PRIMO CONTATTO

Jaguar XF Sportbrake: elegante, pratica e comoda. Ma quel cambio “dorme” un po’

La Jaguar XF Sportbrake unisce slancio e praticità all’eleganza, e su strada fa sfoggio di un notevole equilibrio: le prestazioni sono convincenti, la guida gradevole e sicura, il comfort elevato. Non sempre, però, il cambio automatico risponde con adeguata prontezza; e gli interni, per quanto lussuosi e ben rifiniti, hanno un aspetto un po' superato.

12 novembre 2012
  • Prezzo (al momento del test)

    € 57.710
  • Consumo medio

    19,6 km/l
  • Emissioni di CO2

    135 grammi/km
  • Euro

    5
Jaguar XF Sportbrake
Jaguar XF Sportbrake 2.2 D Portfolio
Una station di classe

La Jaguar XF berlina, presentata nel 2007, era stata rivista lo scorso anno principalmente nel frontale, che aveva acquisito ancora più grinta grazie a nuove prese d'aria, a sinuosi fari bixeno (di serie) contornati dalle luci diurne a led e al cofano con ampie nervature. Adesso arriva la wagon Sportbrake, che mantiene le stesse, abbondanti dimensioni della quattro porte: 497 centimetri di lunghezza, 188 di larghezza. La nuova coda è possente ma ben integrata, e contribuisce a rendere la vettura grintosa, elegante e decisamente personale: si capisce subito che è una Jaguar. Tra gli elementi caratterizzanti, citiamo il profilo in plastica nera che ricopre il montante posteriore, raccordando il terzo finestrino con il lunotto; l'ampio spoiler alla fine del tetto e i fanali (a led) raccordati da una fascia cromata. Inoltre, sul tetto si notano le barre longitudinali satinate.

 
Bagagliaio curato
 
Non appena ci consegnano le chiavi, dedichiamo qualche minuto alla scoperta della vera novità: il baule. La capacità, pur buona in assoluto, è nella media della categoria: ci sono 550 litri a divano su e 1675 quando lo si reclina. Come quasi sempre in queste grosse wagon dalle linee sportive e affusolate, il vano è molto lungo, piuttosto largo ma non molto alto (tra il piano e il tendalino copribagagli ci sono solo 40 cm). La praticità è apprezzabile, perché il portellone è ampio (per 530 euro lo si può avere con l'apertura elettrica) e la soglia di carico abbastanza vicina a terra (63 cm); inoltre, non ci sono scomodi gradini all'ingresso e neppure quando si abbassano gli schienali (agendo sulle comode levette vicino all'imbocco). L'intero vano è ricoperto con una folta moquette, non mancano le guide in alluminio per fissare i bagagli e l'illuminazione è molto curata: ci sono due plafoniere sulle pareti laterali e due sul bordo del portellone. Comodo anche il tendalino che si può far scorrere verso l'alto. A voler fare i pignoli, invece della botola per gli sci (che pure è optional: 300 euro) avremmo preferito il divano reclinabile in tre parti, per trasportare oggetti sottili ma piuttosto alti (come una tavola da surf, o una scaletta) pur potendo viaggiare comodi in quattro. 
 
Bella pelle, ma non manca qualche “ruga”

 
Anche lo spazio per i passeggeri trae vantaggio dalla nuova coda: chi siede dietro ha 5 centimetri in più per la testa, e così anche gli spilungoni non rischiano di toccare il soffitto. Inoltre, grazie alle porte posteriori più squadrate, l'accesso è molto più agevole. Tuttavia, la Jaguar XF Sportbrake è davvero comoda solo per quattro, non per cinque; la sagomatura del divano e l'ampio tunnel centrale limitano il comfort se si cerca di stare in tre dietro. Chi viaggia davanti, invece, si trova a suo agio, potendo avvalersi delle numerose e ampie regolazioni elettriche dei sedili (che sono anche ventilati e riscaldati) e del volante. L'ambiente, in questa Portfolio (la versione più lussuosa) è decisamente raffinato: morbida pelle ricopre i sedili e buona parte della plancia e dei pannelli, alternandosi con eleganza all'alluminio e agli inserti in ebano lucido. Di grande effetto, poi, il momento dell'avviamento del motore: la manopola metallica del cambio automatico "sorge" dal tunnel centrale e le quattro bocchette del "clima" (automatico bizona) ruotano, aprendosi in contemporanea. Ciò detto, è anche vero che lo stile molto lineare e la grafica della strumentazione e dello schermo centrale di 7 pollici tradiscono un po' l'età del progetto, mentre le palette del cambio dietro al volante, pur comode, sono in una plastica economica, inadeguata a una vettur,a di questo livello. Bene invece la posizione e la facilità di comprensione dei comandi e adeguato lo spazio per i piccoli oggetti.
 
