PROVATE PER VOI

Mazda 2: poco gasolio e niente ESP

Prova pubblicata su alVolante di
gennaio 2009
  • Prezzo (al momento del test)

    € 15.600
  • Consumo medio rilevato

    17 km/l
  • Emissioni di CO2

    114 grammi/km
  • Euro

    4
Mazda 2
Mazda 2 1.4 CD 68CV Fun 5p
L'AUTO IN SINTESI

Ha una dotazione di serie ricca ed è divertente da guidare. Peccato che il filtro antiparticolato non si possa avere e che il controllo di stabilità sia riservato soltanto alle versioni a benzina.

Posizione di guida
3
Average: 3 (1 vote)
Cruscotto
2
Average: 2 (1 vote)
Visibilità
4
Average: 4 (1 vote)
Comfort
3
Average: 3 (1 vote)
Motore
3
Average: 3 (1 vote)
Ripresa
3
Average: 3 (1 vote)
Cambio
5
Average: 5 (1 vote)
Frenata
3
Average: 3 (1 vote)
Sterzo
4
Average: 4 (1 vote)
Tenuta di strada
3
Average: 3 (1 vote)
Dotazione
3
Average: 3 (1 vote)
Qualità/prezzo
3
Average: 3 (1 vote)
PERCHÉ COMPRARLA
Agile e riuscita, ma con due nei
 

 

 

Ha una linea originale e moderna, è maneggevole, non pesa tanto e il motore, a dispetto della scarsa potenza, si fa apprezzare per prontezza, fluidità e silenziosità (se non lo si mantiene a lungo ad alto regime). Inoltre, il cambio è rapido e dolce negli innesti, e la dotazione di serie è piuttosto completa. In mezzo a tante positive prerogative, però, ci sono anche due gravi lacune: l’utilitaria giapponese non può avere, neppure a pagamento, né il filtro antismog (un bel limite per un’auto pensata per la città) né il controllo elettronico della stabilità (ESP).
 

 

 

La nuova Mazda 2 è del tutto diversa dal precedente modello del 2003, che era caratterizzato da una carrozzeria da “mini-monovolume”, peraltro un po’ anonima. Peccato soltanto che per ottenere una linea più slanciata e personale si sia sacrificata la capienza del bagagliaio.

Il frontale è quasi da sportiva, con i fari che si allungano sui fianchi, il cofano molto inclinato e la linea alla base dei finestrini che sale verso la coda: il risultato è davvero piacevole. Il motore non fa troppo rumore ai bassi e medi regimi, consuma poco ed è supportato da un cambio morbido e ben manovrabile, veloce e preciso negli innesti.

L’agilità è piacevolmente elevata e, grazie al peso contenuto, la vettura risulta divertente da guidare anche con la ridotta potenza (appena 68 CV) del suo 1.4 turbodiesel. L’allestimento Fun è il più completo della gamma e comprende, tra l’altro, i cerchi in lega di 16 pollici, i fendinebbia, il “clima” automatico e sei airbag.

Stranamente, non si possono avere, neppure a pagamento, né l’ESP (che, curiosamente, si può ottenere solo per le versioni a benzina della 2: una scelta illogica, visto che le diesel, di solito, sono quelle che fanno più strada…), né il filtro antismog, il che costituisce una grave carenza per un’auto da città.

VITA A BORDO
3
Average: 3 (1 vote)
Ariosa e comoda, con qualche economia
 

 

 

I comandi sono disposti correttamente e anche la leva del cambio è in una posizione comoda da usare: rialzata e realmente a portata di mano. Migliorabile la strumentazione: sia il contagiri sia il computer di bordo si leggono male. L’abitacolo è luminoso ma le plastiche usate per i rivestimenti sono di tipo economico e rigide al tatto. I sedili sono comodi e dietro, volendo, si sta piuttosto bene anche in tre, mentre risulta un po’ piccolo il bagagliaio.

 

 

Plancia e comandi
Saltano subito all’occhio le differenze rispetto al modello precedente: la plancia ha forme semplici ma più moderne e accattivanti; inoltre, non mancano i vani “furbi” dove riporre i piccoli oggetti. Apprezzabile la posizione della leva in cambio, rialzata nella consolle centrale e realmente a portata di mano. Piacevole nelle forme la strumentazione, ma il contagiri e il computer di bordo non si leggono molto bene e al posto del termometro dell’acqua ci sono due spie: una per il motore troppo freddo e l’altra per il troppo caldo. Peccato poi che siano di livello sin troppo economico (e anche rigide al tatto) le plastiche usate per gli interni; un po’ mosci (e cupi), infine, i tessuti usati per rivestire i sedili.

