PRIMO CONTATTO

Mazda 2: promossi cambio e sterzo, non la ripresa

Aggiornata nel frontale e con il nuovo 1.3 a benzina da 84 CV a norma Euro 5, la Mazda 2 si fa apprezzare per la linea piacevole e per lo sterzo e il cambio precisi. Meno soddisfacenti la ripresa lenta e il baule piccolo e scomodo. In Italia, l’utilitaria giapponese sarà in vendita da febbraio 2011.

3 novembre 2010
  • Prezzo (al momento del test)

    14500  circa
  • Consumo medio

    19,6 km/l
  • Emissioni di CO2

    119 grammi/km
  • Euro

    5
Mazda 2
Mazda 2 1.3 84 CV Sporty 5p
Con “una faccia” diversa

In commercio dal 2007, la Mazda 2 non sembra affatto invecchiata; infatti, la nuova versione ne conserva la piacevole e sinuosa carrozzeria lunga 390 cm. Le poche modifiche si concentrano nel frontale, dove cambiano la mascherina (ora con un listello che evidenzia meglio il marchio Mazda) e la presa d’aria nel paraurti (ingrandita). Anche i motori derivano da quelli conosciuti, ma adesso sono tutti a norma Euro 5. Si tratta del 1.3 a benzina da 75 o 84 CV (il secondo è quello del nostro test) e del 1.5, sempre a benzina, da 102 CV, che si può abbinare anche al cambio automatico a quattro rapporti. Poi c’è il 1.6 turbodiesel, che di cavalli ne ha 95. Ancora presto per parlare di allestimenti, che dovrebbero conservare le denominazioni attuali, ma con dotazioni diverse. Completa la Fun del test: il prezzo include gli airbag anche per la testa, i cerchi in lega, il “clima” automatico, l’Esp e la radio.

Austera come prima

Le novità nel ben insonorizzato abitacolo della Mazda 2 si limitano alla finitura nero lucido per la radio, ai fondini del contagiri e del tachimetro neri anziché bianchi e alle cornici tipo alluminio per le manopole del “clima” e per quelle alla base della leva del cambio. Interventi di dettaglio, che non hanno posto rimedio ai difetti di cui “soffre”, da sempre, la vettura. Qualche esempio? Le indicazioni del livello del carburante e del chilometraggio visualizzate nello schermo del cruscotto sono così piccole, che non si leggono. E non è facile nemmeno capire se il “clima” è attivato: il led nell’apposito tasto è poco luminoso e, in presenza di molta luce, diventa invisibile. Anche l’atmosfera troppo seriosa dovuta alle plastiche di colore nero non cambia: e dire che sarebbe bastato qualche dettaglio colorato per vivacizzare l’ambiente. Stranamente, con l’aggiornamento sparisce la fessura nel portaoggetti di fronte al passeggero anteriore: era comoda per infilare una rivista o riporre delle cartine stradali. In compenso, lo spazio rimane quello (abbondante in rapporto alle dimensioni esterne) di prima; pure i sedili sono i soliti: comodi nonostante l’imbottitura rigida. Bene anche la posizione di guida ampiamente regolabile e la disponibilità di portaoggetti. Invece, il baule della Mazda 2 resta uno dei meno capienti (250/787 litri) nella categoria, e non vi si accede facilmente dato che la bocca di carico si restringe parecchio all’altezza dei fanali; soprattutto, il “gradone” di 25 cm fra la battuta del portellone e il fondo costringe a sollevare troppo le valigie quando le si estrae.

Si guida ma bene, ma la ripresa non è fulminea

Bastano pochi chilometri per sentirsi a proprio agio con la Mazda 2 1.3 a benzina da 84 cavalli. Facile da guidare e agile nelle curve grazie alle sospensioni non troppo morbide, la giapponese offre anche uno sterzo e un cambio precisi. Vista la buona potenza del “1300”, i 12,6 secondi promessi dalla casa per raggiungere i 100 km/h partendo da fermi ci sono sembrati alla portata della Mazda 2. Viceversa, la ripresa è lenta: colpa dei rapporti lunghi del cambio e del motore “seduto” ai bassi regimi. Per riprendere brio velocemente, bisogna scalare almeno una marcia, approfittando dell’ottima manovrabilità della leva del cambio. Quanto ai consumi, la Mazda 2 non ci ha dato l’impressione di riuscire a percorrere in media 19,6 chilometri con un litro di benzina come dice la Mazda. La sensazione è che sia più verosimile un valore intorno ai 13 km/l, ma lo verificheremo presto con una prova.

