PRIMO CONTATTO

Seat Leon ST: spazio al carico… e al piacere di guida

Con le quattro ruote motrici, la Leon ST 4Drive offre un comportamento ancora più divertente e sicuro. Mentre gli elementi meccanici della trazione integrale non “rubano” centimetri al baule, tra i più grandi della categoria.

11 luglio 2014
  • Prezzo (al momento del test)

    € 26.330
  • Consumo medio

    20,8 km/l
  • Emissioni di CO2

    124 grammi/km
  • Euro

    5
Seat Leon ST
Seat Leon ST 2.0 TDI CR 150 CV 4Drive Style S&S
Di fuori non cambia
 
La nuova versione Leon ST 4Drive a quattro ruote motrici della wagon spagnola non modifica il proprio aspetto: l'altezza da terra non cambia, e anche la linea è quella già conosciuta, con il lunotto inclinato (assieme ai larghi montanti del tetto limita la visibilità all’indietro), il tetto spiovente e l’evidente scalfatura che attraversa la fiancata. Se non fosse per la targhetta identificativa (in basso a destra, nell'ampio portellone) non ci si accorgerebbe di alcuna differenza. 
 
Il baule non perde capacità
 
Gli interni della Seat Leon ST 4Drive si confermano ben fatti. Ritroviamo la plancia, un po' squadrata, che sembra "avvolgere" il guidatore: la parte superiore è morbida al tatto e gli assemblaggi sono precisi (non si avvertono scricchiolii). Al centro, tra le bocchette, lo schermo (sensibile al tatto) di 5”, tramite cui si gestisce la radio (con CD e ingressi Aux). Questi dispositivi sono di serie per la Style (l'unico allestimento disponibile per la ST 4Drive), mentre è a pagamento il display di 5,8” con sensore di prossimità (visualizza le icone semplicemente avvicinando le dita al dispositivo) che integra il navigatore. L'abitacolo è accogliente per il guidatore e il passeggero anteriore, mentre dietro non si sta altrettanto comodi: il pavimento ha un tunnel piuttosto imponente (l'ingombro, comunque, è lo stesso della versione a trazione anteriore) e il divano, più alto al centro, è rigido e un po' stretto per tre persone. Il baule, la cui capacità non viene intaccata dalla trazione integrale, rimane uno dei punti di forza della vettura. Sfruttare i 587 litri (che passano a 1470 litri abbassando il divano, tramite il semplice azionamento di due leve) è agevole: ampia, infatti, la bocca di carico (larga 110 cm e alta 85) e bassa la soglia d’accesso (65 cm dal suolo). Davvero pratici gli anelli nel pavimento, utili per bloccare con corde elastiche valigie e scatoloni, e i ganci cui appendere borse e sacchetti.  
 
Guida sicura e divertente
 
La Seat Leon ST 4Drive si conferma piacevole da guidare anche in questa variante a quattro ruote motrici che, anzi, fa valere la miglior trazione, grazie all'efficace sistema Haldex di quinta generazione, che funziona unitamente al differenziale a bloccaggio elettronico. Nella guida sportiva, infatti, la potenza (distribuita uniformemente a tutte e quattro le ruote) garantisce una maggiore presa nelle curve e, quindi, una guida più reattiva e agile. Lo sterzo, piuttosto diretto, e le sospensioni “solide” (ma efficaci nel filtrare le asperità della strada) contribuiscono a migliorare l’agilità e la qualità di guida. Promosso anche il cambio (la cui leva mostra il logo 4Drive incorporato nel pomello): i rapporti non sono troppo lunghi e la manovrabilità è molto buona. Tuttavia, va segnalata l'impossibilità di avere il valido automatico robotizzato a doppia frizione DSG a 7 marce. Il 2.0 da 150 CV (la ST 4Drive si può avere anche con il 1.6 TDI da 105 CV) è poco rumoroso in tutte le condizioni e si fa apprezzare per la grinta notevole, abbinata a una notevole fluidità nell'erogazione della potenza già a partire dai 1600 giri. Quando si guida in modo "allegro", il 2.0 turbodiesel common-rail tira fuori un bel carattere (le prestazioni dichiarate parlano di soli 8,7 secondi per raggiungere, da fermo, i 100 km/h), ma si dimostra anche attento ai consumi: con un guida attenta (ma non troppo), è facile percorrere 16 km/l misurati dal computer di bordo. I consumi omologati sono comunque più ottimistici (20,8 km/l in media), e superiori di un buon 15% rispetto a quelli della versione a sole due ruote motrici (dotata, però, del sistema Start/Stop di serie).
 