Abitabilità
I sedili anteriori sono comodi, larghi quanto basta e con bordi ben conformati, che trattengono bene il corpo sui percorsi tortuosi. Dispiace che il volante non sia regolabile in profondità, ma solo in altezza, come il sedile del guidatore (che tra l’altro ha un movimento “a scatti”, per cui è poco preciso). Dietro si viaggia comodamente anche in tre, ma si sta un po’… a contatto di spalle. In compenso, chi siede al centro non deve fare i conti con l’usuale (e fastidioso) tunnel: quello che c’è è molto piccolo e quasi non se ne avverte la presenza.

Bagagliaio 
La soglia di carico è a 74 cm da terra, per cui è un po’ faticoso caricare e scaricare i bagagli. L’apertura è grande ma si stringe un po’ troppo nella parte bassa; inoltre, c’è da superare uno “scalino” di 25 cm tra il punto di battuta del portellone e il fondo del vano. E abbattendo gli schienali si viene a creare sul pavimento un gradino di 15 cm, per cui non si possono far scorrere i bagagli. La capienza non è fra le più ampie: a divano alzato c’è posto solo per i bagagli di un fine settimana (e in altezza non ci stanno due valigie rigide una sull’altra sotto il tendalino).

COME VA
4
Average: 4 (1 vote)
Consuma poco e diverte alla guida
 

 

 

Nei percorsi urbani si difende davvero bene grazie all’agilità, alla brillantezza del motore e al ridotto diametro di svolta; inoltre, lo sterzo è leggero ma preciso e la frizione non affatica. Nel “misto” sa anche essere divertente quando si guida sportivamente  per le sospensioni ben controllate e per la prontezza dello sterzo, mentre in autostrada si apprezza la buona ripresa garantita dal piccolo turbodiesel, silenzioso in souplesse che, però, si fa sentire agli alti regimi, assieme al rumore di rotolamento dei pneumatici.
 

 

 

In città
Mette a suo agio chi guida grazie al cambio che si manovra bene, alla prontezza del motore nelle risposte e alla frizione che non affatica. Inoltre si apprezza il ridotto diametro di sterzata. In manovra tutto bene grazie alla buona visibilità. In ogni caso, chi volesse stare più tranquillo, può far montare i sensori di distanza: li installa il concessionario e costano 320 euro, incluso il montaggio.

Fuori città
Sui percorsi tortuosi la Mazda 2 diverte parecchio nella guida, grazie all’elasticità del motore turbodiesel, allo sterzo preciso e sensibile e alla tenuta di strada di buon livello: l’auto è sempre pronta e fluida negli inserimenti in curva e l’assetto ben controllato dalle sospensioni efficienti. E se ci fosse l’ESP, si potrebbe guidare a mente ancor più libera.  Davvero bassi i consumi: si sfiorano i 22 km/litro.

In autostrada
Le lunghe percorrenze “da casello a casello” non rappresentano il suo terreno ideale. Intendiamoci, il motore riprende bene dopo i rallentamenti, ma se si sale troppo di giri comincia a diventare fastidioso, senza contare che si avverte distintamente nell’abitacolo il rumore di rotolamento dei pneumatici. La quinta “lunga” riduce i consumi ma per avere più brio è bene scalare marcia (per cui la rumorosità aumenta).

QUANTO È SICURA
5
Average: 5 (1 vote)
Sarebbe da applausi, ma non ha l’ESP
 

 

 

A fianco della buona dotazione di serie di airbag (frontali, laterali anteriori e per la testa anteriori e posteriori), spicca la lacuna (criticabile per una vettura moderna) della mancanza dell’ESP. Peccato, perché nei crash test dell’Euro NCAP la piccola giapponese ha riportato valori di alto livello per un’utilitaria, arrivando a cinque stelle per la protezione di guidatore e passeggeri e a ben quattro per i bambini.
 

 

 

La nuova Mazda 2 ha superato brillantemente i crash test dell’Euro NCAP, ottenendo cinque stelle (il massimo) per quanto riguarda la protezione di guidatore e passeggeri, e addirittura quattro (con uno score di punti notevole per un’utilitaria: 37) per i bambini fissati agli appositi seggiolini con attacchi Isofix. Solo per quanto riguarda la tutela dei pedoni in caso di investimento è un po’ sotto tono, avendo conseguito due stelle. Alla luce di questi risultati, è seccante dover sottolineare il fatto che l’ESP (e il controllo di trazione) non si possano avere neppure a pagamento, mentre sono di serie gli airbag frontali, quelli laterali anteriori e per la testa (questi ultimi sia anteriori sia posteriori) insieme ai fendinebbia.

NE VALE LA PENA?
3
Average: 3 (1 vote)
Se non si fanno spesso lunghi viaggi
 

 

 

Potrebbe rappresentare la scelta per un giovane che cerca una vettura divertente da guidare e che consumi poco. Quando però si "tirano" le marce, il motore si fa rumoroso e in curva, a volte, la mancanza dell'ESP si fa sentire.

