PROVATE PER VOI

Tesla Model 3: un’elettrica da guidare

Prova pubblicata su alVolante di
luglio 2020
Pubblicato 05 marzo 2021
  • Prezzo (al momento del test)

    € 57.920
  • Autonomia

    440 km
  • Emissioni di CO2

    10 h e 25' a 7,2 kW
  • Capacità batteria

    75 kWh
Tesla Model 3
Tesla Model 3 Long range AWD

L'AUTO IN SINTESI

La Tesla Model 3 una berlina a corrente spaziosa e con prestazioni quasi da supercar. Di alto livello anche la precisione dello sterzo (diretto come poche altre berline) e l’autonomia. Tecnologica, scarica gli aggiornamenti di software dal web, garantiti per sempre, che migliorano non solo l’infotainment ma anche l’autonomia, i sistemi di aiuto alla guida e altro ancora. In tanti dettagli hitech “stonano” i fari (dei banali full led) e mancano le telecamere perimetrali e perfino il cruscotto: i dati di guida si leggono dallo schermo centrale di ben 15”.

Posizione di guida
4
Average: 4 (1 vote)
Cruscotto
2
Average: 2 (1 vote)
Visibilità
2
Average: 2 (1 vote)
Comfort
3
Average: 3 (1 vote)
Motore
5
Average: 5 (1 vote)
Ripresa
5
Average: 5 (1 vote)
Frenata
4
Average: 4 (1 vote)
Sterzo
5
Average: 5 (1 vote)
Tenuta di strada
4
Average: 4 (1 vote)
Aiuti alla guida
4
Average: 4 (1 vote)
Qualità/prezzo
3
Average: 3 (1 vote)

PERCHÈ COMPRARLA

Nata elettrica

Lunga 5 cm in più di una Giulia, la Tesla Model 3 è una berlina a corrente: di fatto, non ha rivali dirette. Ha la trazione 4x4 e due motori per 351 CV combinati. Impressionanti scatto e ripresa: la seconda è così vigorosa e immediata che, accelerando con decisione, può dare fastidio ai passeggeri (nei “40-70” e “80-120” km/h va come una Porsche 911 Carrera S da 450 CV). Sterzo e sospensioni rendono la guida appagante, ma il comfort è solo discreto (le sospensioni a controllo elettronico non ci sono, neppure pagando). L’abitacolo è minimalista e quasi privo di tasti: manca addirittura il cruscotto. Sempre connessa, l’auto riceve dal web aggiornamenti gratuiti del software, con ricadute persino sulle percorrenze e sulla guida (e l’aggiunta o l’eliminazione di funzioni).

L’autonomia della Tesla Model 3 è elevata. Per la ricarica si può usare sia la rete della casa costruttrice sia qualunque colonnina compatibile; anche le più rapide. È infatti una delle elettriche che accetta più potenza dalle colonnine a corrente continua (come i Supercharger della casa): ben 250 kW. Non male gli 11 kW con l’alternata (quella delle wallbox). Scarse le personalizzazioni, ma la dotazione è ricca: di serie anche la guida semiautonoma Autopilot. Per questo stupisce l’assenza del dispositivo contro il colpo di sonno. Poco tecnologici, inoltre, i fari: sono dei semplici full led (né orientabili né a matrice di diodi). La “base” a trazione posteriore ha 238 CV e fa risparmiare circa € 8.000: dichiara 151 km in meno di autonomia della versione in prova, e le mancano l’hi-fi, i fendinebbia e il divano riscaldabile. La 4x4 da 462 CV ha la modalità di guida per la pista. Per tutte, garanzia di 4 anni/80.000 km e di 8 anni/192.000 km su motori e batteria.

Sottoposta ai crash-test dell’Euro NCAP nel 2019, la Tesla Model 3 ha brillato: cinque stelle e punteggi altissimi in quasi ogni prova (l’unica situazione in cui il sistema anti-investimento non ha funzionato alla perfezione è stato nel test del bambino che sbuca di corsa da dietro un’auto parcheggiata). Stupiscono però piccole mancanze, come l’anticolpo di sonno e la frenata automatica in retromarcia quando arrivano, di lato, dei veicoli.

