NEWS

Aci: la mobilità come motore della ripresa

Pubblicato 23 giugno 2020

L’Automobile Club promuove, con uno spot, il ritorno degli spostamenti e la voglia di ricominciare dopo mesi difficili.

Aci: la mobilità come motore della ripresa

L’Automobile Club d’Italia (ACI) ha realizzato spot pubblicitario che andrà in onda a breve sulle reti televisive nazionali e sui quotidiani online (qui sotto). La campagna si intitola “Vieni via con me!” ed è stata realizzata per dare fiducia agli italiani e indicare la mobilità come possibile motore della ripresa: l’iniziativa beneficia del Patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Perché, dice l’ACI attraverso le parole del presidente Angelo Sticchi Damiani, nei giorni in cui si riaprono le frontiere europee dobbiamo rivolgerci al futuro con la giusta voglia di ricominciare senza mai perdere di vista “l’ottimismo della ragione”. Un futuro alla ricerca di una mobilità che sappia   integrare l’automobile con i nuovi mezzi di trasporto e con l'innovazione sostenibile. Una mobilità insomma al servizio dei cittadini e delle imprese.

In un video di 45 secondi viene raccontata l'evoluzione del nostro Paese attraverso la mobilità, dai primi del ‘900 ad oggi. Prendendo ovviamente in esame i diversi mezzi di locomozione e delle grandi infrastrutture stradali che negli anni hanno unito l’Italia:  dall'autostrada Torino-Milano alla  Autostrada del Sole, dall'Autostrada dei Fiori fino al nuovo ponte di Genova.

Sempre secondo Sticchi Damiani “Vieni via con me!” offre un messaggio di speranza e incoraggiamento a chi ogni giorno opera e si muove nel nostro Paese dopo la profonda crisi del Coronavirus. Ludovico Fois, responsabile comunicazione e consigliere per le relazioni esterne e istituzionali di Aci, sottolinea inoltre la scelta di proporre nel filmato un linguaggio poetico per rendere omaggio alla mobilità italiana degli ultimi 100 anni, ringraziando anche chi ha reso possibile questo spot: Ferrari Lamborghini, Piaggio e Webuild (società per la realizzazione di grandi opere).
 



Aggiungi un commento
Ritratto di steff69
23 giugno 2020 - 16:20
Ah se non ci fosse l'ACI......
Ritratto di otttoz
23 giugno 2020 - 17:25
abolire aci, pra ed altri burosauri...
Ritratto di Challenger RT
23 giugno 2020 - 19:40
Rinunciassero al bollo... e vedrete come il settore auto si riprende!
Ritratto di treassi
23 giugno 2020 - 19:43
Scusi ACI, se parto adesso in direzione Roma, riesco a lasciare indietro la perturbazione...?? Pronto?? ACI?? Pronto???
Ritratto di Andrea Zorzan
23 giugno 2020 - 23:46
Aci, ente inutile.
Ritratto di Lo Stregone
24 giugno 2020 - 09:38
Credevo che l'ACI non esistesse più...