PRIMO CONTATTO

Renault Espace: tanto sprint e uno sterzo da “curare”

Nuovo motore a benzina per la Renault Espace: invece del 1.6 arriva un 1.8 potente e poco rumoroso, che dà parecchio brio alla lussuosa crossover francese. Ma nella guida decisa il volante va tenuto saldamente.

4 luglio 2017
  • Prezzo (al momento del test)

    € 47.100
  • Consumo medio

    14,7 km/l
  • Emissioni di CO2

    152 grammi/km
  • Euro

    6
Renault Espace
Renault Espace 1.8 TCe 225 CV Initiale Paris EDC
La novità più importante è sotto il cofano

A due anni dal lancio, l’originale crossover francese Renault Espace abbandona il quattro cilindri 1.6 turbo a iniezione diretta di benzina, per passare a un 1.8 turbo da 225 CV e 300 Nm di coppia massima, abbinato (come prima) esclusivamente al cambio a doppia frizione EDC a sette marce. Altre novità della versione 2017 della Espace (che esteticamente non cambia) sono la tinta grigio Titanium e i nuovi cerchi in lega di 18” e di 19”. Miglioramenti anche negli interni, con i sedili ventilati (di serie per la Initiale Paris), inediti rivestimenti in pelle morbida, l’illuminazione interna della plancia e dei vani portaoggetti resa più efficiente e il sistema multimediale R-Link2, ora compatibile con i protocolli Apple CarPlay e Android Auto per la connessione con gli smartphone.

Un motore quasi sportivo

Il 1.8 della Renault Espace è lo stesso che equipaggia la Alpine A110, leggermente depotenziato (sulla piccola e leggera sportiva, che si è già vista ma che arriverà in vendita a fine anno, ha 252 CV). Sviluppato da Renault Sport sulla base del 1.6, il 1.8 TCe guadagna 25 cavalli e 40 Nm di coppia motrice. Oltre alla cilindrata accresciuta, adesso il turbocompressore è alimentato da un doppio condotto (Twin Scroll) per favorire la coppia a basso regime e gli iniettori sono a otto fori, per consentire un maggior flusso di carburante.

Lo sprint non manca

La Renault Espace TCe 225 EDC è effettivamente ancor più brillante e pronta nella risposta, senza penalizzare quelle doti di comfort che costituiscono uno dei pregi maggiori della crossover francese. E infatti del 1.8 si apprezzano molto la silenziosità (il rombo diventa evidente solo in piena accelerazione, selezionando la modalità Sport del sistema Multi Sense), la prontezza di risposta ai bassi giri e la fluidità nell’erogazione. Ci è parsa di tutto rispetto anche la progressione: il quattro cilindri sale rapidamente di regime, arrivando senza cali evidenti fino alla soglia dei 6000. Il cambio a doppia frizione EDC è sufficientemente rapido sia nel salire di marcia sia in scalata e il sistema con tutte le ruote sterzanti 4Control migliora notevolmente la maneggevolezza dell’auto nelle svolte strette e nella marcia in città, rendendo più sicura la tenuta di strada a velocità superiori ai 60 km/h. Lo sterzo è leggero in manovra e abbastanza preciso in velocità; tuttavia, accelerando a fondo, specie in uscita di curva, ha delle reazioni brusche che possono creare qualche disagio se non si è pronti a correggere rapidamente la traiettoria. Le sospensioni della Renault Espace sono abbastanza rigide (per contenere il rollio), ma non scomode (a parte la risposta un po’ secca sulle buche più profonde); le poltrone sono larghe e adattabili a tutte le taglie, grazie alle precise e ampie regolazioni elettriche. Peccato solo che, alle velocità autostradali, nell’abitacolo si facciano sentire dei fruscii aerodinamici. Quanto al consumo, quello ufficiale è di 14,7 km/l, peggiore dei 16,1 dichiarati per il 1.6. E nel nostro test (su strade di campagna e, in parte, in autostrada) non siamo riusciti ad avvicinarlo: alla fine, il computer di bordo riportava una media di 9,5 km/l.

A partire da 39.100 euro

La Renault Espace TCe 225 EDC è già in vendita, in due allestimenti: Intens, a 39.100 euro, e Initiale Paris, il più ricco, con i cerchi di 19”, gli interni in pelle Nappa, i sedili elettrici e ventilati, il portellone automatico, che si apre anche passando un piede sotto il paraurti posteriore, il sistema Multi Sense 4control, l’head-up display, l’impianto hi-fi Bose e il dispositivo di ausilio al parcheggio Easy Park Assist. I sette posti (con la terza fila di sedili un po’ sacrificata), si pagano a parte (1.250 euro, 900 per la Intens).