VITA A BORDO

4
Average: 4 (1 vote)
Così c’è solo lei

Plancia e comandi
Appena entrati si rimane colpiti dalla luminosità: si deve al tetto in vetro in due parti (quella posteriore è tutt’uno col lunotto). È senza tendina ma brunito e filtra i raggi ultravioletti. Essenziali, gli interni della Tesla Model 3 sono dominati dal display di 15”: da qui si gestisce tutto. Può persino essere usato per i videogiochi (preinstallati, anche vintage e controllabili dal volante) o per vedere filmati, navigare sul web, visualizzare un camino acceso, mixare musica e molto altro. Assenti le bocchette d’aerazione (l’aria esce da dietro questo profilo e il flusso si regola dallo schermo tattile) e i tasti: gli unici sono nel soffitto, per l’hazard e la chiamata d’emergenza. Fa anche da cruscotto, che non c’è: così però si distoglie spesso lo sguardo dalla strada. Servirebbe un head-up display.

Di serie la Tesla Model 3 ha i rivestimenti in pelle nera (finta ma di qualità): il bicolore bianco/nero si paga invece a parte. Le berline di lusso di pari potenza costano di più e sono anche rifinite meglio; però rispetto alle Tesla di qualche anno fa il passo in avanti nei montaggi è evidente. Con le rotelle cliccabili e spostabili di lato delle razze del volante si gestisce la funzione selezionata nel display centrale: volume dell’impianto audio, regolazione elettrica di volante e specchietti eccetera. Col suo schermo enorme (e reattivo come i migliori tablet), il sistema multimediale è diverso da tutti gli altri. Ha tantissime funzioni (consente persino di vedere YouTube e Netflix), ma molte, come Spotify, richiedono l’abbonamento Premium; assenti Android Auto e Apple CarPlay. 

Abitabilità
A dispetto della linea filante della Tesla Model 3, c’è spazio per la testa anche dietro: merito del tetto in vetro senza centine sopra il divano (dove l’agio per le gambe è elevato). I morbidi sedili offrono di serie le regolazioni elettriche (anche quella del supporto lombare e del volante) e sono riscaldabili. Mancano, però, la ventilazione e il cuscino estensibile: non disponibili neppure come optional. Sul divano i posti laterali hanno alti poggiatesta che richiamano quelli dei sedili anteriori. A scomparsa (come il bracciolo con portabibita) il poggiatesta centrale; due le bocchette e altrettante le prese Usb per la ricarica per i posti posteriori.

Bagagliaio
Con i suoi 542 litri è generoso. L’accesso al baule della Tesla Model 3è ampio e di forma regolare; il vano è tutto rivestito, ma con non troppa cura e le luci sono fioche. Non male lo spazio in altezza (molte berline convenzionali offrono anche 5 cm in meno): due valigioni impilati trovano facilmente posto. I cavi di ricarica e il kit di riparazione delle gomme si possono riporre nell’ampio scomparto sotto il pavimento: interamente rivestito, ha una forma regolare ed è alto 29 cm, profondo 40 e largo 63. Davanti, sotto il cofano, c’è un secondo vano: alto appena 25 cm, largo 72 e profondo 40, è irregolare e rivestito in nuda plastica.

COME VA

4
Average: 4 (1 vote)
È una “bomba” (ma non in manovra)

In città
I montanti larghi penalizzano un po’ la visuale e il pavé non è filtrato al meglio. Potente il recupero dell’energia in rallentamento: quasi non si usano i freni. Efficienti i sensori di parcheggio della Tesla Model 3 (di serie pure davanti, mostrano al centimetro le distanze) ma c’è solo una retrocamera: auto meno costose offrono la vista a 360°. Manca pure il tergilunotto; in compenso, in “retro” i piccoli specchietti inquadrano il ciglio della strada e il volante non è faticoso da azionare.

Fuori città
La precisione dello sterzo (che è anche diretto: appena due giri di volante da un capo all’altro), le sospensioni che concedono poco al rollio e l’erogazione “esplosiva” dei motori rendono la Tesla Model 3 entusiasmante nei percorsi tortuosi. Non ci sono modalità di guida e non se ne sente la mancanza; la frenata è potente, ma nelle “staccate” più intense la massa della vettura si avverte. Elevata l’autonomia: abbiamo sfiorato i 500 km. Grazie anche alle grandi gomme (optional) e a dispetto dei quasi 1900 kg di peso, l’auto si ferma in spazi ridotti. Buona la modulabilità dell’impianto: caso unico fra le elettriche, quando si usano i freni si disattiva il recupero dell’energia e quindi non c’è quel fastidioso “scalino” che su altre auto a batteria indica il passaggio dalla frenata fatta col sistema di recupero di energia a quella di dischi e pinze.