 

 

Moderna, originale e gradevole nella linea, offre un ampio abitacolo (dietro si sta abbastanza comodi persino in tre) ma anche un bagagliaio un po’ piccolo. La città è il suo habitat ideale, sul “misto” è davvero divertente (ma si avverte la mancanza dell’ESP), mentre nei lunghi viaggi bisogna fare i conti con il rumore dei pneumatici e la rumorosità del motore se si tirano le marce o si viaggia a regime elevato. In compenso, l’utilitaria giapponese consuma davvero poco in quasi tutte le situazioni.
 

PERCHÉ SÌ
 
 

 

 

 

 

 

Cambio
Preciso negli innesti, morbido e con la pratica leva in posizione rialzata asseconda la guida sportiva. Inoltre, non accusa fastidiosi “giochi” o impuntamenti.

Consumi 
Sempre molto bassi. Questo piccolo turbodiesel è un “bevitore” davvero moderato: nel corso dei nostri test fuori città abbiamo sfiorato i 22 km/litro.

Guida 
Anche questo è uno dei punti forti della Mazda 2: l’auto è agile, non si corica troppo di lato in curva e ha una tenuta di strada sempre di buon livello. Leggero ma preciso lo sterzo.

Linea 
Di impronta sportiva, moderna e accattivante, rappresenta un deciso passo in avanti rispetto al vecchio modello. Piace anche ai giovani e a chi si sente giovane.

PERCHÉ NO
 
 

 

 

 

 

 

Baule
Rispetto alla “vecchia” Mazda 2 compie un passo indietro: è meno capiente, la battuta del portellone è alta da terra e c’è un fastidioso “gradino” di 25 centimetri.

ESP
Per le versioni con motore a benzina è previsto come optional, mentre per la diesel non si può avere neppure a pagamento: una lacuna grave, per una vettura a gasolio pensata per fare parecchia strada.

Plastiche 
Per la plancia e il “tunnel” centrale sono sin troppo economiche. Inoltre, visto che la Mazda 2 è un’auto pensata per i giovani, l’abitacolo non è tanto vivace.

Strumenti 
Il cruscotto piace per la forma e per la grafica moderna. Ma il contagiri, l’indicatore del livello del gasolio e i dati del computer di bordo non si leggono molto bene. Inoltre, manca il termometro dell’acqua.

SCHEDA TECNICA

 

 

VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 6a a 4300 giri   159,1 km/h 162 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 14,8   15,5 secondi
0-400 metri 19,4 111,1 km/h non dichiarata
0-1000 metri 36,56 138,4 km/h non dichiarata
       
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h in 4a 37,4 136 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h in 5a 35,7 132,9 km/h non dichiarata
da 80 a 120 km/h in 5a 17,7   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   16,4 km/litro 18,9 km/litro
Fuori città   21,7 km/litro 27 km/litro
In autostrada   14,3 km/litro non dichiarato
Massimo   9,6 km/litro non dichiarato
Medio   17 km/litro 23,3 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   39,4 metri non dichiarata
da 130 km/h   68,9 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   39,4 km/h  
Diametro di sterzata tra due marciapiede   68,9 metri 9,8
Cilindrata cm3 1399
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 50 (68)/4000
Coppia max Nm/giri 160/2000
Emissione di CO2 grammi/km 114
Distribuzione 2 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 5+ retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori tamburi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 380/170/148
Passo cm 249
Peso in ordine di marcia kg 980
Capacità bagagliaio litri 250/787
Pneumatici (di serie) 195/45 R 16
I NOSTRI RILEVAMENTI

 

 

VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 6a a 4300 giri   159,1 km/h 162 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 14,8   15,5 secondi
0-400 metri 19,4 111,1 km/h non dichiarata
0-1000 metri 36,56 138,4 km/h non dichiarata
       
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h in 4a 37,4 136 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h in 5a 35,7 132,9 km/h non dichiarata
da 80 a 120 km/h in 5a 17,7   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   16,4 km/litro 18,9 km/litro
Fuori città   21,7 km/litro 27 km/litro
In autostrada   14,3 km/litro non dichiarato
Massimo   9,6 km/litro non dichiarato
Medio   17 km/litro 23,3 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   39,4 metri non dichiarata
da 130 km/h   68,9 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   39,4 km/h  
Diametro di sterzata tra due marciapiede   68,9 metri 9,8
Cilindrata cm3 1399
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 50 (68)/4000
Coppia max Nm/giri 160/2000
Emissione di CO2 grammi/km 114
Distribuzione 2 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 5+ retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori tamburi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 380/170/148
Passo cm 249
Peso in ordine di marcia kg 980
Capacità bagagliaio litri 250/787
Pneumatici (di serie) 195/45 R 16
Mazda 2
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
13
18
12
14
5
VOTO MEDIO
3,3
3.32258
62
Aggiungi un commento
Ritratto di Helio
8 settembre 2016 - 15:32
dati sulla ripresa in terza ne abbiamo?