"2200" adeguato, cambio ostinato

Questa 2.2 biturbodiesel con 200 cavalli è la versione meno potente della gamma (ci sono anche le 3.0 V6 da 241 e 275 cavalli), ma il quattro cilindri, oltre a non alzare mai troppo la voce, riesce a conferire una certa brillantezza a una vettura che pesa pur sempre 1824 kg: la spinta è decisa e disponibile con pienezza fin dai 1300-1400 giri, anche se tutto finisce già alla soglia dei 4000. La casa parla di 8,8 secondi per lo scatto da 0 a 100 km/h, un dato che ci pare senz'altro alla portata della Jaguar XF Sportbrake. Più difficile avere un'idea se i 214 km/h promessi siano davvero raggiungibili; ma anche qui, data la rapidità con cui sale l'ago del tachimetro anche a velocità elevata, riteniamo che le promesse della Jaguar non siano un azzardo. Nel complesso è valido anche il cambio, un automatico a otto rapporti che nella maggior parte delle situazioni ha i riflessi pronti ed è abbastanza dolce nelle cambiate; gli rimproveriamo, però, una certa "ostinazione" a mantenere le marce più alte quando si cerca di riprendere. Così, ci si può ritrovare su un falsopiano senza riuscire ad aumentare velocità, a meno di scalare manualmente o di affondare completamente il piede destro (con conseguente, inutile scalata di tre-quattro marce quando ne sarebbe bastata una). Evidentemente, è una taratura volta a ridurre i consumi: la casa parla di 19,6 km/litro in media, ma da una prima valutazione approssimata (per quella precisa, rimandiamo a una prossima prova su strada su alVolante) riteniamo di avere percorso tra i 14 e i 15 km/litro.  
 
Comfort e guida: un bel compromesso

La Jaguar XF Sportbrake 2.2D ha le sospensioni posteriori ad aria autolivellanti (per evitare che la coda si abbassi in caso di carichi molto pesanti), ma è priva di regolazioni elettroniche dell'assetto (disponibili invece per le 3.0). Ebbene, a parte un rollio abbastanza evidente nelle curve affrontate con decisione, la guida non ne risente: lo sterzo è preciso, progressivo e omogeneo nella risposta come nel ritorno, mentre la vettura è equilibrata anche sul bagnato e mette in mostra una buona agilità sui percorsi più tortuosi. In pratica, senza essere (né voler essere) una sportiva, la XF Sportbrake riesce a garantire una guida piacevole e rilassante, tanto più che il comfort sullo sconnesso è valido, nonostante le gomme di 19" dell'auto che abbiamo guidato (1.540 euro; di serie ci sono quelle, più "morbide", di 17"). 
    
Forse forse, conviene la base

La Jaguar XF Sportbrake 2.2D Portfolio costa 57.710 euro, una cifra rilevante ma nel complesso allineata a quella delle concorrenti più quotate. La dotazione, pur buona, non è del tutto soddisfacente: vanno pagati a parte il navigatore (non velocissimo nelle indicazioni, costa 2.540 euro), il Bluetooth (540 euro) e i sensori di parcheggio posteriori con telecamera (840 euro, molto utili data la scarsa visibilità in manovra). Tra gli optional più interessanti, citiamo poi l'Hi-Fi Meridian da 825 watt con 17 altoparlanti (ha un suono cristallino, ma costa 3.060 euro) e il pacchetto Driver Assistance: include il regolatore di velocità attivo con frenata automatica in caso di di emergenza, il sensore dell'angolo cieco dei retrovisori, i fari con abbaglianti automatici e a orientamento automatico in curva. Costa 2.790 euro, ma è un bel contributo alla sicurezza. Viceversa, volendo spendere meno, si può scendere fino ai 50.550 euro della XF Sportbrake nella versione base, che non fa poi rinunciare a nulla di davvero importante: è priva dei sedili ventilati e riscaldabili, e ha materiali interni meno pregiati (ma comunque sedili e plancia sono in pelle, e non mancano gli inserti in radica). 
 
 
PREGI
> Guida. Precisa, sicura e maneggevole, la XF Sportbrake si guida con piacere e senza rinunciare al comfort. 
> Materiali. Di plastica non ce n'è poi molta, nell'abitacolo: dominano pelle, legno e alluminio, ben abbinati e lavorati.
> Personalità. Non c'è il rischio di confonderla con le rivali, e soprattutto con le tedesche: la miscela di aggressività e classe della XF Sportbrake è unica.
 
