PROVATE PER VOI

Audi A1 Citycarver: si dà arie da suv, ma è per l’asfalto

Prova pubblicata su alVolante di
marzo 2020
Listino prezzi Audi A1 Citycarver non disponibile
Pubblicato 03 agosto 2020
  • Prezzo (al momento del test)

    € 27.800
  • Consumo medio rilevato

    15,2 km/l
  • Emissioni di CO2

    117 grammi/km
  • Euro

    6d-TEMP
Audi A1 Citycarver
Audi A1 Citycarver 30 TFSI Admired S tronic

L'AUTO IN SINTESI

L'Audi A1 Citycarver è la versione “simil-suv” dell’A1 Sportback: è più alta da terra di ben 5 cm, ma ha grandi cerchi e gomme stradali, quindi non è fatta per il fuori strada. Vivace e con poche vibrazioni il 1.0 turbo a tre cilindri da 116 CV, abbinato al rapido cambio robotizzato a doppia frizione. Tanta la tecnologia a bordo, anche per la sicurezza, ma molto si paga. E, visto il prezzo, le plastiche interne sono sottotono.

Posizione di guida
4
Average: 4 (1 vote)
Cruscotto
5
Average: 5 (1 vote)
Visibilità
3
Average: 3 (1 vote)
Comfort
3
Average: 3 (1 vote)
Motore
5
Average: 5 (1 vote)
Ripresa
4
Average: 4 (1 vote)
Cambio
4
Average: 4 (1 vote)
Frenata
4
Average: 4 (1 vote)
Sterzo
4
Average: 4 (1 vote)
Tenuta di strada
4
Average: 4 (1 vote)
Aiuti alla guida
3
Average: 3 (1 vote)
Qualità/prezzo
2
Average: 2 (1 vote)

PERCHÈ COMPRARLA

Più alta, ma con pregi e difetti delle altre A1

La versione “rialzata” della compatta tedesca a cinque porte, l'Audi A1 Citycarver si riconosce facilmente: oltre al diverso assetto (il sottoscocca dista da terra 15,3 cm, 5 in più delle A1 Sportback) ha due feritoie sopra la mascherina (finte) invece di tre e profili nero lucido nella parte bassa della carrozzeria e sui passaruota. Rispetto alle altre A1 Sportback costa circa € 2.000 in più, e ne conserva pregi e difetti. È spaziosa, tecnologica e si guida con piacere. Troppe, però, dato il prezzo, le plastiche rigide nell’abitacolo. E la dotazione è da integrare. Sebbene abbia un look un po’ da suv, monta gomme stradali e dà il meglio sull’asfalto (anche perché manca una modalità di guida specifica per i fondi viscidi) dove il 1.0 turbo a benzina si dimostra brillante e non beve troppa benzina; rapido il cambio robotizzato a doppia frizione.

Validi gli ammortizzatori a controllo elettronico dell'Audi A1 Citycarver, che si pagano a parte: migliorano l’assorbimento delle asperità e la tenuta di strada. La Admired costa un migliaio di euro in più della “base” e li vale: ha il “clima” automatico, i cerchi in lega di 17’’, il volante multifunzione e i sensori di distanza posteriori. E, col pacchetto Edition One, guadagna i cerchi di 18’’, i fari full led e dettagli specifici. La sicurezza è curata, per una piccola: la A1 Sportback ha meritato cinque stelle nei test dell’Euro NCAP e ha di serie il mantenimento in corsia e la frenata automatica d’emergenza; peccato che siano optional persino il cruise control e l’hill holder, e che non si possa proprio avere il controllo dell’angolo cieco degli specchietti esterni.

