PRIMO CONTATTO

Kia Optima Sportswagon: spaziosa e pepata

Potente (245 cavalli) e ben guidabile, la Kia Optima Sportswagon GT è una sportiva divertente e con interni ampi. Migliorabile qualche finitura.

27 ottobre 2016
  • Prezzo (al momento del test)

    € 45.000
  • Consumo medio

    12,2 km/l
  • Emissioni di CO2

    191 grammi/km
  • Euro

    6
Kia Optima Sportswagon
Kia Optima Sportswagon 2.0 T-GDI GT automatica
Cavalli da record

Oltre alle versioni con il 1.7 turbodiesel da 141 CV (da 30.500 euro con una completa dotazione di serie) che abbiamo già guidato (leggi qui il primo contatto) la nuova e grande (486 cm la lunghezza) famigliare Kia Optima Sportswagon è proposta anche nella sportiva versione GT del test. Forte dei 245 cavalli del 2.0 turbo a benzina (col cambio automatico) è la Kia più potente mai commercializzata in Italia. Oltre che per il motore, la Optima Sportswagon 2.0 T-GDi GT si distingue dalle altre versioni per le ruote specifiche di 19”, l’impianto frenante maggiorato (con pinze rosse) e l’assetto ribassato. La caratterizzazione estetica è quella della meno potente GT Line, con i paraurti specifici (quello anteriore con vistose prese d’aria verticali ai lati): sottolineano l’aspetto slanciato e grintoso della wagon coreana. 

Tutto di serie

45.000 euro è il prezzo della Kia Optima Sportswagon 2.0 T-GDi GT, che include una ricca dotazione con: molti aiuti alla guida (sistemi di frenata automatica d’emergenza, di avviso per involontario cambio di corsia, di monitoraggio dell’angolo cieco nei retrovisori, di riproduzione nel cruscotto dei limiti di velocità indicati dai cartelli stradali, nonché la telecamera con visione a 360°). Non mancano, poi,  i fari full led, i sedili in pelle a regolazione elettrica e ventilati (oltre che riscaldabili, come il divano), il navigatore, le sospensioni a controllo elettronico, il tetto apribile in vetro e la vernice metallizzata (nera o rossa).

Si viaggia comodi

L’abitacolo della Kia Optima Sportswagon è spazioso (notevole l’agio per chi siede dietro), sobrio e con dettagli sportivi come la parte inferiore per la corona del volante appiattita e la pedaliera in metallo (con gommini antiscivolo). Riusciti i sedili in pelle a “cannelloni”: sono avvolgenti, ma non eccessivamente, e dispongono di precise regolazioni elettriche. Meno apprezzabile l’imitazione delle cuciture per la pelle nel rivestimento morbido della plancia, le plastiche d’aspetto economico per la zona inferiore dell’abitacolo e l’essenziale cassetto di fronte al passeggero anteriore: è privo di rivestimento e di bocchetta refrigerante. Niente male, invece, l’impianto multimediale intuitivo da utilizzare (come tutti i comandi di bordo): ha 10 altoparlanti, i protocolli Android Auto e Apple CarPlay, e accede a internet utilizzando la rete Wi-Fi creata col telefonino (per quelli predisposti c’è pure la ricarica wireless). Facilmente accessibile, il baule è grande (ma non quanto quello di alcune rivali) e realizzato con cura: nel fondo sono ricavati alcuni portaoggetti richiudibili, mentre il divano si ripiega anche mediante le leve nelle pareti del vano e non crea gradini.

Brillante senza eccessi

Il 2.0 turbo della Kia Optima Sportswagon 2.0 T-GDi GT spinge con vigore (specie nella modalità più sportiva delle tre selezionabili con il tasto fra i sedili) fin dai bassi regimi, accompagnato da un sound grintoso, ma è anche omogeneo nel funzionamento. Del resto, pur sportiva, questa resta una confortevole wagon: le sospensioni a controllo elettronico non “puniscono” troppo al schiena sulle sconnessioni e lo sterzo è leggero. Quest’ultimo ha una migliore precisione rispetto a quello della Optima a gasolio ma, visto il carattere della GT, lo si vorrebbe ancora più “sincero”. Anche perché, nonostante le generose dimensioni della carrozzeria, l’auto non manca di agilità. È carente, invece, la visibilità posteriore, per via della forma della carrozzeria e del lunotto non molto alto ma, fortunatamente, la retrocamera è di serie. Il cambio automatico è dolce nei passaggi di marcia, abbastanza rapido e dotato di modalità manuale con le levette dietro il volante (ma non permette scalate a un regime elevato). I freni sono efficienti, tuttavia sulla loro resistenza nell’uso intenso rimandiamo a una prossima prova su strada. Quanto al consumo, il valore dichiarato è apprezzabile (12,2 km/l) ma, stando al computer di bordo, se si sfruttano a fondo le potenzialità del motore, sono elevati: circa 6 km/l.

