NEWS

Confronto prezzi: Audi Q5 contro Jaguar F-Pace

12 dicembre 2016

L’Audi Q5 è una rivale diretta della F-Pace, prima suv della Jaguar: mettiamo a confronto le versioni 2.0 turbodiesel, 4x4 e con cambio automatico.

Confronto prezzi: Audi Q5 contro Jaguar F-Pace

SCELTA OBBLIGATA - In controtendenza rispetto alla maggioranza delle suv e delle crossover presenti in Italia, che sono proposte con due o quattro ruote motrici, la nuova Audi Q5 (a sinistra nella foto sopra) è disponibile (almeno per il momento) con la sola trazione integrale. Di conseguenza, non ci resta che optare per questo schema anche per la Jaguar F-Pace, la rivale del nostro confronto; e si tratta di un aggravio di spesa non indifferente, visto che la Jaguar, per la sua suv, fa pagare 2.700 euro le due ruote motrici in più (contro i 2.200 euro che l’Audi chiedeva per la Q5 precedente). Nel ventaglio dei motori turbodiesel disponibili per l’Audi non mancherebbe un 3.0 V6 comparabile a quello di pari cubatura proposto anche per la F-Pace, ma, per ora, il listino della nuova suv tedesca offre soltanto i due litri a quattro cilindri: anche per la Jaguar si è quindi imposta la scelta più “modesta” (si fa per dire) della 2.0d. L’adeguamento della suv inglese al limitato ventaglio di versioni della neonata Q5 si completa con la scelta del cambio automatico a otto marce, giacché l’Audi è disponibile soltanto con il robotizzato a doppia frizione a sette rapporti.


LE FORZE IN CAMPO - Agli 11 cavalli in più dell’Audi (ne eroga 190, contro i 179 della Jaguar) si contrappongono i 30 Nm in più di coppia massima sviluppati dalla suv inglese (430 contro i 400 della Q5, in entrambi i casi disponibili già a 1750 giri). In virtù del peso omologato molto simile (1770 kg l’Audi, 1775 la Jaguar), le prestazioni nell’uso normale in sostanza si equivalgono, benché quelle dichiarate per la tedesca siano leggermente più brillanti: 218 km/h di velocità di punta (contro i 208 della Jaguar) e 7,9 secondi nello scatto da 0 a 100 km/h, contro gli 8,7 richiesti dalla F-Pace, cha fa anche segnare una percorrenza media inferiore (dati di omologazione): 18,9 km/litro a fronte dei 20,4 della Q5.

CI PIACCIONO AGGRESSIVE - In linea con l’attuale orientamento della clientela, che mostra di gradire sempre più le vetture dall’impostazione “sportiva” (specie nell’allestimento estetico), si è scelto per entrambe l’equipaggiamento più sportivo: attingendo alla vasta lista degli optional, abbiamo volutamente tralasciato quelli votati al puro lusso.

Ecco i prezzi di listino in euro delle due auto

Marca e modello

Motore e trasmissione

Allestimento

Prezzo

Audi Q5

2.0 TDI (190 CV) quattro S tronic

Business Sport

52.750

Jaguar F-Pace

2.0d AWD automatica

R-Sport

57.300

 

L’Audi parte bene, facendo segnare un risparmio di 4.550 euro rispetto alla rivale inglese. Vediamo ora quanto dovremmo spendere per “vestire” le due auto in modo equivalente (quando i prezzi sono scritti in corsivo non vanno considerati per determinare la somma finale, in quanto riferiti ad accessori presenti in un “pacchetto” già conteggiato).

