PROVATE PER VOI

Honda Jazz: ibrida e ricca, per la città

Prova pubblicata su alVolante di
settembre 2020
Pubblicato 27 aprile 2021
  • Prezzo (al momento del test)

    € 25.400
  • Consumo medio rilevato

    20,6 km/l
  • Emissioni di CO2

    84 grammi/km
  • Euro

    6d
Honda Jazz
Honda Jazz 1.5 Hev Executive eCVT

L'AUTO IN SINTESI

La nuova Honda Jazz conserva l’abitacolo arioso della precedente generazione, ma il bagagliaio è un  po’ più piccolo: “colpa” delle batterie. Ora, infatti, è solo ibrida full: un 1.5 a benzina muove un generatore che alimenta un motore elettrico da 109 CV (solo sopra gli 80 km/h il quattro cilindri muove direttamente le ruote). In città è scattante e maneggevole e consuma pochissimo. Non costa poco, però è riccamente equipaggiata, specie per i sistemi di sicurezza; peccato manchi la piastra di ricarica per i cellulari. Un po’ lunghi gli spazi di frenata rilevati dal nostro centro-prove.

Posizione di guida
4
Average: 4 (1 vote)
Cruscotto
3
Average: 3 (1 vote)
Visibilità
4
Average: 4 (1 vote)
Comfort
4
Average: 4 (1 vote)
Motore
4
Average: 4 (1 vote)
Ripresa
4
Average: 4 (1 vote)
Cambio
4
Average: 4 (1 vote)
Frenata
2
Average: 2 (1 vote)
Sterzo
4
Average: 4 (1 vote)
Tenuta di strada
3
Average: 3 (1 vote)
Aiuti alla guida
5
Average: 5 (1 vote)
Qualità/prezzo
3
Average: 3 (1 vote)

PERCHÈ COMPRARLA

Un’ibrida innovativa

Questa utilitaria giapponese è tutta nuova e ripropone una carrozzeria da monovolume, come nelle precedenti generazioni. Cresciuta di appena un centimetro in lunghezza, fra i pregi vanta sempre un abitacolo spazioso e pratico; meno capiente di prima (ma non piccolo) il bagagliaio, a causa dell’ingombro della batteria del sistema ibrido. La Honda Jazz c’è infatti solo ibrida full, con uno schema tecnico particolare: a bassa e media velocità, il 1.5 a benzina aziona un generatore di corrente ed è il motore elettrico a muovere l’auto; oltre gli 80-90 km/h, e con acceleratore non premuto a fondo, si chiude una frizione, ed è il quattro cilindri a far girare le ruote. Il risultato è che i consumi sono davvero bassi in città (un po’ meno in autostrada), dove si apprezzano anche lo scatto breve e la risposta immediata del motore a corrente.

Di qualità il comfort della Honda Jazz, mentre le frenate sono “lunghe” e l’impianto perde mordente se molto sollecitato. Già la versione base ha una ricca dotazione di sicurezza: dieci airbag (compreso quello centrale, per salvaguardare testa e collo degli occupanti anteriori negli urti laterali), frenata automatica d’emergenza, cruise control adattativo e mantenimento di corsia; le buone doti del modello sono certificate dalle cinque stelle raggiunte nei test compiuti dall’Euro NCAP nel 2020. L’allestimento Elegance aggiunge il sistema multimediale, i sensori di distanza anteriori e posteriori e il volante in pelle. La Executive provata ha anche il navigatore, il volante con corona riscaldabile, la retrocamera, la chiave “intelligente” e il monitoraggio dell’angolo cieco dei retrovisori. Curiosamente, quest’ultimo non è previsto per la più cara Crosstar, che, però, offre l’hi-fi di serie e si riconosce per l’assetto rialzato e le protezioni simil-suv.

VITA A BORDO

4
Average: 4 (1 vote)
Tanto agio e praticità

Plancia e comandi
Le plastiche sono rigide, ma c’è una gradevole fascia centrale rivestita in similpelle e il design è moderno e minimalista. Intuitivi molti dei comandi della Honda Jazz, e in particolare i “rotelloni” del climatizzatore automatico (di serie) e il bilanciere per gestire la luminosità della strumentazione, collocato alla sua sinistra. Il cruscotto è un display di soli di 7’’, ma ricco e facile da leggere; peccato che “sfogliarne” le schermate, per visualizzare le diverse informazioni, sia un po’ macchinoso. I comandi nel volante sono criticabili anche perché mancano i tasti dedicati al vivavoce (si usano quelli di altre funzioni) e per silenziare l’audio. Reattivo lo schermo di 9’’ del sistema multimediale, che dispone di Android Auto e Apple CarPlay, ma la piastra per la ricarica wireless dei cellulari non è prevista neppure come optional.

