NEWS

Formula 1 2015: il punto alla vigilia del gp di Monza

30 agosto 2015

I temi del Gran Premio d’Italia di Formula 1: con il mercato piloti chiuso, è tempo di ipotesi sui motori. E la Pirelli dirà la propria sulla questione-gomme.

Formula 1 2015: il punto alla vigilia del gp di Monza
PRO LEWIS - Con un Mondiale di Formula 1 2015 che parla sempre più la lingua di Lewis Hamilton (avanti in classifica di 28 punti rispetto al proprio compagno di squadra Nico Rosberg), il Gran Premio d’Italia in programma sullo storico circuito di Monza questa settimana appare il crocevia di una stagione già delineata: colpi di scena a parte, beninteso, perché solo due tappe fa, al Gran Premio d’Ungheria, il tedesco della Mercedes era capoclassifica virtuale a causa delle traversie subite dall’inglese. La partita, insomma, appare fortemente indirizzata in una direzione, ma non certo chiusa: le variabili in gioco sono molteplici, anche se a Rosberg servirebbe più di una prestazione maiuscola per riaprirla realmente, insieme a qualche prolungata impasse per Hamilton.
 
PIRELLI SPIEGA - In terra brianzola, data per scontata la superiorità sulla carta delle monoposto con power unit Mercedes - il carico aerodinamico sarà basso, con una messa a punto concentrata più che altro sulla velocità massima raggiungibile in rettilineo - sono gli pneumatici a tornare alla ribalta, se non altro perché la Pirelli presenterà il risultato delle indagini svolte in seguito all’episodio di Spa che ha privato Vettel del podio. La casa porterà due mescole, media e soffice, con un divario prestazionale atteso pari a circa un secondo al giro: il problema non sarà l’usura (è prevista una strategia di una sola sosta: almeno, questa è quella che lo scorso anno adottò il vincitore Hamilton, ma nel 2014 si correva con dure e medie), quanto la gestione delle gomme. I cordoli impongono sollecitazioni alla carcassa, mentre quelle laterali sono determinate dai curvoni in appoggio (Parabolica su tutti) e quelle longitudinali dalle frenate e dalle successive ripartenze - si pensi alle varianti Goodyear e della Roggia.
 
