PROVATE PER VOI

Porsche Panamera: un siluro, ma quei freni…

Prova pubblicata su alVolante di
giugno 2017
  • Prezzo (al momento del test)

    € 125.462
  • Consumo medio rilevato

    13,2 km/l
  • Emissioni di CO2

    176 grammi/km
  • Euro

    6
Porsche Panamera
Porsche Panamera 4.0 V8 4S Diesel
L'AUTO IN SINTESI

La Porsche Panamera una cinque porte dalla linea filante e aggressiva, quasi da grande coupé. I parafanghi sporgenti e le nervature sul cofano le danno carattere. I sottili fanali sono uniti da un inserto nero, che integra una sottile striscia luminosa rossa. Materiali e montaggi sono inappuntabili, anche dove non si andrà mai a guardare. Ma nulla è regalato: neppure i tappetini (quasi 200 euro). Silenzioso anche a freddo, il 4.0 V8 a gasolio non vibra e ha un tiro da rimorchiatore, che si ferma solo a ridosso dei 5300 giri: l’erogazione è così lineare da sembrare meno robusta di quanto i rilevamenti dicano. Il cambio, rapidissimo e dalle marce ben spaziate, aiuta a contenere i consumi in autostrada: solo per cercare il pelo nell’uovo, nella marcia in colonna non è dolce quanto i migliori automatici a convertitore di coppia. Grazie alle ruote posteriori sterzanti (optional), lo sterzo è diretto, ma in velocità non impone continue correzioni. Buona, ma non “da lode”, la precisione: nelle curve, capita di dover eseguire piccole variazioni. I freni sono potenti, ma nell’uso intenso si affaticano presto.

Posizione di guida
4
Average: 4 (1 vote)
Cruscotto
5
Average: 5 (1 vote)
Visibilità
3
Average: 3 (1 vote)
Comfort
4
Average: 4 (1 vote)
Motore
5
Average: 5 (1 vote)
Ripresa
5
Average: 5 (1 vote)
Cambio
5
Average: 5 (1 vote)
Frenata
3
Average: 3 (1 vote)
Sterzo
4
Average: 4 (1 vote)
Tenuta di strada
5
Average: 5 (1 vote)
Qualità/prezzo
3
Average: 3 (1 vote)
PERCHÉ COMPRARLA
SUPER IN TUTTO, FRENI A PARTE

Scocca, motori, cambio: la seconda edizione della Porsche Panamera è tutta nuova. Solo il profilo, che richiama quello delle coupé, è quasi invariato, ma la carrozzeria ha forme più equilibrate (specialmente dietro). È l’unica berlina a gasolio con più di 400 cavalli e trazione integrale: le rivali (Audi A8, BMW Serie 7, Jaguar XJ, Maserati Quattroporte e Mercedes S), tutte meno potenti, spesso hanno le sole ruote motrici posteriori e cambi col convertitore di coppia, più lenti (ma più dolci) del fulmineo robotizzato a doppia frizione a otto marce della 4S. Un’altra esclusività è il pratico portellone, ma i posti sono solo quattro: il quinto è riservato alla variante “quasi-wagon” Sport Turismo, che costa qualche migliaio di euro in più. Il 4.0 V8 diesel è silenzioso, beve poco e ha una spinta mozzafiato. Nel pacchetto Sport Chrono ci sono il launch control, per partenze “a razzo”, e la rotella per le modalità di guida sul volante, comprendente un tasto che rende disponibile il massimo delle prestazioni per 20 secondi. Da riferimento il comportamento in curva: le sospensioni all’esterno s’irrigidiscono e le ruote posteriori puntano nella stessa direzione di quelle davanti per aumentare la stabilità; le larghe gomme di 21’’, a mescola sportiva (optional), fanno il resto. Grazie poi alle ruote posteriori sterzanti (che si pagano anch’essea parte) la Porsche Panamera è molto agile. Anche senza l’impianto carboceramico (che costa quanto una citycar!), l’auto del test si è fermata in spazi ridotti. Il suo peso, però, ha portato i freni ad affaticarsi presto nell’uso prolungato. Non si pensi, comunque, a un’auto scomoda: le molle ad aria (soldi molto ben spesi) lavorano bene su buche e dossi. “Da Porsche” pure le finiture (curate) e la dotazione di serie (essenziale): è extra persino la disattivazione dell’airbag anteriore per montare un seggiolino. Pur con 37.000 euro di accessori, l’auto del test non era certo full optional…