Abitabilità
In questa Honda Jazz c’è spazio da vendere, anche dietro. Soltanto le persone molto alte possono desiderarne di più. Comodo anche l’accesso: le porte sono grandi e si aprono quasi ad angolo retto, permettendo di entrare e uscire agevolmente. I sedili anteriori non offrono la regolazione lombare, ma la loro comodità non ne fa sentire il bisogno. Inoltre, di serie sono anche riscaldabili e hanno il poggiatesta regolabile nell’inclinazione (una finezza, per un’utilitaria). La seduta del divano è piatta, e quindi comoda anche al centro.

Bagagliaio
Con i suoi 304 litri (a divano su e sotto la cappelliera) la Honda Jazz batte molte rivali ibride, ma altre utilitarie fanno meglio e rispetto alla precedente generazione si sono “persi” 50 litri, a causa della batteria di trazione sotto il piano di carico: al posto del doppiofondo, ora c’è un vano grande come una scatola da scarpe. Buono lo spazio col divano giù, e non manca la possibilità di alzarne la seduta, per caricare sul pavimento oggetti alti (come una pianta in vaso). L’accesso al bagagliaio è facile, grazie alla soglia a soli 61 cm da terra.

COME VA

4
Average: 4 (1 vote)
Nata “cittadina”

In città
Brillante ma silenziosa (in questo tipo di percorso il 1.5 sta spento per buona parte del tempo), la Honda Jazz ha sospensioni che “digeriscono” morbidamente buche e tombini. A bassa andatura si balza in avanti a ogni accelerata, ma quando la velocità cresce e si preme con decisione il pedale destro, si nota una piccola esitazione prima che il tachimetro torni a salire. Bene la visibilità garantita dagli ampi vetri con montanti sottili, ma i sensori di distanza sono fin troppo sensibili: nel traffico suonano spesso per avvisare delle auto vicine, e il tasto per disattivarli è un po’ nascosto. Inavvertibile il passaggio dalla frenata rigenerativa ai freni a disco e ottimi i consumi: abbiamo registrato 27 km/l.

Fuori città
La Honda Jazz non è un’auto fatta per la guida brillante: ha sospensioni piuttosto cedevoli e gomme progettate per ridurre i consumi più che per garantire la reattività in curva, anche se lo sterzo è abbastanza preciso e ha la demoltiplicazione variabile (dopo i primi gradi di rotazione diventa più diretto). Accelerando con decisione, il rumore del 1.5 al lavoro si sente parecchio; apprezzabile, però, il fatto che l’elettronica intervenga per simulare l’innesto delle marce (assenti, poiché manca del tutto il cambio), così da ridurre un po’ il noioso “effetto scooter”. Di rilievo anche in questo caso le percorrenze: abbiamo misurato 25 km/l.

In autostrada
A velocità costante, un’icona nel cruscotto indica quando è il 1.5 a muovere direttamente le ruote, ma basta una minima accelerata per far tornare in gioco il motore elettrico; non male, per un’utilitaria, l’insonorizzazione per fruscii dell’aria e rumore di rotolamento delle gomme. Non eccezionali, in proporzione ai risultati ottenuti sugli altri percorsi, le percorrenze: a 130 km/h si fanno 15,4 km/l.

PERCHÈ SÌ

ABITABILITÀ
In appena 404 cm, quest’auto offre tanto spazio per le persone. 

CONSUMI
Nei nostri test, in città si è accontentata di pochissima benzina. E anche sulle strade extraurbane è andata molto bene.

DOTAZIONE
Offre molto per la sicurezza. Oltre a ricercatezze come il volante e i sedili riscaldabili.

GUIDA
In città si marcia quasi sempre in elettrico, grazie ai frequenti rallentamenti che ricaricano le “pile” . Bene anche lo scatto e la maneggevolezza.

PERCHÈ NO

BAGAGLIAIO
Non è piccolo, ma ha perso molto rispetto al vecchio modello. Assente il doppiofondo e scomodo il gradino causato dalla presenza della batteria.

COMANDI AL VOLANTE
Mancano i tasti dedicati al vivavoce e quelli per gestire il cruscotto sono macchinosi.

FRENATA
Gli spazi di arresto sono lunghi. E l’impianto si affatica presto.

