PRIMO CONTATTO

Renault Captur: bella vivace, col nuovo 1.3 turbo

Con i suoi 131 cavalli, la Renault Captur 1.3 TCe scatta bene senza perdere in fluidità di guida. Peccato per l’assenza dei airbag per la testa per chi siede dietro.

Pubblicato 28 febbraio 2019
  • Prezzo (al momento del test)

    € 21.300
  • Consumo medio

    18,2 km/l
  • Emissioni di CO2

    128 grammi/km
  • Euro

    Euro 6d-Temp
Renault Captur
Renault Captur 1.3 TCe 130 CV Sport Edition2
Progettato per dare più spinta in basso

In attesa dell’arrivo della nuova generazione, nel 2020, la Renault Captur porta a battesimo il 1.3 TCe turbo a benzina (nelle due versioni da 131 e 150 CV, quest’ultima anche col cambio a doppia frizione EDC): va ad affiancare il tre cilindri 0.9 TCe da 90 CV. Progettato assieme alla Nissan e alla Mercedes (che lo monta sulla Classe A), e già impiegato per altri modelli Renault (come la Mégane, la Scénic e la Kadjar), questo quattro cilindri adotta l’iniezione diretta della benzina e una soluzione tecnica chiamata Bore Spray Coating: migliora l’efficienza grazie a un particolare trattamento dei cilindri che riduce l’attrito fra i pistoni e le pareti interne e fa abbassare la dispersione termica. Il 1.3 TCe si avvale inoltre del sistema per controllare separatamente l’alzata delle valvole di aspirazione e di scarico, in modo da offrire maggior coppia ai regimi medio-bassi (quelli più utilizzati nella marcia in città).

Sterrati più facili con l’Extended Grip

Il 1.3 TCe della Renault Captur spinge regolare, senza alzare troppo la voce (eccetto quando si preme con forza sul pedale dell’acceleratore) e con un contenuto livello di vibrazioni. E non appare ruvido neppure quando lo si sfrutta a fondo. Ci è piaciuto pure il cambio manuale a sei marce, abbastanza morbido e preciso negli innesti. Valida anche sugli sterrati (l’altezza minima da terra è di 17 cm, non male per una piccola crossover), la vettura francese migliora la motricità sui fondi a scarsa aderenza grazie all’Extended Grip (costa 100 euro per la Sport Edition), il sistema elettronico che attraverso il controllo di trazione e l’Esp gestisce la distribuzione della coppia alle due ruote motrici su fango e neve (frenando la ruota che slitta per trasferire la coppia a quella con maggiore presa sul terreno), forte anche della gommatura specifica M+S.

Allontana lo stress

In città la Renault Captur 1.3 TCe è maneggevole, e grazie al motore pronto e allo sterzo leggero rende poco stressante la guida nel traffico. Nei percorsi extraurbani, anche ricchi di curve, la vettura è sicura, il 1.3 è vivace e reattivo nella risposta e lo sterzo appare abbastanza preciso (sebbene non molto pronto). Apprezzabile il buon lavoro delle sospensioni ad andatura tranquilla; quando si spinge un po’ di più, invece, in curva tende a manifestarsi un moderato rollio, che comunque non pregiudica l’elevata tenuta di strada. Non male i consumi: alla fine del test il computer di bordo riportava una media di 13 km/l (con una guida per nulla al risparmio). Il dato do omologazione WLTP, invece, è di 18,2 km/l.

Niente Apple Car Play

Come nelle altre Renault Captur, gli interni della 1.3 TCe hanno un aspetto vivace e finiture discrete, ma la plancia e la strumentazione hanno un look non proprio all’ultima moda. La nuova versione Sport Edition è contraddistinta da inediti colori per la carrozzeria, dai fari full led, dai cerchi in lega di 16”, dalla retrocamera e dai sensori di parcheggio posteriori (utili perché dietro si vede poco in manovra). All’interno ci sono i nuovi rivestimenti in tessuto Black Tweed, il volante in pelle, la radio Dab e il navigatore (che durante il test non si è rivelato molto preciso) con lo schermo a sfioramento di 7”. La Sport Edition2 (1.100 euro in più) aggiunge, fra l’altro, il “clima” automatico e il sistema multimediale R-Link Evolution con Android Auto (ma non Apple CarPlay), il sensore dell’angolo cieco degli specchietti, il sistema di parcheggio semiautomatico Easy Park Assist e i sensori di distanza anteriori. Peccato che, su tutti gli allestimenti, chi viaggia sul divano non possa contare sugli airbag a tendina per la testa: quelli laterali anteriori coprono fino al soffitto, ma solo per il guidatore e il passeggero davanti. Grande il baule, col fondo posizionabile su due livelli e ampliabile tramite il divano scorrevole.