VITA A BORDO

4
Average: 4 (1 vote)
Bene la tecnologia, male le plastiche

Plancia e comandi
Con le sue forme spigolose, la plancia dell'Audi A1 Citycarver ha un design moderno. Di grande impatto le luci d’ambiente configurabili opzionali: decorano le bocchette accanto al cruscotto (che, però, “soffiano” un po’ troppo vicino alle mani), la base della consolle e i pannelli delle porte. Questi ultimi, tutti in plastica dura e poco gradevole al tatto, stonano in una piccola che vuole essere (anche nel prezzo) di lusso. E i rivestimenti morbidi sono assenti anche nel resto dell’abitacolo. Valido, invece, l’infotainment: Android Auto e Apple CarPlay sono di serie, mentre il navigatore (da quasi 2.000 euro) è caro ma raffinato: visualizza l’itinerario in 3D o “dal satellite”, apprende i percorsi preferiti e capisce gli indirizzi scritti a mano libera, con un dito, sullo schermo. Il cruscotto-display di 10,3’’ è di serie, ma poterlo personalizzare (per esempio, ingrandendo la mappa a tutto schermo) comporta un esborso extra. Il pacchetto Portaoggetti aggiunge le reti dietro le poltrone, due vani sotto i sedili e la serratura per il cassetto destro.

Abitabilità
Quattro adulti (anche non mingherlini) viaggiano con un buon comfort. E dietro, grazie alla larghezza del divano, non si sta scomodi neppure in tre (però il taglio del vano porta non agevola l’accesso al divano). Gli avvolgenti sedili sportivi dell’auto in prova sono nel pacchetto Edition One.

Bagagliaio
Ampio il vano e merita spendere i pochi euro richiesti per il fondo sollevabile di 11 cm (nella cifra è compresa anche la rete fermacarico). La batteria è nel doppiofondo, che quindi non è sfruttabile.

COME VA

4
Average: 4 (1 vote)
Che bel “mille”!

In città
Il 1.0 dell'Audi A1 Citycarver spinge bene fin dai bassi regimi, e si avvertono delle vibrazioni solo quando lo Stop&Start lo riavvia. Il cambio robotizzato a doppia frizione ha innesti impercettibili, ma talvolta è un po’ brusco in partenza. Utili, in manovra, la retrocamera e i sensori di distanza anteriori con parcheggio semiautomatico (tutto, però, si paga a parte: di serie ci sono solo i sensori posteriori). Discrete le percorrenze: 13,9 km/l rilevati.

Fuori città
In modalità Dynamic (il selettore è previsto insieme alle sospensioni regolabili) il cambio e il motore diventano più reattivi, gli ammortizzatori s’irrigidiscono e dagli altoparlanti viene diffuso un rombo artificiale. L'Audi A1 Citycarver “danza” bene fra le curve, senza risultare impegnativa, ma lo sterzo, preciso e dal giusto “peso”, è un po’ meno reattivo rispetto a quello delle A1 Sportback. Il motore è tra i 1.0 più brillanti: spinge vivacemente da 1500 a 6300 giri senza farsi sentire troppo, neppure in piena accelerazione. Valido il cambio robotizzato, ma le palette al volante per usarlo facilmente in modalità manuale si pagano. Non male, ma neppure da record, i 17,5 km/l rilevati.

In autostrada
Il limitatore di velocità è di serie, ma non il cruise control (comunque, pagando, e c’è anche quello adattativo: poche utilitarie lo offrono). A 130 km/h si percorrono 13,7 km con un litro di benzina e il tre cilindri lavora in settima a 3100 giri, pronto a far scattare vivacemente l’auto a ogni pressione sull’acceleratore. L’insonorizzazione è curata, la stabilità di ottimo livello (anche nelle frenate d’emergenza).

PERCHÈ SÌ

CAMBIO
Il robotizzato a doppia frizione sposa rapidità e dolcezza nei passaggi di marcia. Valida la logica di funzionamento in automatico.

GUIDA
L’assetto rialzato non ha peggiorato in modo sensibile la maneggevolezza e la stabilità tipiche dell’auto tedesca.

MOTORE
È vivace, gira fluido ai bassi regimi e allunga bene; anche sfruttato a fondo non è rumoroso.

TECNOLOGIA
L’infotainment è evoluto, e non mancano raffinati sistemi di sicurezza e il “clima” bizona.

PERCHÈ NO

BOCCHETTE DELL’ARIA
Quelle di sinistra soffiano quasi sulle mani del guidatore.

DOTAZIONE
L’auto è cara, ma non ha neppure il cruise control: molti i dispositivi (anche di sicurezza) sono optional.