Audi Q5 2.0 TDI quattro S tronic Business Sport

 

Jaguar F-Pace 2.0d AWD automatica       R-Sport

52.750 euro

Prezzo di listino dell’auto (chiavi in mano)

57.300 euro

non disponibile

airbag ginocchia guidatore

non disponibile

940

ammortizzatori a taratura variabile e programmabile

1.295

non disponibile

assistenza velocità in discesa

non disponibile

di serie

attacchi isofix ai sedili posteriori

di serie

2.390 (1)

cerchi in lega di 19"

di serie

1.145

cerchi in lega di 20"

1.255

1.260

chiave elettronica con antifurto e portellone apribile con movimento del piede

1.612

1.500 (2)

climatizzatore automatico a 4 zone, con ricircolo automatico e portaoggetti ventilato

1.622 (3)

di serie (4)

comando per regolare la risposta di motore e cambio

di serie (4)

di serie

cruise control

di serie

890

cruise control con radar di distanza e frenata d'emergenza automatica a ogni velocità

1.255

1.685 (2)

fari full led con abbaglianti assistiti e illuminazione adattativa in curva

1.183

di serie

frenata d'emergenza automatica a bassa velocità

di serie

1.180

head-up display

1.601 (5)

di serie (6)

hi-fi da 80 W con 6 altoparlanti

di serie

425

interfaccia per visualizzare le funzioni dello smartphone sullo schermo strumenti

428

1.655

lavafari, parabrezza e sedili anteriori/posteriori riscaldabili

1.209 (7)

di serie

localizzazione satellitare della vettura

668

2.720 (8)

navigatore con quadro strumenti virtuale di 12,3 pollici, volante multifunzione in pelle e hi-fi da 380 W con 11 altoparlanti

2.723

1700 (9)

parcheggio semiautomatico con visualizzazione a 360° e monitoraggio angolo cieco

2.902 (10)

di serie

radio/Aux/Usb/Bluetooth

di serie

di serie

retrovisore interno auto-anabbagliante

189

220

ruotino

240

600

sedili in pelle

di serie

1.630

sedili anteriori elettrici con memoria lato guida estesa ai retrovisori esterni (ripiegabili elettricamente e auto-anabbaglianti)

2.009

di serie

sensori di parcheggio posteriori

di serie

di serie

sterzo ad assistenza variabile

di serie

360

telecamera anteriore per rilevamento segnali stradali

281

545

telecamera posteriore

2.224 (10)

1.790

tetto in vetro apribile elettricamente

1.571

1.070

vernice metallizzata

944

580

vetri posteriori scuri

418

75.535 euro

Prezzo finale (chiavi in mano)

80.705 euro

(1) pacchetto S Line, che comprende (fra l'altro) i cerchi in lega di 19";
(2) a tre zone. È incluso nel pacchetto Evolution (€ 1.500), che comprende: “clima” automatico trizona con ricircolo automatico e vano portaoggetti refrigerato, fari full led e pacchetto luci (luci a led in molte sezioni dell'abitacolo, e anche nelle maniglie esterne). Il dispositivo di assistenza degli abbaglianti (che li spegne quando s’incrociano altri veicoli) si paga a parte, e costa 185 euro;
(3) il ricircolo automatico e il cassetto portaoggetti refrigerato sono disponibili (a 143 euro) anche in presenza del “clima” bizona di serie
(4) nell'Audi il comando agisce anche sulla taratura del servosterzo, nella Jaguar sull'intervento del controllo di stabilità;
(5) il prezzo per la Jaguar comprende anche il parabrezza con filtro anti-raggi infrarossi;
(6) otto altoparlanti nell'Audi;
(7) pacchetto Cold Climate;
(8) con hi-fi da 180 W e dieci altoparlanti;
(9) “Assistente al parcheggio” (€ 725) più “Side assist con Pre sense rear” (€ 975);
(10) pacchetto Advanced Parking (€ 2.224, che comprende sensori parcheggio anteriori, park assist, telecamera posteriore e visualizzazione a 360 gradi) più € 678 per il monitoraggio dell’angolo cieco posteriore.



 

Audi Q5 2.0 TDI quattro S tronic Business Sport Questi dispositivi li ha solo lei Jaguar F-Pace 2.0d AWD automatica       R-Sport

435

airbag laterali posteriori

non disponibile

non disponibile

assistenza alla partenza in salita

di serie

non ancora disponibile

avviso uscita involontaria da corsia di marcia

di serie

di serie

barre sul tetto

non disponibili (a)

non disponibile (b)

climatizzatore automatico bizona

di serie

di serie

fari bixeno

non disponibili

non disponibili

fendinebbia

di serie

425

sedili posteriori scorrevoli

non disponibili

non ancora disponibile

sistema mantenimento automatico in corsia di marcia e avviso anti-colpo di sonno

678

2.105

sospensioni pneumatiche adattive con altezza da terra variabile

non disponibili

 

 

 

(a) incompatibili con tetto apribile. Scegliendo il tetto fisso, si possono avere a 316 euro;
(b) di serie è automatico monozona.