In autostrada
Andando a 130 km/h con la Tesla Model 3 si percorrono 329 km ma a 110 km/h l’autonomia sale a ben 395 km; così aumenta anche il comfort, visto che il rumore di rotolamento delle gomme si nota già dai 100 km/h. I sorpassi avvengono in un baleno; “furbo” il navigatore, che suggerisce dove e quanto a lungo fermarsi (la Tesla è l’unica casa che dispone di colonnine a lei riservate, sia rapide a corrente continua che a corrente alternata) per arrivare a destinazione con ancora un po’ di carica.

PERCHÈ SÌ

AUTONOMIA
È elevata e per ottenerla non serve ricorrere a modalità “eco” o altro.

GUIDA
Impressionanti le riprese; precisione dello sterzo e agilità sono quelle delle migliori berline sportive.

RICARICA
Come tutte le Tesla, ha il vantaggio di una rete dedicata, ma può sfruttare appieno le altre colonnine superveloci. Ottimale l’integrazione col navigatore.

TECNOLOGIA
Si aggiorna via web, ha un infotainment e aiuti alla guida all’avanguardia ed è pure intuitiva.

PERCHÈ NO

AIUTI IN PARCHEGGIO
La visibilità non è elevata e non si possono avere né le telecamere perimetrali né l’avviso del traffico laterale nelle “retro”.

FARI
Sono dei “banali” full led automatici: quelli direzionabili o a matrice di diodi non sono disponibili.

PERSONALIZZAZIONE
L’auto è ben dotata, ma offre davvero poche possibilità per farsela su misura.

STRUMENTI
Tutto è nello schermo: servirebbe almeno un head-up display che proietti i dati sul parabrezza.

SCHEDA TECNICA

Motore elettrico anteriore  
Potenza max kW (CV)/giri 121 (165)/8275
Coppia max Nm/giri 163/125-6375
Motore elettrico posteriore  
Potenza max kW (CV)/giri 203 (276)/6700
Coppia max Nm/giri 330/325-6375
   
Tipo batteria ioni di litio
Tenzione - capacità 400 V - 75 kWh
Potenza max ricarica da colonnine  
in corrente alternata 11 kW
in corrente continua 250 kW
Tempo max di ricarica* 10 h 25" (a 7,2 kW)
Trazione integrale
Freni ant. e post. dischi autoventilanti
Traino kg** 910
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 469/185/144
Passo cm 288
Posti 5
Peso in ordine di marcia kg 1847
Capacità bagagliaio litri 542/n.d.
Pneumatici (di serie) ant. 235/45 R18

*Stimato. 
**Solo con il gancio installato in fabbrica (optional).


Auto in prova con gomme Hankook Ventus S1 Evo 3 235/40 R 19 (optional);  

I NOSTRI RILEVAMENTI

VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
    232 km/h 233 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 4,7   4,6 secondi
0-400 metri 12,9 182,6 km/h non dichiarata
0-1000 metri 23,3 227,6 km/h non dichiarata
       
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h 21,2 230,5 km/h non dichiarata
da 40 a 70 km/h 1,3   non dichiarata
da 80 a 120 km/h 2,3   non dichiarata
       
AUTONOMIA   Rilevato Dichiarato
Fuori città   495 km non dichiarata
In autostrada   329 km non dichiarato
Medio   440 km 560* km
       
CONSUMO      
medio   5,9 km/kWh 6,3* km/kWh
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   34,6 metri non dichiarata
da 130 km/h   59,9 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   132 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   11,7 metri 11,,8

*In base al ciclo WLTP (valore combinato) con la dotazione dell’auto in prova.

