiamo superato agilmente pendenze del 40%, riuscendo a fermarci e a ripartire senza difficoltà. In queste fasi si apprezza la funzione antiarretramento (tiene le ruote bloccate per un paio di secondi dopo aver tolto il piede dal freno). E se per caso il motore dovesse spegnersi, basta ripremere la frizione e lo Stop&Start (di serie per tutte le Panda 4x4) lo riavvia rapidamente. I tratti fangosi si superano senza difficoltà grazie alle gomme M+S fornite di serie (sono le Continental ContiCrossContact). E, a proposito di gomme, c'è un'altra buona notizia: la nuova Fiat Panda 4x4 non impone (al contrario di quella vecchia) di usare solo gomme M+S: la misura di 176/65 R 15 può essere utilizzata anche per pneumatici estivi.

 
Secondo noi

Pregi
> Agilità. Le dimensioni e il peso contenuti permettono alla Panda 4x4 di muoversi con disinvoltura nei percorsi in fuoristrada, anche dove gli sterrati si fanno tortuosi e le pendenze considerevoli.
> Trazione. Si è dimostrata efficace anche sul fango: il trasferimento di coppia alle ruote posteriori è rapido, e la funzione Eld migliora la motricità perché non taglia la spinta del motore.
> Stile. Questa versione (come la Panda Trekking) esalta l'aria da piccola suv che già si respira sulle Panda "normali".

Difetti
> Peso. I chili in più rispetto alle Panda "normali" si fanno sentire negli ingressi decisi in curva. La sensazione è più accentuata sulla versione a gasolio. 
> Prezzo. Quest'auto non costa poco, soprattutto se si sceglie la versione a gasolio: alla fine, è pur sempre una citycar.
> Tasto dell'Eld. Il led (di colore verde) che ne segnala l'attivazione non è ben visibile in condizioni di piena luce.

 

 

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1248
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 55 (75)/4000
Coppia max Nm/giri 190/1500
Emissione di CO2 grammi/km 125
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 5 + retromarcia
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 369/167/161
Passo cm 230
Peso in ordine di marcia kg 1122
Capacità bagagliaio litri 225/870
Pneumatici (di serie) 175/65 R15 84T M+S    
Fiat Panda 4x4
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
133
76
47
30
40
VOTO MEDIO
3,7
3.711655
326
Aggiungi un commento
Ritratto di gio.G
16 ottobre 2012 - 20:03
20
La Panda 4x4 è sempre stata molto bella! Quella nuova è bellissima in "Arancio Sicilia"!
Ritratto di Motorsport
17 ottobre 2012 - 17:42
sterrati (vedere foto) allora meglio una panda normale.... ho visto molte fiat panda 4x4 (abito in trentino) nella neve per esempio girano solo le ruote anteriori quindi mi viene da dire che caz.o serve una panda 4x4 quando 4x4 non lo è???? meglio una ''normale'' che va bene lo stesso
Ritratto di baffomatteo
4 luglio 2013 - 22:41
Esiste una versione con l'aspetto della 4x4 ma a due sole motrici, magari hai visto quella.
Ritratto di ilovenaples89
16 ottobre 2012 - 20:03
invece quei 17000 euro per la twinair non sono malaccio, il twinair consuma poco (e non con i dati d'omologazione ma quelli reali) e soprattutto ha un buon spunto e cosa fondamentale l'assicurazione costa 500 euro in meno al anno rispetto al multijet (Napoli, 1 classe 23enne, ho fatto i preventivi dall'agente)
Ritratto di admin
admin (non verificato)
16 ottobre 2012 - 21:33
Il prezzo giusto è 17.650, ci scusiamo per l'errore. La redazione.
Ritratto di maxs73
16 ottobre 2012 - 20:11
quel colore poi la fa sembrare ancora piu cattiva grande Panda 4X4 !!!
Ritratto di batman999
16 ottobre 2012 - 20:19
E' una bellissima macchina utilissima nelle mie zone dove vivo in calabria, costa un pò troppo ma stavolta la dotazione è completa esp di serie radio e clima e persino interni in simil pelle e blocco differenziale
Ritratto di Merigo
16 ottobre 2012 - 20:24
1
Nel titolo scrivete che l'auto della prova è la Multijet e scrivete che costa € 20.350. Nel testo scrivete invece che costa 700 € più della benzina, che costa € 16.950, quindi € 17.650: quale è giusto? Inoltre, nell'articolo lamentate che la Multjet non ha 6 marce, mentre nella scheda tecnica scrivete che ne ha appunto 6: quante marce ha? Oppure la scheda si riferisce al Twinair? Se scriveste nella scheda il ciclo (Otto o Diesel) noi poveri lettori capiremmo, e se chiamaste entrambi i motori o con la potenza o con la cilindrata, ma non uno così e uno cosà, capiremmo ancora meglio! Grazie Redazione.
Ritratto di fabri99
16 ottobre 2012 - 20:39
4
Ma dico, siamo pazzi?! 20 fottùtissime migliaia di euro per la versione ""Cross" di...UNA PANDA?!?! E' incredibile, sono sconcertato... Sarà pure un'ottima auto, valida e carina, ben fatta e ben accessoriata, ma neppure avesse i sedili in struzzo vero sarebbe un prezzo giusto: non è possibile che per avere una citycar in versione 4x4, base, debba spendere 16950€!!! E poi, la dotazione è sì buona, ma non eccellente: c'è tutto il necessare, non di più... Si tratta di saper spendere bene i soldi: con 17.000€, ci si compra una berlina media in versione base, non un Panda 4x4... Magari serve la traz. 4x4 per gli sterrati?? O ti fai il Jimny, che ti porta dove vuoi, oppure spendi qualche eurino sopra i 20.000 e ti compri un MiniSUV, anche 4x4... Per esempio, le Suzuki/Fiat SX4/16, si prendono più o meno allo stesso prezzo... Sono sì datate, ma davvero sono su un altro livello... 20.350€ sono davvero troppi, eppure venderà molto... Bella comunque... Saluti ;)
Ritratto di OneTerros
16 ottobre 2012 - 21:16
1
Se non ricordo male la Suzuki non molto tempo fa pubblicizzava la SX4 a tipo 13.000 euro, molto meno di 20.000, a quel prezzo un vero affare
Pagine