RICARICA SENZA CAVI PER CELLULARI
L’auto è tecnologica e tutta nuova: perché non prevedere l’apposita piastra?

SCHEDA TECNICA

Motore a benzina  
Cilindrata cm3 1498
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 72 (98)/5500
Coppia max Nm/giri 131/4500-5000
   
Motore elettrico  
Potenza massima kW (CV)/giri 80 (109)/n.d.
Coppia max Nm/giri 253/n.d.
Tipo batteria ioni di litio
   
Potenza massima complessiva kW (CV) 80 (109)
   
Emissione di CO2 grammi/km 84
Cambio assente
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
Capacità di traino kg non consentito
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 404/169/153
Passo cm 252
Posti 5
Peso in ordine di marcia kg 1304
Capacità bagagliaio litri 304/1205
Pneumatici (di serie) 185/55 R16
Serbatoio litri 40

I NOSTRI RILEVAMENTI

VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
    177,3 km/h 175 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 9,9   9,5 secondi
0-400 metri 17,1 130,4 km/h non dichiarata
0-1000 metri 31,7 160,7 km/h non dichiarata
       
RIPRESA IN D Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h 29,8 161,4 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h 28,2 160,6 km/h non dichiarata
da 40 a 70 km/h 3,4   non dichiarata
da 80 a 120 km/h 7,3   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   27,0 km/litro 27,0 km/litro
Fuori città   25,0 km/litro 25,6 km/litro
In autostrada   15,4 km/litro non dichiarato
Medio   20,6 km/litro 21,7 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   40,2 metri non dichiarata
da 130 km/h   69,1 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   133 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   10,7 metri 10,1
Honda Jazz
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
49
25
31
27
39
VOTO MEDIO
3,1
3.105265
171


Aggiungi un commento
Ritratto di fastidio
27 aprile 2021 - 13:13
6
Che orrore.
Ritratto di ELAN
27 aprile 2021 - 15:04
1
Quale utilitaria monovolume suggerisci?
Ritratto di Stefano1985
27 aprile 2021 - 20:46
Per me bisogna essere scemi a spendere 25 mila euro per auto così
Ritratto di fastidio
29 aprile 2021 - 13:57
6
@elan Non è questione di fare paragoni con le (poche) concorrenti ma analizzare questo modello, la linea è talmente banale, sgraziata e vecchia che trovo più accattivante una Audi A2 di 20 anni fa
Ritratto di km350
27 aprile 2021 - 15:57
In effetti la serie precedente (la terza) era meglio. Comunque, estetica a parte, è un'auto molto concreta. L'estetica lascia il tempo che trova.
Ritratto di Alfiere
27 aprile 2021 - 17:09
1
La serie precedente era sempre criticata da questi normie per l'estetica. Un po' honda le vie di mezzo non le sa fare, un po' le critiche si trovano in qualsiasi ambito.
Ritratto di alex_rm
27 aprile 2021 - 18:51
Non la trovo orrenda ma neanche bella,ha uno stile suo molto giapponese. Meglio questa che quelli orrendi minicassoni come il t-cross,arona o c3 aircross.il prezzo però é elevato nonostante i contenuti.e poi avere un auto del genere crea esclusività,la settimana scorsa vicino casa ho visto una nuova civic nera e da lontano sembrava una supercar(bassa e larga) non lo riconosciuta finché non ho visto la parte posteriore e avere un auto del genere in Italia(negli usa e asia é stravenduta) é molto esclusivo solo che sono rimasti pochissimi centri di assistenza
Ritratto di Check_mate
27 aprile 2021 - 13:19
Una delle ultime monovolumi che hanno retto all'ondata dei SUV e qualcuna si vede ancora. Temo per la prossima generazione.
Ritratto di ELAN
27 aprile 2021 - 15:08
1
Forse anche il prezzo importante non aiuta.
Ritratto di km350
27 aprile 2021 - 15:57
Vero, concordo.
Pagine
Annunci

Honda Jazz usate

Prezzo minimoPrezzo medio
Honda Jazz usate 201610.90010.9502 annunci
Honda Jazz usate 20179.40010.9704 annunci
Honda Jazz usate 201811.70012.2502 annunci
Honda Jazz usate 201916.00016.0001 annuncio
Honda Jazz usate 202021.90021.9001 annuncio

Honda Jazz km 0 per anno

Prezzo minimoPrezzo medio
Honda Jazz km 0 202119.30020.7104 annunci