PRIMO CONTATTO

Ford S-Max: potente, silenziosa e fatta come si deve

La nuova Ford S-Max ha un look ancor più sportivo: il 2.0 a gasolio da 180 CV spinge con forza e si fa sentire poco. Scomodi per adulti i due posti della terza fila.

27 aprile 2015
  • Prezzo (al momento del test)

    € 36.000
  • Consumo medio

    20 km/l
  • Emissioni di CO2

    129 grammi/km
  • Euro

    6
Ford S-Max
Ford S-Max 2.0 TDCi 180 CV Titanium 7 posti
Cambia, ma non nel carattere
 
È tutta nuova, ma a vederla non si direbbe. La seconda generazione della monovolume Ford S-Max è realizzata sullo stesso pianale della nuova Mondeo e, quindi, ha ben poco in comune col vecchio modello; tuttavia, la linea filante e il piglio sportivo sono rimasti ben visibili. Evidenti comunque gli elementi stilistici più recenti della casa: il frontale con la larga mascherina esagonale cromata, i fari lunghi e sottili, la linea arcuata del tetto (anche se, ora, leggermente più bassa), i passaruota scolpiti e la base dei finestrini che risale gradualmente verso la coda. Con 3 cm soli di lunghezza in più (per un totale di 480, anche le dimensioni sono pressoché identiche a quelle del modello che viene mandato in pensione. I fanali a sviluppo orizzontale, spigolosi e poco sviluppati in altezza, e il massiccio paraurti concorrono a dare alla macchina una certa aggressività anche nella vista posteriore.
 
Dotazione di lusso
 
Anche all’interno la Ford S-Max è tutta nuova: ora sfoggia una maggiore eleganza e finiture più curate. La plancia e la consolle sono meglio raccordate e i materiali tutti di buona qualità; il grande schermo di 10” nel cruscotto (digitale e a colori, riproduce tachimetro e contagiri con una grafica dal gradevole tono sportivo) e quello di 8” del sistema multimediale Sync 2 danno all’abitacolo un’impronta tecnologica. I comandi principali, tutti raccolti nella zona centrale, sono meno dispersivi (ma quelli del “clima” sono ancora un po’ troppo in basso). Il desiderio di un salto di qualità si ritrova pure negli allestimenti, finalizzati in primo luogo a rendere più confortevole la vita a bordo: i sedili, per esempio, sono rivestiti in pelle e con impunture a vista, riscaldati, rinfrescati e con la funzione massaggio (poltrone Multi-Contour, optional) grazie a speciali cuscini pneumatici. I poggiatesta anteriori possono essere regolati in quattro direzioni, mentre la posizione della poltrona di guida può essere registrata elettricamente con memoria. Anche il volante, ora riscaldato, può essere regolato elettricamente, sia in estensione sia in altezza. Quanto alla flessibilità, una delle caratteristiche più importanti in qualsiasi monovolume, la nuova S-Max mette sul piatto i suoi sette posti, con 32 configurazioni possibili, e le due ultime file di sedili ripiegabili nel baule (i sette posti sono optional, 1.500 euro) semplicemente premendo un pulsante nella parete sinistra del baule (sistema Easy-Fold), fino a creare un piano di carico piatto e molto capiente (fino a 2200 litri). In più, quelli della seconda e terza fila sono leggermente rialzati, mentre la forma sottile delle poltrone garantisce più spazio per le gambe; tra gli optional c’è anche il tetto panoramico. Per rendere ancor meglio vivibili i posti dietro, nel tunnel centrale c’è il “clima” con comandi specifici, e numerose sono pure le bocchette d’aerazione: ce ne sono perfino due nel soffitto, per la seconda fila di poltrone, e una, centrale, per i due posti in fondo. Ampio e ben fatto il baule quando l’abitacolo è nella configurazione a cinque posti. Solo l’ultima fila di sedili (con seduta bassa, schienale rigido e verticale e  pochissimo spazio per i piedi e le gambe) è adatta più a due bimbi che ad adulti. 
 
