NEWS

Formula 1 2019, risultato gara Gp del Giappone: vince Bottas. Classifica e calendario

Pubblicato 13 ottobre 2019

Formula 1, ordine d'arrivo del Gran Premio del Giappone: la Mercedes si laurea campione costruttori.

Formula 1 2019, risultato gara Gp del Giappone: vince Bottas. Classifica e calendario

PARTENZA AL RALENTI - Le speranze della Ferrari di vincere il Gran Premio del Giappone 2019 di Formula 1 durano meno di trenta secondi, giusto il tempo di rovinare alla partenza il sorprendente esito delle qualifiche (posticipate a causa del tifone Hagibis): dopo aver stentato nelle prove libere, Sebastian Vettel e Charles Leclerc stabiliscono il primo e secondo miglior tempo, davanti alle Mercedes di Valtteri Bottas e Lewis Hamilton. Al via infatti i due ferraristi combinano però un "patatrac", partendo al rallentatore e facendosi superare da Bottas. 

FALSA PARTENZA? - Non è solo l'indecisione alla partenza a complicare la gara delle Rosse: Vettel infatti fa avanzare la sua Ferrari SF90 prima dello start, mentre Leclerc si tocca con la Red Bull di Max Verstappen, danneggia il musetto e rischia una penalità. Leclerc riesce comunque a difendere la terza posizione, ma al quarto giro viene richiamato ai box per sostituire il musetto; rientra diciottesimo, senza speranze di arrivare a podio. Al decimo giro arriva la comunicazione che Vettel è sotto indagine per aver anticipato la partenza, ma i commissari decidono di "graziarlo".  Da questo momento inizia una gara con pochi altri scossoni, perché Bottas è già irraggiungibile e alle sue spalle Vettel e Hamilton si contendono la seconda posizione.

DUELLO FINALE - Nella "girandola" di soste ai box Hamilton fa sua la testa della corsa, ma la Mercedes sceglie per lui una strategia con due pit stop, uno in più di quella che seguono Bottas e Vettel. Hamilton però non sembra volersi fermare per la seconda sosta, consapevole che un nuovo pit stop lo farebbe scivolare al terzo posto, ma a dieci giri dalla fine entra nella corsia dei box e dà strada a Bottas e Vettel. C'è ancora tempo per un duello con il ferrarista, che tiene duro e difende la seconda posizione. Leclerc invece deve accontentarsi della sesta posizione.

FESTA PER LA MERCEDES - Il primo e terzo posto regala alla Mercedes il sesto titolo costruttori in Formula 1, una vera e propria impresa considerando che sono arrivati tutti consecutivamente: soltanto la Ferrari ci era riuscita prima. La scuderia tedesca è quinta nella classifica per il maggior numero di titoli costruttori, dietro alle Ferrari (con sedici affermazioni), Williams (nove), McLaren (otto) e Lotus (sette). 

