PRIMO CONTATTO

Hyundai i10: stessa praticità e più sprint

Nella variante sportiva N Line la Hyundai i10 si conferma accogliente, ma aggiunge un look grintoso e il brioso 1.0 turbo da 100 CV. La buona la dotazione, però, ha fatto lievitare il prezzo.
Pubblicato 06 novembre 2020
  • Prezzo (al momento del test)

    € 17.400
  • Consumo medio (dichiarato)

    18,5 km/l
  • Emissioni di CO2 (dichiarate)

    105 grammi/km
  • Euro

    6d
Hyundai i10
Hyundai i10 1.0 T-GDI N Line
È appariscente

Finora proposta soltanto con il 1.0 a tre cilindri da 67 CV, la citycar Hyundai i10 c’è anche con la variante turbo dello stesso motore a benzina, che di cavalli ne ha 100. Aggiunge quel brio che mancava ed è riservato allo sportiveggiante allestimento N Line. L’aspetto già personale della Hyundai i10 guadagna una consistente dose di grinta dal frontale specifico, con mascherina più grande e integrata di luci diurne a led. A completare la personalizzazione, alcuni dettagli esterni verniciati di un rosso brillante e due terminali di scarico che spuntano dal paraurti posteriore, con un accenno di diffusore aerodinamico. Nonostante la vistosa caratterizzazione sportiva, la Hyundai i10 1.0 T-GDI N Line non è una “piccola” tutta cattiveria ma rimane una citycar spaziosa, confortevole e facile nella guida.

Ricca e costosa

Già in vendita, la Hyundai i10 1.0 T-GDI N Line costa 17.400 euro. Una cifra consistente per una citycar, anche se in parte giustificata dalla buona dotazione di serie. Comprende il climatizzatore manuale, l’impianto multimediale con schermo di 8”, Android Auto e Apple CarPlay e alcune funzionalità gestibili a distanza dall’apposita app del telefono (come sbloccare le porte), oltre a una dotazione di aiuti alla guida non comune per la categoria: include l’avviso anti-colpo di sonno, il mantenimento in corsia e la frenata automatica d’emergenza in grado di individuare anche pedoni e ciclisti. Fra gli optional, il navigatore: 950 euro, insieme ai servizi live per cinque anni, come le informazioni sul traffico, e al sistema di riconoscimento dei limiti di velocità.

Tanto spazio

Considerato che stiamo parlando di una citycar, l’abitacolo della Hyundai i10 è grande: dietro anche i più alti hanno aria sopra la testa. Rifinito con semplicità e assemblato con cura, l’interno della Hyundai i10 N Line si distingue per dettagli sportivi, quali il volante e il pomello del cambio in pelle e con logo N (identifica le Hyundai più “corsaiole”) bene in vista. Specifici anche gli anelli rossi intorno ai diffusori del climatizzatore, i pedali in metallo con gommini antiscivolo e il rivestimento con cuciture rosse dei sedili. Questi ultimi sono confortevoli, moderatamente avvolgenti e offrono una posizione di guida leggermente rialzata. La strumentazione, identica a quelle delle altre Hyundai i10, è chiara, completa e i comandi, fra cui le rotelle nella consolle per la climatizzazione, intuitivi. Mancano comodità come le maniglie di appiglio nel soffitto e le cordicelle per sollevare la cappelliera del baule. Quest’ultimo ha una buona capienza (252 litri a divano in uso), ma la soglia di carico è alta (70 cm).

Andante con brio

Con il frullare dei tre cilindri più attutito della versione meno potente e con sospensioni non molto più dure, la Hyundai i10 1.0 T-GDI N Line si adatta a un uso quotidiano senza stress. I 100 CV erogati con regolarità forniscono una vispa progressione a ogni regime, rendendo gradevole la guida. Il cambio a cinque marce è ben manovrabile, lo sterzo rimane leggero e non delude quanto a precisione mentre la modulabilità del pedale del freno non è delle più agevoli. Grazie al moderato rollio, la Hyundai i10 1.0 T-GDI N Line è agile e la tenuta di strada di buon livello. Nel test su strade extraurbane affrontate con brio il computer di bordo ha indicato un consumo di circa 15 km/l.

Secondo noi

Pregi
> Motore. È bello vispo.
> Sicurezza. Per una citycar la dotazione di aiuti alla guida è ricca.
> Spazio. Abitacolo e baule sono ampi.

Difetti
> Dettagli. Mancano le maniglie nel soffitto e le cordicelle per sollevare la cappelliera.
> Prezzo. Pur considerando la buona dotazione di serie non è basso.
> Soglia di carico. Quella del baule è distante dal suolo.

SCHEDA TECNICA

Carburante benzina
Cilindrata cm3 998
No cilindri e disposizione 3 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 74 (100)/4500-6000 giri
Coppia max Nm/giri 172/1500
Emissione di CO2 grammi/km 109
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 5 (manuale) + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autovelntilanti
Freni posteriori dischi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 185
Accelerazione 0-100 km/h (s) 10,5
Consumo medio (km/l) 18,5
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 367/168/148
Passo cm 243
Peso in ordine di marcia kg 1024
Capacità bagagliaio litri 252/1050
Pneumatici (di serie) 195/45 R16
Hyundai i10
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
36
36
30
16
18
VOTO MEDIO
3,4
3.411765
136


Aggiungi un commento
Ritratto di Andrea Zorzan
6 novembre 2020 - 20:13
Pesante e costosa.
Ritratto di PARRELLA GIOVANNI
7 novembre 2020 - 22:07
Hai perfettamente ragione. Io ho una Clio IV turbo benzina che con metallizzato e navigatore inclusa IPT aveva listino di 18k. Quà solo il navigatore costa 900 euro. Poi è vero che pesa parecchio. Sempre la Clio, lunga 406 cm, pesa 15 kg di meno.
Ritratto di Ferrari V12 6-5L
8 novembre 2020 - 11:34
Veramente la clio 1.0 benzina da 100 cv pasa 1.090 kg. Quindi sono 64 kg in più.
Ritratto di PARRELLA GIOVANNI
8 novembre 2020 - 13:56
Mi riferivo alla Clio IV Tce90 con peso 1.009 kg. La V serie pesa di più anche perchè sebbene più corta è più larga.
Ritratto di littlesea
6 novembre 2020 - 20:13
1
Sì, va bene, però quasi 18 mila euro!
Ritratto di alex_rm
7 novembre 2020 - 14:32
Per una citycar coreana fatta in turchia
Ritratto di Flynn
7 novembre 2020 - 15:08
6
Turchia, Romania ,Italia... cosa cambia? Nulla!
Ritratto di alex_rm
8 novembre 2020 - 07:03
Strano solo quando si parla della tipo é un aspetto negativo che venga fatta in turchia
Ritratto di Flynn
8 novembre 2020 - 09:01
6
Più strano che mi affibbi affermazioni mai fatte. Può essere più o meno discutibile l’etica della delocalizzazione , ma ai fini del prodotto finito è irrilevante.
Ritratto di Ferrari V12 6-5L
8 novembre 2020 - 11:41
Dove hai letto che ha scritto che sei stato tu a dirlo??? Da nessuna parte. Però molti criticano la Tipo perché è prodotta in turchia, però nessuno critica la i10 fatta sempre li. Poi questa costa 1.100 euro in meno della Tipo, nonostante la Tipo sia di una categoria superiore, e lunga la bellezza di 70 cm in più. E anche la Tipo è un 1.0 da 100 cv.
Pagine