NEWS

La FCA lancia la vendita online tramite gli e-Shop

Pubblicato 17 dicembre 2020

Le concessionarie virtuali sono sei, una per marchio: negli e-Shop il cliente può acquistare un’auto e firmare tutti i documenti senza uscire di casa.

La FCA lancia la vendita online tramite gli e-Shop

NUOVE STRADE - Per fare fronte alla chiusura delle concessionarie, rimaste con le serrande abbassate nel lockdown di marzo e aprile, le case automobilistiche hanno iniziato a sperimentare la vendita online, con consegna a domicilio, dei loro veicoli. Da maggio in poi, anche con la fine del periodo d’emergenza, questa formula d’acquisto è stata ulteriormente perfezionata, sulla scia del vero e proprio boom di acquisti via internet. È in quest'ottica che la FCA ha sviluppato i concessionari virtuali e-Shop

UNO PER MARCHIO - Gli e-Shop della FCA sono sei, uno per ogni marchio del gruppo: Abarth, Alfa Romeo, Fiat, Lancia, Jeep e Fiat Professional per i veicoli commerciali. Vi si accede dai siti internet ufficiali, passando poi a una sezione dove scegliere l’auto e le sue eventuali personalizzazioni; terminata questa fase, il cliente deve decidere la modalità con cui pagare il veicolo. Dopo di ché, non resta che effettuare un deposito cauzionale di 500 euro, mediante carta di credito.

TUTTO ONLINE - Il pre-ordine dell’auto viene trasmesso ad un venditore, il quale ricontatta successivamente il cliente e gli sottopone il contratto vero e proprio, da firmare di persona o da remoto. Solo a questo punto i 500 euro di deposito vengono trasformati in anticipo e l’ordine diventa definitivo; e così, al cliente non resta altro da fare che attendere la consegna. 

ANCHE ALL’ESTERO - La formula di acquisto tramite gli e-Shop della FCA è partita dall’Italia, ma il gruppo ha già annunciato di volerla lanciare, da inizio 2021, anche in Francia e Belgio. Successivamente, entro la prima metà del 2021, la piattaforma arriverà in altri Paesi europei. Inoltre, la FCA ha anticipato un futuro miglioramento alla grafica dei suoi autosaloni virtuali, dove sarà possibile vedere una più accurata ricostruzione digitale dell’auto, nonché la possibilità di acquistare anche vetture usate.

Fiat Nuova 500
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
90
25
8
4
17
VOTO MEDIO
4,2
4.15972
144




Aggiungi un commento
Ritratto di FERRARI F1
17 dicembre 2020 - 17:30
L'obiettivo è molto chiaro: Eliminare i concessionari
Ritratto di desmo3
17 dicembre 2020 - 19:49
6
risparmi sulle provvigioni e non fai trattative/sconti! la ricetta perfetta in pratica
Ritratto di lollob
17 dicembre 2020 - 19:54
Scusi ma lei ha una minima idea della struttura economica su cui si basa lo stato in cui lei vive? Mi spieghi come la chiusura di aziende può portarLe un vantaggio economico.
Ritratto di desmo3
17 dicembre 2020 - 20:00
6
caro genio, io intendo che è la ricetta perfetta per i costruttori, poca spesa e tanta resa... vada a farneticare altrove
Ritratto di lollob
17 dicembre 2020 - 20:01
Le provvigioni mica le paga il costruttore. Cosa va dicendo?
Ritratto di desmo3
17 dicembre 2020 - 20:05
6
il costruttore deve concedere un margine al concessionario, che poi riempie le tasche ai sales manager... cosa cambia nel ragionamento?
Ritratto di lollob
17 dicembre 2020 - 20:09
No, il costruttore non da alcunché ai concessionari. Sono i concessionari, che per definizione stessa della parola, pagano per avere "la concessione di vendere" i veicoli.
Ritratto di desmo3
17 dicembre 2020 - 20:13
6
i listini li fa il costruttore, non il concessionario, quindi indirettamente decide il margine che gli rimane
Ritratto di Quello la
17 dicembre 2020 - 22:33
Caro lollob, se un'auto viene venduta a 100 e di questo 100 devono mangiare in due (concessionario e casa costruttrice), nel momento in cui sparisce il concessionario, la casa incassa tutto il 100. Semplice, no?
Ritratto di Stefano allterrain
17 dicembre 2020 - 18:00
Anche le case automobilistiche stanno cavalcando i nuovi processi di vendita che vedono la chiusura dei punti vendita diffusi di prodotti/servizi, lo hanno fatto per primi le banche, poi le assicurazioni , ecc. La pandemia ha accelerato fortemente questo indirizzo che fa male ai nostalgici dei bei saloni, ed io sono uno di questi, ma l'obiettivo non é quello di far fuori i concessionari, affermazione semplicistica, ma di efficientare i canali di vendita. Tradotto.... vendo magari meno ma con più profitto complessivo grazie allabbattimento dei costi. Ora funziona così piaccia o non piaccia. Tra qualche anno vedremo sempre più spazi commerciali abbandonati, se tutto va bene convertiti in....garage.
Pagine