PRIMO CONTATTO

Seat Leon ST: quattro… cordoli in famiglia

La Seat mette il “sigillo” Cupra anche sulla Leon ST: il 2 litri turbo da 280 CV incontra la praticità della carrozzeria wagon. Risultato: una famigliare media che non teme l’utilizzo in pista.

13 febbraio 2015
  • Prezzo (al momento del test)

    € 35.030
  • Consumo medio

    15,2 km/l
  • Emissioni di CO2

    154 grammi/km
  • Euro

    6
Seat Leon ST
Seat Leon ST 2.0 TSI 280 CV Cupra DSG
Così, solo lei
 
È la versione famigliare della Leon stradale più potente, la Cupra. La meccanica è identica: motore 2 litri turbo a doppia iniezione (diretta e indiretta) di benzina, cambio robotizzato a doppia frizione e trazione anteriore. Anche la plancia, il volante e i sedili sono in comune: le finiture sono curate e la caratterizzazione in chiave sportiva marcata (cuciture e inserti chiari su fondo nero), ma non eccessiva. Rispetto alle altre Leon famigliari la Seat Leon ST Cupra non cambia la capacità del bagagliaio, che raggiunge i 1470 litri abbattendo lo schienale del divano. Quest’ultimo eredita dalle altre ST il “limite” del posto centrale, non molto comodo nella seduta (oltre che penalizzato dall’ingombrante tunnel centrale). La Seat Leon ST Cupra non ha vere rivali: la nuova Mercedes CLA Shooting Brake AMG e l’imminente Volkswagen Golf Variant R sono molto più costose, ed entrambe a trazione integrale. La Ford Focus Wagon ST 2.0 Ecoboost, invece, ha 30 cavalli in meno, il cambio solo manuale ed è priva di alcune raffinatezze meccaniche come il differenziale autobloccante meccanico a controllo elettronico.
 
Manuale? si può fare…
 
Rispetto alla Cupra a cinque porte, la ST costa 750 euro in più (e 1.100 più della coupé SC). A differenza di queste due ultime due, però, la Leon ST Cupra è disponibile solo col rapido cambio robotizzato a doppia frizione e comandi al volante. Almeno, ufficialmente: chi proprio volesse il manuale a sei marce (non proprio un “campione” di precisione, e dagli innesti un po’ “legnosi”) può comunque far partire un ordine speciale per la fabbrica (nessuna assicurazione viene però fornita circa l’eventuale sconto applicato in questo caso…). Per tutte, le consegne inizieranno da settembre. Come le altre Leon Cupra, anche la famigliare può contare su una ricca dotazione di serie: fari interamente a led, climatizzatore bizona, sedili sportivi rivestiti in Alcantara, sospensioni elettroniche, navigatore, sensori di parcheggio posteriori (molto utili, vista la scarsa visibilità in retromarcia), luci e tergicristallo ad azionamento automatico, vivavoce Bluetooth e cerchi di 19’’ (che calzano generose gomme di 235/35, origine di qualche rombosità durante la marcia).
 
Differenziale raffinato
 
Su strada, come è facile immaginare, 280 cavalli hanno gioco facile a spingere i 1500 kg scarsi di questa Seat Leon ST Cupra, ed è un attimo trovarsi a velocità… proibite: la sensazione di controllo è amplificata dallo sterzo preciso e dalla taratura azzeccata delle sospensioni che, anche nella posizione più morbida, rimangono “ferme”. Praticamente impossibile notare, nella guida, le differenze rispetto alla Leon berlina, che pesa solo 40 kg in meno ma ha lo stesso passo (la distanza fra i due assi). A dare una mano ci si mette anche l’elettronica: l’Esp, pure avendo una taratura sportiva e la possibilità di disattivazione totale, anche in configurazione normale è tutt’altro che “apprensivo” e non limita il piacere di guida. Pollice su anche per il raffinato differenziale autobloccante meccanico, il cui pacco di frizioni è controllato elettronicamente per “dirottare” istantaneamente fino al 100% della coppia verso la ruota con maggior aderenza. La differenza con i sistemi unicamente elettronici (che frenano una ruota per permettere alla potenza di fluire verso l’altra ruota dello stesso asse, come nell’XDS presente su tutte le medie “normali” del gruppo Volkswagen cui fa capo il marchio Seat) è molto marcata, e anche su asfalto sporco (e in pista) la trazione è davvero elevata. 
 
Tu paga, lei frena di più
 
Attivata la modalità Cupra (gli ammortizzatori si irrigidiscono, le cambiate sono più rapide e avvengono a un regime più elevato, mentre un piccolo altoparlante specifico diffonde nell’abitacolo un realistico “ringhio” del motore), sui saliscendi del tortuoso circuito spagnolo di Castellolì la Seat Leon ST Cupra ha mostrato carattere, ma senza reazioni scorbutiche. Le vetture portate sul circuito erano dotate del pacchetto Performance, il cui prezzo non è stato ancora comunicato: freni maggiorati (dischi anteriori da 370 mm di diametro invece di 340, “morsi” da potenti pinze Brembo), performanti pneumatici Michelin Pilot Sport Cup 2 (gli stessi che di alcune celebri supercar), cerchi dal disegno a razze sottili, e pronunciate bandelle sottoporta. Ciò ha permesso di eliminare uno dei difetti riscontrati nella Cupra berlina sullo stesso ctracciato circa un anno fa: la scarsa resistenza dell’impianto frenante di serie (che, su strada, è ben dimensionato) nell’uso in pista.
 