MOTRICITÀ SUI FONDI INSIDIOSI
Questa versione è “avventurosa” solo nell’aspetto: ha gomme stradali e nessuna modalità di guida per fango e neve.

PLASTICHE
Quelle dell’abitacolo sono rigide e non molto gradevoli a tatto e vista.

SCHEDA TECNICA

Carburantebenzina
Cilindrata cm3999
No cilindri e disposizione3 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri85 (116)/5000-5500
Coppia max Nm/giri200/2000-3500
Emissione di CO2 grammi/km117
Distribuzione4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio6 (robotizz. doppia friz.) + retromarcia
Trazioneanteriore
Freni anterioridischi autoventilanti
Freni posterioridischi
  
Quanto è grande 
Lunghezza/larghezza/altezza cm405/176/148
Passo cm257
Posti5
Peso in ordine di marcia kg1170
Capacità bagagliaio litri335/1090
Pneumatici (di serie)215/45 R18
Serbatoio litri40

 

I NOSTRI RILEVAMENTI

VELOCITÀ MASSIMA RilevataDichiarata
in 6a a 5300 giri 188,7 km/h198 km/h
    
ACCELERAZIONESecondiVelocità di uscitaDichiarata
0-100 km/h10,5 9,4 secondi
0-400 metri17,6130,4 km/hnon dichiarata
0-1000 metri32,1162,6 km/hnon dichiarata
    
RIPRESA IN DRIVE SSecondiVelocità di uscitaDichiarata
1 km da 40 km/h29,4163,5 km/hnon dichiarata
1 km da 60 km/h28,2164,1 km/hnon dichiarata
da 40 a 70 km/h3,0 non dichiarata
da 80 a 120 km/h7,4 non dichiarata
    
CONSUMO RilevatoDichiarato*
In città 13,9 km/litro12,7 km/litro
Fuori città 17,5 km/litro18,2 km/litro
In autostrada 13,7 km/litro14,7 km/litro
Medio 15,2 km/litro15,6 km/litro
    
FRENATA RilevataDichiarata
da 100 km/h 36,2 metrinon dichiarata
da 130 km/h 60,1 metrinon dichiarata
    
ALTRI VALORI RilevatiDichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica 132 km/hnon dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede 10,3 metri10,5


*In base al ciclo WLTP

Audi A1 Citycarver
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
16
11
16
31
88
VOTO MEDIO
2,0
1.987655
162
Aggiungi un commento
Ritratto di The Boss of cars
3 agosto 2020 - 19:44
Semplicemente tremenda.
Ritratto di BioHazard
3 agosto 2020 - 20:21
treassi dirà che la piccola premium del gruppo non è questa ma la Seat Mii, perciò le plastiche risultano sottotono.
Ritratto di Andrea Zorzan
3 agosto 2020 - 19:50
Consumi un po' deludenti, vista la limitata altezza da terra. Probabilmente è colpa del cambio e delle ruote. Frenata non eccezionale, visti gli pneumatici.
Ritratto di Magnificus
3 agosto 2020 - 20:06
Il difetto più grande è la mancanza della trazione integrale-altro che le plastiche
Ritratto di neuropoli
4 agosto 2020 - 06:15
almeno sulla versione di punta potevano proporlo.
Ritratto di allatast
4 agosto 2020 - 10:28
bisogna vedere innanzitutto se il pianale la prevede , la trazione integrale
Ritratto di Flynn
4 agosto 2020 - 10:37
Mah ormai la trazione integrale la vogliamo In 3...
Ritratto di neuropoli
4 agosto 2020 - 11:25
@allatast: la S1 è 4wd.
Ritratto di marcoveneto
4 agosto 2020 - 11:48
Si quella vecchia però.. Qui non esiste la S1
Ritratto di neuropoli
4 agosto 2020 - 15:55
@marcoveneto: sorry, sono rimasto indietro io allora :-)
Pagine
Annunci

Audi A1 citycarver usate

Prezzo minimoPrezzo medio
Audi A1 citycarver usate 202130.90030.9001 annuncio

Audi A1 citycarver km 0