NEWS

Alfa Romeo: Mesonero-Romanos a capo del design

Pubblicato 22 giugno 2021

A partire dal 1 luglio sarà responsabile del centro stile e avrà il compito di disegnare le Alfa Romeo di domani.

Alfa Romeo: Mesonero-Romanos a capo del design

UNA SFIDA IMPORTANTE - Dopo i rumor trapelati lo scorso aprile, ora è ufficiale: Alejandro Mesonero-Romanos dal 1 luglio 2021 assumerà il ruolo di capo del design dell’Alfa Romeo e si interfaccerà direttamente con Jean-Pierre Ploué, responsabile del design del gruppo Stellantis.

LA SQUADRA SI COMPLETA - Mesonero, 53 anni, laureato presso il Royal College of Art, proviene dal marchio Dacia, dove ha lavorato per appena sei mesi, e va a rafforzare il top management team che il ceo di Alfa Romeo, Jean-Philippe Imparato, sta mettendo insieme. La nomina di Mesonero è inoltre la dimostrazione di quanto i vertici di Stellantis credano nel rilancio della casa del biscione, puntando a farla diventare un marchio premium globale.

UN DESIGNER TALENTUOSO - Lo spagnolo Alejandro Mesonero-Romanos ha iniziato la sua carriera nel 1994 in Seat. Si è trasferito alla Renault nel 2001. Dal 2009 al 2011 è stato responsabile presso Renault Samsung Motors in Corea del Sud. Nel 2011 è tornato in Seat come direttore del design. In questo periodo ha introdotto una serie di vetture di successo, come Ateca, Arona e Tarraco, contribuendo a risanare il bilancio Seat. Inoltre ha progettato l’Ibiza di quinta generazione e le ultime due Leon e ha anche diretto lo sviluppo di modelli come Formentor e Tavascan per il marchio Cupra. 

I MODELLI CHE VERRANNO - Mesonero chiaramente non potrà incidere sui modelli che sono già stati progettati, come l’ormai imminente Alfa Romeo Tonale, la suv di medie dimensioni che arriverà a giugno del 2022 anche in versione ibrida (qui per saperne di più). Potrebbe però “mettere le mani” sul design della suv compatta, nota come Brennero, che dovrebbe essere costruita in Polonia a partire dal 2023 insieme alle sorelle a marchio Fiat e Jeep. Ma soprattutto sulle vetture di più alta gamma, come la GTV (qui per saperne di più), che tanti appassionati stanno aspettando.





Aggiungi un commento
Ritratto di Cancello92
22 giugno 2021 - 15:00
La """imminente""" Tonale, spero che anche voi cogliate l'ironia.
Ritratto di Volpe bianca
22 giugno 2021 - 16:17
:D....
Ritratto di Oxygenerator
22 giugno 2021 - 17:47
:-))))))
Ritratto di lucios
22 giugno 2021 - 19:42
4
e subito dopo.......come la GTV, che tanti appassionati stanno aspettando.........
Ritratto di Cancello92
24 giugno 2021 - 11:33
Pare che almeno sarà elettrica, era ora, purtroppo uscirà quando avremo di nuovo cambiato alimentazione di nuovo ahahah
Ritratto di Neofita
23 giugno 2021 - 12:42
"come l’ormai imminente Alfa Romeo Tonale" questa è diventata la barzelletta degli anni '20
Ritratto di Trattoretto
22 giugno 2021 - 15:25
Tutti queste mosse della nuova dirigenza testimoniano la volontà di sgranchire le gambe ai vari marchi e stabilimenti italiani. Evidentemente finora c'è stata troppa sedentarietà.
Ritratto di nsx
22 giugno 2021 - 16:41
Di rilancio in rilancio le vendite sono passate da 143.795 record storico per il numero di auto vendute nell' 1989 col 6,09% del mercato a 25.874 nel 2019 col 1.35% del mercato. Mancano le condizioni per fare impresa in Italia. Le mie previsioni che chiuderà insieme a lancia (Ypsilon). P.S. Subaru una piccola realtà vende 680.135 auto 25 volte con un prezzo più alto. Da italiano spero di sbagliarmi
Ritratto di Alfiere
22 giugno 2021 - 19:12
1
Eh ma subaru in certe realtà come USA e australia è praticamente un atto d'ufficio. Non a caso una la chiamano Outback. Qui in italia l'alfa dovrebbe esserlo con la quantità di curve che abbiamo, ma andiamo dietro ai motori longitudinali a sbalzo sull' anteriore...
Ritratto di IloveDR
22 giugno 2021 - 19:31
4
non ti sbagli, è tutta una sceneggiata, AlfaRomeo è diventato, ormai, un marchio di nicchia, legato ai miti del passato. Nell'alto di gamma va, come si è visto negli ultimi anni, a sovrapporsi a Maserati, nei segmenti B e C poò fare solo varianti "dal cuore sportivo" di Compass e 2008. I motivi di queste sceneggiate marchiate Alfa e Lancia, credo che Stellantis già oggi non è all'altezza della migliore concorrenza mondiale e si stia già preparando il piatto per il prossimo acquirente del Carrozzone.
Pagine