Secondo noi
 
PREGI
 
> Finiture. Di livello molto buono: assemblaggi rigorosi e plastiche di qualità. 
> Guida. Tenuta di strada e stabilità, già notevoli sulla versione a due ruote motrici, sono ancora migliorate.
> Motore. Brillante, poco rumoroso e sempre pronto il 2.0 turbodiesel common-rail. 
 
DIFETTI

> Quinto posto. Il tunnel ingombrante e la seduta rigida al centro rendono scomodo viaggiare in cinque. 
> Gamma. Peccato non siano disponibili varianti con il cambio automatico.
> Visibilità posteriore. Il lunotto molto inclinato e i larghi montanti del tetto la penalizzano.
SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1968
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 110 (150)/3500-4000 giri
Coppia max Nm/giri 320/1750-3000
Emissione di CO2 grammi/km 124
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 211
Accelerazione 0-100 km/h (s) 8,7
Consumo medio (km/l) 20,8
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 454/182/145
Passo cm 262
Peso in ordine di marcia kg 1399
Capacità bagagliaio litri 587/1470
Pneumatici (di serie) 205/55 R16

 

Seat Leon ST
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
58
76
21
9
31
VOTO MEDIO
3,6
3.620515
195
Aggiungi un commento
Ritratto di Arcadia
11 luglio 2014 - 17:53
L' attuale Sta andando leggermente meglio, in Italia pero' permane nelle zone basse Della classifica.
Ritratto di Moreno1999
11 luglio 2014 - 18:54
4
Neanche napolmen parla a vanvera come te.
Ritratto di M93
11 luglio 2014 - 19:05
Ottima auto, con linea sportiveggiante. Valida anche con la trazione integrale, non diffusissima nella categoria.
Ritratto di MatteFonta92
11 luglio 2014 - 19:44
3
Una delle SW migliori sul mercato, ben fatta, con una linea grintosa (cosa assolutamente non scontata per la categoria) e un gran baule. In questa versione 4x4 è ancora più sicura in caso di strada strucciolevole, e il prezzo tutto sommato è adeguato. Insomma, un'auto perfetta per famiglie numerose.
Ritratto di SignorLoBorro
11 luglio 2014 - 21:23
2
Ottimo prodotto,lavoro svolto di alta qualità.
Ritratto di Moreno1999
13 luglio 2014 - 16:46
4
1/5, ossia Pessima.
Ritratto di Flavio Pancione
11 luglio 2014 - 21:36
7
sa di skoda style.. se parliamo di Leon e di Seat io preferisco la SC, o la ibiza. Di wagon nel gruppo Vw a mio avviso ha più senso la Octavia. Comunque linea caruccia.
Ritratto di lucios
11 luglio 2014 - 21:48
4
...sinceramento 26000 euro per questo marchio........a sto punto uno prende una VW.......maro e come so presuntuosi sti tedeschi! Chi se la compra a quel prezzo........con tutto che ha qualità VW.
Ritratto di wesker8719
11 luglio 2014 - 21:58
la golf di pari meccanica e tecnologia costa almeno 3 mila euro in più quindi questa ha senso eccome se vuoi comprare una "golf" a prezzo inferiore !!
Ritratto di Fr4ncesco
11 luglio 2014 - 22:42
Considerando la svalutazione però non conviene. Meglio prendere una VW poi. A meno che non sai di tenere l'auto a lungo.
Pagine