VITA A BORDO
5
Average: 5 (1 vote)
SE PAGHI, STAI COME UN RE

Plancia e comandi
L’abitacolo della Porsche Panamera è ordinato e moderno. La plancia, a sviluppo orizzontale, è levigata e sottile, ed è collegata dolcemente al tunnel fra i sedili da una larga consolle, quasi orizzontale. Quest’ultima accoglie, vicino alla leva del cambio, tasti a sfioramento integrati in una superficie liscia: “fanno scena”, ma portano a distogliere lo sguardo dalla strada per individuarli. Le bocchette d’aerazione centrali sono motorizzate e si orientano muovendo un cursore nello schermo. Ma rispondono in ritardo e l’operazione risulta imprecisa. Il cruscotto è esemplare per chiarezza di presentazione: ai lati del contagiri ci sono due schermi multifunzione di 7’’, uno dei quali può visualizzare il navigatore. Lo schermo panoramico nella consolle (di 12”) mostra tante funzioni; l’hi-fi Bose (optional) valorizza l’audio della radio Dab (anch’essa a pagamento). D’effetto le mappe satellitari, orientabili toccando lo schermo con un dito. Di serie l’interfaccia Apple CarPlay (manca, invece, Android Auto).

Abitabilità
Grande l’attenzione per i posti dietro: ci sono due prese Usb (solo per la ricarica, quella per trasferire la musica si paga a parte!), le tendine ad azionamento elettrico per finestrini e lunotto e il “clima” quadrizona (tutti optional). Dietro troviamo due autentiche poltrone, con regolazione elettrica a pagamento. Sopra il tunnel ecco i comandi del “clima” e uno schermo, sensibile al tocco, che gestisce anche navigatore e audio

Bagagliaio
Tranne l’A8, tutte le rivali della Porsche Panamera hanno bauli più spaziosi. Ma la praticità del portellone è un’esclusiva della Panamera, che (come XJ e Quattroporte) offre pure il divano reclinabile. Ampia la bocca di carico; tra la soglia (protetta da un profilo in metallo) e il fondo c’è, però, un “salto” di 21 cm; curati i rivestimenti. Il divano, a regolazione elettrica, è frazionato in tre parti: quando è giù, scopre una apertura in cui possono infilarsi i piccoli oggetti. La batteria e il kit anti-foratura, nel doppiofondo, tolgono spazio utile.

COME VA
5
Average: 5 (1 vote)
BERLINA D’ASPETTO, PUROSANGUE DI FATTO

In città
La Porsche Panamera è ingombrante, ma lo sterzo a taratura variabile, più leggero a bassa velocità (optional ma di serie con le quattro ruote sterzanti), aiuta. Ben modulabile l’acceleratore, ma nelle ripartenze (frequenti nel traffico) il cambio a volte “strappa” un po’. In Normal, le molle ad aria “spianano” i fondi irregolari. Non esagerati gli 11 km /l rilevati.

Fuori città
Tanto rapida nei cambi di direzione quanto stabile, si lascia dietro molte sportive pure. Il cambio è un fulmine (ma in modalità manuale, guidando impegnati, a volte rifiuta la scalata) e il V8 “non finisce mai”. Il controllo di mantenimento di corsia (che si paga a parte) legge le curve sul Gps e segnala in anticipo quelle strette. Discreti, vista la potenza in gioco, i 14,7 km/l visti sui nostri strumenti.

In autostrada
A 130 km/h, in ottava marcia, il motore della Porsche Panamera è ad appena 1600 giri e si percorrono 13,3 km/l. In rilascio, il cambio si disaccoppia dal V8 per consentire di sfruttare l’abbrivio e consumare meno. Elevato il comfort (solo qualche fruscio) e valida l’illuminazione dei fari full led con PDLS (Porsche Dynamic Light System, è un sistema che adatta il fascio alla velocità e all’andamento della strada).

PERCHÉ SÌ

Cambio
Nessun’altra berlina ne ha uno così rapido negli inserimenti; e l’ottava marcia “di riposo” permette di ridurre i consumi.

Finiture
Materiali e montaggi convincono senza riserve. Persino la grafica degli schermi è “super”. 

Motore
Silenzioso, non trasmette vibrazioni e ha un tiro che impressiona: il tutto senza bere troppo.

Sospensioni
Ammortizzatori attivi e molle ad aria sono ottimi per il comfort e per le prestazioni.

PERCHÉ NO

Bocchette dell’aria
Quelle motorizzate “fanno scena”, ma sono poco pratiche.

Comandi
I tasti attorno al cambio non s’individuano al tatto e distolgono lo sguardo dalla strada.

Dettagli hi-tech
Mancano sia Android Auto sia la ricarica senza fili per i telefonini compatibili.

Resistenza dei freni
Non serve la pista per mettere in crisi l’impianto: le prime azioni sono potenti, poi gli spazi si allungano considerevolmente.