CHI VINCE? - Queste due suv di fascia alta confermano che per fregiarsi dell’etichetta “premium” non bisogna offrire anche una ricca dotazione di serie. Infatti, per completare i due modelli con accessori tutto sommato “normali” non sono bastati 20.000 euro, con un aggravio di oltre il 40% rispetto al prezzo di listino. Il vantaggio iniziale dell’Audi sulla Jaguar F-Pace si è sostanzialmente mantenuto sino alla fine, con alti e bassi equamente distribuiti. La mossa vincente, per la Q5, è stata quella di dotarla del pacchetto S Line (un classico per l’Audi) che, insieme a un look più sportivo (ma senza eccessi), consente un conto meno salato per parecchi optional. È il caso degli ammortizzatori con taratura programmabile a controllo elettronico, che costerebbero 1.180 euro e si pagano invece 940; dei cerchi di 20” (1.145 euro contro 2.100) e dei sedili in pelle con fascia centrale in Alcantara (600 contro 1.560). Se aggiungiamo i cerchi di 19 pollici, che costerebbero almeno 1.140 euro e che invece sono di serie col pacchetto S Line, vediamo che il costo di quest’ultimo (2.390 euro) è ampiamente ammortizzato. Da parte sua, la Jaguar chiede un po’ meno dell’Audi per gli accessori volti ad accrescere il lusso, come i sedili in pelle, la vernice metallizzata, i vetri scuri o il tetto apribile, ma il risparmio è modesto, e così, a fine confronto, lo svantaggio iniziale rispetto alla tedesca appare addirittura aumentato. L’Audi Q5 si segnala, infine, per la maggiore disponibilità di accessori “tecnici”, ed è la sola a proporne alcuni (dagli airbag laterali posteriori alle sospensioni pneumatiche con altezza da terra variabile, ai sedili posteriori scorrevoli) che aumentano la praticità e la sicurezza. Al momento del lancio non è ancora disponibile l’Active Lane Assist, che aiuta a mantenersi nella propria corsia di marcia, ma non tarderà ad arrivare: nella Q5 precedente costava 600 euro.