Secondo noi

PREGI

> Dotazione. Il prezzo è elevato, ma questa versione è davvero ricca.
> Maneggevolezza. Nonostante gli ingombri, l’auto si guida bene anche nelle strade strette.
> Prestazioni. I 225 cavalli si sentono tutti: lo scatto al semaforo è notevole.

DIFETTI
 
> Riflessi. Col sole, la plancia si riflette fastidiosamente nel parabrezza. 
> Spazio in altezza. Nella seconda e nella terza fila non c’è molta “aria” sopra le teste. 
> Sterzo. Accelerando a fondo perde precisione e ha reazioni un po’ brusche.

SCHEDA TECNICA
Carburante benzina
Cilindrata cm3 1798
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 165 (225)/5600 giri
Coppia max Nm/giri 300/1750
Emissione di CO2 grammi/km 152
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 7 (automatico) + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 224
Accelerazione 0-100 km/h (s) 7,6
Consumo medio (km/l) 14,7
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 486/189/168
Passo cm 288
Peso in ordine di marcia kg 1610
Capacità bagagliaio litri 680-785/2101 (247/614-719/2035 la 7 posti)
Pneumatici (di serie) 235/55 R19
Renault Espace
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
61
63
32
11
36
VOTO MEDIO
3,5
3.502465
203
Aggiungi un commento
Ritratto di Alfiere
4 luglio 2017 - 17:02
1
Il senso di avere a benzina un auto cosi spudoratamente familiare non riesco a capirlo appieno, ed un diesel sarebbe sicuramente più adatto a famiglie numerose e che viaggiano a volte a pieno carico. Oltre questo, comunque, ho notato che le dimensioni della Grand Scenic sono simili ed il prezzo di molto inferiore.
Ritratto di studio75
4 luglio 2017 - 17:14
5
concordo. troppo cara. occorre spesso fare rifornimento.
Ritratto di MaurizioSbrana
4 luglio 2017 - 18:10
1
Ti capisco... ma se vai a vedere all'estero la benzina costa quanto il diesel a litro, quindi qualcuno preferisce motorizzazioni del genere per la silenziosità e la fluidità di marcia... piuttosto non limporterei in italia, ma motori simili infondo un senso ce l'hanno
Ritratto di Alfiere
4 luglio 2017 - 20:09
1
Rimane il problema del consumo e la migliore coppia però
Ritratto di Alfiere
5 luglio 2017 - 11:37
1
Non è un luogo comune, il diesel ha più coppia (questo conta quando sei a carico), anche quando ha meno cavalli. Esempio pratico il 1.6 dCi 160 che ha 80nm in più nonostante i cv in meno. Ti assicuro che non sono tradizionalista men che meno ho la mentalità italiana, e per inciso non impazzisco per i diesel
Ritratto di MaurizioSbrana
5 luglio 2017 - 13:39
1
Il problema della coppia comunque si sta assottigliando... con l'utilizzo del turbo e con elettronica piu sofisticata... infatti questo 1.8 renault ha 300nm, forse inferiore di 50-60 nm rispetto ad un diesel 2.0 di pari potenza... in piu aggiungo che il cambio edc aiuta a supperire alla mancanza di coppia utilizzando il rapporto giusto in base all'esigenza di guida, il carico, le pendenze, ecc... sono quindi concorde con dicoluc. Ormai il diesel è una questione di cultura, ma con il tempo, spero breve, sparirà dalle nostre strade...
Ritratto di Ercole1994
4 luglio 2017 - 17:27
Per me è il crossover-monovolume più bello in circolazione. Ne ho visti diversi in giro e, mi hanno dato una buona impressione estetica. Certo, la fiancata sembra non finire mai con quei 4 finestrini, ma almeno è filante e non tanto massiccia. Il 1.8 TCe sembra molto interessante sulla carta, ma ribadisco il fatto che ci voglia anche il 2.0 dCi della Koleos per renderla una viaggiatrice a tutto tondo.
Ritratto di Pellich
5 luglio 2017 - 14:31
Un motore benzina da 225 CV su una vettura con questo corpo vettura è utile come un gomito sul buco del c**o (per citare Kill Bill). No sense
Ritratto di otttoz
14 luglio 2017 - 09:08
anche le dacia,sempre della renault, dalle prove di "Alvolante" ha difetti di sterzo,eppure son cent'anni che fanno auto!
Ritratto di zio ben
20 settembre 2017 - 19:08
Uno stupido autobus. Pure a benzina. È peggio della multipla!
Pagine