NEWS

L'Audi A1 contro tutti

24 ottobre 2009

Piccola, chic, sportiva. L'Audi A1 verrà presentata nel marzo 2010: sarà un'alternativa a modelli come Mini, Citroën DS3, Alfa Romeo MiTo e Mercedes Classe A.

L'Audi A1 contro tutti

> LEGGI LE ULTIME NOVITÀ E GUARDA LE FOTO UFFICIALI DELL'AUDI A1

 

SUBITO A TRE PORTE - All'apertura del Salone di Ginevra mancano più di 5 mesi, ma già si dice che l'Audi A1 sarà tra le protagoniste della rassegna. E, se il programma industriale non subirà ritardi, questa “cittadina di lusso” (la lunghezza non dovrebbe superare i 4 metri) verrà messa in vendita all’inizio dall'estate.

Inizialmente vedremo l'Audi A1 nella versione a tre porte, poi seguiranno altre carrozzerie. Una delle quali sarà sicuramente la cinque porte, mentre sarebbero ancora in forse la cabrio e una crossover a trazione integrale, che potrebbe chiamarsi Q1.

IL NOSTRO “RENDERING” - Ecco come abbiamo ricostruito l'aspetto definitivo dell'Audi A1 nella versione a tre porte (foto in alto). Come si nota dalla foto qui sotto, avrà una mascherina di nuovo disegno, che vedremo anche su tutti i prossimi modelli dell'Audi. Ha una forma trapezioidale, tagliata da “listelli” orizzontali a forma di sottili rettangoli allungati.

 

audi_a1_3p_rendering_crop_front.jpg

 

L'Audi A1 è stata anticipata dalla Metroproject quattro (uno studio di stile presentato al Salone di Tokyo del 2007) e, un anno dopo a Parigi, dalla sua evoluzione, la A1 Sportback a cinque porte (nelle foto qui sotto i rispettivi frontali). Diversamente da quelli visti su entrambi i prototipi, che avevano la parte inferiore dritta, i fari della versione definitiva dovrebbero "scavare" il paraurti con una linea dall'andamento tondeggiante. Sicura, invece, la presenza della scenografica fila di led per le luci diurne, che segue il profilo del faro stesso. L'insieme è molto aggressivo.

 

audi_a1_project_2007_02_crop.jpgaudi_a1_sportback_concept_2008_7_crop.jpg

A sinistra, il frontale della Metroproject Quattro (ottobre 2007) a tre porte; a destra, quello dell'A1 Sportback (ottobre 2008), base di partenza per la futura A1 a cinque porte (vedi la galleria fotografica per le foto complete).

Nel nostro rendering si notano anche il tetto tondeggiante dell'Audi A1 nella versione a tre porte e l'evidente nervatura nella fiancata, cui spetterà il compito di rendere più “movimentato” il laterale: senza, la vettura avrebbe un look pesante, per via della linea di cintura (la base dei finestrini) decisamente alta.

NASCE DALLA POLO - L'Audi A1 ha la medesima “ossatura” dell’ultima Volkswagen Polo, dalla quale erediterà anche i motori. Tra quelli a benzina dovrebbero esserci il 1.4 da 86 CV e il nuovo 1.2 turbo e con iniezione diretta da 105 CV. Non dovrebbero mancare nemmeno i potenti 1.4 TFSI da 150 o 179 CV, che già equipaggiano anche le versioni sportive della Seat Ibiza: si tratta di motori con doppia sovralimentazione (turbo e compressore volumetrico). Per i turbodiesel, la scelta dovrebbe ridursi al 1.6 TDI da 90 e 105 CV. 

ALTRE VERSIONI - In un secondo momento potrebbero debuttare la “cattiva” S1 e una variante 4x4 per competere con la futura Mini Crossover (la vedi qui).

Ed ecco con chi dovrà fare i conti la Audi A1 appena arriverà nelle concessionarie.

ALFA ROMEO MITO

Alfa romeo mito quadrifoglio verde 15

 

Le forme dell'Alfa Romeo MiTo prendono ispirazione da quelle della 8C Competizione. Tuttavia, molto più prosaicamente la macchina deriva dalla “cugina” Grande Punto (anche se l'abitacolo ha finiture migliori e materiali più ricercati, e al volante si dimostra più agile e ancor meglio “piantata” a terra). E poi, grazie alla levetta del DNA, si può adattare il comportamento dell'auto (risposta di motore, sterzo, controllo elettronico della stabilità) alle condizioni della strada e alle preferenze di chi è alla guida.

I nuovi motori a benzina MultiAir sono brillanti e dovrebbero consumare relativamente poco. Per chi macina molta strada c'è il 1.6 JTDm da 120 CV. “Fiacchi” il 1.4 “base” e il 1.3 JTDm, rispettivamente da 79 e 90 cavalli.