Aggiungi un commento
Ritratto di tody
12 dicembre 2016 - 12:50
2
Come linea vince il giaguaro (pur non disprezzando il Q5). Come interni, sul filo di lano, preferisco l'Audi. Comunque, prezzi altissimi per entrambi, in proporzione l'Evoque e il Discovery sport sono quasi regalati...
Ritratto di tody
12 dicembre 2016 - 12:50
2
*lana non lano
Ritratto di MAXTONE
12 dicembre 2016 - 13:04
Incredibile il fatto che entrambe costino quasi come due NX pur offrendo in più rispetto a questa solo il diesel ma non prevedendo l'airbag ginocchia lato guida e soprattutto meno accessori di serie. Per non parlare del powertrain ibrido, essenziale se non ci si vuole infliggere il solito motore agricolo sempre più fuori luogo su auto che vogliono atteggiarsi ad essere hi-tech. Stupido chi si fa rapinare in questo modo, io non butterei mai 80.000€ su entrambe, la Jaguar tra l'altro neanche mi piace esteticamente, comunque dopo 4-5 anni alla rivendita mi faccio quattro risate.
Ritratto di Frect
12 dicembre 2016 - 14:09
Bhe in più offrono una cambio con la C maiuscola, sistemi diversi ma ai vertici.. Il patetico cambio Lexus lasciamolo stare lì dov'è!! Già solo per questa magagna perde in partenza.. Motori? L'NX ha solo frullini ibridi con prestazioni da Diesel con almeno 50 cv in meno.. 80.000€ per un 2.0 diesel da neanche meno di 200 cv è pura follia, anche se super accessoriate!!! A sto punto con 85k prendo un Macan ottimamente accessoriato e con una dinamica di guida da BestInClass
Ritratto di Frect
12 dicembre 2016 - 14:10
O con poco di più un qualsiasi 3.0 da 250/300 cv.. Magari anche un km0 o semestrale allo stesso prezzo o addirittura poco meno..
Ritratto di MAXTONE
12 dicembre 2016 - 15:02
Un cambio dct non vale 30.000€ in più per non parlare delle arcaiche stufe a puzzolio sotto il cofano che consumano molto più di un evoluto powertrain ibrido nella maggior parte delle condizioni d'uso, soprattutto in città/extraurbano, a quanto vedo terreno d'elezione dei suv, per non parlare poi della manutenzione ordinaria ben più onerosa...poi il bello è che colpisci Lexus proprio sul suo punto di forza: l'ibrido. Ma sai quanto gliene importa alla gente se ha prestazioni inferiori? Ti dico solo una cosa: @l 90 per cento degli acquirenti importano essenzialmente 2 cose: Il marchio e la scena che fanno quando la parcheggiano davanti al bar. Poi hai trascurato di far notare che dopo pochi anni i diesel si sbidonano, perdono di compressione e fanno non poca fatica ad avviarsi (con grande imbarazzo dei loro orgogliosi proprietari) a motore caldo. E che magari emettono giusto un po' più di particolato in più rispetto a quando sono nuovi. E che quando si rompono fuori garanzia fai prima a far rottamare l'auto. E infine, che con un raffinatissimo quanto efficiente powertrain ibrido Lexus, tutto ciò non accade, consentendo al proprietario, in questo caso giustamente orgoglioso, di guardare con sguardo compassionevole chi ha deciso di optare per le "prestazioni" e gli "evoluti" ma piuttosto bizzosi cambi dct. Ma ad ognuno le sue priorità, questo te lo riconosco.
Ritratto di Frect
14 dicembre 2016 - 13:21
È già.. All gente non frega proprio niente delle prestazioni.. Dipende dai punti di vista, l'ibrido Toyota/Lexus è per me proprio il punto debole di questa casa patetica, prestazioni insignificanti unite a consumi più elevati di un rispettivo diesel, tolto il girettino in città.. Ma giarda caso, chi l'auto la usa davvero per lavoro e non fa il taxista l'ibrido neanche lo prende in considerazione!! Chissà perché.. Ma ti consiglio di tenerlo davvero un diesel per migliaia e migliaia di km, poi riparliamone.. Io ho esempi in casa, il più lampante è un 530d 218 cv che è stato venduto alla bellezza con manutenzione ordinaria 540.000 km, cambiando solo la turbina intorno ai 350.000 km (tolte le classiche farfalline di aspirazione, che era difettose.. Poca roba ;) ) Ma comprendo che per chi come te ha una visione limitata non puoi capire là realtà dei fatti..
Ritratto di MAXTONE
12 dicembre 2016 - 15:22
E per un ulteriore trapianto di bile dei dieselisti cruccofili: Il super super super raffinato Lexus Multi Stage, al debutto su LC 500h e di prossima introduzione sul resto della gamma, renderà del tutto superate le inaffidabili e bizzose trasmissioni dual clutch perché offrirà il meglio della dinamica di guida in modalità manuale senza la terribile bizzosita' nei cambi di marcia in modalità automatica, fenomeno tipico dei doppia frizione. E dell'affidabilità ne vogliamo parlare? Li c'è la garanzia del primo brand al mondo in reliability. Se ti quadra il discorso :-)
Ritratto di MAXTONE
12 dicembre 2016 - 15:28
Pardon: Era Travaso e non trapianto, maledetto T9 :-(
Ritratto di autolog
12 dicembre 2016 - 15:30
Ma è mai possibile che in OGNI articolo di Alvolante il responsabile marketing di Toyota/Lexus sotto mentite spoglie debba infliggerci papiri promozionali pieni di spot e luccichini? Hai veramente stufato Maxtone. Facci respirare e pubblicizza su qualche altro sito ogni tanto.
Pagine