NEWS

FCA e PSA: il 4 gennaio 2021 il sì alla fusione

Pubblicato 19 novembre 2020

Fissate le rispettive assemblee degli azionisti, che dovranno dare l’assenso per la nascita del gruppo Stellantis.

FCA e PSA: il 4 gennaio 2021 il sì alla fusione

UN PASSO ALLA VOLTA - A dicembre 2019, FCA e PSA annunciavano una fusione paritetica per dare vita a Stellantis, il quarto gruppo mondiale dell’auto. La fusione non è ancora andata in porto, ma i due gruppi stanno compiendo tutte i passi che li porteranno al matrimonio: e così, dopo aver svelato il logo della nuova società, hanno convocato, per lunedì 4 gennaio 2021, le rispettive assemblee degli azionisti, che dovranno approvare l’accordo di fusione. 

CONCESSIONI - Ottenuta l’approvazione dagli azionisti, che si preannuncia una formalità, FCA e PSA aspetteranno di ricevere il definitivo via libera da parte delle autorità antitrust europee, dopo che la Commissione ha avviato un’indagine circa la quota di mercato che i due gruppi avranno nel settore dei veicoli commerciali leggeri in Europa. Tuttavia, stando alle indiscrezioni, FCA e PSA avrebbero trovato una soluzione al problema (qui per saperne di più), dunque il benestare della Commissione sarebbe più vicino. E a quel punto, sarà questione di giorni per avere l’annuncio della fusione vera e propria.





Aggiungi un commento
Ritratto di orlak
19 novembre 2020 - 15:42
Penso che la prima cosa che potrebbero fare è condividere una nuova Panda/500, e la annessa tecnologia mildhybrid che qui sta molto bene rendendo in termini di vendite, con Psa per dare delle nuove C1/108 che altrimenti credo non avrebbero avuto seguito. In cambio su base 3008 si potrebbe fare la Tonale, e su 208 la Punto.
Ritratto di Flavio8484
19 novembre 2020 - 16:01
Quindi ci guadagna solo fiat?loro fanno la 108,e fiat 6 modelli!cmq, non ho mai capito cosa ci guadagna peugeot da questa fusione, spero x fiat che sia la volta buona x rinascere, anche se di modelli sovrapponibili ce ne sono gia x entrambi i marchi e non so come li differenzieranno
Ritratto di studio75
19 novembre 2020 - 16:07
5
Peugeot non ha sbocchi commerciali in America ed ora le entrate americane (Jeep) confluiranno nel gruppo.
Ritratto di Giuliopedrali
19 novembre 2020 - 16:27
Pensa te...
Ritratto di orlak
19 novembre 2020 - 16:28
Dalla descrizione mi sembrava più un 2 contro 2, o diciamo contro 1.5 ma con in aggiunta la tecnologia mildhybrid x citycar (se non erro sulle piccole Psa attingeva dalla Aygo fondamentalmente). Anche perché seppur con la teorica disponibilità, più che nella singola Punto e la singola Tonale Fca non rischierebbe di certo. Sono finiti i tempi dei progetti gemellati Fiat-Alfa-Lancia. Anzi già che facciano poi una Punto (/ 208) scommetto sarebbe un grasso che cola visto da parte loro, per come si muovono già da un po'.
Ritratto di katayama
19 novembre 2020 - 17:46
@orlak Hai evidenziato un punto importantissimo. Se, dopo la fine della joint venture con Toyota, continueranno a produrre su base Small auto di seg. A con motori FireFly mild hybrid, sarà un segnale di forza di FCA nell'alleanza. Il piano di rilancio di Alfa terminerà di fatto col restyling di Giulia/Stelvio e con la Tonale su base Compass, quindi a fine 2021. Anche quello che succederà dopo sarà un indicatore chiave. Quello che è certo è che faranno valere al massimo, giustamente, i loro pianali eVMP e l'evoluzione dell'attuale eCMP, che saranno degli assi piglia tutto dal seg. B al D. Il pianale skateboard della Nuova 500, in definitiva, "pesa" poco negli equilibri.
Ritratto di katayama
20 novembre 2020 - 16:40
Seg. A, pianale Mini...
Ritratto di napolmen4
19 novembre 2020 - 16:53
...semplice....già han calcolato un risparmio di oltre 5 milioni di euro di sviluppo unendosi condividendo ciò che hanno nel gruppo tra pianali e fornitori....
Ritratto di giangio87
20 novembre 2020 - 11:01
La 108 e citroen c1 non le faranno più
Ritratto di Ferrari V12 6-5L
19 novembre 2020 - 17:15
La Tonale se non sbaglio si sta realizzando sul pianale Giorgio evo, per vetture a propulsione solo termica, che ibrida.
Pagine