PRIMO CONTATTO

Mercedes E: una comoda “ricaricabile”

Aggiornata nell’aspetto e nei contenuti tecnologici, la Mercedes Classe E è disponibile anche nella versione ibrida plug-in: è veloce e molto confortevole. Piccolo, però, il baule.
Pubblicato 10 agosto 2020
  • Prezzo (al momento del test)

    € 76.293
  • Consumo medio (dichiarato)

    46,9 km/l
  • Emissioni di CO2 (dichiarate)

    42 grammi/km
  • Euro

    6d
Mercedes E
Mercedes E 300de EQ-Power Premium 4Matic 9G-Tronic
Cambia il look

A quattro anni dal lancio la più classica delle berline Mercedes si rinnova nel look, nei motori, oltre che nei sistemi di aiuto alla guida e d’infotainment (stessi aggiornamenti per i modelli wagon, coupé e cabrio). Lunga 494 cm (due più di prima) la Mercedes Classe E si colloca sempre a metà strada fra la più piccola Classe C (lunga 469 cm) e la grande Classe S (da 513 cm la lunghezza). Le novità estetiche riguardano il frontale, con fari arrotondati e la mascherina più larga in basso anziché il viceversa. Rivisti anche i fanali lunghi e sottili, invece che squadrati e a sviluppo verticale come in precedenza. 

Vai con l’ibrido

La già estesa offerta di motori (tutti con il cambio automatico a nove marce) della Mercedes Classe E si allarga alle unità diesel ibride “leggere” (mild hybrid), che saranno disponibili da dicembre 2020. Resta confermata la versione ibrida plug-in a gasolio del test. È dotata di un 2.0 da 194 CV abbinato a un’unità elettrica da 122 CV: insieme erogano 306 CV e un notevole valore di coppia massima pari a 700 Nm. Collocata sotto il fondo la batteria del sistema ibrido sottrae 170 litri di capienza al baule (a divano in uso): cala da 540 delle Mercedes Classe E “normali” ad appena 370 litri (ci sono utilitarie più capaci). La “pila” da 13,5 kWh si ricarica dalla presa nello spigolo destro del paraurti posteriore (una posizione che la rende vulnerabile agli urti) e richiede circa 90 minuti utilizzando le colonnine fino a 7,4 kW oppure cinque ore attraverso una comune presa domestica. Col 100% di ricarica, secondo la casa si possono percorrere 50 km in modalità elettrica. 

Qualche optional di troppo

I prezzi della Mercedes E 300 de ibrida plug-in partono da 69.666 per la Sport a trazione posteriore con il navigatore di serie. La Premium a quattro ruote motrici del test (76.293 euro) è fra le più costose e aggiunge nuovi sistemi di sicurezza. Per esempio, quello che a vettura ferma segnala il sopraggiungere di altri veicoli (come una bicicletta) quando si apre la porta. Nuovo anche il dispositivo che, interagendo con il navigatore e il cruise control adattativo, fa rallentare l’auto prima di curve e incroci (1.806 euro nel pacchetto Assistenza alla guida). In ogni caso, nonostante i prezzi elevati dell’auto, Android Auto e Apple CarPlay richiedono un extra di  488 euro. 

Un volante tutto nuovo

Elegante e moderno, l’abitacolo della Mercedes Classe E conferma l’elevata qualità delle finiture. L’elemento di maggior spicco restano i due schermi configurabili di 12,3” appaiati sulla plancia: uno per il cruscotto e l’altro per i servizi di bordo (come il navigatore). Con l’aggiornamento l’impianto multimediale accetta comandi vocali pronunciati in modo più naturale e guadagna la realtà aumentata per il navigatore: attraverso la telecamera frontale evidenzia nel monitor nella plancia la direzione da seguire e ingrandisce i nomi delle vie. Altra novità, l’originale volante a sottili razze sdoppiate e con pratici tasti a sfioramento per gestire, fra l’altro, il cruise control adattativo.

Quanto al resto dell’abitacolo della Mercedes Classe E, è pensato per accogliere bene fino a quattro persone. Il quinto posto al centro del divano è scomodo: ha una seduta dura e il tunnel nel pavimento toglie agio ai piedi. La posizione di guida bassa e distesa è confortevole e ora può disporre della funzione Energizing (1.940 euro nel pacchetto sedili Multicontour): rivitalizza il corpo con leggeri movimenti della seduta e dello schienale. Restano, invece, poco raggiungibili comandi come il tasto delle “quattro frecce” nella consolle (si confonde con gli altri) e del freno a mano: posto nel lato sinistro della plancia, in caso di malore del guidatore è irraggiungibile dai passeggeri.