VALZER DI MOTORI? - Per il 2016, con la riconferma di Raikkonen (foto sopra) alla Ferrari, il mercato piloti appare chiuso per le scuderie di punta: tuttavia, varie ipotesi legate ai motori aprono nuovi scenari in prospettiva. Voci di corridoio ipotizzano una fornitura Mercedes per la Red Bull, con la Renault destinata a rilevare il team Lotus (sul podio a Spa, agguerrita a Monza, ma con una situazione finanziaria non facile da dipanare) o a prendersi uno stop. In questo caso sarebbe possibile trattenere con una certa facilità Daniel Ricciardo, rivelazione del 2014 e sempre coriaceo (ma non vincente, e per questo scontento) nel 2015: ipotesi tutta da verificare, certo, ma affascinante. Difficile, se non altro per una questione di equilibrio (il che, vista l’esangue griglia di partenza del Circus, presuppone un intervento di Bernie Ecclestone), pensare a una doppia fornitura, anche in favore della Toro Rosso: il Campionato diverrebbe una sorta di monomarca Mercedes o quasi, almeno sotto la pelle delle monoposto. In questo caso, si potrebbe pensare a una fornitura Ferrari - e magari a un’idea-Verstappen per il 2017. Ma da qui a due anni, più che un’ipotesi, è assoluta certezza che passerà molta acqua sotto i ponti, anche perché chi gestisce le cose in casa Red Bull, vale a dire Helmut Marko, non è mai stato tenero in tema di contratti: e se l’olandese dovesse confermare nel 2016 quanto di buono espresso già al debutto in questa stagione, il suo diverrebbe il nome più caldo nel mercato piloti.
Aggiungi un commento
Ritratto di PongoII
1 settembre 2015 - 13:55
7
Ad (ennesimo) Mondiale già indirizzato verso una certa Scuderia ed un dato pilota, nella divina Monza tengono banco argomenti di contorno, seppur non secondari. Il caos gomme, scaturito a SPA, seppur non con esiti nefasti sul piano umano, da modo di pensare alle strategie che verranno adottate dalle Scuderie, vista anche la diversità di mescola rispetto al 2014 e le sollecitazioni che dovranno sopportare (si parla di velocità prossime ai 370). Le annunciate forniture delle PU per il 2016 sembrano, salvo rientro in forze della Renault anche come costruttore e maggior verve della Honda, voler dire Ferrari-Davide contro Mercedes-Golia: la tradizione biblica, se rispettata, farebbe ben sperare per la Rossa, ma non credo che possa avvenire nell'immediato. In ultimo, argomento nemmeno accennato dalla Redazione, è ancora in ballo il rinnovo del contratto del circuito brianzolo, col Nano che ha già messo avanti le mani affermando che non si faranno sconti per nessuno. FORZA MONZA & FORZA FERRARI!
Ritratto di Mattia Bertero
1 settembre 2015 - 14:53
3
MONDIALE 2015. E siamo arrivati a Monza anche quest'anno (e si spera che ci ritorneremo anche nei prossimi anni, Ecclestone e la sua fame di soldi permettendo). La Mercedes si è rivelata ancora una volta la macchina da battere ma, sorpresa per molti, la Ferrari è riuscita in alcune occasioni a darle filo da torcere (ed in un paio di volte anche a batterle: Malesia e Ungheria), vedi il caso Montecarlo con la strategia suicida di Hamilton, che credeva che Rosberg si fosse fermato impostando la strategia sulla Ferrari di Vettel. Una Mercedes vincente anche come fornitore motoristico, vedi gli esempi di belle prestazioni da parte di squadre minori come Forse India e ultimamente Lotus, e qualche conferma come per la Williams. Disastro Renault senza scusanti con la Red Bull in forte declino rispetto solamente a due anni fà e disastro Honda con scusante (visto che si parla del suo primo anno), dove la McLaren ed i suoi piloti ci rimettono. Per la prossima stagione si prospetta qualche cambiamento: la Red Bull passa alla Mercedes come fornitura di motore (praticamente confermato, manca l'ufficialità), la Renault vorrebbe ripiegare sulla Lotus riottenendo il controllo sul suo vecchio team, ma la situazione finanziaria della squadra è talmente disastrosa che la casa francese sta valutando se la trattativa valga i soldi spesi, Raikkonen confermato un altro anno (che sembra tanto l'ennesima soluzione di ripiego che la Ferrari sta attuando da anni prima con Massa ai tempi di Alonso), tante indiscrezioni su Bottas e Ricciardo che sono parse infondate per il momento, la scoperta di un grande talento velocistico di Verstappen e la grande costanza del suo compagno Sainz (conferma che i figli d'arte possono essere anche competitivi, anche senza l'inevitabile calcio nel didietro tramite i padri famosi), un Alonso che da tutto avendo tra le mani niente. Insomma gustiamoci gli ultimi grand premi, magari con qualche sorpresa gradita, con leggerezza visto che i giochi sono praticamente fatti. E come sempre FORZA FERRARI!
Ritratto di Claus90
2 settembre 2015 - 12:21
Usain Bolt è più veloce di questa scadente F-1

PROSSIMO GP

Yas Marina Circuit F1 2018
Yas Marina Circuit
ORARI
Venerdì 23 Novembre
Prove 110:00 - 11:30
Prove 214:00 - 15:30
Sabato 24 Novembre
Prove 311:00 - 12:00
Qualifiche14:00 - 15:00
Domenica 25 Novembre
Gara14:00

NEWS FORMULA 1