PRIMO CONTATTO

Hyundai Tucson: più grinta col nuovo 1.7

Con il nuovo 1.7 CRDi a gasolio da 141 CV, la Hyundai Tucson è brillante e confortevole; rapido e dolce nei passaggi di marcia il cambio a doppia frizione DCT. Poco visibili, però, alcuni comandi.

29 luglio 2016
  • Prezzo (al momento del test)

    € 30.750
  • Consumo medio

    20,4 km/l
  • Emissioni di CO2

    129 grammi/km
  • Euro

    6
Hyundai Tucson
Hyundai Tucson 1.7 CRDi 141 CV Xpossible 2WD DCT
Un abbinamento riuscito

Lanciata lo scorso anno per sostituire la ix35, la Hyundai Tucson è in vendita adesso anche con il 1.7 CRDi potenziato a 141 CV (finora, di questo motore a listino c’era solo la versione da 116 cavalli), abbinato solo alla trazione anteriore e al cambio robotizzato a 7 marce DCT: un connubio che ci è sembrato davvero azzeccato. Le buone doti di spunto e la discreta vivacità del 1.7, infatti, sono ben supportate dalla prontezza del cambio a doppia frizione, che passa rapidamente e senza scosse ai rapporti superiori e scala senza incertezze (anche in modalità manuale), rendendo più brillante la grintosa suv coreana. Solo se si guida ricercando proprio le massime prestazioni, il DCT perde un po’ di prontezza nella risposta; ma la Tucson è un’auto da famiglia, che non ha senso guidare come se ci si trovasse tra i cordoli di un circuito.

Agile e facile da guidare. In retromarcia, però…

In città la Hyundai Tucson 1.7 CRDi DCT 2WD si comporta bene, facendosi apprezzare per l’elevata maneggevolezza e la facilità di guida: la seduta rialzata consente di vedere bene la strada, lo sterzo è leggero, l’accoppiata motore/cambio DCT rende semplice la marcia nel traffico e le sospensioni morbide filtrano in modo efficace il pavé e le rotaie. Inoltre, si può inserire (premendo il pulsante sul tunnel centrale) la funzione Auto Hold, che a vettura ferma, o in fase di spunto, senza che il guidatore sia costretto a tenere premuto il pedale del freno impedisce all’auto di spostarsi accidentalmente. Qualche problema, invece, quando si deve posteggiare, perché nelle manovre in retromarcia la visibilità posteriore non lascia percepire al meglio gli ingombri della vettura. Un aiuto, comunque, viene dai sensori di parcheggio posteriori e dalla retrocamera, di serie per la Xpossible. Fuori città la macchina ha un comportamento sempre prevedibile, il rollio in curva non è fastidioso e i freni sono pronti e potenti. Anche lo sterzo non è male, specie se si seleziona la modalità Sport, nella quale si dimostra più pronto e progressivo. Nessun problema pure in autostrada, dove si viaggia comodi, ben isolati dalle imperfezioni del manto stradale e dai rumori esterni e del motore (a 130 orari in D7, il 1.7 lavora a 2250 giri). Sul versante dei consumi, alla fine del test (con una lunga percorrenza in autostrada e brevi tratti di percorso urbano e fuori città), il computer di bordo riportava una media di 15 km/l: anche se lontani dai 20,4 omologati, non ci si può lamentare. 

Pulsanti seminascosti

Gli interni della Hyundai Tucson, ampi e confortevoli anche per cinque, nel complesso hanno finiture curate (a parte qualche caduta di tono nei rivestimenti delle porte e di parte della plancia); alcuni comandi, però, sono poco visibili o in posizione scomoda, come i tasti alla sinistra del volante (tra cui quello che attiva il sistema di mantenimento della corsia di marcia). 

Una sola versione, la più ricca

La Hyundai Tucson 1.7 CRDi DCT da 141 CV è solo nell’allestimento Xpossible, il più ricco, che ha una dotazione completa, con alcuni accessori da auto di lusso. Di serie ha il “clima” automatico bizona, il navigatore con lo schermo di 8”, la chiave elettronica, il dispositivo di mantenimento nella corsia di marcia e di rilevazione dei limiti di velocità, i sedili anteriori e posteriori riscaldabili, i sensori di distanza davanti e dietro e la retrocamera. Non mancano utili servizi, quali l’abbonamento gratuito a Tom Tom Live per sette anni e l’aggiornamento gratuito delle mappe del navigatore senza limiti di tempo.