Tesla Model 3
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
393
70
46
27
71
VOTO MEDIO
4,1
4.131795
607


Aggiungi un commento
Ritratto di Check_mate
5 marzo 2021 - 19:38
Attendevo da tempo questa prova "online edition". Certo, al venerdì sera aprirà un bel weekendino piccante, riprendendo una citazione di qualche settimana fa di @zioesse :) La Long Range per me è la versione più adatta, una delle berline che mi piacciono di più.
Ritratto di zioesse
5 marzo 2021 - 19:47
:)
Ritratto di FlavioD
6 marzo 2021 - 11:45
Avevate ragione due venerdì fa ed anche oggi la storia si è ripetuta. E siamo solo al sabato mattina ahaahah!
Ritratto di Ivan92
5 marzo 2021 - 19:52
8
Ho percorso circa 60'000 km con la Tesla Model 3 (Performance però) è posso confermare in gran parte sia i pregi che i difetti. I pregi più grandi sono le prestazioni, il rapporto pazzesco prestazioni/prezzo, il rapporto pazzesco di costi €/km, la velocità di ricarica e l'autonomia tale da poter essere usata alla pari di un auto termica nel 99% dei casi (e quel 1% dei casi i "disagi" sono ampiamente compensati dagli altri "vantaggi). I difetti più grandi che ho riscontrato sono la mancanza di un head up-display (originale di fabbrica), il cruise control adattivo e Autopilot che si possono attivare solo fino a 150 km/h, i fari che rispetto a quelli più all'avanguardia della concorrenza sono parecchio indietro (anche se illuminano comunque bene e hanno una sfanalata eccellente), la rumorosità maggiore alle alte velocità rispetto alla mia Serie 3. Questa prova è di luglio 2020 ma ora la stessa auto (ulteriormente migliorata e aggiornata, compreso un incremento anche dell'autonomia) costa solo (Svizzera) 51'990 CHF, cioè appena 46'890 €, se la devo paragonare alle alternative di pari segmento e prestazioni la cifra da pagare è davvero bassissima. Rimango sorpreso comunque anche dalla "semplice" Dual Motor che stacca un eccellente 23,3 secondi nello 0-1000m e che in quello spazio raggiunge i 227,6 km/h (alcune auto pubblicate recentemente nello stesso spazio sono arrivate appena a 136,8 km/h tanto per farvi un idea di quanto sia positivo il risultato ottenuto dalla Model 3). Mi piacerebbe vedere una comparativa strumentale contro la Performance per confrontare i numeri della ripresa, l'80 - 120 km/h in 2,3 secondi mi sembra quasi identico a quello che ho riscontrato io, cioè 2,2 secondi (ma sulla Performance). Peccato che anche sulla Dual Motor non abbiano alzato il limitatore della velocità massima come hanno fatto sulla Performance, 250 km/h per questa e 261 km/h per la Performance sarebbero perfetti, invece lo hanno fatto solo per la seconda. Se qualcuno ha delle domande sull'auto o ha bisogno dei chiarimenti dettagliati sull'auto che non trova nella prova mi scriva pure qua sotto o per messaggio privato. Io ormai la conosco a fondo :-)
Ritratto di Check_mate
5 marzo 2021 - 20:20
Ciao Ivan, per le rifiniture degli interni, qualità degli assemblaggi, filtraggio della luce del tettuccio invece cosa potresti dirmi? Mi interesserebbero anche il comportamento su ghiaccio e neve e in autostrada. Spero di essere pedante. Grazie.
Ritratto di Check_mate
5 marzo 2021 - 20:26
Spero di *non essere pedante, scusami ahahaha
Ritratto di Ivan92
5 marzo 2021 - 20:41
8
Ciao Check_mate, sulla mia la qualità degli assemblaggi è stata impeccabile mentre conosco persone alle quali sono state consegnate delle auto con difetti (alcuni anche gravi) poi successivamente risolti in garanzia (io personalmente però mi sarei rifiutato di ritirarla in quel caso e avrei preteso come minimo un auto di cortesia Tesla fino a quando la mia non fosse stata messa apposto o fino a quando non me ne avrebbero consegnata un altra senza difetti). Il giorno della consegna tra l'altro (che avviene a Höri) mi ero preparato la check list di tutti i punti da controllare con la lente d'ingrandimento e la torcia ahahaha, però non c'è stato assolutamente