La MiTo ha prezzi competitivi: si parte dai 14.900 euro della 1.4 Progression per arrivare ai 20.700 euro della 1.6 JTDm Distinctive. Da gennaio dell’anno prossimo ci sarà pure la sportiva Quadrifoglio Verde con motore 1.4 turbo MultiAir da 170 CV e modifiche alle sospensioni (leggi qui il primo contatto).

CITROËN DS3

Citroen ds3 10

 

La Citroën DS3 è la “sorella” chic della nuova C3. Arriverà nelle concessionarie a marzo 2010, con prezzi da 14.500 a 20.000 euro circa. Rispetto alla C3 (leggi qui il primo contatto) niente forma a “uovo” e una carrozzeria “quasi coupé”. La plancia ha finiture molto curate e plastiche morbide; il piano di seduta è basso, e dietro stanno comodi anche due adulti.

Lo spazio non manca neanche nel bagagliaio, che ha un volume di 285 litri. Al momento del lancio, la DS3 sarà disponibile con motori diesel (si tratta dei 1.6 HDi da 90 e 110 CV) e a benzina: questi ultimi sono il 1.4 da 95 CV e il 1.6 aspirato (120 CV) e turbo a iniezione diretta  (150 CV). Come la Mini, la DS3 punta parecchio sulla possibilità di personalizzare carrozzeria e interni (leggi qui la news).

MINI

Mini ray g

 

La Mini è la “piccola” più apprezzata dai giovani. I suoi punti di forza sono l'immagine ispirata al modello degli Anni 60 e un comportamento su strada “sportiveggiante”. Le sospensioni rigide e lo sterzo diretto e preciso la rendono divertente da guidare. Per contro, il comfort è limitato: le minime irregolarità dell’asfalto “picchiano sulla schiena”, e dietro c'è spazio per due ragazzini, meglio se bassi di statura. Il bagagliaio, poi, è poco più grande di un borsone della spesa (appena 160 litri).

La più “ambita” è la Cooper S da 175 CV, ma già le versioni Cooper a benzina e Cooper D a gasolio hanno prestazioni brillanti. Le One, molto meno “pepate”, sono indicate per chi si muove quasi solo in città. Quasi esagerata la John Cooper Works da 211 CV. I prezzi partono dai 16.900 euro della Ray, ma attenti agli optional: il costo finale della Mini può andare facilmente alle stelle.

MERCEDES CLASSE A COUPÉ

mercedes_classe_a_coupe_1600.jpg

 

La Mercedes Classe A è l'auto che nel 1998 ha creato il fenomeno delle utilitarie di prestigio. Nel 2004, con il lancio della seconda generazione, è nata la versione Coupé (quella a tre porte), rinnovata l’anno scorso per darle un aspetto più sportivo. È ben rifinita e adatta anche ai viaggi, nonostante le sospensioni un po' rigide.

La posizione di guida rialzata agevola la visibilità, che dietro resta, però, un po' limitata. Ampia la gamma dei motori, con potenze che vanno dagli 82 CV della 160 CDI (da 22.600 euro) fino ai 193 della 200 Turbo (29.420 euro). Tra quelle a benzina la 180 BlueEfficiency è la più equilibrata: ha prestazioni brillanti, consumi interessanti e il motore che si spegne automaticamente durante le soste nel traffico. Tra le diesel, tutte poco “assetate”, meglio puntare sulla 180 CDI da 109 cavalli e 23.680 euro (prezzo di partenza). Infatti, la 160 è fiacca, mentre la 200 da 140 CV si fa pagare cara (da 27.150 euro in su).

 

Quale ti piace di più?
Alfa Romeo MiTo
40%
  • Alfa Romeo MiTo
    40%
  • Audi A1
    34%
  • Citroën DS3
    19%
  • Mini
    4%
  • Mercedes Classe A Coupé
    3%