Secondo noi

PREGI

> Cambio. Il robotizzato a doppia frizione a sette marce è dolce e rapido nei passaggi di marcia. 
> Comfort. La macchina passa morbida sulle sconnessioni della strada; contenuta la rumorosità. Pratico lo schienale del divano regolabile.
> Motore. È adeguato alla macchina, che riesce a muovere con disinvoltura, senza far rimpiangere cilindrate più grosse. 

DIFETTI
 
> Comandi. Alcuni tasti sono poco visibili (come quelli alla sinistra del volante), altri in posizione scomoda (vicino alla leva del cambio).
> Rivestimenti. Alcune zone della plancia e la plastica rigida dei pannelli delle porte hanno un aspetto economico.
> Visibilità posteriore. È penalizzata dal lunotto piccolo e molto inclinato e dalla forma degli estesi montanti posteriori del tetto.

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1685
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 104 (141)/4000 giri
Coppia max Nm/giri 340/1750-2500
Emissione di CO2 grammi/km 129
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 7 (automatico doppia friz.) + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 185
Accelerazione 0-100 km/h (s) 11,5
Consumo medio (km/l) 20,4
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 448/185/165
Passo cm 267
Peso in ordine di marcia kg 1470
Capacità bagagliaio litri 488/1478
Pneumatici (di serie) 225/60 R17
Hyundai Tucson
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
116
105
55
25
34
VOTO MEDIO
3,7
3.72836
335
Aggiungi un commento
Ritratto di IloveDR
29 luglio 2016 - 18:24
4
è una delle auto più belle in commercio, certo chi l'acquista ha una flebile fantasia...cioè vuole andare sul sicuro, sceglie il tipo di auto più alla moda e il modello che è stato apprezzato in tutto il mondo, non sbaglia...
Ritratto di MAXTONE
29 luglio 2016 - 20:36
Oddio a me non dice davvero nulla quest'auto, potra' anche piacere a molti ma sinceramente le preferisco di gran lunga il Kuga ST di qualche post fa, e sotto tutti i punti di vista.
Ritratto di TheBlackCat
29 luglio 2016 - 22:56
vero, è modaiola e perciò invecchierà prestissimo come la precedente.
Ritratto di TheBlackCat
31 luglio 2016 - 09:38
Di grave nulla, forse qualche battibecco, ma bisognerebbe chiedere a lui.
Ritratto di lucios
30 luglio 2016 - 18:59
4
D'accordissimo. Uno dei più bei Suv medi al momento offerti dal mercato. Hyundai, da cenerentola a grande marchio.
Ritratto di puccipaolo
10 agosto 2016 - 19:14
5
Ma scusate ...da quando in qua scegliere la "cosa" che piace di più è un problema. Io credo invece che sia perverso l'opposto. Cioè andare per forza controcorrente scegliendo ciò che non piace ne a se ne agli atri tanto per far vedere di essere fuori dal coro. Mi piace pensare con la mia testa e non con quella degli altri e a Voi?
Ritratto di Flavio Pancione
29 luglio 2016 - 18:47
7
Era ora per il cambio, l'ultima volta che ho guidato una Hyundai é stato un incubo
Ritratto di tody
29 luglio 2016 - 21:39
2
X Boss600 Io l'ho provata, per essere un suv non se la cava malaccio alla guida, forse sei influenzato nel giudizio dalla Ix35 che in effetti era parecchio deludente come handling.
Ritratto di Luzzo
30 luglio 2016 - 08:14
Bisogna specificare bene cosa si intende per piattaforma:cm alla mano questa rispetto alla precedente ha passo più lungo, è più lunga più larga più bassa...a quel punto credo che, anche avendo le stesse sospensioni con gli stessi attacchi angoli ecc ( tutto da verificare) la vettura si possa molto ragionevolmente considerare 'nuova', tenendo presente anche nuovi motori e nuovi cambi poi. Se poi verifichi anche con wilipedia puoi notare come diversi modelli hyundai /kia ( santa fe, questo,i10, i20 e credo pure i40 a breve, sportage, sorento ) abbiano un periodi di 6 anni circa, oltre a ricevere aggiornamenti mid life spesso di sostanza come nuove plance nuove motorizzazioni . Probabilmente è una strategia aggressiva per posizionarsi sempre meglio sui vari mercati, ma evidentemente date le dimensioni del gruppo HH possono permetterselo
Ritratto di mike53
30 luglio 2016 - 09:58
Posso solo assicurarvi che, quale possessore di questo modello da circa 1 mese, parecchie migliorie sono evidenti, rispetto appunto alla IX35 che ho avuto negli ultimi 2 anni. Ad iniziare dall'insonorizzazione e dalle sospensioni. Il piacere di guida poi, con questo doppia frizione, è decisamente aumentato, almeno secondo il mio punto di vista. Nel complesso un'ottimo crossover.
Pagine