PRIMO CONTATTO

Hyundai i10: spaziosa (e confortevole) ma poco briosa

Tutta nuova, la Hyundai i10 si fa apprezzare per gli interni ampi e il buon comfort. Poco vivace il 1.0 a tre cilindri che, però, è silenzioso e abbinato a un cambio efficace. In vendita da novembre.

17 ottobre 2013
  • Prezzo (al momento del test)

    € 11.350
  • Consumo medio

    21,3 km/l
  • Emissioni di CO2

    108 grammi/km
  • Euro

    5
Hyundai i10
Hyundai i10 1.0 Comfort
Piccola fuori, ma non dentro
 
La presa d’aria frontale di forma esagonale e le marcate nervature nella carrozzeria danno un aspetto quasi grintoso alla nuova Hyundai i10 (coreana di nome, ma progettata e costruita in Europa) che, invece, punta soprattutto sul comfort. Non solo per il tanto spazio nell’abitacolo (e nel baule) in rapporto alla corta carrozzeria (367 cm, solo otto più del precedente modello), ma anche per l’efficace insonorizzazione e per i sedili ampi. 
 
Ecco i prezzi
 
In vendita dal 6 novembre 2013 (le prime vetture verranno consegnate a gennaio 2014) la Hyundai i10 è proposta con il 1.0 a tre cilindri abbinato a tre allestimenti. La Classic (di serie sei airbag, computer di bordo e Esp) costa 9.850 euro, che salgono a 11.350 euro per la Comfort (aggiunge il “clima”, la radio, i retrovisori a regolazione elettrica e sbrinabili) e a 12.850 per la Style (con anche cerchi in lega di 14”, Bluetooth, comandi al volante, fendinebbia, luci diurne a led). Per la versione a Gpl (sempre con il tricilindrico) vanno aggiunti 1.500 euro. Se si desidera più brio, gli stessi allestimenti con il 1.2 da 87 CV (sempre a benzina) costano 600 euro in più. Per entrambi i motori è disponibile il cambio automatico (1.000 euro) e per tutti i modelli il prezzo include la garanzia di cinque anni (senza limiti per i chilometri percorsi). 
 
Nuova e in promozione
 
Chi acquista una Hyundai i10 1.0 Comfort come quella test entro il 31 dicembre 2013, riceve in omaggio un ricco pacchetto di accessori: Bluetooth, comandi al volante, fendinebbia e luci diurne a led. Prevista anche una formula di finanziamento, che dovrebbe prevedere un anticipo di 2.000 euro per l’acquisto dell’auto, una parte del prezzo pagabile con mini rate mensili (circa 100 euro) e, dopo due o tre anni, la possibilità di scegliere se saldare la somma rimanente o restituire la vettura per acquistarne una nuova.
 
Avanti c’è posto
 
Facilmente accessibile grazie alle quattro porte (di serie) e al tetto alto, l’abitacolo della Hyundai i10 offre spazio in abbondanza per quattro adulti (anche di statura consistente). Stringendosi un po’, sul divano si può stare pure in tre (l’omologazione a cinque posti è di serie). Vivacizzato da elementi colorati (arancione, beige o blu) nella plancia e nelle porte offerti in alternativa al nero, l’interno è luminoso (grazie all’estesa superficie vetrata) e accogliente. Tuttavia, le plastiche dure al tatto e l’assenza di inserti in tessuto nelle porte non testimoniano la reale qualità della Hyundai i10. Nulla da ridire, invece, sulla disponibilità di portaoggetti (ben attrezzata, in particolare, la zona fra i sedili) e sulla comoda posizione di guida, con la leva del cambio rialzata. Fra i più capienti il baule: offre 252 litri (1046 a divano ripiegato). Peccato che l’accessibilità del vano lasci a desiderare: la soglia è a 72 cm dal suolo e a 23 dal fondo del baule. 
 
Meglio il cambio dello sterzo
 
Nella guida, la Hyundai i10 1.0 Comfort predilige le andature tranquille: la taratura delle sospensioni è morbida, lo sterzo piuttosto leggero (come il pedale della frizione) e il motore trasmette poche vibrazioni. Chi cerca vivacità resterà deluso dal modesto brio del tre cilindri (verosimili i 14,9 secondi per lo “0-100” e la velocità massima di 155 km/h), mentre lo sterzo poco preciso e la tendenza del retrotreno a perdere aderenza (prontamente rimesso in carreggiata dall’Esp) quando si forza l’andatura sconsigliano una guida sportiveggiante. Ok la buona visibilità in ogni direzione e le percorrenze: 14 km/l è la valida media calcolata dal computer di bordo nel costo del test, condotto su strade tortuose e con pochi riguardi per i consumi.
 
Secondo noi
 
Pregi
> Cambio. Si manovra bene.
> Comfort. Di buon livello per una citycar.
> Spazio. Abbondante sia per le persone sia per i bagagli.
 