nulla fuori posto :-) Per quanto riguarda le rifiniture io le trovo buone, non ai livelli di una BMW o un Audi o una Mercedes o una Porsche full optional ma comunque molto buone, per quanto riguarda gli interni va a gusti, io personalmente preferivo un cruscotto "tradizionale" o più vicino alla Model S ma comunque la prima volta che sono salito a bordo ho trovato lo schermo posizionato in un ottima posizione e per nulla "messo a caso" come potrebbe sembrare dalle foto. Un altro difetto che mi sono dimenticato di scrivere sopra è che i sedili sono riscaldabili (tutti quanti davanti e dietro) ma non sono raffreddabili, e questo è un optional che mi sarebbe piaciuto avere). Riguardo al tetto la luce non da nessun problema, neanche quando batte contro il sole direttamente, il problema può essere il calore che arriva ma il climatizzatore è ottimo e fa il suo lavoro in maniera eccellente. Sulla neve non c'è alcun problema, sulla Performance puoi disattivare anche il controllo di trazione (del tutto) e regolare la distribuzione tra ruote davanti e dietro tarandolo millimetricamente alle tue esigenze, si può passare dal 100% dietro - 0% davanti all'opposto cambiando ogni volta di soli 5%, per esempio 95% dietro - 5% davanti, io con controllo di trazione a -10 (cioè completamente OFF), l'80% dietro e 20% davanti mi sono divertito tantissimo sulla neve :-) In autostrada a differenza di altri tipi di elettriche impressiona l'allungo fino al massimo, l'auto accelera costantemente fino alla velocità massima senza problemi (cosa che è sempre stata un tallone d'achille per molte elettriche e lo è tutt'ora, alcune sono bloccate a 200 km/h proprio per questo motivo). Mentre nella guida normale a 130 km/h se lasci fare tutto all'Autopilot l'auto sarà praticamente autonoma e l'unico intervento che dovrai fare e fargli capire che sei presente, dando un colpettino leggero sul volante dopo una 20ina di secondi, io comunque lo uso rarissimamente perchè mi piace guidare ma le poche volte che lo uso devo dire che fa egregiamente il suo lavoro (e il mio è l'Autopilot base, non avanzato). Spero di esserti stato utile e se hai altre domande non farti alcun problema a farmele :-)
Ritratto di Check_mate
5 marzo 2021 - 21:10
Grazie mille Ivan, come sempre molto dettagliato. Se dopo 60000 km confermi tutti questi dettagli di non poco conto, vuol dire che il lavoro in partenza è veramente buono. Non ti nascondo che i tuoi esperienziali mi fanno crescere un'insana voglia.
Ritratto di Meandro78
5 marzo 2021 - 20:49
Che razza di limite sarebbe lo sgancio di autopilot e Cruise control oltre I 150km/h? Se vai così forte è giusto che il pilota gestisca in toto la vettura (che poi dove, al massimo per un sorpasso in uno dei rari punti permessi in autostrada...)
Ritratto di Ivan92
5 marzo 2021 - 21:03
8
Ciao Meandro78, negli anni ho macinato migliaia di chilometri tenendo il cruise control impostato a 160, 170, 180, 190, 200 km/h (a volte, seppur raramente anche tra 220-250 km/h), il tutto ovviamente su autostrade con perfetta visibilità, assenza di traffico e condizioni meteorologiche ideali, sulla Model 3 mi pesa dover tenere premuto l'acceleratore quando voglio mantenere delle velocità che vanno dai 151 km/h in su, per chi non ne fa un tipo di utilizzo analogo invece ovviamente questo difetto non esiste, come per me non esiste il difetto della mancanza della visibilità a 360 gradi quando devo posteggiare visto che ogni giorno faccio delle manovre in retromarcia con un autotreno lungo 18,75 metri mettendomi millimetricamente proprio dove desidero. A dipendenza dell'uso che se ne fa i difetti/pregi riscontrati possono variare drasticamente. Saluti.
Pagine
Annunci

Tesla Model 3 usate

Prezzo minimoPrezzo medio
Tesla Model 3 usate 201915.80037.3504 annunci
Tesla Model 3 usate 202039.99043.6303 annunci

Tesla Model 3 km 0 per anno

Prezzo minimoPrezzo medio
Tesla Model 3 km 0 202156.90056.9001 annuncio