Un’iniezione di tecnologia
 
Un altro passo avanti rispetto alla vecchia generazione della Ford S-Max è stato fatto nella dotazione tecnica: con il nuovo sterzo adattativo, a demoltiplicazione variabile (il rapporto di sterzata cambia in base alle condizioni di guida), che arriverà come optional alla fine dell’anno; con l’adozione, per la prima volta in questo modello, della trazione integrale intelligente; e con l’introduzione di motori più efficienti. Tra i sistemi di sicurezza e di ausilio alla guida, troviamo il sistema di frenata automatica con assistenza pre-collisione (Pre-Collision Assist, attivo a partire da 8 km/h), che avvisa il guidatore e frena automaticamente, anche a velocità autostradali, se rileva un avvicinamento pericoloso al veicolo che la precede; il sistema di parcheggio (anche perpendicolare) assistito; quello di allerta nelle inversioni di marcia; l’assistente di corsia e la frenata automatica fino a 180 km/h. Innovativo il limitatore di velocità che riconosce i cartelli stradali e adatta automaticamente la velocità di crociera. Infine, la sicurezza passiva è garantita da una struttura del telaio del 3% più rigida rispetto alla generazione precedente (grazie a nuovi acciai ad alta resistenza) e da nuovi airbag laterali per la seconda fila di sedili.
 
La guidi come una berlina
 
Novità anche sotto il cofano, con il 1.5 e il 2.0 Ecoboost a benzina, rispettivamente da 160 e 240 CV, il 2.0 turbodiesel in tre potenze (120, 150 e 180 cavalli, con le due varianti più potenti abbinabili anche alla trazione AWD integrale) e il 2.0 biturbodiesel da 210. Il cambio, a sei marce, è manuale o robotizzato a doppia frizione. Noi abbiamo provato la Ford S-Max col 2.0 TDCi da 180 cavalli: dolce, ma vigoroso (forte dei suoi 400 Nm di coppia massima a 2000 giri), il quattro cilindri ha 13 CV più del precedente 2 litri a gasolio, rispetto al quale si dimostra più progressivo e silenzioso. Con questo motore, fluido e brillante, la macchina si guida in scioltezza e nelle gite fuoriporta, su strade ricche di curve, consente perfino di divertirsi, grazie anche al rollio limitato e alla risposta sincera ai comandi: pur non mostrandosi sveltissima nei veloci cambi di traiettoria, offre una tenuta di strada elevata e un coricamento laterale molto contenuto, specie con le sospensioni elettroniche (a richiesta) regolate sul profilo Sport che rende la vettura più rigida ma non scomoda. Ci è parsa poco pratica, però, la modalità di selezione della durezza delle sospensioni, che obbliga a “smanettare” nel menu del computer di bordo, rischiando di togliere lo sguardo dalla strada: semplici tasti nel tunnel avrebbero reso la cosa più facile e sicura. In città l’auto non brilla per maneggevolezza, tuttavia lo sterzo leggero e la buona manovrabilità della leva del cambio non la rendono troppo affaticante. Comoda in autostrada, la S-Max si fa apprezzare per l’efficace insonorizzazione dell’abitacolo (a 130 km/h il motore, in sesta, lavora a meno di 2100 giri). Il consumo ci è sembrato nella media: senza badare troppo al risparmio (e con i grossi cerchi di 19”, optional), abbiamo percorso circa 11,4 km/l (letti nel computer di bordo). Il navigatore satellitare non ci ha invece convinto: in alcune occasioni si è dimostrato poco preciso.
 
La vedremo a settembre
 
Nelle concessionarie dopo l’estate, la Ford S-Max sarà disponibile in tre allestimenti (Plus, Titanium e Titanium Business): con prezzi a partire da 29.500 euro, con il motore 1.5 EcoBoost da 160 CV.
 
Secondo noi
 
PREGI

> Linea. Per essere un’auto da famiglia, votata ai grandi carichi, ha un gradevole aspetto sportivo, che ne sottolinea il carattere dinamico. 
> Motore. Un turbodiesel potente, subito pronto e non troppo rumoroso.
> Sterzo. Abbastanza leggero a bassa andatura, non diventa impreciso in velocità.
 
DIFETTI
 
> Agilità. Visto il carattere quasi sportivo di questa monovolume, ci saremmo aspettati più maneggevolezza: invece, nei repentini cambi di traiettoria si sente il peso della vettura (del resto, l’auto è lunga 480 cm). 
> Posti dietro. I due strapuntini sono adatti al massimo per due bimbi: gli adulti devono stare rannicchiati.
> Visibilità posteriore. Come nel vecchio modello, in manovra la visuale non è libera.