Difetti
> Finiture. I rivestimenti plastici sono duri e troppo estesi.
> Prestazioni. I 66 cavalli risultano un po’… assonnati.
> Sterzo. Manca di precisione.
SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 998
No cilindri e disposizione 3 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 48,5 (66)/6000 giri
Coppia max Nm/giri 94/3500
Emissione di CO2 grammi/km 108
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 5 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 366/166/150
Passo cm 238
Peso in ordine di marcia kg 952
Capacità bagagliaio litri 252/1046
Pneumatici (di serie) 175/65 R14

 

Hyundai i10
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
62
89
49
21
34
VOTO MEDIO
3,5
3.486275
255
Aggiungi un commento
Ritratto di follypharma
17 ottobre 2013 - 09:43
2
non avra' il design esterno e interno della 500 ( che reputo la piu' bella citycar) , pero' per chi vuole una macchina piccola e di sostanza ad un buon prezzo direi che e' perfetta ... magari potevano sforzarsi un pochino per i materiali interni..?
Ritratto di Sprint105
17 ottobre 2013 - 10:34
più che le finiture, penso che per una citycar sia più importante quanto spazio ha dentro e nel baule. A quello che leggo, la i10 ne ha parecchio.
Ritratto di PariTheBest93
17 ottobre 2013 - 10:04
3
Mi sembra un pò una ford b-max in alcuni dettagli come il frontale, riusciti gli interni come pure il bicore nero-marroncino di plancia e sedili; poi è ovvio che una citycar da 66cv non sia una bruciasemafori, e che lo sterzo non sia preciso nei percorsi tortuosi visto che chi la compra la usarà soprattutto (o solamente...) nel traffico cittadino dove serve di più la leggerezza del volante...
Ritratto di clips12
17 ottobre 2013 - 11:44
Trovo che abbia fatto un bel salto in avanti, da la sensazione di solidità, carina nelle linee e con una abitabilità migliorata, piacevole anche gli interni e la plancia con quel riuscito abbinamento del colore carrozzeria ed interni, l'impressione è più che positiva poi come sempre va vista e provata e (non credo) ma le cose possono cambiare.
Ritratto di Franchigno
17 ottobre 2013 - 11:45
Di Alvolante...Lo sterzo!!.Ti pareva che non lo criticavano,scommetto che se fanno un articolo sulla Rolls direbbero che lo sterzo non va bene..he he.Detto questo la plastiche dure saranno anche estese ma al colpo d'occhi sembrano ottimamente assemblate e robuste d'altronde stiamo parlando di un utilitaria.
Ritratto di fabri99
17 ottobre 2013 - 20:12
4
Sicuramente le plastiche sono buone e ben fatte, ma il fatto che siano dure, tristi e un po' bruttine da vedere nell'insieme non fa molto piacere, soprattutto su una piccola simpatica citycar che mira a rivaleggiare con la Panda. Magari è anche migliore, ma internamente l'italiana è tutta un'altra cosa in quanto a design e percezione della qualità, che sulla i10 non si percepisce molto, pur essendoci.
Ritratto di Andrea Ford
19 ottobre 2013 - 19:59
Sono bruttine,dure e cheap anche quelle fiat, secondo me nel complesso questa i10 sarà decisamente superiore alla Panda inoltre la linea è decisamente piu'bella e stilosa di quella a scatola della Panda.
Ritratto di fabri99
20 ottobre 2013 - 20:10
4
Scusa se ti rispondo solo ora, tra i tanti impegni e distrazioni, me ne sono dimenticato. Comunque, sono d'accordo sul dire che le plastiche della Panda non siano migliori di quelle della i10, anzi, magari sono pure migliori quelle della coreana, ma sulla Panda, gli interni sono fatti e studiati meglio che sulla i10: sulla Panda sono allegri e piacevoli, la qualità sembra più alta di quello che è, viceversa nella triste i10 che nasconde la sua qualità, non si percepisce, il design e la forma della plancia non le rendono giustizia. Inoltre, va a gusti, secondo me la Panda, pur essendo scatolosa, è più simpatica e allegra, più originale di questa i10 che, oltre ad essere scopiazzata qua è là, non ha personalità, si può confondere con mille altre citycar, è uguale alle altre, potrebbe essere tranquillamente una Ford o altro... Non è originale, ha perso carattere, cosa che la vecchia, molto scatolosa, aveva da vendere, era simpatica e si distingueva dalla massa, non era identica alle altre.
Ritratto di Blade Runner
21 ottobre 2013 - 20:40
E' la fissa di Al Volante; quando non sanno cosa criticare nominano le plastiche, specie per la giapponesi e coreane, anche se in Europa se ne vedono di peggio, e lo sterzo, come se ogni auto dovesse essere per forza una GT da guidare per "divertirsi", ma dove? Su quale strada? E per fare cosa? Si badi alla sostanza e non all'apparenza. Quest'auto, insieme alla Fiat Panda ed alla Volkswagen Up è quanto di meglio ci sia nella categoria, un rapporto qualità prezzo eccezionale, una vera quattro porte 4-5 posti e non un giocattolone, come la 500, sfiziosa e carina, ma non paragonabile quanto a capienza e utilizzo alle precedenti citate.
Ritratto di Giorgio085
18 marzo 2014 - 21:59
Sia per la Panda, sia per la nuova i10... la qualità percepita è la medesima (io ho la nuova i10, un caro amico la Panda), solo che la Panda, consentimi, specialmente per un giovane è oggettivamente più bruttina esteticamente.
Pagine