Secondo noi

PREGI
> Baule. È ben sfruttabile e ampio: pratici il piano posizionabile su due livelli e il divano scorrevole.
> Comfort. I sedili sono comodi e le sospensioni isolano bene dal fondo.
> Motore. Il 1.3 turbo è progressivo, poco rumoroso e dà un bel brio.

DIFETTI
> Airbag posteriori. Non ci sono quelli a tendina per la testa di chi siede dietro: i cuscini laterali anteriori si estendono fino al soffitto, ma solo per chi viaggia davanti.   
> Tasto del cruise control. È scomodo da utilizzare: nel tunnel tra i sedili anteriori obbliga a togliere lo sguardo dalla strada.
> Visibilità posteriore. Nelle manovre in retromarcia si vede poco.

SCHEDA TECNICA
Carburante benzina
Cilindrata cm3 1333
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 96 (131)/5000 giri
Coppia max Nm/giri 220/2250
Emissione di CO2 grammi/km 128
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori tamburi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 200
Accelerazione 0-100 km/h (s) 10,2
Consumo medio (km/l) 18,2
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 412/178/157
Passo cm 261
Peso in ordine di marcia kg 1229
Capacità bagagliaio litri 377-455/1235
Pneumatici (di serie) 205/60 R16
Renault Captur
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
111
103
110
57
106
VOTO MEDIO
3,1
3.11499
487
Aggiungi un commento
Ritratto di Rikolas
28 febbraio 2019 - 12:37
Ormai appioppano la parola "sport" a qualsiasi cosa, incredibile.
Ritratto di Gwent
28 febbraio 2019 - 13:22
2
Ormai rompono con apple car play in ogni frangente, ma sai cosa? Io non ho ancora la più pallida idea di cosa sia e a cosa serva (e se non mi documento in rete significa che neppure mi interessa). So solo che i nastri al metallo registrati da CD avevano una qualità audio irraggiungibile da qualunque formato liquido di oggi. Questo naturalmente non imho ma con rispetto parlando. Un saluto. Gwent.
Ritratto di steff69
28 febbraio 2019 - 13:40
Ti informerai per bene non appena ti appiopperanno una multa salatissima perché parli al telefono piuttosto che usare le applicazioni sopracitate, utili per la sicurezza durante la marcia. Multa con un po' di himo come condimento e con rispetto parlando. Un saluto. Stefano.
Ritratto di Alfiere
28 febbraio 2019 - 14:15
1
Non serve CarPlay per parlare al telefono, bastano le funzionalità di base bluetooth. Quel sistema, come Android auto, serve a fare il mirroring delle funzioni del telefono sullo schermo dell'auto, quindi oltre a chiamare serve ad usare whatsapp, spotify ecc
Ritratto di steff69
1 marzo 2019 - 09:22
Navigatore.....leggere messaggi vocalmente piuttosto che maneggiare il telefono...non venite a dirmi che non sono sistemi inutili.
Ritratto di Vincenzo1973
1 marzo 2019 - 14:45
per usare il vivavoce in auto bastano sistemi nettamente piu semplici dell'Apple car play. secondo me distrae piu che aiutare, ho un sistema vivavoce che fa solo quello
Ritratto di impala
5 marzo 2019 - 22:28
bella vivace ??? ... non lo sara per lontano ... perche ??? perche è una renault, con le solite rotture motore, con le rotture di cambio, è con le debolezze dell' elettronica
Ritratto di Alfiere
28 febbraio 2019 - 14:13
1
Solo te puoi osannare un formato che tra i tanti difetti aveva un incorreggibile hissing di sottofondo.
Ritratto di tramsi
28 febbraio 2019 - 14:51
Esatto!
Ritratto di Rikolas
28 febbraio 2019 - 14:20
La gente caro Gwent ormai compra le auto solo se hanno sistemi multimediali di un certo tipo, questo per pura ignoranza. Nessuno sa più cosa sia la meccanica, prima ancora di guardare le soluzioni tecniche adottate su un modello, si affrettano a informarsi se c'è l'Apple car di turno o qualche altra diavoleria elettronica. Tanto alla vettura basta appioppargli un nome altisonante tipo "sport" e tu pensi di aver comprato un bolide, se poi ha ancora i freni a tamburo al posteriore su una vettura dal peso di oltre 1200kg e con 130cv poco importa, l'importante è telefonare bene ascoltando il tutto in sterofonia. Ormai è così, viva l'ignoranza.
Pagine