Secondo noi
 
PREGI
> Freni. Su strada quelli di serie bastano e avanzano, e chi frequenta spesso la pista può contare su un impianto maggiorato ben dimensionato.
> Motore. Il due litri turbo ha grinta da vendere e (benché simulata con l’elettronica) una “voce” accordata alla sua indole.
> Tenuta di strada. La Cupra ha limiti elevati senza risultare “noiosa”; e il raffinato differenziale autobloccante permette di uscire dalle curve strette a gas spalancato senza allargare la traiettoria, mettendo a terra tutti i cavalli.
 
DIFETTI
> Quinto posto. Il tunnel sul pavimento e la conformazione della seduta lo rendono poco accogliente. 
> Rumorosità. Sull’asfalto rugoso il rumore di rotolamento dei “gommoni” si nota. 
> Visibilità posteriore. Finestrini piccoli, lunotto molto inclinato e montanti del tetto larghi costringono in retromarcia ad affidarsi ai sensori di distanza (di serie).
SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1984
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 206 (280)/5600-6500 giri
Coppia max Nm/giri 350/1700-5600
Emissione di CO2 grammi/km 154
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 (auto. doppia friz.) + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi autoventilanti
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 250
Accelerazione 0-100 km/h (s) 6
Consumo medio (km/l) 15,2
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 454/182/143
Passo cm 263
Peso in ordine di marcia kg 1466
Capacità bagagliaio litri 587/1470
Pneumatici (di serie) 235/35 R19

 

VIDEO
Seat Leon ST
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
58
76
21
9
31
VOTO MEDIO
3,6
3.620515
195
Aggiungi un commento
Ritratto di Moreno1999
13 febbraio 2015 - 16:58
4
Anche quella con i cerchi rossi, anzi, preferisco quella
Ritratto di MatteFonta92
13 febbraio 2015 - 17:08
3
Sicuramente in termini di estetica è superiore alla sua controparte marchiata VW (ovvero la Golf R Variant), però, come tutte le SW "sportive", le trovo assolutamente inutili e senza senso.
Ritratto di Vincent Vega
13 febbraio 2015 - 18:14
Rapporto qualità prezzo molto buono, ma si sa, la gente vuole spendere molto di più ( Vedi Golf Variant R )
Ritratto di Flavio Pancione
13 febbraio 2015 - 19:29
7
con quel design sia della coda che della fiancata di 30 anni.. questa è filante, e molto carina.. ricorda a tratti le Wagon Audi più sportive..
Ritratto di Subaru_Impreza
13 febbraio 2015 - 21:08
Spettacolare con le finiture arancioni ... la Cupra DEVE essere tamarra e farsi notare. C'è solo una cosa che non mi torna: l'articolo dichiara solo 40 Kg di differenza dalla berlina, a me risultano 166 per la 3 porte e 146 per la 5 ...
Ritratto di osmica
14 febbraio 2015 - 11:30
Le restanti motorizzazioni hanno una differenza di peso, rispetto alla berlina, di 40-50kg. Questa, invece, ha una differenza di ulteriori 100kg. Non so dove e come, ma c'e' qualcosa di strano.
Ritratto di Ferrari 458 Spider
14 febbraio 2015 - 19:55
sono 40 i kg perché se vedi sullo 0-100 fanno praticamente lo stesso tempo mentre se pesasse 140 kg di piu ci metterebbe 0,5 o 0,6 secondi in piu.
Ritratto di Mattia Bertero
13 febbraio 2015 - 21:14
3
Questa Cupra SW mi piace molto di più rispetto alla cugina Golf R Variant, bellissima la colorazione arancione degli specchietti e dei cerchioni; gli interni rimangono sempre abbastanza tristi anche se migliori rispetto alle altre versioni della Leon per via dell'aggiunta di cromature e cuciture qua e la che gli donano un leggero contrasto dei colori. Ottime qualità tecniche. Ma ritengo che le Sw sportive non si dovrebbero assolutamente produrre perché personalmente le ritengo inutili.
Ritratto di rikykadjar
13 febbraio 2015 - 21:29
3
Mi piace molto l' auto, fantastici i cerchi
Ritratto di Chromeo
13 febbraio 2015 - 22:32
è un progetto decisamente interessante, ma prima che arrivino esaltati ad uscirsene con fari assurde del tipo "è il meglio del meglio perché è una sw in pista batte la 4C, ha fatto il tempo sul nubbburring" ecc... Questa non ha lo stesso assetto della versione "normale" (io le auto che non sono sw le chiamo così)
Pagine