 

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1997
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 132 (180)/3500 giri
Coppia max Nm/giri 400/2000-2500
Emissione di CO2 grammi/km 129
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 211
Accelerazione 0-100 km/h (s) 9,7
Consumo medio (km/l) 20
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 480/192/166
Passo cm 285
Peso in ordine di marcia kg 1651
Capacità bagagliaio litri 285-700/2200
Pneumatici (di serie) 235/55 R17

 

Ford S-Max
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
41
58
16
9
14
VOTO MEDIO
3,7
3.746375
138
Aggiungi un commento
Ritratto di federix-5
27 aprile 2015 - 11:08
è bella, davvero bella, ma i poggiatesta simil Volvo così come la plancia sottile e separata dal cruscotto la rendono una "copia" e io ho sempre odiato le imitazioni, si possono realizzare bellissime macchine con una propria personalità, copiare dei segni distintivi di un'altro marchio non fa che renderle, appunto, una copia e questo rischia di andare a discapito di tutto il resto
Ritratto di osmica
27 aprile 2015 - 14:31
I sedili e poggiatesta delle volvo sono molto comodi e molto sicuri. Ben vengano altre Case che adottano la stessa tipologia. Ex Volvista che intende tornare alla Volvo (principalmente per la sicurezza della vettura e dei sedili/poggiatesta)
Ritratto di Gordo88
27 aprile 2015 - 11:09
Bella dietro ma il muso sa troppo di b-max c-max fiesta.. dovevano caratterizzarla di più!! Normale la dotazione tecnica per essere una monovolume
Ritratto di M93
27 aprile 2015 - 11:27
Monovolume molto dinamica nello stile, tutto sommato un'evoluzione di quello attuale. Trovo molto riusciti gli interni, finalmente più sobri e ordinati. Ottimi motore e dotazione tecnologica.
Ritratto di Andrea Ford
27 aprile 2015 - 11:30
E' stato ridotto dalle piccole monovolume da una parte e dai suv in generale,dall' altra, oggi e' considerato molto piu' cool prendersi un suv piuttosto che un monovolume come invece accadeva negli anni 90.
Ritratto di PongoII
27 aprile 2015 - 12:17
7
La S-Max fu l'antesignana del concetto monovolume-coupe, ultimamente ripreso dalla Espace. La linea, come per il futuro Galaxy, la trovo troppo stereotipata: i fanali rimpiccioliti non mi sembrano proporzionati alla mole della vettura. Motoristicamente ho ben poco da eccepire, a parte il solito frullino a benzina, e mi immagino che i diesel 150 e 180 cv andranno per la maggiore. Interessante la possibilità di abbinarci la trazione integrale. Unica perplessità l'abitabilità della terza fila: ho un Galaxy MY'06 e nella terza fila, per prova, c'è agevolmente entrata mia moglie (175 cm) all'8° mese di gravidanza... che la linea spiovente incida tanto?
Ritratto di osmica
27 aprile 2015 - 14:37
Quoto completamente tutta la prima parte. Ma... dopo mi sorge una domanda: perche' mettere la moglie incinta nella terza fila? :) ps la Galaxy e' piu' alta di 15cm e al posteriore non ha il tetto spiovente. Presumo che i sedili della terza fila, nella SMax, siano messi piu' in basso - ho con seduta piu' sottile (per guadagnare spazio in altezza per la testa) rispetto alla Galaxy. Posizione che comporta di avere le gambe ranicchiate.
Ritratto di PongoII
27 aprile 2015 - 15:14
7
Era solo una prova di abitabilità... nessun maltrattamento di gestante! Ciao
Ritratto di Tomx
27 aprile 2015 - 14:15
Bella macchina per famiglie anche se: - la versione AWD sarà a mio avviso la novità più interessante da testare (la diretta concorrente Espace ad esempio non ha previsto tale funzionalità che invece, per aspetti legati alla sicurezza, è senz'altro un'ottima cosa) - l'altezza da terra di questa macchina potrebbe non renderla così versatile come ad esempio la diretta concorrente Espace ( anche in questo caso l'altezza da terra non volta a fare safari o fuoristrada duro ma semplicemente sufficiente ad evitare di toccare sotto al minimo dosso, marciapiede troppo alto, imbocco di salite ripide, etc)
Ritratto di Mattia Bertero
27 aprile 2015 - 14:48
3
Esternamente mi piace nonostante ormai tutte le Ford si assomigliano, gli interni invece mi lasciano un po' perplesso: mi sembra un grande copia-incolla dello stile di altre case automobilistiche. Per la maggiore andrà il Diesel vista la natura della macchina, fatta e progettata per le famiglie e per sopportare bene grandi viaggi. Non comprendo cosa ci faccia un 1.5 benzina su un'auto di queste proporzioni.... Il prezzo è ottimo in rapporto alla qualità ed alla dotazione.
Pagine