Viaggi in prima classe

Isolata con dai rumori esterni (quasi impercettibile quello del 4 cilindri diesel) e dalle sconnessioni dell’asfalto la Mercedes E 300 de Premium 4Matic è molto confortevole. I 306 cavalli garantiscono una spinta corposa e omogenea a tutti i regimi e, nonostante i 2055 kg di peso, l’auto ha anche un buona agilità. Lo sterzo, dalla giusta consistenza, non è troppo demoltiplicato mentre il cambio automatico non è soltanto vellutato nei passaggi di marcia, ma anche rapido. Insomma, si guida in gran souplesse anche ad andature sostenute. Nel test non abbiamo potuto verificare l’autonomia in elettrico perché la batteria è scarica.

Dopo un centinaio di chilometri il computer di bordo indica con l’energia recuperata nei rallentamenti un’autonomia di 5 km con la sola batteria. L’abbiamo utilizzata per muoverci in città: anche da sola, l’unità a corrente imprime un bello scatto alla Mercedes E 300 de Premium 4Matic e i chilometri percorsi sono effettivamente quelli indicati. Nel resto del test, senza l’ausilio della batteria, il consumo di gasolio calcolato dal computer di bordo è di circa 16 km/l (76,9 km/l il dato omologato, che include però buona parte del percorso effettuato in elettrico).

Secondo noi

Pregi
> Comfort. Si viaggia alla grande in un abitacolo ovattato. Ben filtrate le buche.
> Guida. Pur pesante, l’auto si lascia condurre in scioltezza e ha una buona agilità.
> Tecnologia. Fra realtà aumentata per il navigatore e i nuovi aiuti alla guida, questa Mercedes è all’avanguardia.

Difetti
> Baule. La batteria del sistema ibrido ne ha ridotto la capienza.
> Funzionalità del telefono. Per un’auto di questa categoria Android Auto e Apple CarPlay dovrebbero essere di serie.
> Presa di corrente. Posta nello spigolo del paracolpi posteriore è troppo esposta alle “toccatine”.

SCHEDA TECNICA

Motore a gasolio  
Cilindrata cm3 1950
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 143 (194)/3800 giri
Coppia max Nm/giri 400/1600-2800
   
Motore elettrico  
Potenza massima kW (CV)/giri 90 (122)/n.d.
Coppia max Nm/giri n.d.
   
Potenza massima complessiva kW (CV) 225 (306)
Coppia max complessiva Nm/giri 700
   
Emissione di CO2 grammi/km 42*
No rapporti del cambio 9 (automatico) + retromarcia
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 250
Accelerazione 0-100 km/h (s) 5,9
Consumo medio (km/l, ciclo WLTP) 46,9*
Autonomia max in elettrico (km) 50
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 494/185/146
Passo cm 294
Peso in ordine di marcia kg 2055
Capacità bagagliaio litri 370/n.d.
Pneumatici (di serie) 245/43 R19 ant. - 275/35 R19 post.

 

*Nel ciclo WLTP, partendo con batterie cariche

Mercedes E
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
90
58
34
29
53
VOTO MEDIO
3,4
3.39015
264
Aggiungi un commento
Ritratto di Alfiere
10 agosto 2020 - 00:21
1
Non sarà un auto che si prende per il design, ma siamo passati da una "muscle car" alla tedesca ad una faccina morbida.
Ritratto di Ale94
10 agosto 2020 - 00:30
Non l’ho mai vista in giro e non capisco il perché. Più bella la Classe C comunque.
Ritratto di Laf1974
10 agosto 2020 - 00:51
76.000 buone ragioni come il suo prezzo
Ritratto di Challenger RT
10 agosto 2020 - 02:50
Negli anni '80 una Classe E costava 30-35 milioni di lire... oggi 150... qualcosa non torna.
Ritratto di Ferrari V12 6-5L
10 agosto 2020 - 06:55
Certo che fare il paragone con i prezzi di 40 anni fa. Io avrei preso il paragone con la prima.
Ritratto di deutsch
10 agosto 2020 - 08:15
4
Infatti l'unica cosa in comune è il nome
Ritratto di allatast
10 agosto 2020 - 08:45
sono d'accordo nel senso che il prezzo sara' proporzionato ai contenuti attuali ma spesso i contenuti sono oggi un di piu' non necessario per una gran parte di clienti . non so per esempio cosa ci guadagnera' ad avere cose come i comandi gestuali o vocali chi è ancora abituato che per telefonare si porta lo smartphone all'orecchio mentre guida e su macchinoni di un certo livello non è per niente raro da vedere come fatto . senza aprire il capitolo adas disponibili sulla macchina e uso effettivo a tenerli attivi o meno
Ritratto di allatast
10 agosto 2020 - 08:59
infatti loro stessi propongono androidauto e carplay optionl a pagamento , supponendo che chi prende una classe e non sara' in molti casi un gran smanettone in hi-tech di telefonia
Ritratto di toyozuki
11 agosto 2020 - 14:34
allatast/remor hai finito con le tue cassate?
Ritratto di deutsch
13 agosto 2020 - 22:55
4
Sono a pagamento su quasi tutte le premium, se dovessero fare la dotazione di certe generaliste costerebbero il 30% in piu
Pagine