Secondo noi

PREGI
> Cambio. È preciso e veloce nell’inserire le cinque marce, e la leva leggermente rialzata sulla consolle si manovra bene.
> Comfort. Si viaggia comodi grazie all’abitacolo ampio e ben isolato, ai sedili accoglienti e alle sospensioni che, benché non morbidissime, assorbono efficacemente le asperità della strada.
> Sterzo. Piuttosto diretto, dà una corretta sensazione di quel che stanno facendo le ruote.

DIFETTI
> Baule. I fanali restringono l’apertura del portellone e tra la soglia di carico e il fondo c’è uno scomodo gradino di 25 cm. Modesta la capienza.
> Ripresa. Non si guadagna velocità rapidamente per via del motore pigro ai bassi regimi e per i rapporti del cambio piuttosto lunghi.
> Strumentazione. Lo schermo nel cruscotto si legge poco. E il led che dovrebbe illuminare il tasto del “clima” ha una luce debole.

 

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1349
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 62(84)/6000
Coppia max Nm/giri 121/3500
Emissione di CO2 grammi/km 119
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 5 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori tamburi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 390/170/148
Passo cm 249
Peso in ordine di marcia kg 1035
Capacità bagagliaio litri 250/787
Pneumatici (di serie) 175/65 R 14
La nuova Mazda 2 ha motori tutti omologati come Euro 5. Si può scegliere tra due motori a benzina, un 1.3 da 75 o 84 CV e un 1.5 da 102 CV che può essere abbinato a un cambio automatico a quattro rapporti. L'alternativa diesel è composta solo da un 1.6 da 95 CV.
Versione Prezzo indicativo Alim cm3 CV/kW km/h 0-100 km/l CO2 kg
1.3 MZR  75 CV 12.300 B 1.349 75/55 168 14,9 19,6 119 1.035
1.3 MZR  84 CV 14.500 B 1.349 84/62 172 13,6 19,6 119 1.035
1.5 MZR 102 CV 15.600 B 1.498 102/75 188 10,7 17,2 135 1.045
1.6 MZ-CD 95 CV 16.500 D 1.560 95/70 175 11,5 23,8 110 1.100
Mazda 2
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
13
18
12
14
5
VOTO MEDIO
3,3
3.32258
62
Aggiungi un commento
Ritratto di davitonin
3 novembre 2010 - 13:44
1
con queste caratteristiche la preferirei a tante altre del segmento soltanto se fossi parente o amico molto stretto di un concessionario che me la proponesse ad un'importo veramente interessante, altrimenti non vedo nessun motivo valido per preferirla.
Ritratto di ilcastigo
1 marzo 2012 - 14:43
L'auto ce l'ho da gennaio e per il momento con una guida mista faccio i 16,5 km/l e a detta di un mio amico che ce l'ha in estate fai pure i 18.. l'auto per il resto è perfetta non si fa mancare nulla,sotto i 3500 giri vero non ha una gran ripresa e i rapporti del cambio sono lunghi però sopra quel regime il motore tira bene
Ritratto di davitonin
1 marzo 2012 - 14:52
1
opportunamente regalaci una bella prova allora :)
Ritratto di Simon99
3 novembre 2010 - 14:00
è una buona auto ma preferisco l'Opel Corsa che è migliore sia nella qualità che nei motori.
Ritratto di Zack TS
3 novembre 2010 - 16:51
1
per i motori "tranquilli" non credo che opel sia superiore (anche per colpa del peso maggiore rispetto alla mazda)....però la corsa ha le versioni pepate (la gsi e la opc) che la mazda non offre...la opel offre più scelta come motorizzazioni e allestimenti ;-)
Ritratto di Simon99
3 novembre 2010 - 18:47
E c'è anche il motore 1.7 diesel da 130 cv che è comunque sportivo senza consumare troppo.
Ritratto di Zack TS
3 novembre 2010 - 19:13
1
ah si certo ;-) ...i 1.0 , 1.2 e 1.4 invece sono un po fermi
Ritratto di Fabiocs86
3 novembre 2010 - 15:03
più originale e con interni più allegri
Ritratto di Fabiocs86
3 novembre 2010 - 15:03
più originale e con interni più allegri
Ritratto di bugatti veyron
3 novembre 2010 - 16:17
carina ma le preferisco Fiesta e Clio...
Pagine