NEWS

Autovelox fissi: illegali in città se la strada non è scorrimento veloce

12 ottobre 2017

Un giudice ha dichiarato illegittima una multa per eccesso di velocità elevata a Firenze su una strada classificata “male” dal Comune.

Autovelox fissi: illegali in città se la strada non è scorrimento veloce

NON A NORMA DI LEGGE - Il Tribunale di Firenze ha disposto l’annullamento di una multa per eccesso di velocità elevata a un automobilista in Viale Gramsci a Firenze, sostenendo che la strada non ha le caratteristiche stabilite dalla Legge per posizionarvi un autovelox fisso, ovvero quelli montati all’interno di una struttura permanente e non trasportabili. La legge numero 168 del 2002 stabilisce infatti che i rilevatori di questo tipo possono essere impiegati solo lungo alcuni tipi di strade urbane, del tipo a scorrimento veloce con almeno 2 corsie per senso di marcia e carreggiate separate da uno spartitraffico. Il legale dell’automobilista ha basato il ricorso su questo aspetto, sostenendo che Viale Gramsci non ha le caratteristiche per essere considerato una vera strada a scorrimento veloce, come invece è stata furbescamente riclassificata dal Comune dopo aver messo gli autovelox.

BANCHINE “OCCUPATE” - L’avvocato ha citato la presenza di semafori, di aree di sosta con immissioni e uscite e la mancanza di vere banchine sul lato destro della carreggiata, stando al sito internet di informazione giuridica Dirittoegiustizia, nei cui spazi si trovano cassonetti della spazzatura e fermate degli autobus. Questi elementi, a giudizio del legale, non qualificano Viale Gramsci come una vera strada a scorrimento veloce. Il giudice ha accolto l’ultimo punto della tesi difensiva e ricordato che le banchine laterali servono “in previsione della necessità di sosta di emergenza degli utenti della strada”, quindi non possono venir occupate ma devono rimanere libere. Di conseguenza la multa è stata ritenuta illegittima. Una sentenza di questo genere è destinata ad essere impugnata da altri avvocati nel nostro Paese, che presenteranno ricorso contro le multe elevate in strade a scorrimento veloce considerate tali pur senza averne le caratteristiche.

Aggiungi un commento
Ritratto di beniamino zompa
12 ottobre 2017 - 16:50
Finalmente una Sentenza che fa chiarezza. Speriamo si adeguino TUTTI i Comuni d'Italia che utilizzano gli Autovelox per fare cassa.
Ritratto di Dirk
12 ottobre 2017 - 18:03
Di strade classificate male e con limiti di velocità 'assurdi' ve ne sono parecchie o forse lo sono state in quel modo per introitare le sanzioni. Poveri automobilisti ...
Ritratto di lucios
12 ottobre 2017 - 18:33
4
Ricordo ancora un concerto di DAVID GILMOUR costato 80 euro + 90 euro di multa per ztl a Firenze una decina di anni fa.
Ritratto di otttoz
12 ottobre 2017 - 20:17
vergognoso che i comuni abbiano i soldi per i multavelox e non li abbiano per riasfaltare le strade tutte una buca!
Ritratto di Andrea Lexus
12 ottobre 2017 - 23:15
L'ennesima dimostrazione che oggi la velocità massima e' una voce del tutto inutile nella valutazione di un auto (penso alla RC 300h criticata per i 190 autolimitati). Ciò che davvero conta sono la ripresa e la prontezza nello scatto da fermo, due voci dove le ibride svettano grazie si loro potenti motori elettrici i quali forniscono coppia e potenza a piene mani già da 0 giri. Nessun auto senza il cambio CVT è in grado di essere altrettanto pronto, basti vedere come quelli coi T-Max ci si divertono tanto smanettando nel traffico a più non posso, e si lasciano dietro moto 600/1000 senza problemi in ripresa e prima che queste riescano a riprenderli devono sfrizionare di brutto
Ritratto di federico p
12 ottobre 2017 - 23:38
Come accelerazione una moto 600 tipo r6 stai 4-5 secondi nello 0-100 con un tmax arrivi al minimo a 7 quindi li lascia dietro solo perché accelerano al massimo col tmax mentre con un cambio manuale é raro accelerare così
Ritratto di AyrtonTheMagic
13 ottobre 2017 - 10:50
2
E anche perché chi ha la moto quelli con il t-max nemmeno li considera, figuriamoci fare le prove di accelerazione/ripresa al semaforo.. un t-max che lascia dietro una moto a parità di m4nico è una tesi assai divertente..
Ritratto di Carlo 63
15 ottobre 2017 - 21:03
Cosa c'entra tutto ciò con gli autovelox? niente. Per quanto riguarda le prestazione degli scooter (che non sono moto per precisione, malgrado i proprietari li chiamino "moto") lascia perdere ogni paragone. Eppoi è grazie a loro che sono aumentate le tariffe assicurative delle 2 ruote: sono sempre x terra...
Ritratto di federico p
12 ottobre 2017 - 23:42
A parte i vari discorsi che con i velox ci rubano il denaro i comuni ma io dico se é una cosa sensata che in una strada cittadina in cui dovresti andare a 50kmh e tu oltrepassi il limite invece di pagare e basta perché hai sbagliato ricorri al giudice il quale ti dá ragione perché non ci doveva essere uno fisso ma invece era regolare se era uno mobile, intendo che se ti pizzicano con uno mobile o con uno fisso hai sbagliato e ti meriti la multa
Ritratto di Paolo-Brugherio
13 ottobre 2017 - 12:48
6
Esattamente come la penso io! Insomma, hai sforato i limiti imposti su quel tratto di strada (che siano giusti oppure no, è un altro discorso) e ti arrampichi sui vetri per non pagare? Mettiti la coda in mezzo alle gambe e sappi riconoscere di aver sbagliato! Io stesso, che solitamente sono molto attento a rispettare i limiti (anche se talvolta sono messi a sproposito) recentemente mi sono beccato una multa in Germania perchè su una strada extraurbana avevo superato di ben 3 km/h il limite di 50 km/h (+ i 5 di tolleranza): 15 euro di sanzione che non hanno indugiato a recapitarmi in Italia... Ho riconosciuto di essere stato disattento ed ho pagato anche se avrei potuto farne a meno: non penso che dalla Germania potessero farmi un'ingiunzione di pagamento per una tale cifra!
Pagine