 
DIFETTI
> Logica del cambio. In alcune condizioni, mantiene troppo a lungo le marce alte, rendendo problematiche le riprese.
> Stile interno. Ci è parso che inizi a mostrare l’età.
> Visibilità posteriore. Decisamente ridotta, rende praticamente necessari i sensori di parcheggio: a 840 euro.
SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 2179
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 147 (200)/3500
Coppia max Nm/giri 450/2000
Emissione di CO2 grammi/km 135
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 8 (automatico sequenz.) + retromarcia
Trazione Posteriore
Freni anteriori Dischi autoventilanti
Freni posteriori Dischi autoventilanti
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 497/188/-
Passo cm 291
Peso in ordine di marcia kg 1824
Capacità bagagliaio litri 550/1665
Pneumatici (del test)

 

VIDEO
Jaguar XF Sportbrake
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
37
33
8
8
9
VOTO MEDIO
3,9
3.85263
95
Aggiungi un commento
Ritratto di Gianluu
12 novembre 2012 - 20:14
1
Bella, a me pace molto!!!
Ritratto di Motorsport
13 novembre 2012 - 03:55
Ma come si fa a criticare una plancia elegante e particolare come questa?????
Ritratto di giuggio
13 novembre 2012 - 09:45
ovviamente va a gusti... ma a me pare che il disegno della plancia poteva farlo anche mio nipote. Un rettangolo di alluminio con dei buchi rettangolari per l'aria climatizzata. Prova a guardare le Audi A6 e anche le BMW Serie 5. Sono molto più fluenti
Ritratto di Motorsport
13 novembre 2012 - 17:51
Ma appunto per questo non può mettere come "difetto" la plancia... Perché il gusto personale di una persona non e un difetto.... Stessa cosa quando alvolante ha fatto il "primo contatto" con la Opel astra Gtc OPC come difetto ha messo il sound del motore!!!!! Ma come si fa..... Su youtube la opc ha un sound molto gradevole.... Poi anche in questo caso sono gusti personali..... Ciao
Ritratto di fabri99
12 novembre 2012 - 20:26
4
Ladies and Gentlemen ecco a voi il posteriore meno azzeccato nella storia dei posteriori non azzeccati: è storpio e orribile, molto meglio nei rendering! Per il resto mi sembra sia davvero buona, bella, ben fatta pure dentro e quasi sportiva... Il prezzo non è altissimo ma, vista la dotazione, aumenterà un po': certi accessori sono davvero immancabili... Ecco, rimane solo il problema del posteriore, magari sarà come per la Serie 1: storpia in foto, bellissima dal vivo... Saluti ;)
Ritratto di bubu
12 novembre 2012 - 22:51
devo dire che la trovo davvero molto riuscita! la linea è filante ed elegante ma anche con un giusto tocco di sportività! molto bella!
Ritratto di Challenger RT
13 novembre 2012 - 09:23
Filante e bella la linea, eleganti gli interni, ma i motori? ...i motori dove sono? Cos'e' questo inqualificabile (per usare un eufemismo) diesel che non rifilano neanche agli Indiani? Perche' Jaguar Italia tiene nascosti i motori a benzina, non comparendo in listino nemmeno sulla berlina? Dove sono i benzina 4 cilindri 2.0 litri supercharged da piu' di 240 cv ed il V6 3.0 litri da oltre 340 cv? (Motori a benzina peraltro in regola con le piu' avanzate normative mondiali, vedi California, in fatto di emissioni inquinanti). E' chiaro che proponendo come unica alternativa benzina solo il V8 5.0 litri i possibili acquirenti saranno indirizzati sui diesel...guarda caso molto piu' costosi dei pari benzina (oltre che per nulla elegantemente inglesi su una Jaguar!)
Ritratto di giuseppe26
13 novembre 2012 - 15:55
molto bella!
Ritratto di giuseppe26
13 novembre 2012 - 15:56
molto bella!
Ritratto di MatteFonta92
13 novembre 2012 - 17:04
3
Bellissima, come tutte le Jaguar! Sì, forse gli interni sono un po' banali e dal design un po' superato, ma su un'auto del genere è una cosa che si può perdonare, anche vista la qualità altissima degli interni. Se potessi, l'acuisterei però con motore rigorosamente a benzina e ovviamente cambio manuale! Le critiche di alVolante a questo cambio automatico sono la prova che non conviene sempre prenderlo, anzi... se si può, bisognerebbe evitarlo!
Pagine