Secondo noi

Pregi
> Abitabilità. Di spazio ce n’è parecchio, anche per i passeggeri posteriori.
> Comfort. Per una wagon sportiva è buono.
> Dotazione. D’accordo, l’auto non è regalata, ma il prezzo include davvero tutto.

Difetti.
> Dettagli. Alcune finiture sono sotto tono per la categoria della vettura.
> Sterzo. Pur migliore di quello della Optima a gasolio, lo si vorrebbe ancora più preciso.
> Visibilità. Quella posteriore non è il massimo.

SCHEDA TECNICA
Carburante benzina
Cilindrata cm3 1998
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 180 (245)/6000 giri
Coppia max Nm/giri 353/1350-4000
Emissione di CO2 grammi/km 191
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 (automatico) + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 232
Accelerazione 0-100 km/h (s) 7,6
Consumo medio (km/l) 12,2
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 486/186/146
Passo cm 281
Peso in ordine di marcia kg 1560
Capacità bagagliaio litri 552/1686
Pneumatici (di serie) 245/40 R19
Kia Optima Sportswagon
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
16
15
23
17
9
VOTO MEDIO
3,2
3.15
80
Aggiungi un commento
Ritratto di Sprint105
27 ottobre 2016 - 11:23
E pensare che una ventina di anni fa la Kia importava una versione leggermente rivista della Suzuki Maruti. Ne han fatti di progressi....
Ritratto di luperk
27 ottobre 2016 - 17:05
Rispetto ai costruttori indiani e francesi sicuramente. Ma il livello di alcune cinesi, italiani e inglesi è ancora lontano
Ritratto di cicciosalciccio
27 ottobre 2016 - 18:12
3
di progressi ne hanno fatti, rimarcano le auto come fanno tutti i costruttori ma nessuno dice niente e si son montati la testa portando i prezzi a livello se non superiori di europee e jap. Altro punto negativo del gruppo, tutte le volte che per pura curiosità ho provato a fare un preventivo, non era mai possibile ordinare una vettura base. Belle prese per il cuculo, ma hanno imparato benissimo che i clienti europei e italiani in particolare si lasciano abbindolare e ne sono anche contenti (vedi caso vw)
Ritratto di Fabri54
27 ottobre 2016 - 11:58
Fra le wagon "non premium" penso sia la più bella! Meno strana di una Talisman, più originale di una Passat e Mondeo. E non so se la preferisco anche ad alcune premium, visto l'ottimo rapporto qualità/prezzo.
Ritratto di Gianlupo
27 ottobre 2016 - 16:06
Non scrivo il commento perché, praticamente, qualcuno l'ha già fatto per me. Concordo in particolare sul fatto di dire: "la preferisco anche ad alcune premium".
Ritratto di hulk74
27 ottobre 2016 - 11:58
Però questa versione si piazza in una fetta di mercato difficile Chi ha 45.000 da spendere in un'auto, facilmente ne ha anche 55... E chi arriva a 45 al pelo e con sacrifici, magari preferisce tenersene 10 in banca
Ritratto di Alien90
27 ottobre 2016 - 12:07
il prezzo non è assolutamente concorrenziale, in europa sarà un fiammifero nella notte
Ritratto di mirko.10
27 ottobre 2016 - 13:41
2
no,no, ha gli stop a led.
Ritratto di Davide-S
27 ottobre 2016 - 17:17
1
La Kia, fa sempre sconti e promozioni per cui il prezzo non è mai quello di listino. Di Hyundai i40 ne ho viste diverse e questa non è altro che la stessa auto in versione Kia... non credo che sfonda le vendite ma neanche rimarrà il fanalino di coda del segmento.
Ritratto di Alien90
27 ottobre 2016 - 18:01
Sicuramente la Kia venderà qualcosa, ma con il 1.7 diesel; per questa versione di nicchia non vedo perchè non preferire Insignia OPC o Skoda Superb, visto che i prezzi sono molto vicini.
Pagine