Audi A1
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
72
66
102
102
199
VOTO MEDIO
2,5
2.463955
541
Aggiungi un commento
Ritratto di nikoeimma
24 ottobre 2009 - 15:12
a mio parere la A1 e nettamente superiore a mi.to classe a E DS3 LA VERA RIVALE SARA' LA MINI...spero k i prezzi siano accessibili perche' x ora mi piace la new polo ma se uscisse questa la comprerei volentieri ma nn spenderei piu di 18000 euro con rottamazione e tutto
Ritratto di Peppe
24 ottobre 2009 - 15:19
Spero che la nuova A1 sia proprio come la "disegna" al volante e che non assomigli affatto ai prototipi presentati.. Se fosse davvero come nelle foto di al volante sarebbe semplicamente FANTASTICA!! E a mio parere non tiene il confronto con quasi nessuna concorrente: snob, ma "più popolare" la DS3; diversa "nell'anima" la monovolume ClasseA, altrettando sportiva e snob, ma decisamente più piccola e meno spaziosa, la Mini.. Forse l'unica che potrebbe reggere il confronto è la MiTo, se non fosse una Fiat Punto al 90%.. Certo, anche la A1 è derivata dalla Polo, ma Vw e Audi sono un discorso completamente a parte da Fiat-Alfa Romeo..
Ritratto di FED 88
24 ottobre 2009 - 16:21
L'Audi A1 nn temera confronti.... la base di partenza nn e male (a me la nuova polo nn piace xk troppo simile alla golf) e i motori ke avrà sotto il cofano nn temeranno certo il confronto con una Mito o una Mini al semaforo.... speriamo in un prezzo di partenza basso o adeguato alle altre.
Ritratto di pimbollone
24 ottobre 2009 - 15:30
Molto bella! Sarà la migliore della sua categoria.
Ritratto di scarico aperto
24 ottobre 2009 - 15:49
È davvero bella. negli ultimi anni l'audi non sbaglia un colpo (anche la q7, vende bene anche se non ha una bella linea). La mini ormai ha stufato e le altre non hanno abbastanza appeal
Ritratto di simonetto
24 ottobre 2009 - 16:20
la linea è davvero molto bella, molto di più rispetto alla classe a, mini,mito e la prossima ds3.
Ritratto di Puglio
24 ottobre 2009 - 16:25
6
La nuova piccola audi è uno sballo!!! Ha una linea fenomenale e interni sportivi ed allo stesso tempo eleganti. Le rivali dovrnno faticare per arrivare a qsto livello. E se io prezzo è basso le altre case avranno una perdita nelle vendite. W L'audi A1!!!
Ritratto di komoguri
24 ottobre 2009 - 16:50
Paragonare la precedente piccola di casa Audi mi sembra veramente inutile ed offensivo per questo gioiellino. Ho trovato io stesso delle ulteriori foto spia in rete (su un sito di auto), le ho inviate ad alVolante ma non sono state pubblicate, forse per timore di ritorsioni da parte di quest'altro sito. Vedendo la ricostruzione delle ultime due foto inserite, però, si nota distintamente che il riferimento è a quei file: la forma dei fari e della calandra ne sono la testimonianza. Credo che questa A1 non avrà nulla da invidiare alle sue rivali, specie sotto il profilo dei motori che sono tra i più evoluti del mondo dell'auto (1.2 TFSI da 105 cavalli...e non è poco). E poi è Audi, sinonimo di qualità ed eccellenza. Forse dovrà guardarsi più le spalle dalla Ds3 o dalla Mini che sono quelle che più si avvicinano alla indole della nuova "Audina". Ma se avrà una linea accattivante e contenuti all'altezza (con un prezzo indubbiamente superiore alla media) non dovrebbe temere rivali. E visto che devo cambiare macchina sono ben speranzoso!
Ritratto di Alfonso_
24 ottobre 2009 - 17:31
scusate ma come fate a dire che è bellissima??? bella o altro??? poi vi lamentate che la mito è un tapiro?? capisco sia solo un render, ma questa a1 ha il sapore di utilitaria, nelle linee e nei fari anteriori, davveor osceni la linea tondeggiante non è per niente aggressiva, ne chic, e il prezzo sarà come minimo 17000 euro chi la compra lo fa solo eprchè è audi, perchè come estetica non è granchè, e la meccanica polo non è come quqlla gp rivista (mito..).. come qualità non sapete ancora nulla, quindi non parlate, la mito già dopo un anno ha migliorato gli assemblaggi interni ed esterni..sperate che la a1 non abbia la qualità della polo almeno ;)
Ritratto di komoguri
24 ottobre 2009 - 20:13
dubito che gli interni saranno di scarsa qualità visto che Audi è un marchio di prestigio. Sulla linea se ne può anche parlare, se proprio vogliamo. Ma non dimentichiamo che è solo un abbozzo al computer dell'esemplare fotografato tutto cammuffato. La gente non comprerà la A1 perché è Audi...ma perché forse piacerà. Non dimentichiamo che la A2 non è stata un successo ed è inutile starne a spiegare i motivi. Però era Audi anche quella! A me personalmente la Mini non piace, così come la MiTo. Però le vendono! Questo cosa vuol dire? Vuol dire che, come tutte le cose, ci saranno persone che apprezzeranno ed altre no. Dalle prove che sono state fatte poi, il pianale e gli interni della Polo nuova non hanno nulla a che invidiare alle auto di categoria superiore. Certo, non è "prestigiosa" come i modelli che andrà ad affrontare l'"Audina". E poi sinceramente: preferisco spendere 17000718000 €uro di base per una A1 piuttosto che la stessa cifra per una Mini che è fatta molto più in economia come materiali e come dotazione di serie. Di certo Audi non sarà avara sotto questi aspetti.
Pagine