SCHEDA TECNICA
Carburante gasolio
Cilindrata cm3 3956
No cilindri e disposizione 8 a V di 90°
Potenza massima kW (CV)/giri 310 (421)/3500-5000
Coppia max Nm/giri 850/1000-3250
Emissione di CO2 grammi/km 176
No rapporti del cambio 8 (robotizz. doppia friz.) + retromarcia
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi autoventilanti
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 505/194/142
Passo cm 295
Peso in ordine di marcia kg 2050
Capacità bagagliaio litri 495/1304
Pneumatici (di serie) 265/45 R19 ant. - 295/40 R19 post.
Serbatoio litri 75


Dati dichiarati. Auto in prova equipaggiata con gomme Pirelli P Zero ant.-post. 275/35-315/30 R 21

I NOSTRI RILEVAMENTI
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 7a a 4400 giri   282,3 km/h 285 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 3,9   4,3 secondi
0-400 metri 12,2 180,3 km/h non dichiarata
0-1000 metri 22,6 230,5 km/h non dichiarata
       
RIPRESA IN DS Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h 21,9 230,5 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h 21,2 231,2 km/h non dichiarata
da 40 a 70 km/h 1,5   non dichiarata
da 80 a 120 km/h 2,7   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   11,0 km/litro 12,7 km/litro
Fuori città   14,7 km/litro 16,9 km/litro
In autostrada   13,2 km/litro non dichiarato
Medio   13,2 km/litro 14,7 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   34,6 metri non dichiarata
da 130 km/h   57,3 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   131 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   11,1 metri 11,4


Dati dichiarati con pacchetto Sport Chrono e ruote posteriori sterzanti

Porsche Panamera
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
64
33
25
15
27
VOTO MEDIO
3,6
3.560975
164
Aggiungi un commento
Ritratto di Probabilmente
4 aprile 2018 - 17:40
Un diesel che ti fionda a 100km/h in 3.9 secondi di cronometro. Impressionante! I consumi, date le prestazioni, sono eccezionali. Ma poi mi torna sempre il solito scontato discorso del senso di queste auto. Per me è solo uno sfoggio di tecnologia inutile: con quello che costa un diesel non ha senso!
Ritratto di alex_rm
4 aprile 2018 - 18:33
Versione a gasolio non più in vendita da un po.Chissà se ne hanno venduta qualcuna dato che sarà stata in vendita un paio di mesi dalla presentazione al momento in cui Porsche ha bandito i diesel dalla gamma,dicendo che i diesel che avevano emissioni falsificate erano motori non suoi però continua ad usare motori benzina VW per Macan,chayenne e Panamera.
Ritratto di AMG
5 aprile 2018 - 08:13
Sei in errore. È in vendita questa versione, come d'altronde è lecito aspettarsi. Forse sarebbe meglio informarsi prima di schiacciare i tasti!
Ritratto di alex_rm
5 aprile 2018 - 13:14
In un articolo del 23 febbraio era scritto che Porsche abbandonava i diesel(https://www.alvolante.it/news/porsche-dice-addio-ai-motori-diesel-355673) e da molti listini prezzi( come quello di quattroruote)sono sparite le versioni diesel.Forse saranno in vendite le rimanenze di produzione finché non terminano.
Ritratto di tramsi
5 aprile 2018 - 17:03
Non è più a listino ed è sparita anche dal configuratore Porsche ed è un GRAN PECCATO, perché il motore è letteralmente PAZZESCO!
Ritratto di alex_rm
7 aprile 2018 - 10:51
Attualmente questo motore(diesel v8)e in vendita solo sull Audi sq7 e sulla Bentley Bentayga.
Ritratto di tramsi
7 aprile 2018 - 16:55
Sì, lo so: GRAN GRAN GRAN GRAN MOTORE!
Ritratto di grande_punto
4 aprile 2018 - 18:34
3
Esteticamente non mi ha mai convinto al 100%, ma è un'ottima auto comunque. Come sottolineato da Probabilmente, i consumi sono ottimi date le prestazioni.
4 aprile 2018 - 18:38
3
Porsche + diesel --> nella pattumiera
Ritratto di gjgg
4 aprile 2018 - 19:00
1
Non ci sono ancora mai salito ma provo a dirne i miei punti pro e non. Pro il motore relativamente alle prestazioni (?ma non avevano abbandonato il diesel in gamma?), le sospensioni ad aria, lo schermo del navigatore ben integrato, il portellone. No invece i tasti a sfioramento, la mancanza dell'interfaccia android (io uso solo quello e già per questo sarei costretto a non poterla considerare), la ricarica wireless che oramai hanno anche molte utilitarie, i freni poi devono assolutamente dare sicurezza visto che con queste auto andare a sciare è un must e le discese al ritorno non devono essere un pensiero.
Pagine