NEWS

Alfa Romeo Giulia e Stelvio: arrivano le Web Edition

Pubblicato 14 giugno 2021

LAlfa Romeo propone due allestimenti speciali di Giulia e Stelvio dedicati a coloro che acquisteranno le vetture sulla piattaforma online della casa.

Alfa Romeo Giulia e Stelvio: arrivano le Web Edition

SI COMPRANO ONLINE - Ordinare la Alfa Romeo Giulia e Alfa Romeo Stelvio Web Edition è molto semplice: basterà collegarsi alla piattaforma dedicata https://www.alfaromeo.it/e-shop, scegliere la vettura desiderata tra quelle disponibili in pronta consegna, prenotarle e, infine, concludere l’acquisto direttamente in concessionaria. L’offerta prevede cinque anni di garanzia e i primi due tagliandi.
 
LA GIULIA - Le Alfa Romeo Giulia e Stelvio Web Edition, possono contare su un ricco allestimento. La Giulia nasce sulla base dell’allestimento Executive, aggiungendo in più i cristalli posteriori oscurati, il sedile posteriore abbattibile, le pinze freno rosse, le palette cambio al volante, il caricatore wireless per gli smartphone e i sistemi avanzati di sicurezza alla guida. La Giulia Web Edition viene proposta con il motore 2.2 turbodiesel da 190 CV abbinato al cambio automatico a 8 marce e alla trazione posteriore.

LA STELVIO - La Stelvio Web Edition è invece basata sull’allestimento Veloce, a cui aggiunge diversi sistemi di assistenza alla guida, il caricatore Wireless per gli smarthpone, l’apertura del portellone elettroattuata e i cristalli posteriori oscurati. Sono poi previsti le pinze freno gialle e il Pack Performance, che comprende le palette cambio al volante in alluminio, il bloccaggio differenziale posteriore e le sospensioni attive Alfa Active Suspension. È abbinabile al propulsore 2.0 turbo benzina da 280 CV o al 2.2 turbo diesel da 210 CV, entrambi proposti con il cambio automatico a 8 marce e la trazione integrale Q4. 

Alfa Romeo Stelvio
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
559
163
105
117
165
VOTO MEDIO
3,8
3.75203
1109




Aggiungi un commento
Ritratto di Trattoretto
14 giugno 2021 - 18:33
Belle. Spero che Alfa resista alla tentazione del restyling accrocchiante che va tanto di moda. Un disegno così armonioso e sportivo, che entrerà nella storia dell'automobile, non va assolutamente toccato. Positivi invece gli adeguamenti tecnologici per tenerla al passo coi tempi.
Ritratto di Miti
14 giugno 2021 - 19:39
1
Tranquilla...le prossime saranno disegnate dai francesi.
Ritratto di Giocatore1
14 giugno 2021 - 20:46
1
Concordo, purtroppo per tanti un modello diventa automaticamente obsoleto dopo x anni. Per me la Giulia da quando è uscita è la migliore berlina segmento c, e anzi più tempo passa più le avversarie anche se più recenti, peggiorano.
Ritratto di Oxygenerator
15 giugno 2021 - 14:54
@ Giocatore1 Le altre peggiorano, ma vendono tante auto. Le Alfa son perfette e intoccabili, praticamente dei capolavori, ma non se le compra nessuno. Perchè ? Guardi, che se vuole, le riporto i dati di vendita delle Alfa. Sono inpietosi. Secondo lei c’è una motivazione plausibile, di questo dato di fatto ?
Ritratto di Giocatore1
15 giugno 2021 - 15:12
1
@Oxygenator Assolutamente, e mica una sola. Assenza o quantomeno inadeguata rete di vendita ai privati , completa assenza di rete di vendita alle aziende, piani industriali assenti, cattiva pubblicità causata dal modello 156 per quanto riguarda l'affidabilità, e potrei andare avanti. Ma principalmente i primi, le alfa non vendono perché la gente non sa neanche che esistano o dove si possano acquistare. In alfa (ma in Fiat in generale) ancora pensano che le auto si vendano "da sole", ma non è così, non basta avere il prodotto migliore, anzi non serve proprio, sono soldi "buttati", se non gli si accompagna con altri investimenti sul piano commerciale e industriale( alfa vende 2 auto).
Ritratto di katayama
15 giugno 2021 - 21:19
@Giocatore1 Sì, i Twin Spark 16v sono stati una mazzata per la reputazione del marchio. Vibravano e grippavano che era una "favola"... Infatti, con la 159 li hanno sostituiti coi GM, tranne il 1750, introdotto all'ultimo peraltro (costava). Però allora andavano soprattutto i diesel, alla faccia del purismo e del "sacrilegio" della trazione anteriore (a quadrilatero alto, però, e tanto bastava). Giulia e Stelvio te le possono pure portare sotto casa, ma se non vendono manco in Italia...
Ritratto di Oxygenerator
14 giugno 2021 - 20:47
@ Trattoretto. Forse in un mondo di favole, basta ciò che dice lei, e che io ad esempio, non noto. Ma dovendo venderle, perchè questo è lo scopo di un costruttore, qui, in questo caso, rispetto alle altre marche, siamo alla tragedia. Perchè sono le auto meno vendute, rispetto alla concorrenza.
Ritratto di Flavio8484
14 giugno 2021 - 21:14
@oxygenerator, purtroppo vero, il fatto dell albero in carbonio, la tp, l handling, non fa piu gola a nessuno, prodotti troppo tecnici non vengono apprezzati, se aveva il tablet al posto del cruscotto, gli adas etc etc, avrebbe venduto un sacco...
Ritratto di Oxygenerator
14 giugno 2021 - 23:29
@ Flavio8484. Lei ha assolutamente ragione. D’altronde, credo, faccia parte dei vari cambiamenti che la societá ci propone. Un bagaglio tecnico notevole, pur apprezzato, ma che sarebbe stato motivo di vendite notevoli 20 anni fa, ora non fa più gola, o interessa meno. D’altronde, nella società e nell’industria, siamo passati dalla rivoluzione industriale meccanica a quella elettronica. Potremmo dire lo stesso, attualmente, per quel che riguarda alcune tipologie di auto, tipo le berline, oppure le monovolume, che anni fa vendevano tanto, ed ora non più, etc etc. La mia critica, più che al prodotto in se, va a chi prende le decisioni all’interno dell’azienda. Ma probabilmente erano impegnati su altri fronti più pressanti, che non sul prodotto in sè. Fermo restando, ovvio, che non ci si aspetta da auto prezzate molto alte, dai 50/70.000 € in su, che vendano come una giulietta da 25.000 €. I tempi cambiano.
Ritratto di Flynn
14 giugno 2021 - 21:36
@ Oxygenerator: stanno veramente scontando forte, e anche gli eventuali interessi non sono così alti. Temo che quel vendere poco non gli faccia raggiungere nemmeno il target minimo
Pagine