> GP DEL GIAPPONE: L'ORDINE D'ARRIVO



Aggiungi un commento
Ritratto di Pavogear
13 ottobre 2019 - 11:50
La gara in sé è stata divertente, soprattutto per la rimonta di Leclerc e per la tensione che c'era nelle prime posizioni, soprattutto a causa delle due Mercedes che hanno spinto tutta la gara per cercare di fare doppietta, con nessuno dei due piloti che voleva arrivare dietro all'altro. Poi alla fine Hamilton ha fatto una seconda sosta, visto che era difficile che potesse arrivare fino alla fine con le medie, e Vettel è riuscito incredibilmente a mantenere la seconda posizione. Dal punto di vista soggettivo da tifoso Ferrari invece è stato un mezzo disastro: posso capire che sbagli la partenza un solo pilota, ma due non è possibile. Partivano anche in prima fila, per cui sarebbe stata tutta un'altra gara, però va beh, è andata così. A mio avviso Leclerc non merita la penalità per il contatto con Verstappen alla prima curva, dato che comunque aveva due piloti davanti in traiettoria che gli avranno fatto perdere carico aerodinamico, tant'è che si vede dalle immagini che non è Leclerc a sterzare, ma l'auto che perde contatto col terreno andando in sottosterzo e colpendo Verstappen. Normale contatto di gara. Vettel mi affido a ciò che hanno detto i commissari, anche se è ridicolo il modo di penalizzare per le false partenze. Altro che sensori: se guadagni posizioni e non cerchi di restituirle nei primi giri ti do il drive trough, altrimenti se non guadagni ma anzi perdi posizioni è inutile andare ad infierire (mi riferisco al povero Raikkonen in Russia due settimane fa, con gara totalmente compromessa a causa della penalità). L'unica cosa che mi tira su di morale è che le Mercedes ne avevano veramente tanto di più in gara, per cui sarebbe stato difficile lo stesso vincere, ma con due Ferrari contro due Mercedes sarebbe stato tutto diverso. Una cosa credo che invece sia chiara a tutti: Mission Winnow porta sfortuna, quindi Ferrari ti prego di non metterlo più, che poi la domenica tocca deprimersi
Ritratto di impala
13 ottobre 2019 - 21:26
... basta vettel ... basta !!! ... spero che la Ferrari non rinnova il suo contratto
Ritratto di GeorgeNN
14 ottobre 2019 - 08:11
Mi chiedo il perchè della partenza, frenata e ripartenza di Vettel al via... Per favorire la mercedes??? Ovvio un tedesco venduto che favorisce il marchio di casa... La Ferrari, quest' anno, è stato un clamoroso flop tra errori di Vettel; strategie del muretto sbagliate; problemi alle monoposto. A questo punto Vettel è da licenziare immediatamente e Binotto da dimettersi ad effetto immediato. Arrivabene avrebbe fatto di meglio...
Ritratto di ForzaItalia
14 ottobre 2019 - 08:44
K0mpL8 !!!!!11!!!one!!11!!!!eleven!!!!
Ritratto di Gordo88
14 ottobre 2019 - 15:33
Poi c' era la marmotta che confezionava la cioccolata... va bene che sbaglia spesso tra errori ed errorini ma a che pro sbaglierebbe apposta per farsi una così pessima reputazione? Solo per patriottismo, maddai..
Ritratto di Er sentenza
14 ottobre 2019 - 12:46
Nonostante gli scandalosi favori concessi, (mai si era vista una falsa partenza non sanzionata o una macchina che spara pezzi in faccia agli avversari non obbligata a fermarsi), la ferrari chiude ancora dietro.
Ritratto di andrea120374
14 ottobre 2019 - 13:12
2
Concordo er sentenza
Ritratto di Gordo88
14 ottobre 2019 - 16:02
Per quanto riguarda la partenza è il sensore che determina se la macchina si è mossa o meno, quindi visto che non si è attivato i giudici hanno seguito fedelmente il regolamento. Nel secondo caso a fine gara hanno penalizzato Leclerc di 15 secondi facendolo retrocedere in 7^ posizione. Poi se si vuole dare addosso alla ferrari per partito preso allora è un altro discorso..
Ritratto di Angi0203
15 ottobre 2019 - 12:19
diciamo che Lecrerc ha fatto esattamente quello che ha fatto Verstappen in Austria. L'unica differenza è che Lecrerc ha l'intelligenza di lasciare la pista ed evitare il contatto mentre Verstappen questa intelligenza (ovviamente) non ce l'ha. Sul fatto dei pezzi al volo la correlazione dello specchietto con l'impatto non mi è chiara. Se è un problema della vettura bisogna multare Ferrari e non il pilota.
Ritratto di Gordo88
14 ottobre 2019 - 15:41
Un peccato che la gara di leclerc sia stata compromessa sin dal principio, del resto se parti male può succedere di incorrere in bagarre per conservare la posizione... Vettel ennesimo errore questa volta in partenza ma si sa che non è il primo e nemmeno saràl' ultimo, se però alla ferrari sta bene pagarlo 40 milioni per avere questo rendimento allora alzo le mani. Per la redazione: anche bottas e vettel hanno fatto 2 pit stop eh..

PROSSIMO GP

Yas Marina Circuit F1 2019
Yas Marina Circuit
ORARI
Venerdì 29 Novembre
Prove 110:00 - 11:30
Prove 214:00 - 15:30
Sabato 30 Novembre
Prove 311:00 - 12:00
Qualifiche14:00 - 15:00
Domenica 01 Dicembre
Gara14:00

NEWS FORMULA 1